L’amico dei pontilessi è un censore …

Capita che sul bloggerello “Gli amici dei pontilessi” di cui ci occupiamo da quando hanno deciso di farci scompisciare in concorrenza a Pontifex Roma vi sia il seguente delirio: un “articolo” che scopre, nientemeno, che su Pontilex avremmo definito come blog quello che, nevvero, è il sito web degli UCCRociati.

Dinanzi a questa e ad altre scempiaggini che se volete rovinarvi la vita trovate qui, ho risposto con due commenti che anche uno come l’amico del pontilesso può capire.

E niente: sono ancora in moderazione e ci rimarranno per un po’, temo. Anche perché oggi un nuovo delirio appare sul situncolo in cui siamo definiti omofobi … noi. Delirio che si aggiunge al fatto che noi si censuri i messaggi. Abbiamo visto.

Aggiungo solo che mi fa piacere che l’amico dei pontilessi ci segua in modo così certosino. Evidentemente ci trova interessanti. Grazie caro il mio censore!

 

17 pensieri su “L’amico dei pontilessi è un censore …

  1. notimenowhere

    Indubbiamente dare attenzione ad un troll e/o attention whore è una perdita di tempo.

    Giorni fa alcuni commenti mi hanno portato a pensare che il troll e/o attention whore bazzichi il sito UCCR.

    Ma sono solo vaghi indizi. Niente di probante.

    Rispondi
      1. Remo

        Mah, subito non lo pensato va ora il “modus trollnadi” è incredibilmente somigliante:
        – lo pseudonimo con “Conte…” (e poi ha cominciato proprio da un articolo di Cagliostro)
        – le accuse di bullismo, ecc
        – il definirsi laico (o non so ben cosa lui intenda con sta parola) ma avere tutto lo stucchevole armamentario retorico di un baciapile o di un cattolebano di quint’ordine.
        – gli atteggiamenti da bulletto di quinta elementare nel definirsi pateticamente (e anzitempo) vincitore in una baruffa verbale che ha perso miseramente
        – il non rispondere mai puntualmente
        e poi il fattore stagionale: si vede che i cretini fioriscono a giugno-luglio

        Rispondi
        1. adminadmin

          Ottime osservazioni. Anche se non tutte sono corrette. 😉

          Innanzitutto il Conte Mascetti viene menzionato da alcuni di noi. In particolare un paio i volte da AlbertoB. E dal nostro Cagliostro. Proprio in relazione ad un articolo sugli UCCRetini.

          http://pontilex.org/2012/10/sentenza-terremoto-de-laquila-i-cattolici-di-uccr-hanno-gia-le-motivazioni-della-sentenza/comment-page-1/#comment-71025

          Poi improvvisamente esplode sul nostro sito ma, diversamente da quanto hai detto tu Remo, prende di mira un articolo di Alex.

          http://pontilex.org/2013/07/i-diritti-speciali-dei-ciellini-contro-il-matrimonio-gay/comment-page-1/#comment-260196

          Concordo sullo stile (peccato non poter riguardare le pagine del nostro caro amico: il suo blog è passato a miglior vita prematuramente) e su molte altre cose…
          Aggiungo soltanto che il Mascetti originale era toscano, quello che ci molesta invece dev’essere piemontese. Circoscriverei meglio la zona alla cintura attorno a Torino.

          Ci guarda di solito da casa, penso, ogni tanto anche dal suo cellulare (oppure attraverso una chiavetta UMTS, comunque attraverso l’operatore Tre). Un giorno, colto da frenesia e fregola improvvisa ci ha visitato anche dal sito di un’azienda. Beh possiamo sempre chiedere alla signora Barbara, proprietaria dell’azienda, se conosce un certo Mascetti… 😉

          Analisi impeccabile, Remo. Impeccabile. 😀

          Rispondi
          1. Remo

            Spero che i Lettori perdonino le mie madornali imprecisioni, ma non sono dotato dei superpoteri tricoinformatici del Calvo di via Bono (a proposito, come sta? me lo saluti, mi raccomando!) e né, d’altra parte, sono particolarmente ossessionato dai conti Moscetti… mi solo parso incredibilmente sospetto trovare paro paro lo stesso modus operante, con identici tic argomentativi.
            Per a diversa dislocazione geografia, posso avanzare l’ipotesi che magari si riproducono per spore, come i miceti, e data la stagione spuntano come i suddetti.

          2. adminadmin

            Tranquillo Remo: le scuse non servono. I superpoteri sono innegabilmente alla radice della capacità del Calvo d’indagare dettagli microscopici… 😉

            Miceti? Uhmmm il Moscetti non mi par degno di questo rango… 😀

  2. Caffe

    Ben detto, Admin, non dimentichiamo che la muffa è composta da funghi microscopici ed è indagando sulle sue proprietà medicamentose, che Fleming scoprì la penicillina: quindi pure le muffe hanno una funzione utile; il “conte” piemontese che imperversa sul nostro piccolo villaggio, invece, è utile all’umanità, più o meno, come un cancro ai coglioni. http://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yes.gif http://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/skull-400.gif

    Rispondi
    1. adminadmin

      Caffe temo che anche un cancro ai coglioni potrebbe avere un senso: un monito del Fato, del Karma, di Dio.
      Ma il Moscetto, dico. Il Moscetto cosa rappresenta? Boh… 😀

      Rispondi
  3. Et

    Peccato abbia scoperto solo oggi questo blog. Spero che ritorniate per darci una vera ragione di sopportare le minchiate dei pontifessi. Date l’annuncio della vostra rinascita tipo :”tacabanda….non veniamo da Lecco per Leccarvi, ne da Chiavari per …..”
    Tornate!https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/beer.gif

    Rispondi
  4. Etty

    Peccato abbia scoperto solo oggi questo blog. Spero che ritorniate per darci una vera ragione di sopportare le minchiate dei pontifessi. Date l’annuncio della vostra rinascita tipo :”tacabanda….non veniamo da Lecco per Leccarvi, ne da Chiavari per …..”
    Tornate!https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/beer.gif

    Rispondi

Rispondi