La faida!

Brunello è ormai alla deriva e coglie ogni possibile spunto per produrre le sue prodi Pontifesserie. Quest’oggi si scaglia contro alcuni commenti che ha letto (o che forse gli sono stati trasmessi via fax, vista la sua scarsa dimestichezza con la tecnologia in generale) all’interno del suo bel sito Pontifesso. Ed i suoi modi sono davvero grezzi e rudi, indegni di un giornalista. Così come indegno di un giornalista è la stessa scelta di entrare in palese polemica con i suoi lettori, non certo dialogando con loro attraverso i commenti quanto piuttosto condannando e diffamando attraverso “ediTToriali”. Ma d’altra parte cosa possiamo aspettarci da un ex avvocato che scrive articoli per il suo stesso giornalaccio spacciandosi per “direttore” essendo un semplice giornalista pubblicista (quindi non professionista e neppure troppo professionale)?

ci tocca replicare ad un affezionato scrittore di commenti sul blog, che con la saccenteria tipica degli atei o dei gay (fate voi), crede che le sue tesi siano oro colato. Vendola non ci convince e non lo voteremmo mai. In più, omosessuale come é, non avrebbe diritto ad assumere cariche direttive, per lo meno in uno stato etico. Idem per quell’altro nulla che é tal signor Antonio dal cognome barese.

Eh Brunello anche a noi tocca replicare tutti i giorni pur senza scrivere sul tuo bel blog Pontifesso non secolarizzato. Ma non facciamo illazioni sul tuo conto. Ed indichiamo puntulamente le tue affermazioni che intendiamo criticare. Tu invece ti scagli contro un anonimo non meglio identificato ed in non consenti ai tuoi lettori di identificare la provenienza dei commenti del presunto saccente. Noi troviamo che questo tipo di comportamento sia davvero imbarazzante, dimostrazione di profonda insipienza ed insicurezza oltre che di disonestà intellettuale: se sei tanto sicuro delle tue idee, perchè non dare modo ai tuoi affezionati lettori di leggere (e magari replicare, sostenendo le tue ragioni) ai commenti del saccente? Poi parli, proprio tu, di saccenteria quando ormai è acclarato che proprio tu sei solito prendere posizioni su argomenti che non conosci. E quand’anche si tratta di argomenti che dovrebbero invece ricadere nella sfera delle tue competenze riesci spesso a ricavarne magre figure. Come ad esempio quando parli del caso Claps. Ogni volta che apri bocca rimedi una brutta figura. Vuoi ragguagliarci circa l’evoluzione del duello legale che vede contrapposto il tuo bel sito e la dottoressa Genovese che ha indagato sull’omicidio della povera piccola Elisa? Vogliamo parlare degli interventi di Taormina e Carnevale che criticano le indagini (tirando in ballo, come sempre a sproposito, la massoneria) svolte dai magistrati potentini? Vogliamo parlare della querela che avete ricevuto?

http://www.pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/editoriale/il-fatto/6994-non-ci-facciamo-intimidire

Evidentemente la lezione non ti è servita perchè affermi, parlando del fratello della piccola Elisa:

Le ostilità sono state avviate dalla famiglia Clpas e dal protagonista Gildo, che meglio farebbe a stare zitto, tacere e rispettare chi ha la funzione di dirigere una Arcidiocesi. Questo signore sembra ormai una scheggia impazzita, libero di attaccare chi vuole, come vuole e senza assumersi alcuna responsabilità. Se ha dati e fatti, li dica ai giudici, invece di fare il pavone in Tv.

Parli di ostilità: non provi mai un briciolo di vergogna per quello che scrivi? Chiedi a Gildo (che presumibilmente non ti legge quindi non potrà mai dare la sua versione dei fatti) prove che sostengano le sue accuse. E tu invece che prove porti a sostegno delle tue accuse gravi? Ti rendi conto che proprio in virtù del ruolo pubblico che ricopre chi gestisce una Arcidiocesi, è necessario che da un Vescovo provenga un buon esempio? E ti rendi conto che nascondere informazioni agli inquirenti è l’esatto contrario di questo buon esempio che dovrebbe provenire da un Vescovo? Ti rendi conto che accusi Gildo di essere una “scheggia impazzita, libero di attaccare chi vuole, come vuole e senza assumersi alcuna responsabilità” e mentre scrivi queste parole parli in realtà di te stesso? Sei tu che quotidianamente ti scagli come un ariete a testa bassa contro omosessuali, comunisti, ebrei, musulmani, massoni, infedeli… Sei tu che quotidianamente dirami le tue condanne (oggi a Genova, ieri a Roma, domani chissà, magari proprio la tua Bari) adducendo come unica “prova” il tuo stesso pensiero e le tue elucubrazioni, fatte spesso emergere tra le parole di poveri vecchietti che hanno forse ormai perso l’uso della ragione e sono pertanto chiamati “emeriti”?

Sai Brunello, riteniamo che la tua sia tutta invidia. Invidia per Strazione che viene intervistato al fianco di Scilipoti mentre tu non ti si fila nessuno. Invidia per Gildo Claps, che deve guardarsi dalla continua esposizione mediatica. Tu invece non ti si fila nessuno. Invidia che si manifesta con questi tuoi giudizi e queste accuse. Giudichi ed accusi gli altri per un transfer: stai in realtà giudicando ed accusando te stesso. C’è molta autobiografia in quello che scrivi.

Sempre da ambienti giudiziari, si sa che il telefono privato del Vescovo, monsignor Superbo sarebbe stato sottoposto ad intercettazione. Dunque: non ci scandalizza affatto lo strumento di indagine, in quanto un Vescovo é comunque cittadino sottoposto alle comuni leggi dello Stato. Ci infastidisce e sconcerta il clima da caccia alle streghe che si é instaurato nei confronti della chiesa potentina.

Caccia alle streghe? Brunello forse ti sei scordato che il cadavere di Elisa è stato trovato all’interno di un edificio di culto. Forse ti è sfuggito un dettaglio: occorre capire se Elisa è arrivata in quel luogo da viva per poi restarci (per moltissimi anni) da morta, priva di una degna sepoltura, sottratta all’affetto dei suoi cari. Già ma è inutile parlare di certi argomenti con te, fervente cattolico felicemente separato dalla moglie messicana, senza aver mai generato progenie.

E scusaci se ribadiamo il concetto: noi non vediamo un clima di caccia alle streghe. Noi dalla cronaca abbiamo appreso che don Mimì Sabìa aveva impedito l’accesso al sottotetto della chiesa, dove poi è stato trovato il corpo di Elisa. Noi dalle cronache abbiamo appreso che il Vescovo ed il sacerdote Wagno utilizzavano due numeri mai dichiarati agli investigatori per comunicare tra di loro. Cosa ne deve dedurre la magistratura inquirente? Ti sembra un comportamento trasparente e limpido? A noi pare proprio un comportamento omertoso e torbido, proprio quel tipo di comportamento che rende più curiosi gli inquirenti. Si tratta allora di persecuzione, di caccia alle streghe? O forse si tratta di occultamento di cadavere, intralcio alle indagini, falsa dichiarazione?

Invece di accanirsi sulle possibili responsabilità della chiesa, nessuno ha ancora aperto uno straccio di accertamento su come sono state condotte le indagini all’inizio, se chi le ha avviate e dirette abbia o meno delle responsabilità penali o deontologiche e se sono ravvisabili in tutto “l’affaire”, collegamenti con la massoneria.

Ecco, come sempre sei auto-contraddittorio. All’inizio del tuo articolo accusi Gildo Claps di essere, in sintesi, un mitomane e poi poche righe più sotto verghi accuse infamanti che non sono sostenute da alcuna prova. Perchè Gildo dovrebbe produrre delle prove mentre tu sei autorizzato a dare voce al venticello leggiadro della calunnia senza sostenere adeguatamente le tue tesi? Hai delle prove? Vai dai magistrati e denuncia, come hai già fatto in passato. O meglio come dichiari di aver fatto. Oppure stai zitto e porta rispetto per la povera Elisa e la sua famiglia.

In un diverso articolo parli poi delle parole di Antonio Di Pietro. E per l’ennesima volta ci dimostri quanta povertà alberga nella tua mente. Tu non sei un fine stratega. Sei un pessimo tattico. Probabilmente preferisci il gioco della dama agli scacchi. Stessa scacchiera, diversa visione di gioco. Il tuo pensiero è soltanto uno: massimizzare il profitto nel brevissimo periodo.

Abbracci nuovamente l’antico adagio: il nemico del mio nemico è il mio migliore amico. E dimentichi che dopo due ore il nemico del tuo nemico potrebbe cambiare idea o ravvedersi, o fornire una diversa interpretazione… E del tuo articolo rimarrebbe solo l’amara sensazione del fatto che tu sei solo un pidocchio che si aggrappa al dorso del primo animale che passa per succhiarne un poco di sangue. Non importa che sia giovane o vecchio, sano o malato: tu succhi un poco di sangue e poi salti sulla prossima bestia di passaggio.

Inutile parlare dei tuoi vaneggiamenti sulla legge naturale e sulle altre castronerie di cui popoli il tuo articolo: prendi spunto da un fatto per costruirci, come sempre, il tuo castello di sabbia. Se tu sei contento di scrivere pezzi simili, noi ci rallegriamo per te e compatiamo la tua condizione. Soffrendo con te per la povertà delle tue idee.

Le fonti dell’orrore:

http://xe2sdc.appspot.com/pontifex.roma.it/index.php/editoriale/il-fatto/9428-intercettano-al-telefono-vescovo-una-persecuzione

http://xe2sdc.appspot.com/pontifex.roma.it/index.php/editoriale/il-fatto/9432-bravo-di-pietro-i-gay-si-rassegnino

27 pensieri su “La faida!

    1. adminadmin Autore articolo

      “senza motivo” 😆
      Secondo me ha trovato almeno tre diversi motivi per cancellare il tuo post: fai apologia dell’omosessualismo, nomini un Dio diverso dal loro dio iracondo, offendi gli altri lettori… 😉

      Rispondi
          1. Caffe

            Off, come al solito, sennò non sarei io; però il motivo per cui lo faccio merita attenzione, per cui, al costo di qualche pernacchia, pubblicamente, vorrei dire che a volte molti qui parlano come degli iniziati carbonari che danno per scontata la comprensione del loro gergo da chiunque li legga, non è un rimprovero, succede anche a me. La mia limitata intelligenza non mi aiuta: solo per capire la faccenda delle faccine ci ho messo tre mesi, per cui propongo la creazione di una pagina glossario del gergo in uso in Pontilex, formato pdf, redatta da admin e spedita a tutti gli sprovveduti come me riportante il significato di tutti i modi di dire, acronimi e abbreviazioni che siete soliti usare in luogo della nostra onesta lingua parlata (e scritta): per esempio, ROTFL, ma che vorrebbe dì? Non c’ho dormito due notti, ho chiesto perfino al nipote più piccolo se ne conoscesse il significato (quello grande adesso ha la fidanzatina e non mi fila più come un tempo), lui mi ha guardato, ha sgranato gli occhi e poi ha chiamato il telefono azzurro. Ho dovuto pure litigare con mia cognata che gli ho turbato il pupo. 😉

          2. adminadmin Autore articolo

            Già esiste una pagina con le abbreviazioni ed i nickname ticipi del nostro gergo Pontilesso… Le faccine ed abbreviazioni come ROTFL appartengono al gergo tipico dell’internauta… Il suggerimento è interessante, dobbiamo approfondire la possibilità di mandare mail automagicamente (siamo abbastanza restii ad abusare delle vostre mailbox, come avrai notato) ma ci pare un valido suggerimento… 😀

            http://pontilex.org/delle-leggi-e-del-diritto/elenco-delle-abbreviazioni-e-dei-nickname/

          3. Caffe

            Preso nota, thank’s; aggiungerei, fra i tanti affibbiati a Volpe, il simpatico pseudonimo Maròn Zorro per i lettori di madre lingua spagnola che dovessero leggere un vostro post. 😈

      1. AgnosticoAgnostico

        Ma certo…..hai presente quelle persone che fanno di tutto per risultare “gradite”? E’ il caso invece di risultare “sgraditi”…… 😉
        Credo di essere io anche perche’ ieri – parafrasando Volpe – ho scritto: “Vendola, se lo conosci lo voti” e da cio’ la sua replica che non avrebbe mai votato Vendola: liberissimo di non votarlo….ci mancherebbe…..

        Rispondi
          1. AgnosticoAgnostico

            Ahahah!! Sono diventato un martire…..dopo appena una settimana. A voi giudicare se ho scritto mai cose offensive……certo ero un po’ “saccente” e “saputello”…. 😉

  1. Gianfranco Giampietro

    la saccenteria tipica degli atei o dei gay (fate voi) … e magari anche tipica dei comunisti, no? Non conoscevo questo stretto legame tra ateismo e omosessualità (probabilmente dal punto di vista clinico probabilmente una delle due condizioni porta inevitabilmente all’altra nell’immaginario pontifesso) …

    Una domanda… ma quindi Volpe è ateo o gay ? No, perchè Volpe non mi sembra esente da saccenteria… (comunque leggendo Carlo Di Pietro avevo già capito una cosa… per “saccenteria” gli ignoranti si riferiscono a chi abbia una cultura abbastanza ampia da mettere allo scoperto la loro completa ignoranza in ogni campo… quindi per loro chi abbia un minimo di cultura e conoscenza degli argomenti su cui loro sparano a zero senza sapere niente viene da loro rabbiosamente definito “saccente”… chiunque non la pensi come loro e abbia abbastanza argomenti validi da metterli in crisi)

    Rispondi
  2. francesco t

    volpe è solo un vigliacco, o appunto coniglio.
    sa benissimo cosa rischia con eventuali comportamenti, e quindi sta ben attento dal mettere in atto diffamazioni evidenti.
    tuttavia, devo concederglielo, è abbastanza perfido (mi rifiuto di definirlo intelligente, in quanto tale manovra è data dalla cattiveria) da scrivere diffamazioni che sono a un filo dall essere legalmente penali.

    aggiungo inoltre che il signorino , oltre che vigliacco e disonesto, è solito fare queste cose per disonestà, perchè vuole nascondere la verità, perchè ha paura (in quanto vigliacco) e perchè il solo pensiero di apparire in torto lo spaventa (per il disonesto che è).

    poi evitiamo di commentare l ultima su di pietro….dove si capisce non solo che volpe non conosce lo spagnolo(vedasi le corbellerie passate) e l inglese(vedasi la falsa analisi delle parole di elton john), ma si capisce che non sa nemmeno l italiano.
    avevamo dubbi?
    da uno che inventa di sana pianta i significati delle frasi, e che non accetta parole esistenti nel dizionario italiano,direi di no.
    disonesto, falso, vigliacco , perfido e maldicente.
    questo, signori , è volpe.

    che mi denunci, ora: ho tutte le prove per dimostrare ogni singolo aggettivo , e qualsiasi tribunale lo capirebbe.
    a parte il tribunale vaticano, presumo. ma visto che siamo in italia, e non in vaticano, le cose son diverse. e sembra che volpe non lo capisca.

    perdonate lo sfogo, ma a forza di ingoiare la m… altrui dopo un pò bisogna ributtarla fuori.

    Rispondi
    1. giuxgiux

      … ma non presumerei riguardo al tribunale vaticano…
      se non sta attento a quanto dice è probabile che qualche cardinale decida di prendere seriamente provvedimenti nei confronti suoi.
      Ricorda che il Volpe-pensiero è appunto solo ed esclusivamente di Volpe, che non è cattolico e dice apertamente di essere in contrasto con la Chiesa.

      Rispondi
  3. FSMosconiFSMosconi

    Probabilmente preferisci il gioco della dama agli scacchi. Stessa scacchiera, diversa visione di gioco. Il tuo pensiero è soltanto uno: massimizzare il profitto nel brevissimo periodo.

    Per fregarlo è facile: giocare a Go, cioé fare Lateral Thinking. 😉

    Rispondi

Rispondi