I musulmani e il Natale.

No, noi il Natale non lo festeggiamo. Mica perchè non crediamo in Gesù, pace su di lui, anzi. Per noi è stato ed è tutt’ora un grande esempio di fede, addirittura crediamo che ritornerà, alla fine dei tempi, per riportare, per volontà di Dio, la giustizia sulla terra. Oltre questo a sua madre, Maria, che a sua volta è fonte di ispirazione nel comportamento di tutte noi donne musulmane, è dedicata un’intera sura (capitolo) del Sacro Corano.

Quindi massimo rispetto per due grandi, grandissime figure. Un Profeta e la madre di un Profeta.

Già, due persone, in fin dei conti. Che non devono però, nel modo più assoluto, essere sostitute o associate nell’adorazione che tutti noi dobbiamo rivolgere all’Unico Dio.

Perchè purtroppo il Natale sposta completamente l’attenzione dal Creatore alla creatura, seppur Creatura con la C maiuscola, facendo sì che invece Colui grazie al quale è esistita, questa grande persona, venga, ogni anno di più, messo da parte, dimenticato quasi. Purtroppo è così, mi spiace ma è così.

Quasi tutti (parlo di non musulmani, ovviamente) rivolgono le loro preghiere a Gesù, a Maria, agli angeli, ai santi… E a Dio? Quasi mai ho sentito pregarLo, nonostante sia in verità l’Unico ad averne diritto. “Io Sono il Signore Dio tuo, non avrai altro Dio all’infuori di Me“, recitano i bimbi al catechismo. Lo recitano a memoria, poverini, ma c’è qualcuno che spiega loro il significato di queste parole?

Oltre questo il Natale oggigiorno è diventato null’altro che un regala e ricevi, un magna e bevi. Proprio oggi sentivo alla televisione che i ragazzini lasciano in secondo piano la “nascita” di Gesù durante questa giornata e pensano prima di tutto ai regali…

Ma poi, il 25 Dicembre, è davvero la data in cui è nato? Eh no, purtroppo no… I più istruiti nel ramo lo sapranno che questa data è stata fissata come tale durante il concilio di Nicea dall’imperatore Costantino, per far sì che i politeisti adoratori del dio Sole e i cristiani dell’epoca fossero entrambi soddisfatti, dato che, appunto, questa data altro non è che la ricorrenza in cui si festeggiava la nascita della divinità pagana in questione…

Quindi non uno, ma più fondamentali motivi per i quali noi non abbiamo nulla a che fare con questa festa. E, a dirla tutta, ritengo che anche il vero cristiano praticante dovrebbe starne ben distante…

Parlavo con una vecchietta cattolica giorni fa, un’ottantenne molto sveglia ed intelligente, nonchè grande praticante, alla quale ho spiegato appunto le questioni di cui sopra. E lei mi ha detto: “Hai ragione, solo che ormai è tradizione far così…“. E’ vero, è tradizione, perchè religione non lo è mai stata. Forse sarebbe il caso di ricordarselo, ogni tanto. Di rifletterci su. Affinché chi davvero ha voglia di avvicinarsi a Dio lo possa, finalmente, fare nella maniera giusta.

Che la pace e le benedizioni di Dio siano su Gesù, su sua madre e su tutti i Profeti.

11 pensieri su “I musulmani e il Natale.

  1. marco uras

    non c’è modo migliore per avvicinarsi a Dio se non avvicinandosi a quel bambinello che stanotte verrà nei nostri cuori a quel Dio chi assunse corpo carneo, a quel Verbo che si è fatto carne, non è così difficile da comprendere e da ammirare, è la più grande gioia l’Amore vero e immenso di un Dio che si fa come noi per salvarci!
    con tutto il rispetto Buon Natale Aisha. Cristo Gesù è Dio Alleluia Gloria e lode nel più alto dei cieli!

    Rispondi
        1. adminadmin

          Carletto = Carlo Di Pietro: il Geniale Webmaster che gestisce il sito Pontifex. Nulla di cui devi preoccuparti Aisha. 😉
          Marco è un fervente lettore del sito Pontifesso, uno dei pochi che possono permettersi il lusso di vedere pubblicati i commenti.

          Rispondi
          1. adminadmin

            Allora lasciami gettare benzina sul fuoco della tua curiosità !! 😉

            Ti invito a leggere i seguenti nostri articoli sulla personcina CdP 😀

            http://pontilex.org/2010/11/la-percentuale/
            http://pontilex.org/2010/10/il-calunniatore-calunniato/
            http://pontilex.org/2010/10/cdp-ci-riprova-e-come-sempre-succede-esagera-e-sbaglia/
            http://pontilex.org/2010/10/verbum-cdp-deo-gratias/
            http://pontilex.org/2010/10/due-monologhi-faranno-anche-un-dialogo-ma/
            http://pontilex.org/2010/10/carletto-si-dimentica-cosa-ha-scritto-carletto/
            http://pontilex.org/2010/10/le-fortuite-coincidenze-i-veri-cdp-e-le-false-annalise/

            Direi che hai abbastanza materiale da leggere per i prossimi due mesi 😉

          2. adminadmin

            Aisha nota che ti ho solo suggerito alcune letture edificanti presenti sul nostro sitarello. Qualora tu volessi attingere direttamente alla “fonte” ti basta sbirciare gli articoli pubblicati su Pontifex.roma.it da parte del geniale webmaster Carletto… 😀
            In alternativa (o meglio in aggiunta) puoi sempre sbirciare gli articoli che abbiamo dedicato alla vita ed alle opere del Maldestro (altro soprannome di CiDiPi) sempre qui su Pontilex. Ma ti avviso: non ti posso fornire i link. Perchè è roba forte. Per palati abituati alle spezie più piccanti! 😉

    1. Aisha

      Non c’ è modo migliore di avvicinarsi a Dio, Marco, se non obbedendo a quello che Lui, anche tramite Gesù, pace su lui, ha insegnato. E di certo Gesù stesso non ha insegnato a pregar lui… Comunque dai, non voglio far polemiche, però far riflettere sì. E’ solo da questo famoso concilio che Gesù è stato dichiarato essere generato e non creato dalla stessa sostanza del Padre… E prima? Chi era? Per gli ariani era esattamente ciò che noi riteniamo essere stato: un grande Profeta. Pace a te, e gloria all’Altissimo Creatore.

      Rispondi
  2. diego

    grazie delle spiegazioni, è bello vedere le persone scambiarsi le loro idee religiose senza che si scannino ma solamente spinti da spirito di curiosità. Le tue conoscenze su Gesù sono note a molti cristiani, ma fanno finta di niente.

    Rispondi
    1. Aisha

      Grazie a te, Diego. Mi sono sentita in dovere di scrivere questo post affinchè la gente sappia che non è che non festeggiamo per spregio (Dio non voglia!) verso il grande Profeta Gesù, ma solo per amore verso il più Grande di tutti, Dio…

      Comunque forse hai ragione, molti sanno ma, come dicevo, forse si soffermano poco a riflettere. Io stessa però a dire il vero prima di diventare musulmana proprio non sapevo nulla di tutto ciò. O lo avevo totalmente rimosso o ero ‘gnurant come una capra 😀

      Rispondi

Rispondi