lacrime e sangue



Questo articolo è stato pubblicato in Non meglio categorizzati il da .

Informazioni su sandro.storri

Progettista e sviluppatore di software precario (Sandro, non il software). Tipico prodotto delle periferie della capitale (aho!, che me 'mpresti na' sigaretta?). Appassionato di cinema e letteratura, usa l'italiano come un dialetto alternativo alla sua lingua madre, il romanesco. Sostiene la battaglia per i diritti civili anche se riconosce che spesso tratta la questione con degli incivili. Ha un pessimo senso dello humor e si vede, anche in questa breve biografia.

30 pensieri su “lacrime e sangue

  1. Caffe

    Mi dispiace, una bella sfilza di luoghi comuni, il tuo discorso è tutto qui: gente seria come i radicali denunciano da decenni un andazzo consociativo sinistre e destre complici, che prima o poi ci avrebbe portato alla bancarotta; adesso ci siamo, fumati le tue sigarette, il fiato te lo potevi fare uscire prima.

    Rispondi
    1. giuxgiux

      prima quando? Prima cè SEMPRE stato solamente Berlusconi.. a parte un poco Prodi che faceva ridere.
      E’ vero che il conto lo vogliono far pagare tutto a quelli che hanno meno… gli si ritorcerà contro cmq…

      Rispondi
    2. Sandro Storri

      Prendo il tuo commento come una critica costruttiva. Mi limito a farti presente che io denuncio un “certo andazzo” da anni. Non dispongo di altro che un canale youtube, della mia videocamera e della mia voce. E’ normale che tu non ti sia accorto di quanto io possa avere detto in precedenza.

      Il mio fiato esce da anni anche se per molti, te compreso, la mia voce non e’ mai arrivata.

      Cio’ che tu chiami luoghi comuni, per molti, me compreso, sono dura realta’. Fare la spesa al discount pensando sempre che non ce la fai, cercare tutti i mesi una scusa per giustificare alla banca il ritardo della rata del mutuo, dover sbattere i pugni sul tavolo per farsi pagare le fatture, dover scegliere ogni volta se versare l’IVA oppure mangiare (si, a me e’ successo di saltare i pasti per pagare l’IVA), la precarieta’ e lo sfruttamento… tutto questo non sono luoghi comuni. sono la realta’ di molti, troppi.

      A me non interessa se i radicali ne parlano da tempo, non mi interessa cosa ne pensano Di Pietro e Bersani. Non me ne frega niente. Io cerco solo di sopravvivere e di dire cio che penso, finche avro fiato.

      Rispondi
      1. paopao

        e arriva pure di peggio! Negli ultimi anni sono stati drammaticamente affievoliti limitati i diritti dei cittadini e quelli dei consumatori. Ho l´impressione che tutto popolo venga preso in ostaggio ..in realtá non mi pare che le banche soffrino per la crisi…
        .

        Rispondi
        1. paopao

          Sandro: ti straquoto! qui la gente non ha ancora capito che non é una questione di appartenenza politica.. non é destra e sinistra…e´sopra o sotto!

          Rispondi
      2. Caffe

        Sandro, abbiamo per anni ballato sull’orlo del baratro, qualcuno cercava di farlo notare e da decenni proponeva, fin da quando si era ancora in tempo, quando non avrebbe fatto così male, i dovuti interventi strutturali; a tutto campo, dalle pensioni alla giustizia. A sinistra hanno dato a questi grilli parlanti la patente di attentatori ai diritti umani, Cofferati, D’Alema e Bertinotti in testa; Che poi, abbia governato per tanti anni Berlusconi cambia poco, questi litigano il giorno ma la notte, quando non li vedono, vanno molto d’accordo a spartirsi poltrone favori e prebende. Come previsto dai grilli parlanti, adesso siamo con un piede nella fossa ed il medico Monti dovrà incidere profondamente nelle nostre piaghe per salvare il salvabile, perché, invece di prendersela con il medico non vi fate un’esame di coscienza? Era questo quello che volevo dire, anche se a te non interessa.

        Rispondi
        1. Sandro Storri

          Questo e’ il punto. Colui che tu definisci “medico” per me e’ il “boia”. Quello che tu chiami incidere profondamente (allo scopo di salvare il paese) per me e’ solo l’ultimo atto di un processo che va avanti da almeno 25 anni.

          Quanto detto dalla sinistra e dalla destra non ha importanza, sul serio. Rileggi, col senno di poi, tutti i proclami, tutti i programmi, tutte le promesse mai mantenute. La sinistra e la destra sono tragicamente gemelle, due facce della stessa medaglia. Sono state e sono i rappresentanti in parlamento di un gruppo di potere che ha in mano il paese.

          Lo vuoi capire che i termini “sinistra” e “destra” sono completamente privi di significato? Chi sarebbe di sinistra? uno come Bersani? uno che parla di giustizia sociale e poi avalla porcherie come la manovra di Monti, una manovra che paghera’ solo la povera gente? chi e’ di destra? Berlusconi? un populista statalista che e’ liberale solo a parole?

          destra e sinistra sono solo lo specchietto per le allodole, una colossale presa in giro. Il vero verso della politica in italia e’ “alto” e “basso”. in alto una oligarchia che ha in mano tutto il potere politico e finanziario, in basso il popolo, tutti noi, che quel potere dobbiamo subire senza poter reagire.

          Per questo dico che non me ne frega niente. non perche io sia un qualunquista. perche’ sono consapevole che non saranno certo questi buffoni in parlamento a tutelare la mia liberta’ ed i miei diritti. per questi buffoni meno siamo liberi e meno diritti abbiamo meglio sara’. non scendo al livello di certe oche da cortile che continuano a starnazzare su questioni di destra e di sinistra come se fossero questioni di opposte tifoserie. questo e’ cio’ che vogliono i padroni e tutti quelli a cui fa comodo avere un popolo che litiga su questioni ininfluenti mentre loro si fottono il nostro futuro ed il frutto del nostro lavoro.

          sta a noi e solo a noi riprenderci la liberta’ ed i diritti che ci sono stati tolti da questa oligarchia di profittatori parassiti.

          Rispondi
          1. Caffe

            Allora stiamo dicendo quasi la stessa cosa con parole differenti; avrei dovuto mettere la parola sinistra, quando l’ho usata, tra virgolette, ma mi sembrava chiaro di cosa pensavo e penso di questi progressisti all’acqua di rose, datoti atto di questo, Sandro lascia che dica quanto segue: non parlo di casi particolari tipo tu o me ma, abbiamo vissuto sopra le nostre possibilità per tanti anni, fregandocene di chi ci metteva sull’avviso e dei nostri figli, era chiaro che si sarebbe arrivati a questo punto, ora bisogna intervenire per forza, diversamente da te, io mi fido di Monti se qualcuno mi deve fare il culo preferisco che sia uno che sa quello che fa e che ha dimostrato in passato di saperlo fare, forse la differenza, tra noi due è solo questa.

          2. Caffe

            OT: scusa Sandro, commentavo il video che credevo opera di Hiram Abif e mi rispondi tu, sono confuso, cosa mi sono perso?

          3. Caffe

            admin, se ho capito bene, posso usare un nick diverso secondo lo stato d’animo, il clima atmosferico o l’ora? Allora, quando sono particolarmente euforico posso firmarmi Caffe corretto? 😆 La faccina con risata si riferisce soprattutto al fatto che sto ascoltando, su radio Maria, Don Livio, il direttore, con un deficiente che gli fa da spalla, che parla e straparla di Satana e mi sta facendo ammazzare dalle risate, ve lo consiglio, è quasi meglio di un film di Totò. 😆

          4. stevenY2J

            Caffé, scusa se mi intrometto nella discussione fra te e Sandro, ma non riesco proprio a non dire la mia. Monti mi ha già deluso, sinceramente e, a questo punto, devo dire che non mi fido di lui. Il problema non sono i sacrifici o il “fare il culo”. I sacrifici ci possono anche stare.
            Il punto é che la manovra, praticamente, non tocca i ceti alti e si sfoga sulle pensioni, la reintroduzione dell’ICI e il carburante. Quando non si sa dove andare a prendere soldi, si aumentano le tasse sulla benzina, approfittando del fatto che tutti, praticamente ne hanno bisogno.
            Ora, queste misure possono anche andarmi bene ma spiegami perché Monti non ha introdotto una patrimoniale? Spiegami perché non ha introdotto un contributo di solidarietà per le pensioni d’oro, come ha sottolineato Cofferati? Sono rimaste le migliaia di parlamentari, sottosegretari, portaborse, consiglieri ecc… ad affollare il parlamento. Sono rimaste le inutili province. Per quale ragione i patrimoni “scudati” che Berlusconi ha condonato più volte vengono tassati con un minimo 1,5 %?
            Sono sicuro che se i tagli fossero stati fatti partendo “dall’alto”, anche quelli più in basso sarebbero stati meno sofferti e, probabilmente, anche meno incisivi.
            Tieni conto anche del fatto che, congelando le pensioni, aumentando il carburante e aumentando le tasse, la gente tenderà a risparmiare e, se questa in sé e per sé potrebbe essere una buona cosa, porterà però ad un calo dei consumi. Questa si chiama recessione.
            Si tratta, secondo me, di una manovra davvero pessima e ciò che mi spaventa é il plauso di tutte le forze politiche, ad eccezione della Lega (!!!), di SEL e IDV (che a questo punto, avrà – di nuovo – il mio voto).
            Ora, io non ho mai sostenuto Berlusconi, ma se l’avesse proposta lui una simile manovra avrei visto manifestazioni di piazza 25 ore su 24. Il PD, invece, s’inchina a 90° solo perché ha parlato Monti.

  2. Caffe

    Parlavo degli ultimi sessantanni, giux, non ti do i link, ma da da Cofferati in poi, i veri tutelati non sono mai stati i più poveri, informati.

    Rispondi
    1. giuxgiux

      si posso anche cercare sui libri di storia… ma ciò che è stato prima che nascessi x me è storia e basta.
      Io ancora non potevo votare che già c’era Berlusconi … ha fatto tutto quello che voleva.. gli altri erano pure peggio.
      Al di là di quello… mi pare che il benessere sia aumentato dalla guerra ad oggi ed è solamente negli ultimi anni (praticamente da quando ho cominciato a lavorare io sigh!!!!!) che con lo stipendio ci fai sempre di meno.. e prima stavi bene.

      Rispondi
  3. adminadmin

    Sandro, una provocazione. Cosa provi nell’osservare che la tua critica a Monti si unisce ad un folto coro che comprende anche il brillante avvocato giornalista di Murat? Ti prego, distinguiti dal direttore Pontifesso! 😀

    Rispondi
    1. Sandro Storri

      admin, data la mio posizione geografica non posso fare altro che tifare per la “maggica”. questo non fa di me un ultra’ che va a prendere a coltellate “li lazziali”. sono una persona civile con la sua fede calcistica e, pur tifando la stessa squadra, non ho nulla a che spartire con gli ultra’.

      ti chiederai, “ma questo che sta a di?”. sto dicendo che e’ una pura coincidenza che io, sulla manovra Monti, possa avere idee vicine a quelle di un ultra’ come Volpe. Lui, d’altro canto, sarebbe contro comunque, a prescindere.

      Sarebbe interessante chiedere a Volpe come si sente ad essere d’accordo con Vendola 🙂

      Rispondi
      1. marione

        Su molte posizioni “fazioni politiche” contrapposte hanno espresso pareri discordanti. Ad esempio estrema sinistra, destra sociale e lega nord a suo tempo diedero parere contrario all’ingresso dell’italia nel sistema euro definendo l’Europa come “l’unione bancaria di stati e non unione di popoli”. A prescindere che col senno di poi questa posizione era più che azzeccata e a prescindere che comuqnue l’italia non poteva non entrarci e ralasciando tutta una serie di altre considerazione, questo ti fa capire come molto spesso diverse forze sociali e politiche esprimano posizioni uguali. Questo rendeva uguali bertinotti, bossi e la mussolini (leader di allora delle forzr sovracitate)? direi di no.

        Rispondi
        1. stevenY2J

          Mi permetto una risposta un po’ profonda alla provocazione 🙂
          Tutto questo dimostra quello che, in pratica, é la mia filosofia di vita. Ovvero, che non esistono “persone buone” e “persone cattive” in assoluto. Ogni individuo ha punti di vista, opinioni, idee e concezioni diverse. Spesso sono davvero odiose. Quando leggo certi commenti di Volpe su gay ed extracomunitari mi prudono davvero le mani. Eppure, io sono convinto che ci sia sempre spazio per un dialogo e per un confronto sereno.
          Farlo attraverso i blog é un po’ complicato, ma io sono abbastanza convinto, per esempio, che in un dialogo faccia a faccia con Bruno Volpe riuscirei ad avere un buon confronto e, magari, a modificare alcune sue opinioni decisamente opinabili (come l’ormai famoso reato di omosessualità).
          Alla fine, lo stesso Volpe, per esempio, ammette di essere d’accordo con Vendola. Io penso che, da questi punti in comune, gli individui possano partire per appianare anche le divergenze. L’importante é farlo con le armi giuste, ovvero il dialogo e il saper ascoltare.

          Rispondi
  4. AlbertoBAlbertoB

    Sarà… io ho sempre votato Berlusconi e mi sono sempre trovato bene.

    (Sdrammatizziamo un po’ , dato che tendo anch’io all’essere sull’incazzato andante spedito riguardo la questione)

    Rispondi
    1. Sandro Storri

      federicoB, di alternative ce ne sono eccome!

      1) annullamento e revisione della gara per l’assegnazione dei canali del digitale terrestre (regalo di Berlusconi a se stesso). porterebbe un introito secco di 16 miliardi di euro (mezza manovra Monti).

      2) revisione delle assegnazioni per la Difesa. Stanno per comprarsi un po’ di fregate lanciamissili, sommergibili, cacciabombardieri stealth e carri armati. rivedere queste assegnazioni potrebbe dare 5 miliardi di euro

      3) introduzione di una tassa patrimoniale sui capitali SERIA. non e’ quantificabile ma potrebbe dare ALMENO 10 miliardi di euro

      4) introduzione dell’ ICI sui grandi patrimoni immobiliari (non prima casa) compresi quelli della Chiesa Cattolica (ora esente). ALMENO altri 10 miliardi di euro.

      tiriamo le somme :

      16 + 5 + 10 + 10 = 41 miliardi di euro

      praticamente il valore della manovra Monti.

      Se avessero fatto le cose SERIE non avrebbero tagliato le pensioni e avrebbero fatto fare i SACRIFICI a quelli che non li hanno MAI fatti, non ai soliti, avvero i lavoratori, i pensionati e la classe meno agiata.

      meditate gente.

      Rispondi
      1. Caffe

        Tutto facile Sandro, il discorso sembra filare; ti sarei però grato se mi indicassi le fonti da dove hai preso le cifre che hai dato, e di cui sei così sicuro (da quello che si legge su vari giornali, anche di diverso orientamento politico, la cifra ricavabile dai provvedimenti che hai citato è di qualche ordine di grandezza inferiore da quella da te indicata), per il resto recuperare soldi da quelli che ne hanno di più, dai veri ricchi col soldo all’estero agli evasori fiscali integrali richiede la messa a punto di strumenti tecnici e legislativi adeguati; cosa che i nostri politici si sono ben guardati dal fare fino ad adesso, impostare e rendere operativi questi strumenti è cosa della massima urgenza, Monti si sta avviando ad agire anche in quella direzione, ciò richiederà tempo: ma tempo non ne abbiamo, stiamo per andare zampe all’aria, non sono felice di dover fare sacrifici al posto del cummenda che c’ha lo yacht a Montecarlo, a me i soldi prima di finirmi in tasca devono passare sotto le forche caudine del fisco, e molte banconote si perdono per strada nel tentativo di raggiungermi, però, quando usciremo dalla buriana ricordiamoci quello che stiamo passando, e, nel segreto dell’urna, comportiamoci di conseguenza.

        Rispondi
        1. paopao

          m´intrometto..

          se anche invece di 41 miliardi ne risparmassero anche solo uno..
          Il punto é che non ci pensano proprio.. vanno diretti alle tasche dei piú poveri.
          E venitemi a raccontare, di qualsiasi partito voi siate, che quei cialtroni non possono rinunciare nemmeno, che ne so, a 500 € del loro stipendio…
          A me, al loro posto, verrebbe il voltastomaco tagliare le pensioni e sapere che a fine mese la mia bustarella é bella piena, come sempre ..e per cosa poi?

          Rispondi
        2. Sandro Storri

          Caffe, i dati sono pubblici e consultabili liberamente.

          1) gara frequenze : dibattito aperto e movimenti in azione per chiedere la revisione della gara. basta che ti vai a leggere i principali quotidiani di oggi

          2) spese militari : basta che ti vai a leggere la relazione di bilancio. l’unica modifica e’ stato il taglio di 8,5 milioni di euro per la spesa della cosidetta “mini leva”, i volontari dell’esercito. per il resto e’ tutto come prima, ovvero una spesa di circa 8 miliardi in navi, sommergibili, cacciabombardieri e carri armati. mi spieghi che ci facciamo con gli F35, cacciabombardieri stealth, costruiti per attaccare e non per difendere? questo e’ un regalino di La Russa.

          3) patrimoniale : i numeri che ho dato non sono inventati da me. sono studi fatti dalla Banca d’Italia che stima il patrimonio italiano totale in circa 9.000 miliardi di euro. applicando su questo patrimonio una aliquota fissa tra lo 0.1% e lo 0.2% si avrebbero tra i 9 ed i 18 miliardi di euro.

          4) ICI : rientra nel punto 3. sarebbero da studiare le ripartizioni tra patrimonio mobiliare ed immobiliare, ma i numeri ci sono tutti.

          Rispondi
      2. federicoB

        In linea di principio sono d’accordo su tutto ma:
        – I punti 1 e 2 sono sono “una tantum” e l’anno prossimo ci ritroveremo nella stessa situazione di ora.
        – La tassa patrimoniale è facile a dirsi ma difficile a farsi, i grandi patrimoni sono investiti in immobili, asset aziendali, titoli di stato, ecc ecc…
        – L’ici è stata reintrodotta con un’aliquota più bassa per la prima casa, per le seconde case non è mai stata abolita e viene aumentata con la manovra, per le attività commerciali idem. Quindi non è che ci siano grandi margini di manovra e di aumento delle entrate. Sarebbe giusto che la pagasse pure la chiesa certo, questo è ovvio, sfondi una porta aperta.

        La voce “spese” del bilancio dello stato è composta essenzialmente da 3 parti: pubblico impiego, sanità, previdenza. Dove taglieresti tu?
        Tagliare gli insegnanti? La sanità?
        Purtroppo il sistema pensionistico ha vissuto per decenni nettamente sopra le proprie possibilità, con un’età media che si avvia ai 90 anni non è possibile andare in pensione a 60 anni. Con i contributi miei e dei lavoratori paghiamo la pensione alla moglie di bossi che si è ritirata dal lavoro a 39 anni…

        Rispondi
  5. Groucho

    Sono molto vicino a ciò che dice Sandro, anzi, forse un po oltre…credo che semplicemente il sistema capitalista stia collassando e ho il timore che i padroni della baracca non sappiano più che fare per evitarlo…forse una bella guerra in modo da tenere occupati e “spensierati” i vari popoli. Sono anche convinto che dopo Grecia e Italia qualche altra big ci seguirà a breve e allora tenere a galla euro ed Europa sarà dura. La cosa che più mi preoccupa, comunque, va oltre quello che sono i problemi dell’ Italia (anche se questi sono più tangibili e quotidiani), credo che la Cina stia strozzando sia l’Europa che gli Usa, credo che tenterà di toglierci quelle materie prime che l’occidente ha sempre controllato e di cui (la Cina) ha grande bisogno per continuare la sua corsa e credo che questo porterà a un conflitto che mi è difficile immaginare solo economico… Io ho due figlie adolescenti e non ho molto piacere nel pensare a un futuro turbolento, non mi reputo un catastrofista e, non credendo in dio, ho sempre creduto nell’uomo e nella sua capacità di costruire….ora, invecchiando, divento sempre più scettico e vedo l’uomo sempre più stupido. Comunque cerchiamo almeno consolazione non facendoci mancare del buon succo di frutta… Saluti a tutti.

    Rispondi
  6. paopao

    premetto che non appartengo a nessun partito , nemmeno a questo, pero cavolo, ti girano le scatole quando ci chiedono sacrifici e poi spendono miliardi per le armi..

    Rispondi

Rispondi