“Dov’è Mario?” – OPPT EDITION –

UNA CO-PRODUZIONE SKAIACCENDICHEPRINCIPIAILTRONODISPADE/PURPLE BAT

UNA CO-PRODUZIONE SKAIACCENDICHEPRINCIPIAILTRONODISPADE/PURPLE BAT

Buongiorno a tutti,

Nell’ultima puntata dedicata alla saga dei sovranisti individuali, in calce all’articolo, avevo detto che in questo nuovo capitolo avrei trattato di due scartafacci della “Corte di Vienna”, la “Costituzione dell’Uomo” ed il fantomatico Statuto della Corte stessa la cui pubblicazione viene, come abbiamo visto l’altra volta, continuamente rimandata.

Per una volta, devo venire meno al mio proposito, un po’ per mancanza di tempo, un po’ per mancanza di materiale un po’ perché, fra la fine di luglio e l’inizio di agosto, nelle fila OPPTare ha tenuto banco una vicenda che, vista dal di fuori, ha del grottesco e del tragicomico ma che ben illustra ciò che da quasi un anno a questa parte si sta cercando di dimostrare presso questi lidi internautici ovvero la totale inutilità di queste sedicenti teorie, la loro pericolosità per chi le segue nonché l’arroganza, la smania di protagonismo e la sete di soldi per chi le propugna, nascondendosi dietro l’apparenza di “difensori del popolo”.

Sperando che la cronaca, fra il serio ed il faceto come nel mio consueto stile, di questo surreale “pasticciaccio brutto” dei nostri giorni mi assolva dalla promessa infranta, procediamo senza ulteriori indugi.

Capitolo 1: L’antefatto

Tutto comincia negli ultimi giorni del luglio scorso, da qualche parte in Toscana, quando “Mario” (o Gian Mario, come compare scritto in alcuni post oltretutto con due cognomi diversi ma che, per semplicità e rispetto della privacy, chiameremo semplicemente Mario), un fervente seguace delle varie emanazioni nostrane del “sovranismo individuale”, viene fermato da una pattuglia delle forze dell’ordine per un normalissimo controllo. Succede il prevedibile: mentre per chiunque di noi questa sarebbe una semplice scocciatura, per il gombloddista OPPTaro questa è l’ennesima prova che la kattifissima corporation statale sta cercando di attentare alla sua libertà e, pertanto, è suo preciso dovere opporsi a questa violazione, al grido di “lei non sa chi sono io!”.

Non conosciamo come si siano svolti effettivamente i fatti, ma possiamo facilmente immaginarlo: la solita esibizione di cartacce protocollate, citazioni assurde di leggi, rinvio a fantomatiche tesi di “tutela dei diritti umani”… la solfa, se avete seguito le puntate precedenti (in caso contrario, le trovate ai link in calce a quest’articolo), ormai la conoscete anche voi.

Solo che i poliziotti, a differenza del dipendente pubblico che dice sì, per quieto vivere e, soprattutto, per non passare anni in tribunale per difendersi da pretestuose accuse di omissione di atti d’ufficio, a qualsiasi panzana scritta il sovranista gli metta sotto gli occhi, non mangiano la foglia. Vola qualche parola grossa di troppo ed il nostro prode Mario viene prelevato dagli agenti e spedito al TSO (Trattamento Sanitario Obbligatorio).

Capitolo 2: La fase “Chi l’ha visto?”

Non appena la notizia del fermo di Mario si diffonde nella comunità complottara, i suoi simili s’affanano subito per saperne di più, riuscendo infine a scoprire dove il nostro eroe è stato ricoverato.

MARIO RICOVERO

Come potete vedere nell’immagine, sin da subito gli altri sovranisti hanno ben chiaro perchè il loro amico è stato sottoposto a TSO: è la “strategia del sistema”, ovviamente, che punta a colpire gli OPPTari soli e lontani dal branco, chiaro no?

Seguono nei giorni successivi, appelli per trovare il “nome giuridico” (sic!) di Mario in modo da poter avere notizie dalla struttura ospedaliera.

NOME GIURIDICO MARIO

Cliccare per ingrandire

Ma, come sa chiunque abbia frequentato un ospedale almeno una volta nella vita, in certi casi, per elementari questioni di privacy nonché di sicurezza ed efficienza dei reparti sanitari, le visite al paziente (così come qualsiasi informazione relative allo stato di salute) sono consentite solo ai familiari o da chi sia munito di apposita delega.

Uh come sono consapevoli della vostra autorità, guarda...

Uh come sono consapevoli della vostra autorità, guarda…

Non essendo né l’una né l’altra cosa, i membri della “Corte di Vienna” lanciano un nuovo appello per contattare la famiglia di Mario e farsi rilasciare la delega…

GOMBLODDO MARIO

…a cui fanno da contorno commenti sulla necessità di “non perdere tempo”, manco si trattasse di ritrovare un desaparecido prelevato di nascosto a notte fonda da una banda di paramilitari. Qualcuno però comincia a sollevare qualche dubbio: non è che Mario è stato punito “dall’Universo” perché andare in giro utilizzando due identità diverse non è esattemente una genialata? Ma certo che no! Non può essere certamente colpa dell’Universo, è tutto un gombloddo di “loro” (detto protendendo un braccio nel vuoto e muovendolo in tondo), quelli lì che sono tutti ladroni…

Anche con questo nuovo appello però…

MARIO OSPEDALE 2

… non si cava un ragno dal buco. Ecco che la nostra allegra combriccola allora decide di proseguire nella lotta con “una richiesta formale dati ufficiale, anche senza procura”. Come? Chiamando i rinforzi. Che ovviamente finiranno per buttarla in caciara.

Occhio signori, perchè ora fa il suo ingresso in scena uno dei protagonisti assoluti di questa farsa.

Capitolo 3: “GHE PENSI MI” disse il Presidente…

Finora, come avete potuto vedere, a lanciare appelli sono stati quelli della fantomatica “Corte di Vienna”. Essendo dei grandissimi imbracchiati, tutto quello che sono riusciti ad ottenere sono state delle (metaforiche) porte sbattute in faccia. Ma ecco che irrompe sulla scena, a dar manforte all’Armata Brancaleone finto-austriaca, un nuovo personaggio: il “Presidente (*) del Popolo della Madre Terra” Mahat C.

(*) Anticipo la domanda: Sì, si è auto-eletto Presidente. ‘Na roba che pure Kim Jong Un si rotolerebbe a terra dal ridere.

Prima di proseguire, spendiamo due parole su questo soggetto. Se vi state chiedendo “ma è l’ennesimo ducetto di un qualche gruppo di OPPTari vari ed eventuali?”, bravi, avete proprio indovinato. Ormai ci sono più gruppi di sovranisti individuali in Italia che formazioni di super eroi nel Marvel Universe.

Non sto qui a tediarvi con un riassunto della nuova strampala versione delle teorie psuedo-giuridico-economiche di cui abbiamo parlato nelle puntate precedenti. Vi basti sapere che l’humus complottaro è lo stesso delle altre versioni prese in considerazioni le scorse volte, ma col 20% di fuffa new age in più. Per chi volesse farsi due risate qui di seguito trovate i link ai due siti gestiti da Mahat: Popolo della Madre Terra appunto e Sovranità Individuale.

Unica cosa degna di nota rispetto agli altri gruppi già esaminati: il metodo di reclutamento degli adepti, non dissimile da quanto già visto in passato ma più orientato al modello psico-setta.

Volete entrare a far parte del PMT? Allora (come trovate scritto sul loro sito) come “primo passo“, vi viene chiesto di “tesserarvi all’associazione”. Il che, tradotto in poche parole, vuol dire sganciare un “piccolo contributo” (dove “piccolo” sta per “minimo 30€”) ma oh, tranquilli… è per le “spese di segreteria delle ambasciate”. Sì, il Popolo della Madre Terra ha pure delle ambasciate. Dove non si sa, però ce le hanno.

Queste segreterie delle ambasciate non si capisce bene quali spese abbiano, visto che l’intera procedura di tesseramento (scaricare il modulo, compilarlo, scannerizzarlo assieme ad immagini dell’impronta digitale, dell’autocertificazione carichi penali pendenti, carta d’indentità, bollettino del pagamento e fototessera, spedire il tutto via e-mail) con la relativa spendita di tempo e denaro ricade interamente su chi volesse iscriversi.

Una volta tesserati si riceve in cambio (sempre via e-mail) un file .jpg con l’immagine della “Carta di Rappresentanza Elettiva” del PMT che “provvederai a stampare su carta fotografica lucida e a far plastificare”. Sempre a vostre spese, ovviamente.

Ma questa benedetta “Carta di Rappresentanza”, esattamente, a cosa serve? Detto in tre parole, ad un cazzo.

Sul sito di PMT garantiscono che questo pezzo di carta straccia (che vi è costato la bellezza di 30€ + spese varie), rilasciato da una “ambasciata” che non è un’ambasciata, non si sa dove stia e non è riconosciuta come tale da nessuno, conferisca una “doppia cittadinanza” e possa addirittura “essere utilizzata come patente”, ma sappiamo tutti cosa si dice a proposito degli osti che assicurano la bontà del proprio vino…

E questo il solo il primo passo! Poi c’é “il secondo passo” che consiste nel solito giochino, già sbugiardato in passato, della letterina di “Esistenza in vita/Dichiarazione di sovranità”, con i soliti riferimenti ad minchiam alla L.881/77 ed ad altre leggi internazionali, da portare a far protocollare e che dovrebbe servire a “ricusare la cittadinanza italiana”.

C’é poi anche un “terzo passo”, ma questo è super-segretissimo e riservato agli iscritti, ma che “ti consentirà di liberarti definitivamente dalla schiavitù e dai problemi economico/legali che riguardano la ex persona giuridica”. Una certa vocina mi dice che gli unici “problemi economici” che questo terzo passo risolve son quelli di chi ha messo in piedi tutta stà baracca.

Se cercano di spillare soldi agli adepti già al momento del tesseramento, potete capire anche da soli perché questa vicenda per loro rappresenti una ghiottissima occasione: se riesco ad intortare per bene i medici e far tornare a casa lo sventurato sovranista fai-da-te possono sfruttare il successo per farsi pubblicità per mesi, allargando ancora di più il giro dei polli da spennare

Ma torniamo dunque al nostro Mario. Quale geniale e, soprattutto, concreta iniziativa avra messo in atto il 9 agosto il nuovo santone OPPTaro per ottenere il suo rilascio dal TSO?

MAHAT APPELLO SOLDI

Ma un appello chiedere altro denaro, depositandolo via Poste Pay sul conto di una terza persona, ovviamente! Anche voi, che cazzo di domande…

Ma perché mai ci sarebbero da sostenere “spese di viaggi e pernottamenti? Semplice, per consegnare ai medici dell’Ospedale nientemeno che un “decreto presidenziale”!

Lo copioincollo qui di seguito per il vostro sollazzo (NdA: gli omissis sono miei):

All’atte.ne dell’uomo Dario Nardella quale Sindaco di Firenze
Dell’uomo Alberto
Appicciafuoco quale Direttore Sanitario dell’Ospedale [***OMISSIS***], – Firenze
E dell’uomo nominato GIUDICE TUTELARE di T[***OMISSIS***], Mario

Oggetto: Decreto presidenziale di accoglimento della richiesta di asilo politico da parte di
T[***OMISSIS***], Mario

Egregi responsabili,
io mahat del casato cerasuolo, in data 28/07/2016 [AD] alle ore 18,00 circa venivo informato telefonicamente da Francesco F[***OMISSIS***], che lo stesso giorno alle ore 17,00 circa, T[***OMISSIS***], Mario, a fronte della contestazione per difetto di giurisdizione enunciata ai rappresentanti della legge in cui si è imbattuto che,

(fino a prova contraria) in mancanza di prova certa di legittima azione nei confronti dello stesso, prelevavano T[***OMISSIS***], Mario il quale è stato inviato al Trattamento Sanitario Obbligatorio, presso l’Ospedale[***OMISSIS***] – Firenze; alle ore 19,30 circa dello stesso giorno, avvisato da Francesco F[***OMISSIS***] che, il prigioniero desiderava conferire con me ma che, ne era fisicamente impedito, telefonavo al T[***OMISSIS***], Mario il quale verbalmente ha chiesto asilo politico al Popolo della Madre Terra;

Dal colloquio intercorso si è rilevato che lo stesso T[***OMISSIS***], Mario possiede le ragioni di fatto e di diritto per l’accoglimento della massima tutela che Noi coscienti eredi di Madre Terra siamo tenuti ad applicare senza riserve; in conseguenza a ciò, secondo il principio del Diritto Naturale e legge Universale,
si decreta

l’immediato rilascio dell’uomo T[***OMISSIS***], Mario entro il termine massimo di 4 (quattro) ore dal ricevimento della presente consegnata a mano dall’emissario PMT C[***OMISSIS***] : Shekhinah, periodo durante il quale sarà per Voi possibile produrre prova inconfutabile, secondo il principio dell’habeas corpus, che i presupposti per il suddetto sequestro siano legittimi;

si pre-avverte che

decorsi inutilmente i termini riportati nella presente senza che sia stato fatto alcunché, ci sentiremo liberi di incriminare per sequestro di uomo libero, avvelenamento, danni mentali e morali, induzione al suicidio, induzione in schiavitù, e altre eventuali, chiunque abbia partecipato dirittamente o indirettamente a lo stato di sequestro illegittimo (fino a prova contraria) di T[***OMISSIS***], Mario presso tutti gli organi nazionali e internazionali competenti;

l’occasione è gradita per porgere i miei distinti saluti

il Presidente del Popolo della Madre Terra – PMT

C[***OMISSIS***], Mahat

Focalizzo la vostra attenzione su un particolare: Fortuna che secondo questi soggettoni sono le leggi della Repubblica Italiana (che, a titolo d’esempio danno al convenuto 90 giorni dalla notifica della citazione anche solo per costituirsi in giudizio) ad essere “una schiavitù”. Loro invece, molto democraticamente, ti danno 4 ore dalla consegna a mano di questo fogliaccio per “produrre prova inconfutabile” della validità del TSO (che verrà ignorata in ogni caso, dalle immagini precedenti sappiamo già che per stà gente il TSO è un altro meccanismo del Big Gombloddo), allo scadere delle quali “Liberare pricioniero, schnell!!” o si viene minacciati di fantadenuncia per una sfilza di reati “presso tutti gli organi nazionali e internazionali competenti”.

E se vi state chiedendo “Ma stò Mahat si sarà almeno sobbarcato il compito di portare questo spreco di carta ed inchiostro per stampanti a destinazione?”

Nossignori, se rileggete bene il “Decreto Presidenziale” a consegnarlo sarà un galoppin… aaahhheeemmmmm volevo dire un emissario del Presidente del PMT, tale Giuseppe “Shekhinah” C.

Shekhinini facci lei, che nel frattempo il prode Presidente resta con le chiappe al sicuro a casa...

Shekhinini facci lei, che nel frattempo il prode Presidente resta con le chiappe al sicuro a casa…

Eccolo qua il post del destinatario dell’armiamoci e partite mentre parte, in un tripudio di cuoricini, inutili puntini di sospensione e lettere maiuscole messe alla pene di segugio, per la sua importantissima “missione diplomatica”, ancora inconsapevole del fatto che, nel giro di 24 ore, diventerà il protagonista di un’altra colossale figura di merda sovranista.

Capitolo 4: gli altarini si scoprono

Le immagini che seguono sono tratte dai commenti al post di cui sopra e coprono un arco cronologico che va dalle ore 12.00 del 12 agosto alle 15.00 del giorno seguente. C’è chi “ammira il coraggio” dell’emissario (ed, in effetti, per presentarsi davanti a persone di una certa qual cultura con un simile campionario di stronzate scritte nero su bianco una buona dose di faccia da culo ci vuole)…

COMMENTI MISSIONE 1

… c’è chi chiede notizie dei familiari di Mario…

COMMENTI MISSIONE 2

… ma la più attiva è Irene, talmente preoccupata per Giuseppe Shekhinah (manco fosse Eracle mandato a combattere l’Idra di Lerna) da chiedere sue notizie ad intervalli regolari.

COMMENTI MISSIONE 3

Il giorno successivo (13 agosto) sono quasi le 13.00 quando la farsa raggiunge il climax.

GLI ALTARINI

A seguito di un piccato commento di Giuseppe Shekhinah che chiama in causa un altro Giuseppe (d.B., uno dei membri della sezione italiana “Corte di Vienna”), vengono sganciate due rivelazioni-bomba.

La prima è proprio il Giuseppe “viennista” a lanciarla: Mario è già stato rilasciato ben 9 giorni prima e tutta la pantomima montata nel frattempo puzza lontano un miglio di commedia recitata ad arte per scucire un altro po’ di quattrini al pubblico.

Ma non è finità qui: Giovanni d.B. chiede inoltre a Shekhinah la restituzione dell’attestato di iscrizione alla ICCJV, lamentando peraltro il mancato pagamento della quota d’iscrizione. Irene, intervendo a difesa di Shekhinah, fa la seconda rivelazione sensazionale: Giuseppe d.B. ha partecipato a vari incontri in cui si promuoveva la “class action penale farlocca” di Morenghi.

Quindi ricapitoliamo: abbiamo un “emissario” del “Presidente del Popolo della Madre Terra”. Che però è anche iscritto alla ICCJV di cui fa parte Giuseppe d.B.

Il quale a sua volta ha avuto contatti con Aduorg (Per chi non ricordasse chi sono quelli di Aduorg, v. Il link in calce: OPPT: CIVIL WAR -ATTO I-). Il che getta una luce del tutto nuova su quella che, sulle pagine di questo blog, abbiamo battezzato “la Civil War di OPPT”: come era ampiamente prevedibile, i capetti delle varie sette sovraniste non sono (solo) supponenti aspiranti tuttologi che si azzuffanno sulle divergenze delle loro pseudo-teorie, ma cagnacci di uno stesso branco che latrano cercando di spolpare tutti quanti lo stesso osso.

A farne le spese, questa volta, è stato “Mario” che prima ha dovuto subire quasi una settimana di TSO perché dei moderni Masanielli da strapazzo lo hanno convinto che andarsene in giro con due identità diverse e documenti più inutili di una scartina a coppe quando la briscola è a spade fosse un’idea furbetta e poi è stato usato come esca per attirare altri gonzi. Ma sarebbe potuto accadere a chiunque altro dei loro adepti.

Ditemi dunque, o voi seguaci a vario titolo e sotto i più diversi nomi roboanti, sigle astruse e stemmi variopinti, quanto ancora alta e fumante dovrà diventare la montagna di merda, prima che vi decidiate di rendervi conto assieme a quali soggeti vi siete intruppati?


Si ringrazia Paola D. per l’aiuto nella raccolta degli screenshot.

Per commenti/segnalazioni/richieste/insulti: Compagno Zed


Articoli precedenti dedicati a OPPT/Popolo Unico/ICCJV/Aduorg:

 

28 pensieri su ““Dov’è Mario?” – OPPT EDITION –

  1. adminadmin

    Se non fosse che qualche persona si rovina letteralmente con le sue stesse mani, si potrebbe ridere fino alle lacrime. Invece le lacrime sono quelle degli allocchi che abboccano a queste fesserie…

    Replica
      1. Smack

        A tutti cavalli di Troia che sputtanate una nobile azione in italia e nel mondo, vi affido alla FONTE!… Riceverete quello che date…
        NB:-Il peggio schiavo è quello che difende il suo padrone…

        Replica
      2. Smack

        Caro compagno Z (certamente non mio…), il fatto che hai troppo “moderato” la mia replica, risulta chiaramente il ruolo totalmente opposto al vostro nome ed intento dichiarato del vostro sito…, quindi voi abbattete ponti e costruiti muri… Bravi “costruttori” che siete!…

        Replica
        1. adminadmin

          Tu ti sei bevuto il cervello. La moderazione viene determinata dai filtri automatici che impediscono la pubblicazione di alcuni contenuti. Non è certo una scelta fatta “ad personam”. Nella fattispecie, la parola “Troia” rientra nelle “stop word” che fanno passare il commento in moderazione. Se vuoi prendertela con qualcuno, prenditela con me che sono stato lento nell’analizzare il tuo commento.

          Replica
        1. adminadmin

          Credo si sia risentito perchè ha usato una “stopword” (Troia) nel suo commento, richiedendo un mio intervento per togliere il suo commento dalla moderazione… Sob…

          Replica
          1. Smack

            Tranquillo caro admin, il nostro (a)mico Rix…kyTo sa molto di più, perchè è mooolto informato!… A lui non sfugge nulla… Ora si aggiunge alla FONTE… quantum…smack!
            Aaa, dimenticavo, grazie admin! Ora sembra che iniziamo a costruire ponti…(legittimi, non legali…).

          2. Compagno ZCompagno Z Autore articolo

            Caro “Smack”, non ho potuto seguire la discussione in questi giorni perché ero impegnato col lavoro.

            Sulla questione della moderazione dei commenti ti ha già ottimamente risposto Admin. Comunque sappi che più o meno tutti i siti o blog dove si possono postare commenti hanno dei sistemi di moderazione, automatici o meno. In futuro quindi, evita di saltare alle conclusioni facendo pure il gallo sulla munnezza, si evitano un sacco di figure di merda, sai?

            Passiamo poi alla questione della “fonte” di cui continui a parlare. O ti spieghi oppure non posso che trarre le dovute conclusioni e cioè che stai cercando di buttarla in caciara per mancanza di argomenti. Terreno su cui non ho la minima intenzione di seguirti.

            Infine due parole sulla “nobile azione”: faccio fatica a trovare qualcosa di nobile in associazioni assai poco trasparenti che più che drenare soldi dalle tasche degli adepti in cambio di carta straccia non fanno.

            Fino a prova contraria, il Popolino Unico, quelli di Aduorg, la Corte finto-austriaca col suo finto-castello svizzero, il Popolino della Madre Terra del Mahatiello sono e restano dei parassiti, al pari della piú famosa propagratrice delle bufale sovraniste, la famigerata Heather Ann Tucci Jarraf che in questo momento si sta godendo la bella vita su un’assoluta spiaggia marocchina assieme al suo drudo (il quale a sua volta ha piantato la moglie) grazie ai soldi di quelli che ha truffato negli Stati Uniti.

          3. adminadmin

            Per evitare che i thread diventino una jungla di repliche alle repliche delle repliche (con il relativo annidamento di commenti), c’è un limite massimo al numero di annidamenti… :-)
            Tutto qui :-)

    1. adminadmin

      Ovviamente la regola (il numero massimo di “annidamenti”) vale per tutti tranne che per me ;-)

      A parte questo dettaglio, non c’è problema, è sempre un piacere rispondere alle domande. :D

      Replica
  2. RickyTo

    Ciao CompagnoZ,
    dinnanzi a determinate esternazioni di alcuni personaggi, c’è da dire che il circo e’ molto vasto e vario.

    Replica
    1. Smack

      Domandina:
      caro compagnoZ & CO, avete una vostra alternativa migliore di uscire da questa quasi disperata situazione in cui miliardi di esseri umani sono immersi e come pensate di costruire ponti, distruggendo i ponti degli altri?
      A parte che ognuno cerca di creare e fare un suo percorso come meglio crede, ma questi di qua SONO MOLTO MEGLIO confronto a chi non fa nulla e aspettano che qualche dio alieno arriva a salvarlli…
      Ma se attacchi proprio a questi che cercano soluzioni di rimedio è come che difendi un sistema di criminali che ha sottomesso un mondo intero e continuano a incitare o tollerare l’odio, divisioni, droga, morte, violenze di tutti generi, guerre, suicidi, distruzione, ogm, razzismo, povertà, malattie, scie chimiche, vaccini, multinazionali, banche, incultura, politica, mediocrità, non-valori… mi fermo qua!… mi fa male anche solo elencarli…
      Prima di criticare e infangare, perchè non prendete informazioni esatte direttamente dalla fonte e non dai terzi? Pubblicate solo estratti di conversazioni che rappresentano solo mezze verità, mistificate più o meno con abilità tipica mediatica, che sono peggio di una bugia intera…
      Allora io concludo che in questo modo non credete che siete complici alla distruzione mondiale e non di costruire ponti?… Volete proprio questo? Questo è il vostro “nobile” scopo? Non è meglio di creare invece di distruggere?
      In pace, rispetto, amore e gratitudine, Smack!

      Replica
    1. Compagno ZCompagno Z Autore articolo

      Tranquillo, eccotelo lí sopra il tuo commento. Anche se, fossi in te, non è che mi vanterei di quel mix di Sindrome dei Sentimenti Offesi e analfabetismo funzionale.

      Illuminaci, caro Smack, spiegaci come farsi fregare vagonate di soldi da improvvisati santoni (che manco sanno quale valenza ha il timbro dell’ufficio protocollo) salverà il mondo.

      Forse, per risolvere i problemi che elenchi (tra cui indichi pure “le scie chimiche” e ,sic!, i vaccini), è il caso di cominciare a leggere pubblicazioni scientifiche serie invece delle stronzate degli antivax o del terrazzinato sanremese, a studiare economia con gli scritti di Marx, Smith ed Einaudi invece che con le stupidaggini di Barnard o di Povia, di provare a capire il Diritto sui testi che trattano la materia invece che sulla carta straccia dei sovranisti, di riprendersi le segreterie di partito invece di ripetere all’unisono slogan populisti di miracolati della politica come Di Maio, Di Battista, Pepe, Salvini o Gasparri (giusto per fare dei nomi a caso), di informarsi sulla stampa internazionale invece di affidarsi a fogne acchiappa-click del web nostrano.

      E già che ci siete, magari abbandonate questo atteggiamento pieno di saccenteria e vittimismo: invece di prendervela con chi ne sa più di voi, rendetevi una buona volta che non c’è alcun Big Gombloddo che vi minaccia. Solo il prodotto delle vostre azioni.

      Replica
      1. Smack

        Wow, questo commento mi ha… illuminato come… aspetta, facciamo tre conti… (11 x 3) proiettori a led da 200W (circa) di ultima generazione… (uso a led per non superare i 33 gradi…Cosi non brucia!…)
        Grazie compagnoZ, hai detto tutto!…
        AdDio!

        Replica
        1. Caffe

          Elegante, una ritirata veramente elegante: dopo il colpo da ko tecnico rimediato da Smack, io mi aspettavo una sua veemente quanto inconsulta reazione, costituita da invereconde arrampicate su specchi troppo lisci e cacofonici stridor di denti; beh, mi sono sbagliato e se non altro, rendo onore al merito.
          Ciò detto, spero vivamente che Smack non abbia dei figli i quali, se ho capito bene, lui non ha nessuna intenzione di far vaccinare, rincoglionito come è, da aberranti teorie sul presunto complotto mondiale, ordito da non si sa bene chi, che attenta e specula ogni istante, sulla nostra vita, sulla nostra salute e sulla nostra pecunia; sul serio, compatisco con tutto il cuore tutti quei poveri innocenti, con un padre tanto grullo.

          Replica
  3. Smack

    Come mai hai paura che il mondo si può salvare, caro admin?… Hmmm!… Bizzarro!… Proprio a te, grande costruttore di ponti…legali!… ((legati…)
    Per mio caro compagnoZ: Se facevi a qualcuno, 5 o 10 anni fa, questi ridicoli inviti , come”leggere pubblicazioni scientifiche serie ” (sic! quale sono quelle?…), oppure “di riprendersi le segreterie di partito” (sic, sic! quale, di destra, di sinistra, o 50/50?…), oppure ancora “di informarsi sulla stampa internazionale” (sic, sic, sic……! wow, come mai compagno, c’è la concorrenza con la stampa italiana, chi mente di più?…), dicevo se dicevi queste cose un po’ di anni fa, forse, dico FORSE alcuni ci cascavano, ma adesso il tuo ridicolo lo vedono tutti…, meno te! Svegliaaa!… i tempi scorrono irreversibilmente e tu stai ancora dietro di decenni… Ma come si fa?…

    Replica
    1. Caffe

      Ma Smack. non si era dignitosamente ritirato a contemplare i genitali della statua di Grillo a grandezza naturale? Alla fine, l’arrampicata su specchi e lo stridor di denti che avevo previsto a seguito della sputtanata da lui subita, ad opera del valoroso compagnoZ, si è verificata; una esplosione ad effetto ritardato, pervasa per di più, dall’isteria di chi, tanto pieno di se stesso da scoppiare, alla fine, come un palloncino gonfiato a forza delle sue stesse scorregge, si sente inopinatamente spiattellare sul muso quello che evidentemente, non gli aveva mai detto nessuno, cioè, la pura e cruda verità; bisognava solo aspettare un pochino, sono stato solo un po’ precipitoso ad assolvere un tapino che alla fine, tolta la maschera falsamente affabile, indossata nei primi interventi, si è manifestato in tutto il suo squallore; sono un po’ incavolato solo per il fatto che alla sua invettiva di ritorno, il nostro amico, accecato dal livore vs companoZ, non abbia avuto la bontà di citarmi, anche solo per insultarmi; peccato, sarà per un altra volta…

      Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_bye.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_good.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_negative.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_scratch.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wacko.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yahoo.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cool.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_heart.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_rose.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_smile.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_whistle3.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yes.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cry.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_mail.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_sad.gif 
https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_unsure.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wink.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/skull-400.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/trident.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/beer.gif