La pochezza delle cozze

Affus. La Cozza. Che altro dire di questo curioso essere? Stavolta ne ha combinata un’altra:

http://www.pontifex.roma.it/index.php/opinioni/laici/9238-mussolini-non-fu-il-male-assoluto-litalia-stava-meglio#commentID26970

Già, di là dalla pochezza intrinseca non possiamo non notare l’improvvisa redenzione dall’idea dell’a-partitismo, dapprima superata con l’elogio del partito unico (degno del fascista conclamato qual’è 🙄 ) subito corretto nel periodo successivo in un modo talmente brusco che viene il dubbio che ci creda davvero. A meno che la cosa non sia dettata dai rapporti dei suoi capi spirituali con Scilipoti.

Se non altro merita per l’onestà di aver postato questa perla in un articolo PontifeSSo palesemente filo-fascista. Come per dire: di destra o di sinistra fa poca differenza purché sia una dittatura. Meglio ancora se teocratica.

7 pensieri su “La pochezza delle cozze

    1. FSMosconiFSMosconi Autore articolo

      Meglio: se è contro i partiti perché invoca un partito unico?

      Ad ogni modo penso sia per quella cosa di Scilipoti: sai com’è, in tempo di carestia… 😀

      Rispondi
  1. adminadmin

    Leggendo il titiolo del brano di Brunello un brivido mi ha percorso la schiena…

    Poi è seguito un conato di vomito (sono allergico al fascismo come ad ogni altra dittatura).

    La lettura del contenuto del capolavoro mi ha poi suggerito il refrain di una vecchia canzone di Al Bano e Romina … “Nostalgia canaglia”… :-/

    Rispondi
    1. adminadmin

      Urge poi il vostro aiuto per tradurre la seguente frase dal Foxiano all’italiano:

      Mussolini ha il grande merito storico di aver risolto la questione romana con i Patti Lateranensi e seppe riconoscere la rilevanza di tre e oggi derise: Dio, Patria e Famiglia.

      Rispondi
  2. Caffe

    “Ogni contrada eleggerà direttamente i suoi rappresentanti”, amici senesi attenti! come risulta evidente da questa frase, estrapolata da un articolo scritto con l’abituale lucidità dal cozza, rinomato studioso di geopoltica, lui ed il suo braccio destro, tale Scalopoti, intendono organizzare un colpo di stato e, quando decideranno di entrare in azione, cominceranno proprio da voi! Bisogna che vi prepariate alla pugna, anche se, tenuto conto dell’identità dei cospiratori, probabilmente basterà una pugnetta. Comunque farete bene a nascondere le bottiglie di Brunello di Montalcino: dove passano quei due non se ne salva una; vi consiglio anche di tenete d’occhio i preti, specialmente quelli lefebvriani, sicuramente appoggeranno i golpisti, anzi, forse lo stanno già facendo.

    Rispondi

Rispondi