una spiegazione

In questo post andro’ a ricostruire la storia degli ultimi giorni. Dai primi malfunzionamenti di pontifex.roma.it fino al suo oscuramento di ieri. Si tratta di una ricostruzione basata sugli elementi che ho a disposizione, pertanto potrebbe non essere aderente alla realta’. Si tratta di una ricostruzione basata su di un ragionamento logico che pero’ potrebbe anche essere inesatta in qualche passaggio.

Come avrete quasi sicuramente notato pontifex.roma.it oggi e’ nuovamente online.

 

Ecco, come prima cosa, prego tutti di ricordarla mentre proseguono nella lettura di questo post, i server che ora ospitano pontifex.roma.it si trovano in Germania, dalle parti di Francoforte sul Meno. L’indirizzo IP del server di pontifex.roma.it e’ 217.172.182.22 e fa riferimento al provider Intergenia, provider tedesco, appunto. Ci e’ dato di sapere che pontifex.roma.it e’ stato in hosting per molti anni presso il provider italiano Aruba.

Carlo di Pietro, oggi, in una intervista rilasciata al blogger Mazzetta su Giornalettismo, racconta di soluzioni tecniche fantasmagoriche adottate per risolvere i problemi tecnici di pontifex.roma.it.

Bene, ritengo che il down di pontifex.roma.it di questi giorni sia stato provocato da una somma di condizioni, ovvero :

  1. una serie di lamentele inoltrate al provider Aruba da diverse persone
  2. un attacco informatico teso ad esaurire la banda del server pontifex.roma.it
  3. una azione unilaterale di Aruba che ha chiuso il servizio di pontifex.roma.it

Le lamentele : ci risultano diverse email, inviate da diversi utenti della rete all’ufficio legale di Aruba. In queste mail si faceva riferimento ad alcuni articoli e commi dei termini d’uso del servizio di Hosting Aruba. E’ possibile leggere il testo inviato al Legale di Aruba in questo post. A mio parere le lamentele avevano pieno fondamento e credo che anche Aruba abbia considerato quelle argomentazioni degne di attenzione. Ma, come a volte accade, Aruba ha fatto, forse, delle considerazioni commerciali e, visto che certi contenuti possono essere “interpretati”, sul momento ha lasciato correre.

Attacco informatico : abbiamo ricevuto una rivendicazione dell’attacco informatico contro pontifex.roma.it. L’attacco e’ stato rivendicato da fuckaholics , un gruppo di hacker. In un comunicato indirizzato alla redazione di pontilex.org, il gruppo ha rivendicato l’attacco. Vi riporto uno stralcio della mail di rivendicazione :

Il nostro bersaglio principale rimane e rimarrà pontifex.roma.it , poichè grazie a lui abbiamo fatto crescere questo gruppo di hacker con l’obiettivo di far scomparire pontifex dal web

il gruppo fuckaholics , inoltre, ha indicato come ulteriore obbiettivo per i prossimi attacchi, non solo pontifex.roma.it, ma anche un altro sito/blog : cattoliciromani.it.

Rimane il fatto che l’attacco informatico portato nei giorni scorsi ha provocato un problema di saturazione di banda per il sito pontifex.roma.it

Azione di Aruba : molto probabilmente, vista la situazione, Aruba ha pensato di sospendere il servizio. Provate a mettervi nei panni di un amministratore Aruba : “ospito un sito che tutti i giorni scatena polemiche a livello nazionale, plurisegnalato e pluridenunciato, ai limiti delle mie condizioni d’uso. adesso mi satura la banda e rende il mio intero sistema obiettivo dichiarato di tutti gli hacker d’italia…. lo sai che c’e’? io gli chiudo i servizi e lo metto alla porta“.

Questo spiega diverse cose, ad esempio i giorni di fermo in attesa che i dns riprendessero vita. Se si fosse trattato di una transizione “consensuale” la migrazione del sito e del dns sarebbero state trasparenti. Invece per un paio di giorni all’indirizzo pontifex.roma.it c’era la pagina standard di Aruba, come se Aruba stessa avesse fatto il reset dello spazio assegnato a pontifex.roma.it.

La migrazione in Germania, lontano da interventi diretti di cittadini pronti a mandare email di protesta ed anche da possibili interventi diretti della Magistratura Italiana, che sicuramente si sta interessando ai contenuti misogini, omofobi, razzisti ed antisemiti pubblicati su pontifex.roma.it.

Per finire torniamo all’intervista rilasciata da Di Pietro a Mazzetta di Giornalettismo. La mia personale reazione alla lettura delle dichiarazioni di Di Pietro e’ stata di rabbia iniziale ed ilarita’ seguente.

Non trovo altro aggettivo per definire quelle dichiarazioni di Carlo Di Pietro come puro delirio.

 

Questo articolo è stato pubblicato in Non meglio categorizzati il da .

Informazioni su sandro.storri

Progettista e sviluppatore di software precario (Sandro, non il software). Tipico prodotto delle periferie della capitale (aho!, che me 'mpresti na' sigaretta?). Appassionato di cinema e letteratura, usa l'italiano come un dialetto alternativo alla sua lingua madre, il romanesco. Sostiene la battaglia per i diritti civili anche se riconosce che spesso tratta la questione con degli incivili. Ha un pessimo senso dello humor e si vede, anche in questa breve biografia.

3 pensieri su “una spiegazione

  1. tizio che non dice il suo nome

    Vorrei dire che, anche se il sito si trova fisicamente all’estero, questo non lo mette al riparo in caso di azioni repressive da parte dello stato italiano.

    Se il possessore/amministratore/gestore del sito si trova in territorio italiano, possono fargli chiudere la baracca, in caso contrario, rendono inaccessibile (si fa per dire) l’accesso in italia, tramite il blocco dei DNS dei vari ISP nostrani o peggio filtrano IP del sito, con effetti nefasti.

    Rispondi
  2. FSMosconiFSMosconi

    Perché alla notizia dell'”espatrio” di Pontifex nella Magna mi risuona ancora in testa quel loro “Non Prevalebunt” insistente? XD

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_bye.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_good.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_negative.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_scratch.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wacko.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yahoo.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cool.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_heart.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_rose.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_smile.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_whistle3.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yes.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cry.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_mail.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_sad.gif 
https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_unsure.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wink.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/skull-400.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/trident.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/beer.gif