Cupi e foschi segnali dal passato.

Il minidio Pontifesso ha già mandato molti chiari segnali al nostro caro avvocato giornalista Murattiano. Chi ha orecchie per intendere, intenda. Gli altri, inalbergo!

Ecco il chiaro avviso a tutti i fallimentaristi pugliesi, nel 2008:

Curatore fallimentare ucciso per uno sfratto

L’episodio nel centro di Foggia. Costanzo Iorio, 68 anni, stava notificando uno sfratto. L’inquilino, Antonio Stridi, 65 anni, proprietario di un’armeria, ha perso la pazienza e gli ha sparato tre colpi

http://www.ilgiornale.it/interni/curatore_fallimentare__ucciso_sfratto/06-06-2008/articolo-id=267083-page=0-comments=1

Ucciso per uno sfratto

Dramma a Foggia

Costanzo Iorio, curatore fallimentare di 68 anni, è stato ucciso a colpi di calibro 38 per una procedura fallimentare

http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/cronache/200806articoli/33487girata.asp

Poi il minidio ha ribadito con forza il suo messaggio, spostandosi nella regione del Maldestro (per avvisare, forse, anche quest’ultimo).

Ucciso a colpi di pistola il presidente dell’Ordine dei Commercialisti

Un commercialista, Liberato Passarelli, alla guida dell’Ordine dei Commercialisti di Castrovillari è stato ucciso nel suo studio a colpi di pistola. […]

A quanto si è appreso, infatti, Passarelli, nella sua qualità di commercialista, era anche il curatore fallimentare di un’azienda di cui era socio Signoretti. Quest’ultimo è ancora sotto interrogatorio negli uffici della Procura della Repubblica di Castrovillari.

http://dirittodicronaca.it/index.php?option=com_content&view=article&id=570:ucciso-a-colpi-di-pistola-il-presidente-dellordine-dei-commercialisti&catid=40:cronaca&Itemid=65

Noi non sappiamo decodificare i complessi e misteriosi messaggi del minidio Pontifesso con certezza e con precisione. Ma la fede ci insegna che eSSo invia sempre messaggi chiari e questa volta il messaggio ci sembra oltremodo inequivocabile! A buon intenditore, poche parole. Anzi, citando la saggezza popolare: Acquanne la vidue se marite, nonn’è amore, ma ié preddite.

 

23 pensieri su “Cupi e foschi segnali dal passato.

  1. adminadmin Autore articolo

    E spero che basti leggere la perla di saggezza con cui si conclude l’articolo per capire che qui, di minacce (almeno da parte nostra) non v’è traccia. Al massimo le minacce arrivano dal minidio Pontifesso!

    Rispondi
  2. francesco t

    OT : oggi fa capolino il nuovo sistema pontifesso :

    ***

    Abbiamo raggiunto il numero massimo di commenti pubblicabili per questo articolo.

    ***

    curioso che un articolo abbia si e no 10 commenti, mentre un altro decisamente meno, mentre in altri casi si è arrivati a fare 5 pagine di discussioni.
    eh i pontifessi perdono colpi…non sono più in grado di reggere la critica, o meglio, di smentirla…perciò cercano, maldestramente, di limitarla.
    trololol

    Rispondi
        1. Alessandro M.

          Ovviamente l’articolo da cui è nata la decisione di bloccare tutti i commenti è quello sulla sentenza della Cassazione.

          Dark Fox e Charles Of Stone stanno veramente raschiando il fondo per provare ad arrivare anche più in basso di quanto non abbiano fatto finora.

          Come diceva quella Legge di Murphy?

          “Se i fatti sono contro di te, contesta la legge Se la legge è contro di te, contesta i fatti Se i fatti e la legge sono contro di te, strilla come un dannato”

          Rispondi
          1. francesco t

            no no, guarda più in grande, alessandro….
            gli articoli “bloccati” sono quelli che parlano di “guarigione dei gay”!
            è un caso che tutto questo sia avvenuto in seguito alle prove da me fornite che smentivano tutto un articolo in merito?

            mah, chissà …

          2. adminadmin Autore articolo

            La gestione ondivaga dei commenti Pontifessi mi ha sempre urtato lo stomaco. Ed è la ragione per cui non ho mai lasciato un commento sul loro “bel” sito. Ragion per cui posso, a ragione, sostenere di non essere mai stato bannato dagli amici Pontifessi. 😉

          3. francesco t

            senza nulla togliere anche a te ,a steven, betta e tutti gli altri, ovviamente!

            sembra quasi che onde evitare di finire nuovamente dalla parte del torto, preferiscano bloccare qualsiasi tentativo di critica.
            purini. XD

          4. Alessandro M.

            Essere ancor di più dalla parte del torto, nel loro caso, credo sia tecnicamente impossibile

          5. adminadmin Autore articolo

            Mi sovviene un celebre aforisma di Brecht: Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.
            Anche se dubito che gli amici Pontifessi possano conoscerlo. 😉

  3. Giuse Rossetti

    Buongiorno. Sono la “causa” di quel neonato e misterioso limite ai commenti. Era la terza volta nella mia vita (in una manciata di giorni) che scrivevo su quella sorta di blog, breve esperienza che (almeno per ora) sembra bastare ed avanzare. Mi è arrivata un’email nella quale si invita il sottoscritto a non andare oltre per “non incorrere in azioni legali”. Tra i miei passatempi preferiti, c’è la trasformazione dell’odio verso i bigotti in analisi (pacata) con relative domande (pacate) che puntino al nocciolo. Devo dire che non mi era mai successo di incontrare un estremismo a tali livelli. Notevole, davvero. Ne approfitto per postare qui sotto il mio punto di vista su questo articolo (che ha poi generato il “limite massimo”), prima che faccia una brutta fine andando perduto. Non si sa mai…

    “La società è nettamente divisa sul tema dell’omosessualità. Da una parte abbiamo i cattolici che, come ben si evince ad esempio dagli articoli di Pontifex, definiscono i gay “peccatori mortali”, “malati da curare”, “aberranti esempi per i nostri figli”, esseri che vivono una condizione “perversa e demoniaca”, il loro è un peccato “secondo solo all’omicidio volontario e alla Mafia”. Mentre l’opinione opposta si limita a considerare gli omosessuali per quello che semplicemente sono: persone. Senza additarli, e soprattutto dando per scontato che abbiano (o debbano avere) pari diritti su tutti i piani. Detto questo, occorre un genio per capire da quale di queste due scuole di pensiero possa nascere un odio talmente profondo da dare origine a crimini ed azioni del genere? E’ inutile minacciare querele o ultimatum, perchè qui nessuno ha detto o dice “voi di Pontifex siete autori di quel pestaggio”. Avere responsabilità morale o essere accusati di aver commesso una fatto sono due cose diverse, almeno nel nostro paese. Certo è, e con molta evidenza, che una risposta con così tanta foga ed irritazione sembra già di per sè farsi carico di una responsabilità morale. Come del resto quella che seguirà, giocoforza, a questo mio commento.”

    Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      Sono la “causa” di quel neonato e misterioso limite ai commenti.
      Innanzitutto non ti prendere tutti i meriti… I limiti e tutte le altre “geniali” iniziative sono frutto principalmente della mente piccola e ristretta che caratterizza gli amici Pontifessi. Incapaci di rispondere alle obiezioni, si arroccano su posizioni francamente ridicole. Talvolta la ragione che adducono per giustificare le censure è la presunta incapacità dei loro lettori di discriminare le affermazioni eretiche da quelle ortodosse. Quindi quando un commento non è loro gradito, lo eliminano. Ed in questo modo danno degli imbecilli a tutti i loro lettori. Contenti loro… 😉
      La nascita stessa di questo sito è dipesa in larga parte dalla gestione (che ho più volte definito “ondivaga”) dei commenti da parte degli amici Pontifessi. Infatti fin dalla fine del 2009 si erano formati gruppi all’interno di Facebook per deridere le argomentazioni usate dai Pontifessi. Nell’agosto del 2010 con una banale scusa (dichiarando falsamente che avevamo violato i loro copyright), hanno ottenuto la chiusura di tutti i gruppi Facebook a loro sgraditi. La risposta è stata questo sito. Hanno più volte provato ad intimidirci ed insultarci. Ma come vedi, noi siamo qui… Senza alcuna intenzione di abbassare la guardia o di desistere. 🙂

      prima che faccia una brutta fine andando perduto.
      Come affermato qui sopra, stai pur certo che, con una qualsiasi banale scusa, il tuo messaggio finirà nel cestino. Considera che in passato, per arginare la quantità di critiche che ricevevano, fecero sparire completamente tutti i commenti. Il loro Geniale Webmaster, adducendo mille scuse (tra cui un presunto attacco hacker) fece intendere che si trattava di una manomissione. Abbiamo invece l’impressione si sia trattato di una semplice manovra per azzittire le critiche. Ma sono solo nostre ipotesi, ovviamente. 😉

      Rispondi
      1. AlbertoBAlbertoB

        Non dimentichiamo poi che molte dichiarazioni (leggasi “stronzate” ) che si leggono sul blog non secolarizzato più lercio del web sono puri e semplici atti di trolling allo scopo di aumentare il numero di click e di conseguenza gli introiti pubblicitari.
        E’ bene sempre ricordare che il blog non secolarizzato più vergognoso del web è gestito da disoccupati o pseudo tali.

        Rispondi
        1. adminadmin Autore articolo

          Giusto, è sempre cosa buona e giusta ricordare alcuni capisaldi che servono per comprendere il significato dell’esistenza del blog non secolarizzato più rozzo e volgare del Web. Una delle poche manifestazioni dell’intelletto umano (o forse della sua carenza) che rende quasi condivisibile l’idea che la rete sarebbe un posto migliore se privata alcuni siti. Come quello Pontifesso.

          Rispondi
    2. francesco t

      io ho sempre detto “ma magari mi denunciassero”. sai che risate mi farei quando in tribunale dimostrerei di essere totalmente dalla parte della ragione, dimostrando peraltro che il sito pontifex contiene apologie all omofobia , alla xenofobia e via dicendo?
      sai che risate quando il responsabile di pontifex dovrà rispondere dell avermi accusato pubblicamente di reati gravi mai commessi?

      eh , loro parlano , parlano di querele e azioni legali….ma la realtà è che non le faranno MAI. il limite al commento non lo fanno perchè sono così dolci e buoni da non voler fare azioni legali(anzi, le azioni legali le fanno con così tanta leggerezza al punto da usarle solo per fare audience!) , ma semplicemente per non far vedere che sono nel torto.

      insomma, in fondo in fondo, i pontifessi si vergognano.e fanno bene direi.

      Rispondi
    3. paopao

      “Tra i miei passatempi preferiti, c’è la trasformazione dell’odio verso i bigotti in analisi (pacata) con relative domande (pacate) che puntino al nocciolo. ”

      oppsalá!
      1.analisi+ 2.domande dirette che puntino al nocciolo ..e con 3.la critica portano alla bannazione eterna … e vuoi che i pontifeSSi non ti censurino e chiudano i commenti?Ce li hai spaventati a morte ..kattifen Giuse!

      Rispondi
  4. Giuse Rossetti

    No no! Lungi da me prendermi tutti i meriti dell’accaduto. A quanto pare io, te e molti altri saremmo più o meno insulsi esseri in questo “ponte fra Pontilex e Pontifex” senza il loro basilare (seppur in parte indiretto) supporto. Che è poi il loro semplice esistere. Ahahah… Ne approfitto per farvi i complimenti, anche per ringraziarvi di cuore; il sarcasmo ci salverà.

    Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      Una precisazione: sentirai parlare di “sito dell’orgoglio gay” oppure di “sito discarica”. Ecco, sono tutti divertenti appellativi usati dagli amici Pontifessi per indicare questo nostro piccolo ritrovo 🙂

      Rispondi
  5. adminadmin Autore articolo

    Siamo stati tristemente profetici… Chi si occupa (oppure chi si occupava) di fallimenti necessita di tutele speciali. Perchè destinatario di un messaggio speciale da parte del minidio Pontifesso. L’ultimo (solo in ordine temporale) è Alberto Musy, di Torino. Con la speranza che il minidio Pontifesso abbia finito, almeno con lui, e lo lasci vivere.

    http://www.nanopress.it/cronaca/2012/03/22/agguato-musy-gli-inquirenti-si-concentrano-sul-movente-personale_P6901333.html

    Rispondi

Rispondi