Non meritiamo tanto!

Probabilmente non ha gradito la scarsa attenzione che abbiamo prestato ai suoi articoli. Infatti ha fatto di tutto per attirare la nostra attenzione. Il caro Brunello ci menziona infatti ben due volte. Quasi esplicitamente. Incredibbile!

Riesce addirittura a “dedicarci” un articolo, citando il nostro titolo (anzi, un commento ad un nostro precedente articolo sul passato burrascoso del caro Brunello, qui: http://pontilex.org/2010/12/mexico-mexico/#comments)!

Veniamo ai contenuti, poi esprimeremo qualche valutazione su tutte le attenzioni che riceviamo.

Ecco, abbiamo finito di parlare di contenuti. 😉

In ordine sparso abbiamo letto le opinioni di Lino Banfi, quelle di Meluzzi e quelle di “Davidino” Pagliarani. Foxy is sexy ma si dimentica di ringraziare alcune persone nel suo augurio di “Buon Natale!”. Ad esempio dimentica proprio Meluzzi, mentre si ricorda di Francesco Bruno. Trascuriamo anche il fatto che mancano molte ore alla nascita di Gesù bambino: gli auguri di Brunello sembrano molto prematuri. Sarà troppo impegnato nei prossimi giorni? Pensiamo proprio di no, ma troviamo davvero prematuri i suoi auguri.

Brunello, i tuoi auguri potevano essere l’auspicio di un rinnovato slancio di fraterno amore tra Pontilex ed i tuoi articoli ma non sei proprio riusciti ad evitare una stoccata che non possiamo lasciarti scappare, neppure a Natale. Affermi infatti:

…delle associazioni gay  (un cancro da estirpare), ebraiche e massoniche che in altri e gloriosi tempi avrebbero avuto uno stop…

Ci sfugge perchè pervicacemente insisti ad essere perfido (nel senso più comune del termine)  con gli omosessuali: riservi a loro un trattamento sempre peggiore rispetto agli tuoi bersagli preferiti (che non manchi di citare nei tuoi auguri). E ci sfugge se il cancro (toh che strano, una malattia) è riferito alle associazioni oppure all’intero mondo gay. Ma ti assicuro che non fa differenza: aborriamo le tue parole in ugual modo.

Poi il primo orgasmo Pontilesso:

Auguri di cuore, non é una battuta, agli amici dell’altro sito. Pur nella diversità delle opinioni, sono certo, che anche loro amano la chiesa, la vogliono, cercando di correggerla. Mi piacerebbe brindare con loro, confrontarmi e abbracciarli. Il rancore non é da cristiano.

Visto che non ci menziona espressamente possiamo supporre si tratti di un messaggio indirizzato a noi: ringraziamo e puntualizziamo. Pontilex è un coacervo. Pontilex non è nulla ed è tutto. Non c’è una idea precisa, non perseguiamo uno specifico obiettivo. Non odiamo e non amiamo la Chiesa. Una cosa sola amiamo: l’uomo. No, malizioso di un Brunello! Non in senso omosessuale. Amiamo l’essere umano, la varietà di forme attraverso cui questa incredibile forma di vita si propone alla nostra intelligenza. Amiamo le diverse forme di pensiero che il genere umano ha nel tempo creato. Amiamo le differenze. E non condanniamo chi la pensa diversamente da noi. Quindi stai sereno, non ti portiamo rancore (come abbiamo detto più volte, alcuni tuoi articoli non sfigurerebbero sulle nostre pagine). Alle volte ti troviamo condivisibile. Altre volte no. Ma non ti odiamo. Ci permettiamo il lusso di dubitare di quello che affermi categoricamente. Se ti consola, ci permettiamo di dubitare anche del vostro privato magistero. Ci permettiamo il lusso di condannare le violenze presunte di cui sei stato vittima. Pur dubitando (in mancanza di prove) della reale portata di queste violenze. Questo è rancore? No. E non ha a che fare con la religione. Noi lo chiamiamo “buon senso”.

Brindare con te? Lo riteniamo molto difficile. Non certo per mancanza di volontà.

Ma tu potresti fare un gesto. Un solo gesto. Spendi qualche ora del tuo tempo. Lascia la tua amata Bari e vai a visitare quei frati che tanto aspramente hai criticato. Vai da loro (sai bene come raggiungerli, non è vero?) e brinda con loro. Ci farai estremamente felici. E virtualmente sarà come aver brindato con noi. Anche con noi.

Qui gli auguri del sexy Foxy:

http://www.pontifex.roma.it/index.php/editoriale/il-fatto/6302-buon-natale-

Ma come abbiamo anticipato, il piatto forte della serata riprende un commento di super-Alb (citato in precedenza). Chi è curioso può correre a leggere le parole di Brunello qui:

http://www.pontifex.roma.it/index.php/editoriale/il-fatto/6298-messico-e-nuvole-indagate-sulloncologico

Messico e nuvole… Brunello si estroflette e ci racconta dei suoi trascorsi in Messico, della moglie (ormai ex) di quelle parti, del caro Caro, dei giornali e di molte altre cose. Ci permettiamo di ricordare a Brunello che -da buon tradizionalista- avrebbe dovuto seguire la saggezza popolare: moglie e buoi dei paesi tuoi! 😉

Ringraziamo per le risposte e ci riserviamo di meditare (mooooolto intensamente) circa le ragioni che hanno portato un affermato giornalista vaticanista a cercare fortuna in terra straniera. Voci insistenti parlano di una precedente attività lavorativa (dall’esito non proprio esaltante) del caro Brunello. In assenza di prove certe, sospendiamo il giudizio e non andiamo oltre.

Segnaliamo da ultimo un pensiero tratto da un articolo Pontifesso e lo dedichiamo all’eccentrico Stanzione, che si era impegnato a lungo per dialogare con le frange angeliche del pericolosissimo movimento “new age”.

Dunque il suo dialogo sia al fine della conversione degli infedeli e non di una semplice conversazione

(tratto da qui: http://www.pontifex.roma.it/index.php/interviste/religiosi/6300-la-chiesa-cattolica-e-stata-sempre-perseguitata-la-chiesa-insegni-e-non-dialoghi-col-mondo-famiglia-in-crisi-smarrita-lidea-di-autorita-vendola-bisognerebbe-benedirlo)

Ora una domanda: Stanzione, quanti fedeli ha convertito in terra di Romagna?

Ah Pontifex, che fatica! 😉

8 pensieri su “Non meritiamo tanto!

  1. Diego

    Dunque il suo dialogo sia al fine della conversione degli infedeli e non di una semplice conversazione

    non si capisce perchè devono essere sempre gli altri a convertirsi, mai che si converta lui

    Rispondi
  2. diegopig

    Bruno Volpe dice:
    Proprio ieri mattina ho presentato formale denuncia querela ai carabinieri Bari Scalo, via Tanzi e appena me lo consentiranno pubblico con nomi coperti i fatti.

    Attendiamo con trepidazione. 😀

    Rispondi
  3. Oscar Wilde

    Ora una domanda: Stanzione, quanti fedeli ha convertito in terra di Romagna?
    Io sono la cosa più lontana dal cattolicesimo che esiste.
    Ergo, non faccio parte dell’ insieme dei “convertiti” (che bella parola mi ricorda i Borg (Ogni resistenza è inutile sarete assimilati” oppure i Necromonger di Chronicles of Riddick “convertiti finchè oltreverso giunga”) 🙂

    Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      Beh si faceva riferimento alla conferenza angelologica-newage-delleCampanediCristallo-conLoStudioDeiColori (ed un pizzico di cerchi nel grano) cui ha partecipato Stanzione nella sua tournee romagnola … Avrà sterilmente dialogato con gli eretici oppure avrà portato nuova linfa ai militari di Michele? Boh…

      Rispondi
  4. FSMosconiFSMosconi

    Notare l’uso di “infedeli” di Talibana memoria (oltre che di diversi cliché basati su questa falsariga). Della serie: a volte la rwaltà mette la freccia e supera la fantasia… 🙂

    Rispondi

Rispondi