Crittoanalisi avanzata.

Pare sia necessario dare fondo a questa poco praticata scienza (ai limiti dell’arte) per poter decodificare il contenuto del messaggio con cui il nostro adorato Geniale Webmaster (ora trasformato in “responsabile” di entità inesistenti) torna a palesarsi attraverso le pagine Pontifesse. Accogliamo con letizia il ritorno di Carlo Di Pietro, che contribuisce nuovamente (o forse no, come vedremo) alla proliferazione delle follie Pontifesse.

Parliamo ovviamente della seguente pagina:

http://pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/opinioni/laici/9222-aborto-quelli-che-qio-non-lo-farei-mai-ma-non-mi-sento-di-impedire-a-nessuno-questa-sceltaq

Occorre fare ricorso alla crittoanalisi dato che il contenuto del messaggio è tutto tranne che chiaro. Anzi, no, c’è un elemento che emerge chiaramente: l’ipocrisia non tanto velata che permea il messaggio. Ma andiamo con ordine, partiamo dalla forma del messaggio, che si presenta come un messaggio ricevuto da un misterioso interlocutore. Il messaggio presenta ben due diverse firme. Difficile stabilire se il messaggio provenga da Carletto oppure da Fabio Massimo Patricelli, cresciuto in quel di Bologna ma ora abitante in Milano, classe 1971 stando a quanto dichiara egli stesso sul sito della costituenda associazione che vuole promuovere la raccolta di firme necessarie a scaturire un eventuale referendum abrogativo della legge 194. Sicuramente dal messaggio emerge limpida la volontà di usare paragoni inadeguti e di ignorare la realtà.

Già perchè l’estensore del messaggio che viene firmato da tutti e due i geniali (impedendoci dunque di capire la reale provenienza dello stesso), presenta l’aborto come un omicidio (posizione assolutamente legittima) ma trasforma una legge del nostro Stato (la legge 194, appunto) in un poligono dove “sparare in sicurezza a degli esseri umani”. Ci preme far notare una lieve e sottile differenza. La legge 194 non impone l’aborto. Vuole solo regolamentare una pratica che, giusta o sbagliata che sia, viene praticata da sempre (e non da quando esiste questa legge). Da sempre le donne che non si possono permettere un figlio si rivolgono a pratiche più o meno cruente per ottenere, nel segreto di una casa o nel buio di un sottoscala, la morte del feto che portano in grembo e la sua espulsione. Ora si vuole rendere colpevole la legge 194 dell’uccisione di 5 milioni di bambini, trascurando il dettaglio che molto probabilmente quella legge ha solo impedito che 5 milioni di madri mettessero a repentaglio la loro vita attraverso pratiche poco sicure. Questa, per noi, è ipocrisia. Si guarda la punta del dito. Mentre il problema è altrove.

Vi suggeriamo di leggere cosa scrive il Patricelli a commento di altri vaneggiamenti pseudoecologici. Riteniamo che certe letture siano utili per comprendere il pensiero di taluni personaggi.

http://it.groups.yahoo.com/group/ecosolidale/message/3513

Vi prego di notare frasi del Patricelli come:

il solo fatto che vi si menzionino esplicitamente le sovranità negate (dalla monetaria all’alimentare, dall’energetica alla sanitaria) significa che tra di voi vi sono molte persone di buona volontà e con gli occhi aperti sulle Matrici di Menzogna in cui siamo immersi, specialmente in questa parte di mondo, cosiddetta “occidentale”

Oppure quest’altra perla:

Per chi, invece, ancora non vede la stretta (anzi: strettissima) correlazione che c’è tra l’abominio dell’aborto legalizzato e le sovranità negate, resto a disposizione per un approfondimento ed un confronto all’insegna della logica e della ragione.

Sorvoliamo sulle affermazioni del Patricelli secondo cui il loro costituendo comitato (e quanto ci vuole a costituire un comitato?) conta oltre 2500 adesioni… Contando le adesioni pubblicate sul loro sito sono poco più di 2300… Un lieve errore, evidentemente.

2 pensieri su “Crittoanalisi avanzata.

  1. paopao

    coerenti come sempre.. l´aborto giammai, ma gli incidenti in gravidanza alle mamme “comuniste” o di figli omosessuali si..
    Che ipocriti!
    ):D

    Rispondi
  2. Uffa

    “Per chi, invece, ancora non vede la stretta (anzi: strettissima) correlazione che c’è tra l’abominio dell’aborto legalizzato e le sovranità negate, resto a disposizione per un approfondimento ed un confronto ALL’ INSEGNA DELLA LOGICA E DELLA RAGIONE”

    Ahahahahhaha, questa si che è buona! 😀
    Da quando in qua loro ragionano con la logica e la ragione? Anzi, da quando in qua loro ragionano? 😀

    Rispondi

Rispondi