Archivi tag: gusto

Altre vignette. Sataniche! :-)

Abbiamo avuto modo di scambiare qualche battuta “online” con don Giovanni Berti, sacerdote della diocesi di Verona. Don Giovanni ha, sin da gggiovine, la passione per il disegno. Con il suo permesso pubblicheremo sul nostro Pontilex qualche vignetta tratta dal suo sito.

Un avviso agli amici Pontifessi: vi anticipiamo che GioBa (il suo nick) non è nuovo a persecuzioni simili a quelle che siete soliti scatenare contro i sacerdoti che non vi garbano. Quindi arrivereste secondi (anzi terzi) nel “denunciare” le vignette di GioBa.

Altri hanno addirittura già emesso il loro anatema, quindi voi non potrete fare peggio (o meglio) di quei mattacchioni del “centro anti-blasfemia”. Godetevi le vignette (questa la dedichiamo ovviamente a Charles the genial webmaster e Brunello Nazionalista), perchè si può essere cattolici e sorridere. Anzi ridere di gusto.

Halloween in paradiso

Fervono i preparativi per Halloween.

Potete vedere le altre vignette ed i disegni di GioBa direttamente sul suo sito (il link è qui sotto, oltre che nel nostro blogroll) :-)

http://www.gioba.it/

L’arte del sofisma: picchiare la gente è segno di “civiltà”, difendere i diritti degli omosessuali è un crimine contro gli omosessuali. Quando il bianco diventa nero e il nero è fatto passare per bianco.

Pontifex ultimamente ci sta stupendo con il suo cattivo gusto più che mai. Dopo le penose considerazioni sul funerale di Sarah Scazzi (nel quale i farisei, invece di pensare alla morta, hanno badato a dettagli molto più “importanti” e “fondamentali” come il colore delle esequie e del sacerdote, la posizione del tabernacolo e sul fatto che in fondo anche la povera Sarah tanto “innocente” non era: poteva pensarci un poco prima  a farsi battezzare invece di rimanere una impenitente “eretica” senza Dio.), oggi si torna con grande “stile” ad una delle cose più amate dai pontifessi: i sofismi, l’arte di giocare con le parole fino al punto di rovesciare il loro significato, fino a quando non si può che affermare con certezza che “il bianco è nero, e il nero è bianco”. Continua a leggere