La scienza contro la lobby lgbt e il gender

Terza parte dell’intensissimo hobby diffamatorio antigay dell’ex vaticanista della Stampa di Torino. Nelle due puntate precedenti abbiamo visto accuse false di assalti a chiese milanesi, finte persecuzioni di vescovi e di povere vittime filofasciste innocenti, insinuazioni di reati come l’abuso sessuale di minori contro screen-shot-2016-10-29-at-09-28-12-2le persone omosessuali, nel miglior stile propagandistico del Terzo Reich. Stavolta vediamo come il nostro eroe nella sua disperazione omofoba riesca a rendere i suoi articoli credibili come il latte fresco: screen-shot-2016-10-28-at-21-01-39-2dopo tre giorni, scadono. Ovviamente con la sua credibilità se ne va anche quella dell’Ordine dei Giornalisti, che per anni ha permesso la violazione del codice deontologico, coprendolo e tenendoselo stretto. Ma di cui nessuno si preoccupa più.

Balla numero 13. Dicembre  2013. I gay censurano i cristiani che soffrono: Ancora  accuse di censura alla libera manifestazione di13-irlanda-legione-di-maria valori morali. Il vaticanista-de-noantri parla di rischio a manifestare i valori etici del cristianesimo, come in Irlanda dove i gruppi cattolici secondo lui verrebbero cacciati dall’università. Peccato che stia mentendo un’altra volta. Invece di applicare il dovere di riportare i fatti, li nasconde. legion-mary-fonte13-irlanda-legion-mary-fonteAccade questo: un gruppo cattolico legato al gruppo d’odio antigay statunitense “Courage” (vedere balla numero 18 nella prossima puntata) ha affisso dei manifesti omofobi dove si contrappone “gay” a “figlio di Dio”. L’università dov’è accaduto, la più famosa di tutta l’Irlanda, riceve almeno 70 proteste.splc-courage-definition Il gruppo cattolico viene invitato a una riunione per chiarire. Non solo non si presenta, ma non risponde neanche. Si scopre che non ha mai completato la procedura di accreditamento per poter svolgere quelle attività nell’università, visto che tra i pochi documenti richiesti, non ha voluto rendere noti guarda caso proprio gli scopi ufficiali e la loro missione (che strano, eh?). A questo punto, in assenza di documenti obbligatori, con gente che manco si presenta quando viene invitata, viene sospeso il gruppo che oltretutto alla fine si scusa formalmente, capendo di avere sbagliato. Il vaticanista-de-noantri, per poter fingere che l’inizio del caso sia stata l’eliminazione del gruppo, per poter accusare la censura gay, nasconde gli eventi e la verità. Mentre, ovviamente, l’Ordine dei Giornalisti se ne frega altamente del codice deontologico.

Balla numero 14. Novembre 2008. I gay fanno le crociate contro la Chiesa Cattolica.  slide04L’unico vescovo gay al mondoslide03 che non si nasconde è protestante e si chiama Gene Robinson. L’idea che esista un “vescovo” cioè un successore degli apostoli di Gesù, che non sia etero, manda in bestia gli omofobi. Parlano della sua vita sessuale pensando che sia il modo migliore per insultarlo. Quando devonotosatti-catholcionline-keith-fournier-10 attaccarlo tosatti-catholcionline-keith-fournier-1000senza citare la sua sessualità, scrivono “vescovo gay”, intendendolo come il rappresentante di un gruppo segreto che starebbe tramando una crociata contro i veri valori morali. Per attaccarlo, l’estrema destra cristiana parla della sua famiglia, della sua relazione affettiva con suo marito (il vescovo è sposato, screen-shot-2016-08-03-at-21-20-13-2tosatti-catholcionline-keith-fournier-12come ogni altro pastore e vescovo protestante). Il vaticanista-de-noantri copia queste idiozie e ricicla un articolo senza fonti da un sito della destra cristiana statunitense. Per rendere credibile l’attacco, cita solo il sito, non l’autore, altrimenti dovrebbe scrivere che in realtà l’accusatore è un prete delirante che incita all’odio antigay, al puntotosatti-catholcionline-keith-fournier-13 che il tosatti-catholiconline-fournier-11Southern Poverty Law Center lo tiene d’occhio come mentitore professionale. Un ciarlatano che parla di demoni, che paragona una relazione affettiva a un eccidio di massa (cioè un crimine contro l’umanità) e altre cialtronate come il dato antiscientifico (che poi il vaticanista-de-noantri insinuerà in molti altri articoli) che la genitorialità lgbt sia dannosa per il benessere psicologico dei minorenni. Se avesse spiegato chi era davvero Fournier, avrebbe annullato l’effetto diffamatorio del suo articoletto. L’unica crociata qua è questa coppia di cialtroni contro un gentiluomo come Gene Robinson. E pure stavolta l’Ordine dei Giornalisti riposava mentre una minoranza veniva diffamata.

Balla numero 15. Febbraio 2015. I gay fanno male ai bambini, parola di prete antigay. Riecco i15-omofamiglie-figli-svantaggiatil diffamatore-maldestro che sbava davanti a una ricerca che dopo neanche 24 ore era già demolita e seppellita in quanto ciarpame. Attenzione a come mente il vaticanista-de-noantri. 1) L’autore è definito “sociologo”. Peccato che sia anche un prete cattolico (ma il vaticanista non lo scrive, chissà perché); 2)  fa parte di una università cattolica (il vaticanista non lo dice, chissà come mai proprio sto dato viene nascosto); 3) è affiliato a un gruppo d’odio antigay15-omofofamiglie-figli-svantaggiati-2-sullins (il Family Research Council ma il vaticanista non lo segnala, e chissà perché pure questo viene nascosto nell’articolo); 4) è membro dei Cavalieri di Colombo (“Knights of Columbus” sono cattolici americani che spendono centinaia di milioni di dollari per politiche antigay, e il vaticanista nasconde pure questo, guarda te il caso…). Paul Sullins dev’essere un genio perché ha scoperto ciò che tutti gli altri ricercatori sull’intero pianeta non hanno mai trovato, cioè che i figli dei gay starebbero male. Vi siete chiesti perché il vaticanista all’inizio dell’articolo screen-shot-2016-10-29-at-10-05-29senta il bisogno di scrivere che lo studio di Sullins è pubblicato su una rivista scientifica in peer-review? Ecco cosa cerca di nascondervi: il prete antigay normalmente pubblica su giornali egiziani a pagamento! (dico davvero) Le sue ricerche sono ciarpame al punto che deve pagarsi di tasca sua la diffusione di quelle teorie paranaziste. Ma il vaticanista-de-noantri non lo dice. E quale 15-sullins-editore-cairofonte 15-sullins-fonte-tosatti-sito-antigayti usa il nostro eroe? Mercator.net, un blog dell’estrema destra cattolica. Inoltre Sullins aveva ovviamente difeso a suo tempo quella cialtronata antigay della ricerca di Mark Regnerus. E ora Regnerus restituisce la cortesia e difende a spada tratta quello di Sullins. Che caso! Ma il vaticanista non dice neanche questo. Quell’articolo “scientifico”, a mesi di distanza, ovviamente non conta più nulla.  il vaticanista ha mai ritrattato, corretto, spiegato le critiche nello specifico? No. Nel suo desiderio di informare sulla “scienza” ha mai sprecato un altro articolo per rimediare alle fase notizie diffuse? No. Doveva solo diffamare. Lavoro effettuato. E come sempre l’Ordine dei Giornalisti lo ha aiutato.

Balla numero 1616-adozioni-omo-studio-regnerus. Giugno 2012. I gay in coppia fanno male ai bambini. Per la serie sbaviamo di odio antigay al punto da non capire neanche cosa pubblichiamo, ecco a voi il vaticanista-de-noantri che delira di “adozioni omo” e invece presenta una ricerca sui figli biologici di persone gay e lesbiche, dove l’adozione non c’entra. Chiaramente qualcuno in Italia ha ordinato al vaticanista di sparare a zero sulla questione adozioni, anche se la ricerca non ne parla.   Attenzione, a quattro anni di distanza il vaticanista-parafascista non ha mai corretto il pezzo sulla falsità screen-shot-2016-10-29-at-10-30-09della ricerca (consiglio il sito in inglese www.regnerusfallout.org/ che distrugge pezzo a pezzo la frode di quell’articolo “scientifico”). Il nostro eroe vaticanista celebra la nuova ricerca, tacendo tutte le critiche che nelle prime ore piovono sull’autore, Mark Regnerus. Ne sottolinea il gran numero di casi analizzati, contro tutta la ricerca precedente che invece ne aveva pochi (qui sopra nel secondo e terzo box a destra). C’è un picccolo piccolissimo problema. Questa ricerca ha accumulato persino meno casi di ogni altra ricerca svolta in precedenza: solamente 2 casi (due!!!) 16-regnerus screen-shot-2016-10-29-at-10-29-25per sostenere la sua tesi, ma il vaticanista-antigay non lo dice a nessuno. Com’era quella del codice deontologico sul dovere di verità? Dov’è stato l’Ordine dei Giornalisti in tutti questi anni?

La squallida saga parafascista del vaticanista-de-noantri e dellle sue accuse false iniziata altrove continuerà in una quarta puntata, vista la quantità industiale di menzogne che l’Ordine dei Giornalisti gli ha permesso omertosamente di diffondere per anni senza mai aprire bocca.

2 pensieri su “La scienza contro la lobby lgbt e il gender

  1. A

    Ho qualche correzione e qualche critica da fare all’articolo.

    Primo. Gene Robinson, essendo anglicano, per un cattolico non è da alcun punto di vista un successore degli apostoli. Non lo è neanche nel senso “materiale” in cui lo sono i vescovi ortodossi, perché per la teologia cattolica tutte le ordinazioni episcopali anglicane sono diventate certamente invalide per mancanza da parte delle parole del rito di significare univocamente il conferimento dei poteri dell’episcopato, come scritto da Papa Leone XIII nella Apostolicae Curae ( https://en.wikipedia.org/wiki/Apostolicae_curae ).

    Secondo. Sullins è un prete, ma che c’entra? Charlotte Patterson è lesbica, sposata con una donna e con tre bambini a carico e nessuno grida al conflitto di interessi se la APA le affida pronunciamenti ufficiali sulla omogenitorialità.

    Terzo. Non ho capito bene se le riviste egiziane sono riviste peer-review o no, ma il fatto che un autore paghi per essere pubblicato non è né scandaloso né strano. Si chiamano riviste Open Access, e costituiscono il 12% di tutte le pubblicazioni accademiche oggi in circolazione. Essendo gratis per il lettori spesso si fanno pagare dagli autori pubblicanti. Molte di essi sono anche peer-review e queste ultime, almeno in linea di principio, non dovrebbero avere niente da invidiare alle pubblicazioni a pagamento per i lettori, che non hanno bisogno di farsi pagare da chi pubblica.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_bye.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_good.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_negative.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_scratch.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wacko.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yahoo.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cool.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_heart.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_rose.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_smile.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_whistle3.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yes.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cry.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_mail.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_sad.gif 
https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_unsure.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wink.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/skull-400.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/trident.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/beer.gif 
 

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.