La destra religiosa chiede la rottamazione di Emma Bonino: cosa dire di Berlusconi, Giovanardi e Formigoni?

Tra le varie crociate dell’Unione cristiani cattolici razionali rientra la battaglia politica contro i Radicali.

Nel commentare un articolo di Piergiorgio Odifreddi in cui si puntava il dito contro i politici che siedono in parlamento da decenni, gli uccrociati pubblicano un articolo dal titolo “Odifreddi contro i dinosauri della politica, dunque Emma Bonino”.

Ovviamente la loro critica è verso l’esponente radicale: secondo gli uccrociati «Emma Bonino è da vent’anni che tenta di fare politica».
Siccome gli uccrociati scrivono che Emma Bonino “tenta” di fare politica da vent’anni è interessante leggere il suo curriculum politico.
Dal 1979 al 1988 siede al Parlamento europeo, seggio che rioccuperà dal 1999 al 2006.
Dal 23 gennaio 1995 al 12 settembre 1999 viene nominata Commissario europeo per gli aiuti umanitari e per la tutela dei consumatori.
Viene eletta deputato per la VII, VIII, X, XI, XII e XV legislatura.
Dal 17 maggio 2006 all’8 maggio 2008 è ministro del Commercio internazionale e delle politiche europee nel II Governo Prodi.
Per la XVI legislatura viene eletta Senatrice della Repubblica assumendo l’incarico di Presidente della Commissione per la parità e le pari opportunità e di Vicepresidente del Senato.
Ha ricevuto le seguenti onorificenze: “Gran Cruz de la Orden de Mayo” (1995) da parte del Presidente dell’Argentina, “Personalità Europea dell’Anno” (1996) da parte della rivista cattolica francese La vie, “Premio Principe delle Asturie” (1998) per la cooperazione internazionale da parte del Principe Felipe di Spagna, “Premio Nord-Sud” (1999) del Consiglio d’Europa, “Ordine del Principe Branimir” (2002) dal presidente della Croazia “per il suo contributo all’indipendenza della Croazia e per la sua promozione della democrazia”, “Gonfalone d’Argento” (2002) dalla regione Toscana per la sua attività di promozione dei diritti umani in special modo contro la pena di morte, “Premio Presidente della Repubblica” (2003) per il suo impegno nella promozione dei diritti umani e civili nel mondo, “Commendatore della Legion d’Onore” (2009): quest’ultima onorificenza è stata l’occasione per l’ambasciatore francese Jean-Marc de La Sablière per «onorare una donna politica eccezionale e una cittadina europea esemplare» premiando la sua «carriera di militante europea e di promotrice di campagne a favore dei diritti delle donne nel mondo».
Insomma non è niente male per una donna che, secondo gli uccrociati «è da vent’anni che tenta di fare politica».

Gli uccrociati puntano il dito anche contro Furio Colombo “reo” di sedere in Parlamento dal 1996 al 2001 e dal 2006 sino ad oggi. “Dito puntato” anche contro Franco Grillini colpevole addirittura di fare politica (ma come parlamentare solo in questa legislatura ed in quella precedente) dal 1985 e contro Maurizio Turco e Marco Cappato.

Il ricambio generazionale in politica è importante ma non sempre essere anagraficamente più giovani significa portare nuove energie o essere innovatori: Fiorito è molto giovane ma di sicuro non porta energie positive alla politica mentre Vittorio Foa è sempre stato un grande vecchio innovatore.

Stranamente in questa “lista di proscrizione” degli uccrociati mancano del tutto politici del centrodestra.
Consultando i dati della Camera e del Senato di OpenPolis, altri parlamentari (quasi tutti del centrodestra) superano di gran lunga la permanenza di Emma Bonino (21 anni e 158 giorni): Beppe Pisanu del Pdl (38 anni e 156 giorni), il repubblicano di centrodestra (sebbene separatosi recentemente da Berlusconi) Giorgio La Malfa (38 anni e 123 giorni), Mario Tassone dell’Udc (34 anni e 82 giorni), Francesco Colucci del Pdl (33 anni e 102 giorni), Altero Matteoli del Pdl (29 anni e 100 giorni), Gianfranco Fini (29 anni e 100 giorni), il cattolico Pier Ferdinando Casini (29 anni e 100 giorni), Filippo Berselli del Pdl (29 anni e 100 giorni), Carlo Vizzini dell’Udc (29 anni e 61 giorni), Livia Turco del Pd (25 anni e 110 giorni), Teresio Delfino dell’Udc (25 anni e 110 giorni), Luigi Grillo del Pdl (25 anni e 110 giorni), Francesco Pontone del Pdl (25 anni e 110 giorni), Domenico Nania del Pdl (25 anni e 110 giorni), Anna Finocchiaro del Pd (25 anni e 110 giorni), Giuseppe Calderisi del Pdl (24 anni e 162 giorni), l’ex democristiano Calogero Mannino (24 anni e 93 giorni), Massimo D’Alema (23 anni e 193 giorni), Giulio Gamber del Pdl (23 anni e 86 giorni), Umberto Bossi (21 anni e 192 giorni).
Nonostante questi politici (la maggior parte di area centrodestra) siedano da ben più tempo in Parlamento di Emma Bonino (ed in molti casi con un curriculum di gran lunga inferiore), i nostri cattolici non hanno sentito la necessità di puntare il dito contro nessuno di questi esponenti.
In questa classifica ovviamente ci sono – a poca distanza da Emma Bonino – politici come il cattolicissimo Carlo Giovanardi, Maurizio Gasparri, Roberto Castelli, Roberto Calderoli, Roberto Maroni, Ignazio La Russa (tutti con 20 anni e 179 giorni in Parlamento), Fabrizio Cicchitto (20 anni e 140 giorni), Giulio Tremonti, Rocco Buttiglione e Silvio Berlusconi (tutti con 18 anni e 188 giorni) e Marcello Dell’Utri (16 anni e 164 giorni).

C’è da chiedersi come mai gli uccrociati non chiedano la rottamazione (per usare un termine in voga) anche di idoli della destra religiosa come Giovanardi, Buttiglione e soprattutto del “cattolicissimo” Silvio Berlusconi.
Ovviamente in una eventuale lista di “rottamandi” della politica meriterebbe un posto di rilevo il “Celeste” membro di Comunione e Liberazione Roberto Formigoni, deputato nella X, XI, XII legislatura, senatore nella XV legislatura ed attualmente presidente (dimissionario) della Regione Lombardia di cui è governatore ininterrottamente dal 23 aprile 1995: anche per lui gli uccrociati chiederebbero la rottamazione?

Cagliostro
www.alessandrocagliostro.wordpress.com

@Cagliostro1743

15 pensieri su “La destra religiosa chiede la rottamazione di Emma Bonino: cosa dire di Berlusconi, Giovanardi e Formigoni?

  1. AlbertoBAlbertoB

    Eh… come potrebbe essere altrimenti dato che questi ragazzetti sono nati e cresciuti con Berlusconi in carica , in famiglie medio-borghesi SICURAMENTE orientate a destra (quella populista e clericale) , frequentando l’oratorio parrocchiale e poi sorseggiando latte e Nesquik davanti alle tv Mediaset?

    Rispondi
      1. FSMosconiFSMosconi

        Con un pizzico di FN (giustamente, essendoci anche i Giessini*)

        OT:
        E al solito il Volpone non perde l’occasione per elogiare il fascio-nazionalista Orbàn. http://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_negative.gif

        *per chi non lo sapesse: GS è la versione giovanile (16 anni c.a) di CL, non per niente riprende il suo vecchio nome.
        Al solito rimando alla lettura della Lobby di Dio

        Rispondi
          1. FSMosconiFSMosconi

            Intendo dire che il rapporto di estrema confidenza tra GS e FN è più che palese, nel caso specifico mi rifaccio all’intervista dell’ex-giessino Paolo Parantoni contenuta nel libro cui sopra, che mostra bene l’ostracismo per qualsiasi non sia più a sinistra del braccio mancino ed, appunto, la presenza di membri di FN nell’organizzazione.

            Poi, aggiungi che UCC[R?] sia politicamente vicina a questi qui…
            Ci siam capiti insomma. http://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wink.gif

  2. Remo

    Gli uccretini scrivono: “non si sa con quale autorità il pensionato torinese”. Cagliostro, questo stile non le ricorda forse qualcuno?

    Rispondi
    1. Remo

      P.S. Data la critica, mi chiedo, allora, con quale autorità sti ragazzotti da sacrestia trattino di diritto, statistica, psicologia, teologia, ecc.
      Della serie “il bue che dà dal cornuto all’asino”.

      Rispondi
  3. Priapus

    Caro Cagliostro, hai scritto un panegirico di Emma ed hai trattato bene alcuni suoi amici, ma hai dichiarato, alcuni giorni fa, di votare Tonino il manettaro.
    Non ci vedi alcuna contraddizione?

    Rispondi
    1. adminadmin

      Il finto conte44 sul suo modesterrimo blog si diverte a costruire contraddizioni accostando frasi prese a casaccio dagli scritti di Cagliostro… Sei tu sotto mentite spoglie? ;-)

      Rispondi
    2. CagliostroCagliostro Autore articolo

      No, non ci vedo alcuna contraddizione.
      Prima di tutto non ho scritto nessun panegirico su Emma Bonino: mi sono solo limitato a riportare il suo curriculum politico per smentire che Emma Bonino non ha tentato di fare politica ma mi sembra ci sia riuscita in pieno (come definisci una che diventa Commissario Europeo?).
      Non vedo quali amici di Emma Bonino avrei trattato bene: ho riportato solo i dati di politici (di destra e sinistra) che siedono in Parlamento da più tempo di Emma Bonino.
      Inoltre si può benissimo non condividere le idee di un partito ma apprezzarne singoli esponenti. Infatti sebbene antipatizzi per il Pdl posso apprezzarne singoli esponenti come Guido Crosetto ad esempio. Simpatizzare (o votare) per Idv non mi impedisce di apprezzare politici che appartengono ad altre forze politiche: non capisco quale sia il problema.
      Tonino manettaro? Non mi sembra che Di Pietro abbia subito provvedimenti disciplinari. Ti ricordo inoltre che il fermo di polizia è sottoposto a ferree regole in cui non è coinvolto solo il pubblico ministero.

      Rispondi
  4. Priapus

    Sarà sbagliata la mia opinione che tu tii contraddica, ed in tal caso me ne scuso; ma ho molta stima per Emma e per il suo partito ed infatti, da qualche anno li voto regolarmente. Le decorazioni che hai citato sono quelle che si danno per sincera stima, non per ipocrisia diplomatica, so infatti che Maroni è “Gentiluomo di Sua Santità” e D’Alema addirittura “Viceconte”, cosa che mi ha veramente divertito.
    Ma di tutti i personaggi che hai citato, quanti hanno decorazioni meritate per azioni come la difesa dei diritti umani o politichedi utilità generale?
    Ho invece poca stima per il Tonino, e non solo per la sua rozzezza e le sue tendenze cattofasciste; ho seguito la farsa di Mani Pulite, dove hanno giustamente perseguito i ladri, ma hanno salvato gli amici, che erano più ladri degli altri ed erano anche pagati dai nemici dichiarati del nostro paese e del nostro sistema di alleanze La parte contro cui hanno infierito è stato Craxi ed il suo partito, odiatissimi da tutti i comunisti per averli isolati, sostituendo De Martno alla segreteria del PSI e staccandolo dalla sudditanza al PCI. Se per Borrelli e gli altri questo rientra nella normalità di una certa lotta politica, per il Tonino, chiaramente fascista, è stata una operazione mercenaria, ai soli fini carrieristici, come il colleggio blindato del Mugello. Ho anche seguito il processo Cusani in diretta Tv, dove non sono state minimamente rispettate le regole del processo accusatorio, delle prove acquisite in dibattimento; per tutto il processo si sono acquisiti i verbali stesi e firmati in procura. Non può esserci prova più chiara della resistenza dell’Ultracasta ad ogni riforma della giustizia e della connivenza del caro Tonino

    Rispondi
    1. CagliostroCagliostro Autore articolo

      Non c’è nulla di cui tu debba scusarti: ci mancherebbe.
      Anche io stimo Emma Bonino (credo si capisse), un po’ meno per i Radicali che – per i miei gusti – hanno cambiato troppo schieramento. E’ contraddittorio stimare la Bonino che è Radicale e meno i Radicali nel complesso? Secondo me no, per lo stesso motivo per cui posso stimare personalmente Guido Crosetto che appartiene al Pdl (che di certo non stimo) oppure posso non stimare persone dell’Idv (partito che voto).
      Hai ragione che le decorazioni che ho citato si danno per sincera stima e non per ipocrisia diplomatica ma dove avrei scritto che le decorazioni a Emma Bonino siano “false”? Ho scritto – in alcuni casi – anche le meritevoli motivazioni per cui le erano state conferite.
      Hai ragione che degli altri personaggi che ho citato molti (se non tutti) non hanno decorazioni per la difesa dei diritti umani ed infatti ho scritto chiaramente che hanno «un curriculum di gran lunga inferiore».
      Tonino Di Pietro con tendenze cattofasciste? Scusami ma definire cattofascista l’unico che attualmente ha presentato un disegno di legge per il matrimonio omosessuale e che si è opposto ad eliminare l’articolo 18 mi sembra eccessivo.
      Borrelli e Di Pietro hanno colpito il Psi? Certamente: si vede che c’erano dei validi motivi (ed infatti Craxi è stato condannato in via definitiva). Per il resto mi sembra che anche la Democrazia cristiana sia stata ben colpita.
      Di Pietro chiaramente fascista? Scusa ma in cosa sarebbe fascista? Forse ti dovresti rivedere un Porta a Porta di qualche anno fa in cui Di Pietro si scagliava contro una politica con un cognome famigerato: Mussolini.
      Pensi che quella di Di Pietro sia stata una «operazione mercenaria, ai soli fini carrieristici»? Vorrei sapere cosa intendi per “mercenaria”: pagato da chi?
      Per quanto riguarda i “fini carrieristici” ti ricordo che Di Pietro si dimise dalla magistratura nel 1994 ed entrò in politica solo nel 1996 come ministro esterno dei Lavori pubblici del governo Prodi I.
      Per quanto riguarda il collegio del Mugello, ti ricordo che erano elezioni suppletive solo per il collegio del Mugello (perché Pino Arlacchi venne nominato vicesegretario dell’Onu) e quindi – in quel periodo – non c’erano altri collegi disponibili: infatti il 1997 (anno in cui Di Pietro entrò in Senato) non è stato anno di elezioni politiche. In ogni caso Di Pietro si scontrò per le elezioni del Mugello con Giuliano Ferrara e Sandro Curzi: due nomi di una certa portata. Se Di Pietro avesse voluto fare facilmente carriera avrebbe accettato la proposta politica fatta precentemente da Silvio Berlusconi di diventare ministro.
      Nel processo Cusani non sono state rispettate le regole del processo?! Scusa ma capisci che in questo modo non accusi Di Pietro ma il giudice del processo Cusani (non ricordo chi fosse) che ha appunto il compito di far rispettare le regole. Scusami ma non credo proprio che – un processo che sia svolto addirittura in diretta tv – non siano state rispettate le regole: ad ogni modo gli avvocati della difesa servono proprio a far tutelare gli interessi del loro assistito. Non mi sembra che gli avvocati di Cusani (e Cusani stesso) abbiano detto qualcosa a riguardo.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_bye.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_good.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_negative.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_scratch.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wacko.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yahoo.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cool.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_heart.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_rose.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_smile.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_whistle3.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yes.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cry.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_mail.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_sad.gif 
https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_unsure.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wink.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/skull-400.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/trident.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/beer.gif 
 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.