Archivi tag: aids

Gender, squadrismo e lobby lgbt

Continua l’appassionante elenco (si vabbè) di notizie false, casi inventati, diffamazioni screen-shot-2016-08-02-at-08-34-23-2e insulti contro la comunità LGBT che l’ex vaticanista a La Stampa ha pubblicato per anni, nel silenzio completo dell’Ordine dei Giornalisti. Nella prima puntata (qui) abbiam visto le sue insinuazioni (false) contro un blog che secondo i ritardati etici di estrema destra indicherebbe gli obiettivi da colpire. Poi la ripubblicazione acritica di comunicati stampa deliranti da parte di organizzazioni antigay. Poi la creazione di false accuse ai gay per chiese (mai) assaltate a Milano eccetera. Ora vediamo altre accuse di violenza fisica, di intimidazione degli spiriti liberi (ovviamente fascisti) e di squadrismo nazista. Niente di più niente di meno. Quando gli omofobi sono disperati, le balle le sparano grosse. Ma ci si mette un paio di secondi a scorpirli. Continua a leggere

Usa: la riforma sanitaria di Obama salva la vita ed anche i conti pubblici

La riforma sanitaria di Obama è osteggiata dalla destra e dalle organizzazioni religiose anche per la disposizione che prevede che i datori di lavoro debbano offrire la copertura sanitaria della contraccezione alle proprie dipendenti.
Uno studio dell’Università di St. Louis pubblicato sull’American journal of obstetrics and gynecology sembra dare ragione ad Obama confermando che la fornitura gratuita di contraccettivi contribuisce a ridurre drasticamente il numero delle gravidanze indesiderate e degli aborti.
I ricercatori dell’università hanno fornito contraccettivi gratis a più di 9.000 donne dai 14 ai 45 anni dell’area di St. Louis: questa azione ha provocato un drastico calo degli aborti nell’area che sono diminuiti sino al 78% con un tasso di gravidanze adolescenziali del 6,3 per mille contro una media nazionale del 34,3 per mille.
In base al CDC’s National Survey of Family Growth tra il 2006 ed il 2008 circa il 49% delle gravidanze negli Usa non erano state programmate: di queste il 43% sono state interrotte con un aborto.
Questo tema può essere molto importante nella sfida elettorale tra Obama e Romney: infatti uno studio del 2011 ha rilevato che i contribuenti americani pagano circa 11 miliardi di dollari ogni anno per le gravidanze indesiderate mentre fornire un contraccettivo sottocutaneo reversibile con una durata di tre anni costa solo alcune centinaia di dollari. Continua a leggere

Uccr e sessualità: problemi di lettura o tendenza ad inventarsi le notizie?

I soliti uccrociati ci regalano la solita uccretinata in materia di sessualità.
Questa volta l’occasione viene data dall’articolo Aumentano malattie sessualmente trasmissibili, fallimento del condom.
Il titolo dell’articolo sembra molto chiaro: ci sarebbe un aumento di malattie sessualmente trasmissibili ed il condom risulterebbe inefficace. Vediamo di capirci meglio.

Così scrive il nostro uccrociato: «L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha avvertito che “milioni di persone sono affette da gonorrea e sono a rischio di rimanere a corto di opzioni di trattamento a meno che venga approvato un intervento urgente”, questa è la frase con cui ha messo in guardia da un’espansione mondiale di un ceppo di gonorrea resistente ai farmaci. I Paesi coinvolti sono sopratutto Australia, Francia Giappone, Norvegia, Svezia e Regno Unito, e «i dati disponibili mostrano solo la punta di un iceberg», secondo Manjula Lusti-Narasimhan, ricercatrice dell’OM».

La fonte dell’articolo uccrociato è un articolo di nbcnews.com. Di certo non servirebbe molta fatica per riprendere la fonte originale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ma ovviamente non si può pretendere molto dagli uccrociati.
Quindi la notizia non riguarda più genericamente l’aumento di malattie sessualmente trasmissibili come scritto nel titolo ma l’acuirsi della gonorrea (una malattia a trasmissione sessuale detta popolarmente “scolo”).

Continua a leggere

cineforum: Le notti selvagge

Notti selvagge

Titolo originale: Les nuits fauves
Regia: Cyril Collard
Con: Cyril Collard, Romane Bohringer, Carlos Lopez, Maria Schneider
Genere: Drammatico
Produzione: Francia
Anno: 1992
Durata: 126 min.
Temi: aids, coppia, omosessualità maschile, sessualità

 

Trama: Jean (Cyril Collard), trentenne, è un cineoperatore. Al ritorno a Parigi, dopo un viaggio in Marocco alla ricerca di nuove amicizie, scopre di essere sieropositivo. Durante un provino, conosce la giovane Laura (Romane Bohringer). I due si innamorano ma, quando fanno l’amore, Jean non usa il preservativo e non le dice niente sulla sua sieropositività. Quando in seguito glielo rivela, dapprima la ragazza l’aggredisce e cade in crisi ma poi per amore accetta di continuare il rapporto. L’amore della ragazza diventa in breve sempre più possessivo, mentre Jean inizia una relazione con un prestante rugbista di origine spagnola, Samy (Carlos Lopez), di cui si è innamorato. Inoltre continua a cercare il sesso sotto i ponti della Senna. Diviso sempre più tra Laura e Samy, accetta che il ragazzo si trasferisca da lui. Laura inizia a tempestarlo di telefonate sempre più isteriche, urlandogli il suo folle amore e la sua totale dedizione. Una sua crisi più forte, costringe sua madre a farla ricoverare in una clinica. Quando ne uscirà, apparirà cambiata e non più interessata a Jean. Samy nel frattempo entra in un gruppo di ragazzi neofascisti. Jean va in Portogallo; solo allora capisce l’importanza di Laura nella sua vita. Ma è tardi. La malattia incalza e non si può tornare indietro. Conviene spendere fino all’ultimo le proprie forze.

Dopo lo stacco il film

Continua a leggere

cineforum: gli amici di Peter

Gli amici di Peter

Locandina - Gli amici di Peter

Gli amici di Peter

Un film di Kenneth Branagh. Con Kenneth Branagh, Hugh Laurie, Stephen Fry, Emma Thompson, Alphonsia Emmanuel.Rita Rudner
Titolo originale Peter’s Friends. Commedia, Ratings: Kids+16, durata 101 min. – Gran Bretagna 1992.  

Sei amici, ex membri di un gruppo universitario di cabaret, si ritrovano dieci anni dopo nella grande casa di campagna di uno di loro per festeggiare l’arrivo del 1992. Lo schema è quello di Il grande freddo, ma in mezzo c’è il decennio della signora Thatcher. A una 1ª parte orchestrata con brio sapiente succede una 2ª dove si fa sentire la malinconia ed entrano in scena i Luoghi Comuni con l’immancabile sorpresa finale. Scritta da Rita Rudner (la nevrotica attrice televisiva) col marito Martin Bergman: piacevole commedia che gira un po’ a vuoto, senza un vero collante, recitata benissimo, soprattutto da E. Thompson e da sua madre P. Law (la cuoca).

 

Dopo lo stacco il film Continua a leggere

Lingua Rolling Stones

La lingua felpata.

Lingua Rolling Stones

La lingua dei Rolling Stones

Abbiamo apprezzato particolarmente, nell’ultima serie di articoli sfornati dagli amici Pontifessi, l’apparente mitezza ed il tentativo di mettere una pezza alle affermazioni violente e deliranti di Charles sull’AIDS. Abbiamo apprezzato meno, nelle parole felpate riportate da Foxy, la solita balla che l’AIDS sia associato a disordini del comportamento sessuale. Si trascura il contagio madre-figlio, si trascurano gli stupri, si trascurano i drogati. Si trascurano troppe cose per poter sostenere una tesi precostituita a priori (e già esposta in maniera sintetica da Carletto il geniale webmaster).

Leggiamo le parole dell’emerito pensionato Odo Fusi Pecci, collega dell’emerito Vacca (ed apparentemente geloso delle sue vaccate).

“Non dimentichiamo che nella quasi totalità dei casi l’Aids é scaturigine di libertinaggio sessuale e una condotta casta mi sembra il solo rimedio per evitare le cadute, il contagio di queste patologie”

Continua a leggere