Polpettone Pontifesso.

Quest’oggi Brunello cerca di superare se stesso ma fallisce. Fallisce perchè non riesce a fare altro che riciclare e riproporre argomenti triti e ritriti, già criticati e commentati in passato. Sfrutta forse la scarsa memoria dei suoi lettori (if any) e sicuramente si giustificherà affermando che l’immutabilità del magistero (quello minuscolo, quello Pontifesso) gli impone di ripetere lo stesso messaggio. Brunello, contento tu…

Passiamo dunque in rassegna i passaggi più divertenti.

Rendere leciti gli sposalizi gay in una nazione che mette Dio persino sui dollari, é ridicolo e francamente incoerente.

Sicuramente la tua critica è legittima, Brunello. Dovresti però riflettere meglio quando scrivi. Il “Dio” di cui parli è forse il Dio cattolico? O si tratta forse di una delle tante divinità blasfeme adorate da chi è lontano da Roma. Perchè a noi risulta che negli USA il cattolicesimo non sia certamente la religione più diffusa. Anzi, storia alla mano, ci pare che gli USA siano molto più vicini a Lutero che a Roma. E dunque, sei davvero sicuro che quel Dio sui dollari sia il tuo stesso Dio? Vuoi dire che ti stai aprendo al blasfemo ecumenismo di Assisi? Suvvia, sii serio. Ammetti l’errore. Chiarisci che i dollari sono blasfemi e chiudiamo l’equivoco.

Anzi suggeriamo a Brunello la lettura della pagina di Wikipedia relativa al Cristianesimo. Una curiosa carrellata che copre due millenni di storia e che può aiutare Foxy a recuperare alcuni fondamentali forse dimenticati.

http://en.wikipedia.org/wiki/Christianity

Il povero Foxy si dibatte come una triglia cercando di farsi notare e rispolvera vecchi cavalli di battaglia che abbiamo già avuto modo di commentare con disgusto e disprezzo. Ad esempio, arriva a scrivere:

Al malato di Aids , contratto per atti gay, sarebbe da dire: bravo, te la sei cercata ed ora che cosa vuoi?

Visto che abbiamo già trattato abbondantemente e lungamente in passato della diffusione dell’AIDS, arrivando alla conclusione che il dio Pontifesso (minuscolo perchè non corrisponde certo al Dio dei cristiani) è una divinità bizzarra, che colpisce gli innocenti per convertire i pervicaci (l’esempio dell’AIDS fatto da Brunello ci ricorda le parole di De Mattei sullo tsunami in Giappone), liquidiamo l’argomento con una sola parola: disgusto!

Insomma, dicano quel che vogliono, ma la cultura gay é ripugnante

Ecco, ora l’hai ammesso chiaramente. Sei omofobo. L’hai scritto con evidenza. Grazie. La tua posizione è legittima. Sei libero di scrivere educatamente quello che tu pensi (senza nasconderti dietro il dito del vostro minuscolo magistero), ora accettane le conseguenze. Ed accetta le critiche, senza farti passare per martire, quando martire non sei.

Fonte dello strazio: http://pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/editoriale/il-fatto/9233-le-follie-degli-americani-e-gli-stilisti-per-gay

Brunello poi percuote nuovamente quell’emerita pignatta di Potenza (parliamo ovviamente del pensionato Appignatesi, visto che Carletto si è dato alla macchia) toccando per la seconda volta in pochi giorni un vecchio mito già sfatato in precedenza. La “scomunica” dei comunisti.

Eccellenza, é ancora valida la scomunica di Pio XII ai dirigenti comunisti?

é valida e direi culturalmente attuale, mai revocata.

 

Quanto affermato da Brunello e da Appignatesi è palesemente falso. Avendo già affrontato l’argomento in precedenza, non possiamo fare altro che riproporre quanto già scritto in precedenza.

http://pontilex.org/2010/10/carletto-si-dimentica-cosa-ha-scritto-carletto/

Potete leggere le parole della pignatta qui: http://pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/interviste/religiosi/9232-valida-la-scomunica-di-pio-xii-ai-dirigenti-comunisti-regime-crudele-ostile-a-dio-amare-gli-altri-come-se-stessi-la-rivoluzione-del-vangelo

Ricompare il caro De Mattei (citato giusto poco sopra), sempre impegnato nel propugnare la guerra totale voluta dagli ambienti Teocon e Neocon americani, legati ad Alleanza Cattolica (i cui legami con il De Mattei sono evidenti). Ricordiamo che la Fallace Fallaci era parte dello stesso piano.

“l’Europa e l’Italia, sono invase da islamici, molte periferie urbane sono in maggioranza islamiche ed é evidente che la visione cattolica non primeggi e che quei quartieri rischino di divenire fonte e motivo di ribellione alla visione cattolica, apostolica e romana. Ecco, dunque, che il vero missionario, colui che porta il Vangelo, ha il dovere morale di convertire quegli islamici al cattolicesimo. Se noi rimarremo inerti, ne pagheremo ogni conseguenza”.

De Mattei ha senza dubbio ragione. Occorre, lo diciamo con franchezza, ridimensionare le frange islamiche con ogni mezzo a disposizione.

Dunque secondo i nostri crociati virtuali (si fanno scudo della tastiera e del monitor, con il solito motto: “Armiamoci e partite”) affrontiamo una vera invasione. Noi non abbiamo prove di questa invasione. Ci piacerebbe che De Mattei evidenziasse meglio su quali basi ripropone affermazioni ed opinioni abbastanza discutibili. Parla minaccioso di “ogni conseguenza”, offrendo la sponda a Brunello per affermare, intrepido, che è necessario “ridimensionare” questi barbarici invasori “con ogni mezzo a disposizione”. Che ne so, ad esempio il mitico BFG 9000.

Potete leggere le parole di De Mattei (e di Foxy) qui: http://pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/interviste/varie/9231-de-mattei-chiesa-missionaria-converta-gli-islamici-delle-nostre-citta-al-cristianesimo-si-annunci-ovunque-il-vangelo

La giornata ci offre anche l’ennesimo cumulo di idiozie a firma dell’anonimo T. Di Girolamo e con l’ennesima ipocrisia di Previte. Mentre il primo non merita risposte (gli anonimi non contano nulla secondo il magistero Pontifesso), il secondo sbraita e si dimena senza ottenere risultati. Si rassegni: urla al vento in un deserto arido. Il deserto Pontifesso!

4 pensieri su “Polpettone Pontifesso.

Rispondi a Holtjar Annulla risposta