Cosa dice il Corano (davvero) degli infedeli? (UPDATED: In risposta all’ipocrisia di Pontifex.Roma)

ATTENZIONE: Il presente articolo nasce nel 2011 in risposta ad un brano pubblicato dall’ormai defunto sito Pontifesso. Nel frattempo il tempo ha fatto il suo corso ed ha dissolto Pontifex.Roma. Risulta quindi difficile, ad anni di distanza, comprendere il significato dell’articolo ad un lettore occasionale. Aggiorniamo l’articolo modificandone leggermente il titolo ed inserendo un “cappello” introduttivo opera della stessa autrice del brano.

Ragazzi!!! Mi sembra che qui si sia persa la trebisonda!!!! Sarà il caso di fermarsi un attimo e tirare qualche somma di quel che succede.

Anni fa ho scritto un articolo in risposta a una mistificazione pontifessa in chiave estremista del Corano, libro per me, al pari della Bibbia, di un immenso valore storico-sociale e privo di qualsiasi verità religiosa-spirituale. Ho così riproposto le traduzioni il più possibili corrette (con fonti e citazioni) in modo da mostrare la malafede pontifessa. Non ho mai dato giudizi sul testo, sull’Islam o sul modus operandi dei suoi seguaci.

Anni dopo dei folli, inneggianti a una loro interpretazione violenta del Corano, hanno ucciso i giornalisti di un settimanale satirico a Parigi, cuore dell ‘Occidente, macchiatisi di “blasfemia” contro il profeta.

Il mio articolo quindi viene rispolverato dalle nebbie del passato e torna in primo piano grazie a estremisti difensori della cultura giudaico-cristiana occidentalistica che non lo leggono (altrimenti avrebbero compreso il contesto in cui era stato scritto), ma si sentono in diritto di sparare insulti pregiudizievoli verso me, il blog, gli altri utenti, l’Islam, gli stranieri e via dicendo.

Questo scatena un botta-e-risposta molto poco educato da entrambe le parti, che sfocia in dichiarazioni hitleriane di alcuni contro gli stranieri, in insulti personali, ilazioni varie ed eventuali, e post erotici del tutto fuori luogo.

In tutto questo espongo il mio pensiero su Islam & co:
ritengo OGNI religione pericolosa, tutte allo stesso modo. Come atea, non do ragione a nessuna: dicono tutte idiozie in nome delle quali cercano di controllare, se non distruggere, qualsiasi altra credenza, idealogia e libertà.

Cosa differenza, per esempio, l’Islam dal Cristianesimo?
La storia. L’Islam è più recente: Maometto visse a cavallo del 600 d.C.
Mi viene spontaneo chiedere: cosa faceva il cristianesimo nel 1400?! Più o meno lo stesso che fa oggi l’Islam (massacri, guerre ecc…), solo che i mezzi erano diversi… non c’erano bombe, mitra e mezzi di informazione che mostrassero al mondo le efferatezze. Non era meno violento: lo si sapeva meno.

Ma mettiamo le cose in chiaro: sono solo una minoranza i violenti e i maniaci. Nel mondo esistono più di un miliardo di musulmani, ma noi siamo ancora qui. Vuol dire che questo miliardo di individui non ha imbracciato le armi, non ha imbottito di esplosivo delle auto, ma è rimasto a casa, a lavorare, amare la propria famiglia e a cercare di lottare contro l’odio dilagante, da entrambe le parti.
E parlo con cognizione di causa: ho lavorato per anni in paesi islamici.

Non ho quindi intenzione di dar retta ai pochi folli xenofobi che bazzicano qui in questi giorni: sono un NULLA rispetto al resto del mondo e diventeranno NULLA tra pochi anni, retaggi di un passato un po’ imbarazzante di cui parleremo al bar.

Vorrei che smetteste un po’ tutti di dar loro retta: non sono dialoghi costruttivi o interessanti, ma danno una brutta immagine del nostro blog.

Ho letto l’articolo di Pontifex sui passi del Corano e, per pura sfiducia nella buona fede pontifessa, sono andata a prendere il mio Corano (edizione M&M, 2005, in italiano) e ho dato una controllata.

Diciamo innanzi tutto che il “mio” Corano non usa i termini riportati da Pontifex. Ho così controllato on-line da dove abbiano preso le citazioni delle Sura e le ho viste solo in siti anti-islamici… ho controllato allora il sito www.corano.it e ho trovato i versetti che compaiono anche nel mio libro… insomma, in soldoni: pare che la fonte usata dai pontifessi per il proprio articolo abbia modificato VOLUTAMENTE alcune parole per dar loro un significato molto più minaccioso e dispregiativo di quello che è in realtà. Ne hanno anche tagliati interi pezzi, stravolgendone il significato originario.

In ROSSO le citazioni pontifesse (o le interpretazioni pontifesse di passi), in BLU quelle dal sito ufficiale del Corano in Italia, in VERDE le parole modificate.

-“O voi che credete! Non abbiate amici tra gli Ebrei ed i Cristiani [Sura 5,51]”

L’originale: “O voi che credete, non sceglietevi per alleati i giudei e i nazareni, essi sono alleati gli uni degli altri. E chi li sceglie come alleati è uno di loro. In verità Allah non guida un popolo di ingiusti.”

-I musulmani sono incoraggiati ad occuparsi totalmente nel combattimento per la gloria di Allah [Sura 22:73]

Il passo citato: “O uomini, vi è proposta una metafora, ascoltatela: “Coloro che invocate all’infuori di Allah non potrebbero creare neppure una mosca, neanche se si unissero a tal fine; e se la mosca li depredasse di qualcosa, non avrebbero modo di riprendersela. Quanta debolezza in colui che sollecita e in colui che viene sollecitato!”.” Dove inneggi al totale immpegno nella guerra lo sa solo chi ha scritto l’articolo…

Allah darà “una più grande ricompensa a coloro che combatteranno per lui” [Sura 4:96]

Il passo originale, integrato col versetto 95 per capirne il significato: Non sono eguali i credenti che rimangono nelle loro case (eccetto coloro che sono malati) e coloro che lottano, con la loro vita e i loro beni, per la causa di Allah. A questi Allah ha dato eccellenza su coloro che rimangono nelle loro case e una ricompensa immensa: gradi [di eccellenza che provengono] da Lui, perdono e misericordia, poiché Allah è perdonatore, misericordioso.

-Circa gli infedeli (coloro che non si sottomettono all’Islam), costoro sono “gli inveterati nemici” dei musulmani [Sura 4:101].

“Quando siete in viaggio, non ci sarà colpa se abbrevierete l’orazione, se temete che i miscredenti vi attacchino; i miscredenti sono per voi un nemico manifesto.”

-I musulmani devono “arrestarli, assediarli e preparare imboscate in ogni dove” [Sura 9:95]

“Quando ritornerete vi scongiureranno, [in nome di Allah], di lasciarli stare. Allontanatevi da loro, sono sozzura e il loro rifugio sarà l’Inferno, compenso per quello che hanno fatto.” Credo che nella citazione pontifessa (Sura 9:95) sia stato commesso proprio un errore di citazione, perchè, come ho riportato, il passo del Corano in realtà parla di tutt’altro.

– I musulmani devono anche “ circondarli e metterli a morte ovunque li troviate, uccideteli ogni dove li troviate, cercate i nemici dell’Islam senza sosta” [Sura 4:90].

Integro col versetto 89 per capire il contesto: Vorrebbero che foste miscredenti come lo sono loro e allora sareste tutti uguali. Non sceglietevi amici tra loro, finché non emigrano per la causa di Allah. Ma se vi volgono le spalle, allora afferrateli e uccideteli ovunque li troviate. (Il 90 in realtà è questo che segue: hanno sbagliato a citare di nuovo) Non sceglietevi tra loro né amici, né alleati, eccetto coloro che si rifugiano presso gente con la quale avete stabilito un accordo, o che vengono da voi con l’angoscia di dovervi combattere o combattere la loro gente. Se Allah avesse voluto, avrebbe dato loro potere su di voi e vi avrebbero combattuti. Pertanto, se rimangono neutrali, non vi combattono e vi offrono la pace, ebbene, Allah non vi concede nulla contro di loro.”

-“Combatteteli finché l’Islam non regni sovrano” [Sura 2:193].

“Combatteteli finché non ci sia più persecuzione e il culto sia [reso solo] ad Allah. Se desistono, non ci sia ostilità, a parte contro coloro che prevaricano.”

-“tagliate loro le mani e la punta delle loro dita” [Sura 8:12]

“E quando il tuo Signore ispirò agli angeli: “Invero sono con voi: rafforzate coloro che credono. Getterò il terrore nei cuori dei miscredenti: colpiteli tra capo e collo, colpiteli su tutte le falangi! “

-Se un musulmano non si unisce alla guerra, Allah lo ucciderà [Sura 9:93].

“Saranno biasimati solo coloro che ti chiedono dispensa nonostante non manchino di nulla: preferiscono rimanere indietro. Allah ha sigillato i loro cuori ed essi non sanno.” (Personalmente trovo un rimprovero molto meno grave di un omicidio…)

– Un musulmano deve “combattere per la causa di Allah con la devozione a Lui dovuta” [Sura 22:78]

“Lottate per Allah come Egli ha diritto [che si lotti]. Egli vi ha scelti e non ha posto nulla di gravoso nella religione, quella del vostro padre Abramo che vi ha chiamati “musulmani”. Già allora e qui ancora, sì che il Messaggero testimoni nei vostri confronti e voi testimoniate nei confronti delle genti. Assolvete all’orazione e versate la decima e aggrappatevi ad Allah: Egli è il vostro patrono. Qual miglior patrono, qual miglior alleato!”

 I musulmani devono essere “brutali con gli infedeli” [Sura 48:29]

“Muhammad è il Messaggero di Allah e quanti sono con lui sono duri con i miscredenti e compassionevoli fra loro. Li vedrai inchinarsi e prosternarsi, bramando la grazia di Allah e il Suo compiacimento. Il loro segno è, sui loro volti, la traccia della prosternazione: ecco l’immagine che ne dà di loro la Torâh. L’immagine che invece ne dà il Vangelo è quella di un seme che fa uscire il suo germoglio, poi lo rafforza e lo ingrossa, ed esso si erge sul suo stelo nell’ammirazione dei seminatori. Tramite loro Allah fa corrucciare i miscredenti. Allah promette perdono e immensa ricompensa a coloro che credono e compiono il bene. “

-Un musulmano deve “gioire delle cose buone” che ha guadagnato con il combattimento [Sura 8:69]

Mangiate quanto vi è di lecito e puro per voi nel bottino che vi è toccato e temete Allah, Egli è perdonatore misericordioso.”

– Un musulmano può uccidere ogni persona che desidera se è per “giusta causa” [Sura 6:152]

“Non avvicinatevi, se non per il meglio, ai beni dell’orfano, finché non abbia raggiunto la maggior età, e riempite la misura e date il peso con giustizia. Non imponiamo a nessuno oltre le sue possibilità. Quando parlate siate giusti, anche se è coinvolto un parente. Obbedite al patto con Allah. Ecco cosa vi ordina. Forse ve ne ricorderete.”

Allah ama coloro che “combattono per la Sua causa” [Sura 6:13]

“A Lui [appartiene] quello che dimora nella notte e nel giorno.” (Bho…)

Chiunque combatta contro Allah o rinunci all’Islam per abbracciare un’altra religione deve essere “messo a morte o crocifisso o mani e piedi siano amputati da parti opposte” [Sura 5:34]

Integro col versesso 33: La ricompensa di coloro che fanno la guerra ad Allah e al Suo Messaggero e che seminano la corruzione sulla terra è che siano uccisi o crocifissi, che siano loro tagliate la mano e la gamba da lati opposti o che siano esiliati sulla terra: ecco l’ignominia che li toccherà in questa vita; nell’altra vita avranno castigo immenso, eccetto quelli che si pentono prima di cadere nelle vostre mani. Sappiate, Allah è perdonatore, misericordioso.”

– “Chiunque abiuri la sua religione islamica, uccidetelo”. [Sahih Al-Bukhari 9:57]

“Se trovassero un rifugio, o caverne, o un sotterraneo, vi si precipiterebbero a briglia sciolta.” (Sahih Al-Bukhari NON è il CORANO, ma una raccolta di secoli successivi di “detti del Profeta”, tra l’altro considerati NON autentici da molti imam e dotti musulmani)

-“Assassinate gli idolatri ogni dove li troviate, prendeteli prigionieri e assediateli e attendeteli in ogni imboscata” [Sura 9:5]

Integro con i versetti 3 e 4: “Ecco, da parte di Allah e del Suo Messaggero, un proclama alle genti nel giorno del Pellegrinaggio*: “Allah e il Suo Messaggero disconoscono i politeisti. Se vi pentite, sarà meglio per voi; se invece volgerete le spalle, sappiate che non potrete ridurre Allah all’impotenza. Annuncia, a coloro che non credono, un doloroso castigo. Fanno eccezione quei politeisti con i quali concludeste un patto, che non lo violarono in nulla e non aiutarono nessuno contro di voi: rispettate il patto fino alla sua scadenza. Allah ama coloro che [Lo] temono. Quando poi siano trascorsi i mesi sacri, uccidete questi associatori ovunque li incontriate, catturateli, assediateli e tendete loro agguati. Se poi si pentono, eseguono l’orazione e pagano la decima, lasciateli andare per la loro strada. Allah è perdonatore, misericordioso”

-“Prendetelo (l’infedele n.d.t.) ed incatenatelo ed esponetelo al fuoco dell’inferno” [Sura 69:30]

Il Sura 69 mostra la visione di Maometto dell’Apocalisse e della Fine del mondo… non ha un’applicazione “pratica e quotidiana”, in quanto “Prendetelo ed incatenatelo” è detto da Allah ai suoi Angeli; il “lo” si riferisce a chiunque non abbia creduto o abbia commesso crimini (infedele o fedele che fosse).

– “Instillerò il terrore nel cuore dei non credenti, colpite sopra il loro collo e tagliate loro la punta di tutte le dita” [Sura 8:12]

 “E quando il tuo Signore ispirò agli angeli: “Invero sono con voi: rafforzate coloro che credono. Getterò il terrore nei cuori dei miscredenti: colpiteli tra capo e collo, colpiteli su tutte le falangi!”

-Essi (gli infedeli ndr) devono essere uccisi o crocefissi e le loro mani ed i loro piedi tagliati dalla parte opposta [Sura 5:33]

Questo è già stato citato col versetto 34 poco più su: raddoppiano anche le citazioni per far finta che i passi “violenti” siano più di quelli che sono in realtà!!!

Insomma: non che il Corano, come la Bibbia, del resto, sia un libro tutto rose e fiori, ma da qui a farne un libro che gronda sangue in ogni riga ne passa.

Vorrei concludere con una citazione, ignorata dai Pontifessi e amici vari, tratta dal Corano, sura II, versetto 62:

“In verità, coloro che credono, siano essi giudei, nazareni o sabei, tutti coloro che credono in Allah e nell’Ultimo Giorno e compiono il bene riceveranno il compenso presso il loro Signore. Non avranno nulla da temere e non saranno afflitti”.

507 pensieri su “Cosa dice il Corano (davvero) degli infedeli? (UPDATED: In risposta all’ipocrisia di Pontifex.Roma)

  1. adminadmin

    Questo post, come chiaramente indicato nell’incipit, nasce in risposta ad una serie di affermazioni pubblicate sul sito Pontifex.Roma. L’articolo originale non è più disponibile (per scelte indipendenti dalla nostra volontà) pertanto il “senso” di questo articolo risulta forse meno facile da cogliere.

    Nessuno qui vuole in qualche modo giustificare i terroristi di ISIS che in questi anni hanno ucciso e provocato devastazioni.

    Allo stesso tempo ribadiamo con forza una semplice idea. Il problema non è la fede islamica. Perchè nel Corano, così come nella Bibbia, sono presenti frasi di una crudezza imbarazzante. Al tempo stesso, nel Corano, così come nella Bibbia, sono presenti frasi piene di tolleranza e di amore.

    Dunque il problema non è la fede oppure i Sacri Testi.

    Pontilex nasce e si sviluppa per rispondere con forza alle affermazioni omofobe, sessiste e xenofobe proposte da Pontifex.Roma. Frasi che trovano il loro fondamento nella Bibbia. Questo non significa avversione alla Chiesa: significa combattere le idee distorte dei “cattotalebani”, degli integralisti cristiani, dei fomentatori di un’interpretazione letterale delle Scritture. Similmente non è certamente nostra intenzione avallare simili interpretazioni del Corano. Pertanto tutti coloro i quali ci accusano di difendere i terroristi dimostrano solo di non saper leggere e di non comprendere quello che c’è scritto in questo articolo.

    Replica
  2. Compagno ZCompagno Z

    Siccome non voglio passare la mia domenica a rispondere ad ogni singolo commento in cui sono stato tirato in ballo, faró quest’unico commento di risposta.

    Qualche giorno fa, sul mio profilo FB, scrissi che dopo gli attentati di Parigi bisognava stare attenti ad avvoltoi e sciacalli che si sarebbero diretti in massa verso la capitale francese. Pare che un paio dei suddetti animali saprofagi abbiano deciso di staccarsi dal branco per fermarsi sulle pagine del nostro blog: il primo è Saverio Valente, ritornato qui quando i cadaveri parigini erano ancora caldi, l’altro é il commentatore che non voluto dichiarare il suo nome (liberissimo di farlo, anche perché qui su Pontilex contano, hanno contato e sempre conteranno piú i fatti e le argomentazioni che le attribuzioni onomastiche).

    I due signori in questione ci fanno sapere che la provvida mano del Cristo Re li ha dotati della capacità di leggere negli animi di tutti i musulmani del pianeta (anche se di persono, probabilmente, non ne conoscono nemmeno uno) e sono in grado di certificarci che sono tutti intrinsecamente malvagi, intenzionati a sterminare l’uomo bianco, ariano e cristiano.

    Per di piú il Valente ci fa sapere che in questa sua convinzione è stato rafforzato dalla lettura del Corano (anche se omette di dirci in quale edizione e chi é l’autore della traduzione). Lo stesso peró sembre ignorare che gli autori del Corano, i cui antenati erano animisti/politeisti, mutuarono la concezione del Dio unico dalle comunità giudaico-cristiane che si erano stanziate nella penisola arabica. Quindi, ammesso e non concesso che il Corano sia un libro che incita alla violenza ed alla sopraffazione, chi ha scritto quelle pagine ha trovato degli ottimi maestri nei lettori di altri libri sacri, farciti delle stesse identiche affermazioni di supremazia del proprio amico immaginario, con tanto di augurio di morte & mazzate a chi sostiene il contrario, come ha fatto notare anche poco sopra il nostro Admin.

    Ma é non necessario tornare tanto indietro negli anni per dimostrare come la violenza, fisica e verbale, non sia appannaggio di un pugno di islamici: basta tornare con la mente a quel che successe meno di un decennio fa su di un’isoletta norvegese oppure farsi un giretto negli schedari del FBI, dove il numero dei cristiani schedati per la loro affiliazione a gruppi d’odio supera di gran lunga quello degli islamici, od ancora sulle pagine di certi siti cattolici dove nei giorni scorsi si é scritto che i morti del Bataclan in fondo se l’erano un po’ andata a cercare, cosí imparano ad andare a concerti satanisti sfidando la mano del Cristo Re invece di stare a casa ad ascoltare Radio Maria.

    Ma a questa obiezione i due avvoltoi de noaltri hanno già la risposta pronta: il musulmano ammazza in quanto musulmano ed in nome della sua religione e di tutti i suoi confedeli, il cristiano invece ammazza per i cavoli suoi e rappresenta solo sè stesso (oppure é matto, sempre e comunque) anche se scrive un proclama di 200 e passa pagine che dimostra esattamente il contrario. É questo dettaglio che fa crollare il muro di supponenza dietro cui vi trincerate e l’impostazione razzista delle vostre posizioni, prima di accusarci di difendere posizioni ideologiche datevi una bella guardata allo specchio. E, per favore, evitate di recitare la parte dei democratici difensori della patria, é un ruolo che non vi si addice: fosse per quelli come voi, saremmo ancora tutti quanti vestiti da figlioli della lupa, con lo stemmino del Sant’Uffizio od il sole delle Alpi al posto della capoccia del Mascellone di Predappio.

    Replica
    1. Compagno ZCompagno Z

      @ ISIS Insane etc.

      Prima di tutto, non stavo parlando con te ma con Saverio Valente e “il mio nome etc.”. Nessuno dei quali ha argomentato nulla, si sono limitati a metterci in bocca parole ed idee che nessuno di noi ha mai espresso.

      Tu hai fatto ancora peggio: da quando sei arrivato non hai fatto che sciorinare insulti ed é proprio per questo che i tuoi commenti sono stati editati. Su questo blog non abbiamo mai censurato nessuno, insultatori e troll di professione a parte perché non ci sono mai piaciuti, a riprova di ció ci sono i commenti di Saverio e di chi la pensa come lui che, per quanto noi li possiamo trovare opinabili, sono ancora lí al loro posto. Quindi, evita di fare la vittima.

      In secondo luogo ti faccio presente che il “mettici la faccia” e minacciare il ricorso alla querela (per cosa poi? Per aver moderato i commenti? Da quando é un reato?) sono gli alibi di chi non ha argomenti, proprio come te caro il mio trolletto.

      Se vuoi partecipare alla discussione, sempre che tu abbia qualcosa di intelligente da dire, prova a scrivere un commento senza metterci insulti e senza inventare balle. Perché la diffamazione, al contrario della moderazione dei commenti, é un reato.

      Replica
  3. PaoloPaolo

    Buffo come ad ogni attentato dell’Isis questa pagina venga visitata di botto da orde di troll incapaci di capire quel che c’è scritto nell’articolo.
    Buffo anche come questi troll siano sempre lì a parlare di stragi e massacri del Corano, ignorando che pure nella Bibbia (ma non è che altri popoli come i romani o i greci fossero molto migliori, eh, o anche noi fino a qualche secolo fa) sono contenute esattamente le stesse cose se non anche peggiori: semplice ignoranza o fette di prosciutto sugli occhi ?

    P.S. per le immancabili teste di cazzo che adesso verranno a dire che il Vecchio Testamento non conta perché tanto adesso c’è il Nuovo che è l’unico valido, li sfido a dimostrarmi quanto affermano specialmente quando è lo stesso grande capo che si occupa platealmente di smentirli in Matteo 5, 17-19.

    Replica
    1. Francesco

      “Sig.” Paolo con quale diritto si permette di insultare i Cristiani con l’epiteto “le immancabili teste di cazzo”? Chi le da il diritto di insultare chi non la pensa come lei?

      Replica
      1. adminadmin

        Francesco prima di rispondere, bisogna assicurarsi di comprendere i commenti.

        Paolo nel suo messaggio si rivolge CHIARAMENTE ad alcune persone, non all’intero fan club di Gesù.

        Replica
      2. Saverio Valente

        Francesco, Francesco, ma è chiaro che il Sig. Paolo, illustre pensatore, si rivolga solo a quei pochi milioni di ” teste di cazzo ” cristiane estremiste islam fobiche che non si allineano con la verità fatta verbo per sua bocca. Francesco, Francesco, non sarai mica uno di quelli che ancora pensano di professare un credo ormai obsoleto iscritti al fan club di Gesù nostro Signore. Aggiornati, adesso vanno di modo altre fedi politicamente corrette che non urtano i sentimenti di amore, fratellanza e sopratutto tolleranza, non essere più estremista e intraprendi fiducioso un cammino di conversione verso il vero, studia la vita del nostro profeta che tanto ha fatto in vita per noi tutti poveri infedeli e solo così raggiungerai la pace interiore e tutto ti apparirà più luminoso e puro nelle braccia di Allah. Chiedi pure e sicuramente i nostri tutori ti procureranno una ottima traduzione del corano fresca fresca di stampa, nulla a che vedere con la versione originale che in tante menti limitate di noi troll ha causato così tanti dubbi. Vedrai anche tu come sarà bello abbracciare un ak47 in un ritrovo di miscredenti, immolarsi per i nostri fratelli di fede che soffrono tanto questa mediocrità occidentale che permette a chiunque, anche a i non mussulmani, di esprimere pensieri diversi dalla propaganda di regime. Dai Francesco, non perdere tempo, non stare lì a rimuginare su fantomatiche offese a tutti i cristiani praticanti o non, vieni in moschea o in pellegrinaggio a Medina, un tuo fratello mussulmano ti aspetta a braccia aperte per festeggiarti degnamente, ha già pronta una cintura per te. Anche io fino a ieri avevo perplessità come te, ma oggi dopo gli eruditi commenti di questo blog mi è tutto più chiaro, ho ritrovato la fede. Allah akbar Insciallah

        Replica
        1. adminadmin

          Saverio ma è così difficile leggere quello che ha scritto Paolo? Tu affermi “che il Vecchio Testamento non conta perché tanto adesso c’è il Nuovo che è l’unico valido” ??

          Replica
          1. Saverio Valente

            Ma assolutamente, Admin carissimo, abbraccio in pieno le vostre tesi, anzi vado oltre, auspico l’ espulsione dal pianeta di tutti coloro che ancora credono alle panzanate propinate dal grande capo cristiano, persona meschina che non si è mai presa neanche la briga di spulciare i miseri scritti farneticanti di Matteo. Se non fosse per il misericordioso e grande Maometto che lo cita, come ciarlatano ma pur sempre lo cita, verrebbe da chiedersi se sia mai esistito Gesù. Questi estremisti del ” cazzo “, scusa il francesismo, ma quando ci vuole ci vuole, ancora hanno la sfacciataggine di andarsene in giro con un crocefisso al collo professando una fede diversa, dovrebbero iniziare a tagliare qualche testa e mandare i video in onda. Strano che non ci abbiano ancora pensato, potrebbero decapitarne un po per poi trascinarli legati ad un furgoncino attraverso il deserto, sarebbe da monito per tutti gli occidentali ottusi. Non trovi che sarebbe un’ idea carina. Gli va bene che i mussulmani è gente pacifica dedita solo a pregare e a studiare il corano, se no vedresti che casino combinerebbero su e giù per un’ Europa libertina e infedele.

          1. adminadmin

            “un normale e becerissimo troll”

            Anche tu hai questa impressione?
            Uno di quei trolletti da quattro soldi che poi, appena si interviene con un minimo di energia, si mette a piangere come una bimba a cui hanno rubato la bambola di pezza…

      3. PaoloPaolo

        Mirabile esempio di analfabetismo funzionale. Connetti il cervello, torna alle elementari e ripassati un po’ la comprensione del testo.

        Replica
        1. Saverio Valente

          No Paolo, non ti adirare per questi troll analfabeti con il cervello sconnesso, non perdere tempo con loro, vedrai che prima o poi abbracceranno la vere fede, alla mala parata li asfaltiamo e chi se visto se visto

          Replica
          1. PaoloPaolo

            Quoto in pieno le parole di Admin:

            Uno di quei trolletti da quattro soldi che poi, appena si interviene con un minimo di energia, si mette a piangere come una bimba a cui hanno rubato la bambola di pezza.

            Aggiungo anche che i tuoi tentativi di fare dell’ironia sono pure penosi, se proprio vuoi fare il troll almeno fallo in maniera originale. Così sei solo noioso ed esasperante.

          2. Saverio Valente

            Però, quanta energia e potenza che scaturisce dalle tue parole, hai mica visto la mia bambola di pezza?? Dai ti prego ridatemela. E’ questo il massimo di confronto che siete in grado di mettere in campo?? Ho ricordi più costruttivi dell’ asilo frequentato cinquanta anni fa, i compagnetti di allora, a differenza dei compagni che postano oggi, miravano ad una crescita evolutiva e la maestra ci voleva bene. Qui invece trovo la prova che taluni uomini si distinguono dalla bestia per l’ uso della parola e non per la ragione, se desideri confrontarti intellettualmente dovresti cercare di partorire ragionamenti più articolati e non soffermarti allo scambio di epiteti gratuiti, certo forse ti è più confacente, visto il modo di esprimerti fino ad ora adottato, continuare a giocare a chi lo ha più lungo. Personalmente a pernacchia evito di rispondere, eccezione alla vostra allegra combriccola, perchè ho il timore che una gigantesca bufala, come quella da voi accreditata su un islam buono e moderato, a furia di essere ripetuta incontrastata, possa essere alla lunga accettata da qualche ingenuotto. Questo sì che sarebbe un problema, non il vostro e in particolare tuo, caro Paolo, vaneggiamento buono per i salotti di una certa aristocrazia pseudo comunista. Antico vezzo il vostro di dispensare verità assolute, verità poi, tra l’ altro, puntualmente smentite dalla storia, ma voi dalla memoria corta di questo non siete usi a preoccuparvene. Se mai, in futuro, ti dovesse venire un guizzo, che sò, un pensiero compiuto, condivisibile o no, non esitare ad esporlo, sarò ben lieto di confrontarmici argomentando civilmente, come del resto ho sempre cercato di fare. Certo, spesso, scivolo nella ironia, e devo dartene atto, negli ultimi interventi ad un livello bassino, ma l’ intenzione era una più facile comprensione per certi professoroni. Se si dovesse alzare il contenuto di ciò che postate si alzerà di riflesso anche il contenuto delle risposte, dubito ma sono speranzoso comunque. Ciao

    2. Lorenzo

      Scusa, ma tu hai mai letto il Corano o Al-Sira o una collezione di Hadith? Io l’ho fatto, e francamente sono testi di una violenza ben maggiore perfino dell’Antico Testamento (in termini di quantita’ di versi che incitano all’odio verso l’infedele e alla guerra come dovere religioso). Ma non e’ solo questo. Sono testi molto più dettagliati della Bibbia su che cosa il credente deve fare in ogni aspetto della vita, sia privata che pubblica. E quasi in tutti i casi, le prescrizioni che danno sono allucinanti. Maometto paragona le donne esplicitamente a animali domestici (per es., nel “sermone d’addio”). Ci sono passi (65,4 per esempio) che permettono rapporti sessuali con bambine che non hanno raggiunto la pubertà. Non mi dilungo, ma vanno avanti così su caterve di temi: delitti d’onore, tasse per gli infedeli soggiogati, igiene, stupro, lapidazione, ecc…ecc…
      Mi dispiace ma affermare che i testi religiosi dell’Islam sono più o meno uguali a quelli cristiani significa non avere la più pallida idea di che cosa si sta parlando.

      Replica
  4. PaoloPaolo

    Ho ricordi più costruttivi dell’ asilo frequentato cinquanta anni fa

    A giudicare dalla tua costruttività mi sa che già all’asilo non capivi nulla.

    dovresti cercare di partorire ragionamenti più articolati e non soffermarti allo scambio di epiteti gratuiti

    Rispedisco direttamente al mittente: ti stavi per caso guardando allo specchio mentre scrivevi queste parole ?

    continuare a giocare a chi lo ha più lungo

    Che è esattamente quel che hai fatto te finora.

    una gigantesca bufala, come quella da voi accreditata su un islam buono e moderato

    Ulteriore prova e conferma del tuo analfabetismo funzionale.

    vaneggiamento buono per i salotti di una certa aristocrazia pseudo comunista

    Supercazzolianamente dissidente con rivoltatura post-modernista, ma laico.

    Antico vezzo il vostro di dispensare verità assolute, verità poi, tra l’ altro, puntualmente smentite dalla storia

    Forse non te ne sei accorto, ma quelli religiosi non siamo noi, tutt’altro. Ah, la comprensione del testo, tua bestia nera.

    sarò ben lieto di confrontarmici argomentando civilmente, come del resto ho sempre cercato di fare

    Grasse risate. Abbiamo quattro pagine di commenti pronti a smentirti.

    scivolo nella ironia

    Fosse veramente ironia, almeno. Invece è solo roba patetica.

    Replica
    1. adminadmin

      Paolo magari potremmo realizzare una pagina con tutti i commenti del nostro caro Saverio, Valente solo di cognome. Forse neppure questa evidenza lo riporterebbe alla realtà. Ma questo difficilmente mi impedirà di proporvi un riassunto della dialettica di Saverio.

      Replica
      1. Saverio Valente

        Grande, avete ragione, come ho fatto a dimenticarmene, specchio riflesso non mi hai fatto niente faccia di serpente lo dico alla maestra, Grande davvero, i comportamenti infantili si sono purtroppo per me persi nella memoria di anni lontani, è bello che voi li viviate costantemente come presente, grazie e ancora grazie, mi regalate ogni volta sprazzi di un mondo perduto. Guai a chi confondesse questa vostra freschezza con la incapacità di elaborare di meglio, restate così meravigliosamente fanciulli, fregatevene del mondo reale che pensa che siate leggermente rintronati, è pieno solo di troll cerebrolesi. Siete meravigliosi ed è un piacere riscoprire insieme a voi quanto eravamo stupidi e arroganti da bimbini, beata età, invidio voi che il tempo avete fermato.

        Replica
  5. Lorenzo

    Ciò che l’autore dovrebbe sapere è che esistono diverse traduzioni del Corano. Spesso, le traduzioni autorizzate dalle associazioni islamiche sono edulcorate: traducono volutamente i passi più intolleranti con eufemismi o simili contorsioni verbali.

    Io ho un Corano tradotto in inglese in 3 versioni (ogni verso è tradotto da 3 diversi studiosi: 2 musulmani, 1 occidentale e le traduzioni sono una sotto l’altra) e ho controllato i versi che riporti (tu, autore del post). Devo dire che tutte e 3 le mie traduzioni inglesi sono più vicine all’italiano di Pontifesso che non alle tue.
    Per esempio, 5,51: “O ye who believe! Take not the Jews and the Christians for friends. They are friends one to another. He among you who taketh them for friends is (one) of them. Lo! Allah guideth not wrongdoing folk. ”

    In generale, se hai letto il Corano, nel suo complesso devi ammettere che è un testo odioso e barbarico perfino più dell’Antico Testamento.

    Replica
    1. adminadmin

      Se hai letto l’articolo (ed il cappello iniziale) avrai notato che vengono fornite le fonti ed il contesto.
      Ti pare che il Corano sia odioso e barbarico? La tua opinione è legittima. Ma l’articolo parla di altro.

      Replica
      1. Lorenzo

        Ho capito. Volevo solo puntualizzare sulle traduzioni.
        Io non difendo il cristianesimo. A mio avviso, l'”identità” occidentale si fonda sui valori dell’illuminismo. Per questo non capisco chi, specialmente a sinistra, si mette a difendere l’Islam. Che in questo momento storico stia causando più problemi di altre religioni è ovvio. Che sia una dottrina profondamente reazionaria, pure è ovvio. Vale davvero la pena difendere l’estrema destra islamica per andare contro la destra occidentale?

        Replica
        1. Caffe

          Lorenzo, molte persone ed io tra quelle, hanno molta considerazione per i valori dell’Illuminismo, quelli che, secondo te, dovrebbero ispirare (non è sempre così, ma pazienza), i comportamenti occidentali nei confronti di quello che tu, definisci tout court, Islam; il quale è un universo troppo complesso e misterioso per le deboli menti di molti nostri concittadini: tra le mille altre cose, quello che, sostanzialmente, costoro non riescono a capire e tantomeno a spiegare a me, è: ammettendo che il Corano inciti al massacro sistematico degli infedeli: come si spiega che milioni di musulmani, evidentemente, se ne impippano altamente di tali precetti e vivano più o meno pacificamente nei loro paesi ed in quelli che li ospitano, a parte sporadiche, fisiologiche, eccezioni, puntualmente strumentalizzate proprio da chi, certe tensioni, si impegna ad alimentare quotidianamente, senza vergogna e senza ritegno? Io sto ai fatti: di massacri quotidiani, perpetrati da orde di fanatici islamici, in Italia, io non ne vedo e tu? Contrariamente a te e alla Fallaci, io non credo che milioni di persone vivano pendendo dalle pagine di alcun libro, se è facile incitare alla rivolta quelle che rimangono minoranze, nel mondo islamico, checché ne dica Salvini, è proprio a causa della nostra storia, non del tutto limpida, me lo concederai, la quale racconta di millenni di sfruttamento delle loro risorse naturali, ottenuto attraverso il ricorso sistematico alla guerra, al massacro e al genocidio, tutte cosette, che i civilissimi stati europei, non si sono vergognati a perpetrare, con i pretesti più inverosimili, fino a quasi ieri l’altro, ai danni dei mussulmani e non solo loro, purtroppo. A fronte di questo aspetto volutamente trascurata dai media, della nostra storia, è da idioti pensare che l’attuale turbolenza, di una parte del mondo islamico, per lo più innescata, proprio da malaugurate e maldestre iniziative occidentali, sia causata, invece, dagli strilli di un Muezzin dall’alto di un minareto: essere convinti che tutto questo casino, insomma, derivi integralmente dalla cieca osservanza di tutti i musulmani a quattro versetti dall’interpretazione controversa, almeno quanto gli oroscopi di Branko, è quantomeno, riduttivo; che poi, si considerino TUTTI i musulmani degli idioti sanguinari, solo perché il LORO libro sacro riporta, analogamente ai NOSTRI libri sacri, dei versetti non troppo amichevoli, è talmente stupido che mi sono stufato di ribadirvelo, se non riuscite a capirlo, quello è un problema tutto vostro, che dovreste discutere tra voi, su blog che se ne infischiano dei fatti e corrono dietro solo alle mistificazioni.

          Replica
          1. adminadmin

            A corroborare la tua ipotesi, caro Caffe, ci sono proprio le tecniche di “persuasione” usate dai reclutatori di ISIS, che fanno leva su video molto espliciti relativi agli effetti degli interventi occidentali in medio Oriente, come ad esempio in Siria.

          2. Giovanni

            Non capisco il motivo per cui lei faccia finta di niente: lo legga per una volta, nella sua vita, il Corano. Ha sparso centinaia di parole, parzialmente al vento, a mio avviso, in quanto basate sulle impressioni invece che sui fatti. E’ verò, alcuni governi occidentali hanno approfittato a mani basse delle risorse petrolifere in molti paesi musulmani, ma il petrolio lo pagano, in ogni caso, ai governi di tali nazioni islamiche.
            Vuole un esempio che spieghi l’errore sugli islamici “moderati”? Gli italiani si professano per la maggior parte cristiani, eppure le chiese si riempiono solo durante le feste principali. Non è questo ciò che dice il Vangelo, ma è ciò che la gente fa. La maggior parte dei cosidetti cristiani non conosce bene il Vangelo (anche perché se lo conoscesse a fondo avrebbe molto da ridire, almeno usando la logica), ma anche il poco che è conosciuto non viene applicato se non in talune circostanze. Non ci vuole molto a comprendere che altrettanto succede tra gli islamici, tra i quali davvero pochi seguono i dettami del loro testo sacro. Ed è proprio questo che salva la pace, perché il Corano è un inno alla violenza contro chi non è credente in Allah.
            Se proprio vuole contraddirmi, la prego di farlo facendo riferimenti al Corano (io lascio alle tante citazioni sparse sul web, tra cui anche alcune mie, a parlare per me), altrimenti tenga conto del fatto che la pace è tenuta in vita, da parte degli islamici, dal senso “civile” dei mal-professanti.

            Infine, ringrazio Lorenzo per la saggia puntualizzazione sull’illuminismo. Senza di esso avremmo ancora una chiesa cristiana intollerante o oltranzista.

          3. Lorenzo

            Non volevo scatenare un dibattito così lungo. Nessuno (credo) sostiene che tutti i musulmani siano fanatici sanguinari. Tutt’altro. I problemi sono causati da quella minoranza che prende sul serio la propria religione (incidentalmente: i versi contro gli infedeli sono ben più di “4” e il Corano vieta esplicitamente interpretazioni non letterali). Questa minoranza è diventata più numerosa nel corso degli ultimi 40 anni per via dell’opera di proselitismo wahhabita compiuta a forza di petrodollari dall’Arabia Saudita.
            Il jihadismo non è una reazione ai presunti misfatti occidentali. Esistono gruppi terroristi islamici in Russia, Cina, India, Nigeria, Kenya, Filippine, ecc… Insomma in posti che non c’entrano nulla con l’Occidente.
            Il problema inoltre non è trascurabile:
            https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_Islamist_terrorist_attacks
            Sta diventando sempre più grave.

  6. Caffe

    Giovanni, il Corano è un falso problema, per questo non l’ho mai letto, l’hanno già fatto per me, in abbondanza, tantissimi fini esegeti, su queste pagine; così come non mi sogno di andarmi a leggere cose analoghe sulla Bibbia; non sta su quei vecchi e polverosi libri, il punto vero della questione: sappiamo tutti che i libri sacri di molte religioni non sono un inno alla pace e alla tolleranza: embe? Io questo non ho difficoltà ad ammetterlo e l’ho fatto più volte; quello che non vi entra nella zucca è che io non sto’ difendendo il Corano, così come non difendo la Bibbia: io cerco solo di rimarcare il fatto e non sono ancora stato smentito da nessuno di voi, che, nonostante cretini vocianti e ululanti, che paventano fantomatici scontri di civiltà, questo, da noi, non sta ancora accadendo; gli attentati di Parigi e Londra, sono opera di cittadini musulmani britannici, francesi e belgi, rincretiniti dalla propaganda jihaidista da una parte e trattati come pezzi di merda dalla nazione di adozione dall’altra: a causa delle nostre miopi cassandre e la conseguente criminalizzazione di tutti i musulmani sul nostro territorio, stiamo percorrendo la stessa strada dei francesi e degli inglesi: come i più incalliti onanisti mentali, cari amici, voi state facendo tutto da soli o quasi: prima evocate paure che non hanno ragione di esistere, poi, quando la tensione sale ed il filo si rompe, alle prime avvisaglie dell’ormai inevitabile temporale, invocherete ed otterrete la segregazione tanto per iniziare e poi l’espulsione coatta di gente fino ad allora laboriosa e pacifica ed alla fine noi tutti ci beccheremo, per colpa vostra, le revolverate di chi vorrà vendicarli…

    Replica
    1. Saverio Valente

      La storia si ripete sempre ciclicamente, se guardiamo indietro di ottanta anni (1939), incontreremo pensieri simili riguardo ad un certo Adolf, anche lui non era un problema da affrontare, del resto invadeva la Polonia, mica Londra. Winston Churchill era considerato un guerrafondaio intento solo a provocare le ritorsioni tedesche e forse se gli isolazionisti americani, non toccati dalle barbarie europee, si fossero mossi per tempo, avremo evitato solo sessanta milioni di cadaveri. Non trovi che l’ analogia possa essere calzante? Anche i francesi parlavano di “ paure che non hanno ragione di esistere “ prima di essere spazzati via dalle panzer divisioni, gli inglesi, intenti a sorseggiare il tè, si cullavano nell’ illusione che non tutti i tedeschi fossero fanatici e che presto il problema Hitler si sarebbe sgonfiato da solo. Illusi loro come illusi noi. L’ espulsione coatta di gente “laboriosa e pacifica” forse forse non è poi così pellegrina come vuoi far credere, e se dovremo rispondere a qualche revolverata sarà solo inevitabile. Il fatto che ti fregi di non aver letto il Corano e di conseguenza non sapere di cosa vai cianciando spiega di per se le tue affermazioni buoniste, forse dovresti accettare umilmente il consiglio che già ti diedi sul conoscere il tuo nemico prima di schierarti. Non esiste un Islam moderato come non può esistere un Ebraismo Cattolico, sono per natura concetti incompatibili tra loro, fattene una ragione e smettiamola di considerare le loro azioni come giuste ritorsioni a nostre presunte colpe, questo serve solo a legittimare le loro scellerate aggressioni e non mi sembra proprio il caso. Temo che sia per non ragionamenti come i tuoi che oggi ci stiamo beccando le revolverate, queste sì che gridano vendetta. Il resto sono solo chiacchiere al vento. Meditate gente, meditate.

      Replica
      1. adminadmin

        Il problema é sempre il solito. Confondi ISIS e musulmani. ISIS é un problema? Si. E viene affrontato. I musulmani sono un problema? La mia risposta é NO. E la tua?

        Replica
        1. Saverio Valente

          No, forse sei tu che fai confusione, ISIS e Islam non sono la stessa cosa, la prima è una delle tante espressioni della seconda. Non esiste ISIS senza Islam, ma puoi tranquillamente sostituirlo con qualsiasi altra sigla partorita dall’Islam, il risultato e lo scopo ultimo non cambierà, puoi chiamarlo anche moderato o appiccicargli qualsiasi altra aggettivo ti aggrada, ma dalla sua nascita alla sua, auspico, morte, cercherà di prevalere con la forza sul prossimo. Come credo sia tacitamente accettato da tutti, il Corano, per sua stessa natura, parola diretta di Dio, non può né essere interpretato né modificato, quindi sia il metodo che lo scopo suo ultimo, è facilmente intuibile. A dimostrazione di questo basta risalirne alle origini dove, analizzando le azioni del suo inventore/divulgatore, se ne può tranquillamente comprendere il fine. Se non bastasse, si può studiare la vita di Maometto, il contesto socio/militare nel quale se ne usciva con un nuovo comandamento, oppure seguirne l’evoluzione attraverso i suoi seguaci fino ai giorni nostri. In tutta la storia dell’Islam non troverai mai un esempio di società sostenibile, almeno per gli standard minimi di civiltà. Troverai altre sì una lunga scia di sangue, dalle origini ad oggi, una storia di prevaricazioni, eccidi cruenti e prevaricazioni su qualunque popolo gli sia entrato in contatto. Certo, puoi tranquillamente bollarmi come fascista, razzista, islam fobico e chi più ne ha ne metta, ma questo non cambierebbe di una virgola la realtà dei fatti, accreditata da millecinquecento anni di storia. Puoi anche tirare fuori la solita trita e ritrita storia dei Crociati che liberarono con la spada il Santo Sepolcro omettendo il passaggio di quando i musulmani ne entrarono in possesso con la scimitarra ma il risultato è sempre quello; dai predoni capeggiati da Maometto, passando per l’impero Ottomano, ai Mori e quant’altro giù giù fino ai giorni nostri, l’Islam è sempre stata una gigantesca setta sanguinaria. E i musulmani che oggi combattono l’ISIS lo fanno solo ed unicamente per giochi di potere fra di loro, vedi Siria, Turchia, Iraq, Arabia ecc. ecc. che da seicento anni alternatamente si sputano addosso, se vuoi, anche con il nostro aiuto retribuito. Nel mondo non è esistita, non esiste e mai esisterà, una società musulmana che possa definirsi civile, e questo è un fatto. Il resto, come ho già espresso, è solo demagogia spicciola buona per certi salotti pseudo culturali filosofici con il divanetto rosso. Quindi torno a rispondere ai tuoi quesiti;
          Confondo ISIS con Islam?? No
          L’ISIS è un problema?? Si
          Viene affrontato?? No, perlomeno non con la forza e la determinazione che meriterebbe
          I musulmani sono un problema?? Si e lo saranno sempre in quanto tali

          Replica
          1. adminadmin

            Saverio il tuo panegirico è commuovente… Quante parole sprecate.
            Si, sprecate, perchè alla fine hai confermato quello che io ipotizzavo in origine. Tu confondi ISIS con i musulmani.

      2. Caffe

        Solita domanda a cui tu ed altri, vi guardate bene, ormai da mesi, dal dare una risposta, caro Saverio: ma’ ndò cazzo stanno tutti sti mussulmani brutti zozzi e cattivi, qui da noi? Risposta: solo nella tua mente bacata, a meno che tu non riferisca di fatti precisi e circostanze dettagliate e verificabili, le tue affermazioni sono solo fuffa per ritardati mentali; valle a spacciare dove ti darebbero retta: qui da noi, il cervello, non ci serve solo per riempire le nostre cavità craniche.

        Replica
        1. Saverio Valente

          Caffe carissimo, come al tuo solito eviti e aggiri il problema a tuo piacimento senza entrare nel merito del dibattito focalizzandoti su subordinate. Leggendoti se ne trae l’idea che solo il sangue italiano potrebbe in qualche misura crearti disturbo intellettuale. Ti sfugge che ogni attacco all’occidente è un attacco a noi tutti, indipendentemente se perpetrato con A47 o con il lapis. Vuoi sederti e aspettare, preferisci infilare la testa sotto la sabbia sperando che questo non ti riguardi?? Liberissimo di farlo, questo non giustifica, però, i tuoi gratuiti attacchi a tutti coloro che vogliono lottare in difesa della propria civiltà e valori.

          Replica
          1. Saverio Valente

            Admin, tutto qui?? Confidavo nella tua intelligenza e cultura, mi aspettavo qualcosa di contestualizzato, ho esplicitato un pensiero che richiedeva uno sforzo maggiore nella risposta e te ne esci con la solita frasetta sminuente buttandola sul ridicolo. Forse, se mi permetti, dovresti rinnovare le tue frequentazioni letterarie perché, vedi, il confronto è crescita se diversificato. Se continui a confrontarti con i soliti, finisci con atrofizzare il pensiero e inevitabilmente ti avviterai su te stesso. Cerca di fare uno sforzo, un guizzo di dignità e onestà intellettuale, possibilmente senza i soliti collegamenti a siti e pensieri altrui che lasciano il tempo che trovano, ma raccogliendo e attingendo dalle tue idee, contestualizza. Non aver paura di sbagliare una data o dell’ortografia, tranquillo, non ti dileggerò, cercherò invece di estrapolare i concetti basilari. Naturalmente è solo un consiglio, non sentirtene obbligato, comprendo che a volte è più soddisfacente prendersi plausi da un pubblico selezionato e prevedibile ma sarebbe carino sentire qualcosa di nuova da te, invece delle solite battute.

          2. adminadmin

            Tranquillo, Saverio, come ti ho già detto in passato, ho dedicato fin troppe attenzioni ai tuoi inutili commenti, carichi di pregiudizio, di xenofobia. Tranquillo, Saverio.

          3. adminadmin

            Saverio aiutami a ricordare i tuoi valori e le tue tradizioni: sono forse gli stessi valori e le stesse tradizioni degli abitanti di Pontoglio, ridente cittadina in provincia di Brescia salita agli onori della cronaca prima per strampalati cartelli stradali (inneggianti, guardacaso, proprio alle tue tradizioni ed ai tuoi valori) e subito dopo perchè una vecchina, derubata in strada da ignoti, è stata ignorata da tutti quelli che come te si professano attaccati alle tradizioni ed ai valori? Già perchè la vecchina è stata soccorsa da un temibile immigrato, mica da un padano…

            http://www.bresciatoday.it/cronaca/pontoglio-scippo-soccorso-immigrato.html

  7. Saverio Valente

    Admin, sei scivolato ancora una volta sui soliti errori banali, lo vedi che ti stai atrofizzando. Rispondi a tono sulle argomentazioni che bolli come xenofobia, non rifugiarti dietro alle frasi fatte buone per il solito pubblico. Mi sembrava che il tema fosse incernierato sulla cultura e i valori islamici contrapposti agli occidentali, si discuteva di Corano e non di vecchiette con problemi deambulatori prontamente soccorse da immigrati clandestini nell’ indifferenza padana. Certo, adesso ne faremo un eroe nazionale e gli intitoleremo una piazza, non vorrei mai che gli venisse l’idea di prendere un piccone e iniziasse a girare per Milano in cerca della notorietà dovuta. Ma tutto questo che ci azzecca con un Islam dispensatore di pace quando una donna viene trucidata per aver allattato il proprio bambino in pubblico, quando nove ragazzini vengono fucilati rei di aver giocato a pallone, quando tre donne sono giustiziate su un marciapiede perché hanno usufruito dei servigi del parrucchiere?? O forse preferisci parlare di una ragazzina sedicenne, figlia di civilissimi musulmani integrati, grandi lavoratori, che a Treviso, mica a Kabul, voleva vestire e vivere alla maniera occidentale e per questo è stata soppressa dal parentame riunito?? Sai, era in contrasto con i precetti basilari del Corano. Vogliamo, se preferisci, dibattere sulla legittimità di segregare la seconda moglie, figlioletto compreso, in un box a Cinisello Balsamo?? E’ questa la cultura che dovrebbe trovare spazio e integrazione nel mio paese e che pretende rispetto da me?? Ma sì, ai ragione, battiamoci per la costruzione delle moschee, diamogli il rispetto e la abnegazione che meritano, non vorremo mica provocare una loro ritorsione. Forse la colpa è di chi come me ti ha dato troppo credito, avevi dato l’impressione, accoliti a parte, di essere interlocutore vivace aperto al confronto dialettale, purtroppo, vuoi per i tuoi legacci di appartenenza, vuoi per la estrazione culturale, non ti dimostri all’altezza delle aspettative. Certo, avermi dedicato un articolo mi ha deliziato, ma mi aspettavo qualcosa di più sostanziale e articolato a fronte della tua biografia, riesci a capire a cosa mi riferisco?? Sperando sempre in un tuo ravvivamento contestuale, ti rinnovo l’ invito al confronto sui temi esposti nel suo complesso.

    Replica
    1. Caffe

      Prese a caso dal tuo ultimo intervento, caro Saverio: confronto”dialettale”: meglio “dialettico, no? “ravvivamento contestuale” ‘Cazzo significa? Saverio, tu cerchi la ricercatezza e non conosci nemmeno la lingua con la quale vorresti esprimere i tuoi già confusi e confusionari concetti: la forma è anche sostanza, dovresti tatuartelo sulle chiappe questo concetto; per ottenere il rispetto dei tuoi interlocutori, è essenziale dimostrare una certa proprietà di linguaggio, poi, il contenuto può anche essere discutibile, nessuno è perfetto: ma strafalcioni come i tuoi, ti descrivono come persona la quale, non conoscendo a fondo la lingua italiana, tuttavia, cerca di infiorettare i suoi già fumosi periodi, con frasi che vorrebbero essere ad effetto ma sono solo inutilmente pretenziose se non prive di qualsiasi significato; tu usi spesso vocaboli ricercati ma poi li metti al posto sbagliato, risultando così per nulla attinenti al contenuto che si voleva esprimere. Te l’ho già detto una volta, tu non sei in grado di dare lezioni proprio a nessuno, tanto meno d’Italiano: non sarebbe ore che qualche lezione la prendessi tu, del numero di materie il più alto possibile; materie delle quali, fidati, tu sei evidentemente, parecchio digiuno, per evitare future, altrimenti inevitabili, figure di cacca? A proposito poi, del contenuto del tuo ultimo intervento: bene, hai fatto un bel riassunto di fatti di cronaca nera che dovrebbero dimostrare l’indole ignorante e sanguinaria dei musulmani, ebbene, io potrei citarti centinaia di casi, nel solo ultimo mese, nei quali, nefandezze simili se non peggiori, sono state commesse da stimati cittadini rigorosamente italiani e per giunta cattolici: e allora? Stando al tuo ragionamento stitico, dovremmo essere un popolo di sanguinari anche noi? Tu hai il cervello di tipo random, cioè, ad accesso casuale, ovvero: dei dati che ti arrivano dai tuoi cinque sensi, tu ne perdi già metà per strada ed inoltre, a quel poco che arriva ad affiorare nella tua coscienza, tu applichi il poderoso filtro dai tuoi pregiudizi ed alla fine tu capisci e ripeti ossessivamente, come un pappagallo, solo le cose che ti piacciono e/o riesci a capire, le altre le rimuovi e chi si è visto si è visto; ti dirò di più: ad essere te, non c’è niente di male, tu hai tutto il diritto di esprimere idee e personalità ed io, questo diritto, non intendo certo conculcartelo; il problema è che sto casino che si agita nel tuo cranio, poi ce lo vieni a raccontare a noi: non puoi pretendere che io, tra gli altri, stia con le mani in mano. mentre tu oltraggi la verità ed altri concetti ai quali tengo moltissimo: avrò il diritto di reagire, oppure no? Ammetto che qualche volta, la mia reazione è andata ben oltre le righe, quasi ai confini della decenza: di questo, Saverio, io mi scuso pubblicamente. Per finire, non sarebbe necessario farlo, ma ti comunico che io non sono un accolito (ammesso che tu sappia cosa significhi di nessuno, io rappresento e rispondo solo di me stesso e quindi gradirei, anzi, esigo, di non essere gratificato da te e da altri, sia pure non nominandomi, di questo appellativo.
      Tanti auguri per l’anno nuovo, sul serio, per una volta…

      Replica
      1. Saverio Valente

        Carissimo Caffe, che piacere risentirla, anche se non comprendo questo suo accalorarsi ogni volta che non viene preso in considerazione. Complesso di inferiorità evidente?? Bo, chi se ne frega. Sono molto dispiaciuto nell’ apprendere la sua incapacità di comprensione della lingua italica, me ne farò comunque una ragione, accetto altresì il consiglio ad un suo approfondimento, non se ne sa mai abbastanza. Per inciso, coregimi se sbalio, “ravvivamento contestuale”, cosa tra l’altro a te preclusa, è esplicita mento di nuova e più vivace argomentazione sul tema in essere. Comunque tranquillo, non era una parolaccia o un ingiuria a te indirizzata, si parlava del più e del meno con persona ritenuta più consona a siffatto linguaggio. Sai che mi astengo dal tirarti in ballo per paura dei tuoi sproloqui imbarazzanti, sia per forma che per contenuto, ne consegue che, riferendomi agli accoliti di mister Admin, intendessi tutti coloro che a vario titolo, vuoi per estrazione sociale, vuoi per incapacità propria di usare la testolina, sposino incondizionatamente, se non supinamente, tutte le sue vergate in versione integrale. Quando farò riferimento a te, serenamente e tranquillamente, sarai menzionato, non con nome e cognome chiaramente visto che sono l’unico impavido a firmarmi integralmente, ma con lo pseudonimo dietro il quale, per viltà o che so io, ami nasconderti.
        Per onore di cronaca noto che, rileggendo i tuoi scritti, sei uso alla incoerenza e a rinnegare sovente le tue affermazioni, la tua coerenza, aimè, è presente solo nel dileggio del prossimo. Ho volutamente lasciato nel testo qualche strafalcione grammaticale, quello sì reale, in modo da soddisfare il tuo ego e visto che non vuoi sentirti inutile, puoi trarne piacere dalla sua correzione e dare così valido contributo alla conversazione. Auguro anche a te un felice anno nuovo auspicando che tu possa finalmente trovare una serenità interiore che tanto ti sfugge.
        Con affetto
        Saverio Valente

        Replica
        1. Caffe

          Ehhhhm! Risposta sbagliata, caro Saverio: lo spirito non ti si confà, per essere spiritosi bisogna essere un tantino più intelligenti di te: purtroppo per te, la tua intelligenza, o meglio, l’assoluta mancanza della stessa, ovvero la tua ottusità, tu l’hai dimostrata con i tuoi scritti e non puoi fare proprio niente per cancellare il pregresso. Imbarazzante ed uso un eufemismo: tu sei semplicemente imbarazzante per tutti coloro che in qualche modo, hanno la sventura o il dovere, data la tua manifesta capacità di intendere e di volere, di starti vicino.
          Tanto per tornare alle tue allucinazioni: non è vero che io mi nascondo dietro al mio nick name, se tu perdessi meno tempo nella contemplazione e manipolazione dei tuoi organi genitali ed invece, ti fossi degnato di leggerti gli interventi dei tuoi interlocutori, prima di abbandonarti al tuo onanismo mentale, ti saresti accorto che talvolta, all’occorrenza, io siglo i miei interventi con tanto di nome e cognome: ma non tu non ti accorgi di troppe cose e come Pippo, che non lo sa, di te, ormai, ride tutta la città.

          Replica
          1. Saverio Valente

            Onanismo, fantastico, mi hai davvero sorpreso. Finalmente una parola con un senso compiuto, davvero non te ne facevo capace, mi ero talmente abituato alla volgarità o alle intraducibili tipo “questo diritto, non intendo certo conculcartelo” da sorvolare con sufficienza sui tuoi scritti dal dimenticarmi che potresti addirittura arrivare a formulare un pensiero tutto tuo, certo è solo un inizio ma sei sulla buona strada. Mi raccomando, non demordere. Adesso scusa se non mi dilungo a elogiarti ma ho cose da grandi da fare, ciao bello e continua ad applicarti.

  8. Caffe

    Come Tafazzi, caro Saverio, pare proprio che tu ci provi gusto a prenderti da solo, a randellate sugli zebedei, il tuo ultimo intervento non lascia più dubbi in merito: tu non è che ci fai: tu ci sei proprio!
    Ma non è di te o con te, che voglio parlare, mi rivolgo agli altri frequentatori di questo piccolo sito: ieri l’altro, per sfuggire al bombardamento TV di paccottiglia che, tradizionalmente, ci servono in questo periodo dell’anno, ho rovistato tra i miei dvd e ripescato un film assolutamente delizioso che avevo perfino dimenticato di possedere: si tratta del film Chocolat, del 2000; interpretato tra gli altri, in un ruolo, per una volta, non da protagonista principale, da un Johnny Depp in splendida forma: di quel vecchio film, per chi non l’avesse mai visto, fornirò in fondo a questo commento, il link per scaricarne una versione che ho preparato, più “leggera” perché convertita in formato avi e depurata da tracce audio non in lingua italiana, dei sottotitoli e degli extra. Manterrò il film in condivisione su una mia cartella sul server Microsoft per qualche giorno, sperando di non incorrere in nessuna sanzione, perché non lo so mica, se sto facendo qualche cosa di illegale: il film è vecchio e soprattutto, io non ci guadagno un centesimo a far ciò. In un altro link, (questo verso Wikipedia), potete trovare dettagli e curiosità riguardanti lo stesso film. Ho deciso, per chi non l’abbia mai visto, di renderlo disponibile, perché questo film o meglio, la trama che svolge ed il ritratto dei personaggi che lo animano, li ritengo assolutamente attinenti al tema di questo post, ovvero, il film non è imperniato strettamente sul tema dello scontro tra religioni e relativi libri sacri, ma descrive esemplarmente cosa può succedere, quando, in un mondo chiuso, diffidente e bigotto, irrompe gente “diversa”, che, senza nuocere a nessuno, desidera solo di vivere come preferisce, infischiandosene di pregiudizi e maldicenze, pur rispettando il diritto degli abitanti di quel paesino a vivere secondo i loro stereotipi e le loro superstizioni, sopportando per altro, di buon grado, le reazioni di alcuni di loro, decisamente poco urbane.
    Venendo, ma solo per un attimo, al nostro grafomane preferito: io dubito che, se mai decidessi di vedere questo film, caro Saverio, tu lo possa apprezzare come merita, per il semplice fatto che questa pellicola, mette ferocemente alla berlina gente proprio come te, molto più efficacemente di quanto potrei mai fare io; con l’aggravante che qualcuno, nel film, alla fine capisce la lezione e cambia radicalmente il proprio approccio col prossimo; cosa che, ci scommetto qualsiasi cifra, tu non sei in grado di fare, nemmeno a pagamento, almeno in questa vita; per cui: Saverio, non lo guardare questo film: tu lo odieresti e rovineresti così pure, la tua inutile giornata.
    A tutti gli altri assicuro che, pur non essendocene bisogno, data la fonte da dove ho tratto il video, ho tuttavia sottoposto preventivamente il file a scansione con l’ultima versione di un noto quanto costoso antivirus, risultando negativo; quindi, se lo desiderate, guardate pure questo film, senza preoccuparvi troppo di malaugurate infezioni informatiche.

    [ADMIN: link rimosso]

    https://it.wikipedia.org/wiki/Chocolat_(film_2000)

    Replica
    1. adminadmin

      Purtroppo la legislazione (o meglio la sua interpretazione) in merito alla “condivisione” è ancora molto molto vaga e se è pur vero che secondo qualche illuminato pensatore l’età della pellicola e l’assenza di interessi economici potrebbero giustificare la condivisione, ci sono comunque avvocati agguerriti che, dietro suggerimento di qualcuno, potrebbero sempre creare grattacapi a chi condivide materiale protetto da copyright. Per questa ragione preferisco eliminare il link dal tuo commento. Apprezzo lo sforzo ma il rischio è troppo elevato.

      Replica
      1. Caffe

        Ricevuto, Admin: avevo questo dubbio e l’ho anche espresso: come responsabile del blog tu avevi il dovere di intervenire; peccato, però, quello era uno di quei film raramente proposti dal nostro sistema mediatico, per questo avevo pensato che, tutto sommato, nessuno si sarebbe inalberato, per questa innocente iniziativa; però, nemmeno a farlo apposta, a seguito della rimozione del link, ho controllato le varie programmazioni ed ho scoperto che proprio quel film, è attualmente proposto da Sky nella sua programmazione on-demand e capisco che costoro avrebbero avuto tutto il diritto ad incavolarsi di brutto, dato che, ovviamente, loro hanno pagato i diritti per trasmetterlo in Italia e solo per un determinato periodo di tempo; dunque benissimo hai fatto a rimediare alle possibili conseguenze della mia idea; ingenua, forse, ma sentita: provvedo tra un istante a rimuovere anche fisicamente quel file dalla cartella condivisa ed infine mi scuso per eventuali grattacapi che dovessi aver procurato, non senza approfittare della circostanza, per augurare a te e a tutti quelli che stanno leggendo queste righe, un bellissimo e buonissimo 2016.
        Massimo Splendori

        Replica
    2. Saverio Valente

      Film bellissimo, una delle migliori interpretazioni di Deep, anche il secondo episodio è degno di visione. Sono felice che hai finalmente dato un senso alla tua esistenza. Come maschera ti vedo bene , bravo

      Replica
  9. Mao Metto

    Io ho letto tutto il Corano a cura di Hamza Roberto Piccardo(Revisione e controllo dottrinale Unione delle Comunità ed Organizzazioni Islamiche in Italia).
    Non ho voglia di scrivere due tre quattro pagine per definire il Corano e per fare dispute inutili con altri lettori che non finiranno mai. Ognuno ha diritto di credere in quello che vuole, pertanto poche parole.

    1°) Non esiste nessuna dimostrazione scientifica dell’esistenza di Dio, Lui personalmente non ha mai scritto su nessun papiro niente, sono sempre gli uomini che hanno scritto e detto che hanno avuto ispirazione da Dio (Corano compreso)
    2°) I Vangeli sono stati scritti anni dopo la morte di Gesù sempre dagli uomini.
    Quindi non essendo Dio che direttamente abbia scritto alcunchè, posso affermare che quindi l’uomo ha scritto di suo pugno tutto con l’inganno o con il fine di un vantaggio personale.
    Differenza tra Vangelo e Corano?

    Vangelo: Divulgazione dell’amore reciproco e del perdono sempre (Nel Vangelo non c’è mai invito alla violenza).
    Corano: E’ un miscuglio di Religione con politica e vivere civile, predica Perdono poi Lapidazioni, Donne trattate come schiava, Militare (guerre ai miscredenti), e sottomisione incondizionata.
    Pertanto la mia conclusione è che il VANGELO si fonda sul perdono, mentre il Corano parla in modo ambiguo e confusionario prima di perdono poi di uccidere, pertanto non è un libro credibile. Alcuni studiosi Parlano adirittura che sia stato rivelato da SATANA per mettere discordia e zizzania tra i vari popoli e dominare il mondo.

    Alcuni eminenti giuristi hanno inviato alla CORTE DI GIUSTIZIA DELL’AIA copia del corano in Arabo per essere dichiarato FUORILEGGE in quanto DISCRIMINATORIO verso le donne e contro i principi morali dell’ordinamento della LEGGE EUROPEA.

    P.S.: Era ora)

    Replica
    1. PaoloPaolo

      1) A me pareva che Gesù avesse preso a frustate i mercanti del tempio, strano modo per dimostrare amore e perdono.
      2) Prima affermi che non si può dimostrare l’esistenza di Dio, poi inizi a farfugliare su “alcuni studiosi che credono sia stato scritto da Satana”. Strano concetto di coerenza.
      3) Allora anche il NT dovrebbe essere dichiarato fuorilegge, visto che è discriminatorio verso le donne e giustifica la schiavitù.
      4) Ovviamente hai citato solo i vangeli, ti pareva. Sia mai che qualcuno si ricordi del Vecchio Testamento…

      Replica
      1. Caffe

        Ma soprattutto, Paolo, moltissimi di questi improvvisati esegeti, sembrano mettere in diretta relazione, i comportamenti delle persone, con le cose scritte sui rispettivi libri sacri, ignorando volutamente o effettivamente, che le persone di tutte le religioni, che seguono ciecamente i dettami dei loro libri sacri, sono un’infima minoranza, a fronte della stragrande maggioranza di individui più tiepidi, se non del tutto indifferenti alle rispettive sacre scritture. I motivi dell’attuale turbolenza, sono ben altri e non ce li potrà di certo spiegare un Salvini qualunque. In questo contesto, caro Mao Metto (per caso, sei mica parente di Mara Mao, quello che è morto?), star lì a pesare col bilancino i versetti di un vecchio libro polveroso, serve solo a giustificare il proprio atteggiamento razzista: ne più, ne meno; fatevene una ragione ed andate a rompere l’anima altrove.

        Replica
        1. Saverio Valente

          Continuo a non capire questo accanimento sul travisare la realtà dei fatti, questo voler contrapporre il Corano alla Bibbia cercando di giustificare i misfatti islamici frugando nelle pieghe dell’ Antico Testamento. Se L’ Antico Testamento è fautore di nefandezze in un determinato contesto storico, non si può non constatare che:
          1) Il Corano è scopiazzato malamente dalla Bibbia
          2) Gli atti violenti in nome della Bibbia, crociate e similari, appartengono al passato remoto
          3) Il cristianesimo si basa sul vangelo, Gesù disse di portare un ordine nuovo
          4) Oggi la chiesa cristiana predica la misericordia
          5) Oggi l’ Islam incita alla guerra santa
          6) Gesù era un profeta che predicava amore e perdono
          7) Maometto era al contrario un predone dedito al saccheggio
          Certamente, indipendentemente dalla libertà di credo tanto qui professata, verrò tacciato di estremismo per aver affermato verità incontrovertibili e storiche. La politica di certi “filosofi” qui usi a postare è sempre stata di distogliere attenzione dal contendere spandendo merda, scusate il francesismo, sull’ interlocutore non allineato, vedi blog a personam a me dedicato. Me ne farò una ragione.
          Indubbiamente non vi è un solo signorotto di questo blog che si è preso la briga di condannare ciò che in nostri fratelli musulmani stanno combinando in giro per l’ Europa, o per lo meno evitano accuratamente di parlarne, cosa che del resto fanno anche i nostri cari governanti sinistrosi.

          Replica
          1. adminadmin

            Ho l’impressione che tu stia confondendo il complesso mondo dell’Islam (che comprende molteplici sfumature) con il comportamento di una singola corrente al suo interno, gli wahhabiti. Per farti un paragone, stai confondendo l’intero cristianesimo con i quaccheri.

          2. PaoloPaolo

            Nessuno sta giustificando niente, semplicemente da bravo ateo non sopporto che la dicotomia islam=cattivo e cristianesimo=buono.

            1) Appunto.
            2) L’ultimo attentato ad una clinica antiabortista risale a novembre. Tre morti, se ricordo bene.
            3) Come ho già citato più volte, Matteo 5, 17-19.
            4) Talmente misericordiosa che ha abolito la pena di morte soltanto nel 2001, continua a giustificarla nel catechismo, si rifiuta di firmare le convenzioni Onu per la depenalizzazione dell’omosessualità e per i diritti dei disabili. Meno male che è misericordiosa, figurati il contrario.
            5) Se vuoi veramente imbarcarti in una discussione su cosa fosse/sia il/la Jihad, fa’ pure. Mi limito a ricordarti che dieci anni fa in America erano tutti lì a considerare come crociate le invasioni di Iraq e Afghanistan.
            6) Aveva anche il vizietto di andare in giro a frustare la gente, fra l’altro.
            7) Lui era un uomo come tutti, mica sosteneva di essere figlio di dio.

            Alla faccia delle verità incontrovertibili e storiche, minchia.

      1. Saverio Valente

        Va bene, partiamo dall’ assurdo che sia il cristianesimo che l’ islam siano sullo stesso piano, dovremmo per questo accettare supinamente tutte le porcherie che i mussulmani ci stanno propinando??
        Credi che una eventuale occupazione islamica dell’ Europa sia auspicabile per sanare ed equilibrare le colpe dei crociati??
        Scusami tanto ma il masochismo non rientra fra le mie massime aspirazioni. Come ho più volte sottolineato, cercherò di essere più esplicito e comprensibile, me ne STRAFOTTO se i crociati cristiani hanno messo a ferro e fuoco i mussulmani in Palestina o in qualunque altro buco di culo del mondo. Oggi è in corso un tentativo di invasione della nostra società al quale bisogna rispondere duramente fregandosene altamente del politicamente corretto. Il resto sono cazzate e seghe mentali che lasciano il tempo che trovano, possiamo tranquillamente ricominciare a farcele dopo aver affrontato il problema. Non è assolutamente vero, per rispondere a Admin, che confondo pasdaran, isis, wahhabiti o come cazzo li vuoi chiamare nei diversi contesti, l’ islam resterà sempre un problema in ogni sua configurazione o manifestazione, è deplorevole e infame nel suo insieme partendo dalle radici e rami compresi. Il fatto che durante i bombardamenti in Siria, Afghanistan, Iraq o dovunque sia necessario restino colpiti civili o studenti coranici, non mi turba affatto in quanto non esiste una distinzione valida, come nelle nostre società, fra civile e combattente, i mussulmani sono tutti potenzialmente pericolosi, scinderli fra moderati e estremisti è una cazzata totale come dire ebreocristiano. Continuando ad oltranza con questo buonismo ad ogni costo facciamo il loro gioco permettendogli di scardinarci dall’ interno, è ora che vi date una svegliata e decidete da che parte stare senza ambiguità visto che lo scontro è inevitabile.

        Replica
      2. Lorenzo

        No, lo dicono i musulmani stessi, come si evince seguendo il link all’articolo del Fatto, che riporta un’intervista al poeta siriano Adunis. Lo stesso sostengono gli scrittori Daoud e Sansal, l’ex-musulmana Ayaan Hirsi Ali e gli attivisti Maryam Namazie e Maajid Nawaz.

        Non avete nulla da fare tutto il giorno qui?

        Replica
        1. Caffe

          Dunque, cari idioti: i mussulmani sono attendibili solo quando avvallano le vostre miserabili teorie? Non vi mando a cagare, perché probabilmente vi farei un favore.
          Con l’affetto che si prova per i cretini: per sempre vostro.
          Massimo Splendori

          Replica
          1. Lorenzo

            Si scrive “avallano” (una sola “v”) e “musulmani” (una sola “s”). Continuate pure a pontificare (giustamente) su una religione di cui non sapete una mazza. Io ho un lavoro, quindi vi saluto. Smettete per favore di mandarmi continuamente email con updates a questo interminabile thread.

          2. adminadmin

            L’invio di mail dipende probabilmente solo dalla tua scelta di ricevere mail quando vengono lasciati nuovi commenti a questo articolo. E’ una feature che hai attivato tu, forse senza rendertene conto. Ora vedo se è possibile disattivare questa feature per il tuo indirizzo email.

          3. Caffe

            Lorenzo, “Mussulmano” si può correttamente scrivere anche con con due “s” e l’altro esempio che porti è un semplice refuso in cui ciascuno può incorrere, sporadicamente: nei tuoi interventi smozzicati e sconclusionati, io non vedo un nuovo Umberto Eco e d’altra parte, io ho ampiamente dimostrato di conoscere la lingua italiana, in lunghi interventi scritti; tu, guarda caso, nemmeno un po’. Se ti attacchi ad un refuso, stai pure peggio di quel che credevo: invece di confutare argomentazioni altrui, con argomentazioni cogenti, ti limiti ad affermare che, chi ti avversa, “non capisce una mazza” e chiuso lì il discorso. In quanto alle email: ma chi ti si fila! Torna pure al tuo lavoro, mi auguro solo, che, dal tuo lavoro, non dipenda la vita di qualcun’altro.

  10. Saverio Valente

    Carissimo Caffe, complimenti, fai passi da gigante. Adesso che hai finalmente compreso che il contendere non è la grammatica o la sintassi altrui, puoi passare al livello successivo; i contenuti, quale mistero. Tranquillo, niente panico, se parti da pensierini piccoli piccoli, in brevissimo tempo riuscirai a esplicitare anche concetti di senso compiuti, non è difficile, abbiamo fiducia in te, ti supportiamo e cercheremo di sorreggerti negli strafalcioni che inizialmente espliciterai, non ti demoralizzare, è normale che in principio vergherai solo cazzate ma, con la costanza e l’ impegno che hai dimostrato fin qui, prima di quanto pensi riuscirai ad esprimerti come un bambino grande. Siamo fieri di te.
    Ps ma non eri tu che, invece di controbattere sul tema a tono, ti soffermavi alla forma??

    Con simpatia, un tuo estimatore

    Replica
    1. Caffe

      Caro Saverio, io non toccherei questo tasto: infatti, come ognuno può constatare, la tua prosa e la tua sintassi, nonostante i tuoi lodevoli sforzi, resta inesorabilmente al livello di un ripetente recidivo di terza elementare ed i concetti che vorresti esprimere, non si discostano molto dalla cultura neanderthaliana tipica del leghista medio. Fai dello spirito non conoscendo nemmeno lontanamente i fondamentali dell’ironia e tanto meno, dell’autoironia; il solo risultato che puoi ottenere da tutta questa tua agitazione da grafomane compulsivo, è quello di mettere in bene mostra la tua miseria umana e culturale: contento tu…

      Replica
  11. Saverio Valente

    Caro Lorenzo, mi rincresce dover dar ragione a Caffe, a ragion del vero il suo scrivere era corretto.
    Avallare si può anche con due “v” come Dante insegna; “Vegnon di là onde ’l Nilo s’avvalla”.
    Lo stesso è per musulmani, con due “s” è sempre corretto come Treccani definisce.

    Replica
    1. Caffe

      Ti ringrazio Saverio, ma il termine “avvallare”, con due “v”, è effettivamente errato nel contesto della frase che ho scritto, pur rimanendo un piccolo refuso involontario. Mi hai piacevolmente sorpreso, non sono solo io ad aver qualche speranza, dopo tutto.

      Replica
    1. Giovanni

      La tua intelligenza è inversamente proporzionale all’arroganza della tua ignoranza. Essere mandato a cagare da un esseruccio come te non può che fare piacere, e conferma la correttezza delle proprie azioni.

      Replica
    2. adminadmin

      Tanto attento al tuo anonimato… e poi lasci un commento simile, privo di ogni contenuto? E poi, a chi ti riferisci? Apparentemente all’autore del post, ma non è così chiaro…

      Replica
  12. Caffe

    Dunque, ricapitoliamo: poco fa, su questi lidi, è sbarcato uno tra i pochi superstiti dell’uomo neanderthaliano, per intenderci, uno di quei superstiti di un’età nella quale le bestie come lui, pascolavano beate; un era alla quale oggi vorrebbero riportarci i vari Salvini, Le Pen, Putin e qualche altro milione di stronzi che baciano le loro chiappe; un tale, cioè, che si è dato il simpatico nick di: “matelometto”, il quale, evidentemente incapace di mettere nero su bianco due righe che siano due, che abbiano un senso compiuto, manda a cagare non si sa chi, e soprattutto, non si sa perché. Perché lo fai? Non c’è partita, rassegnati, oppure lotta, ma almeno dicci con chi ce l’hai.

    Replica
  13. Ibrahim

    Alla fine si é detto tutto e niente con queste correzioni (preso dal corano a curo di Piccardo e se non sbaglio convertito all’islam prima della sua opera di traduzione)…trovo giusto informare in ogni caso ma resta il fatto che il corano incita alla guerra fisica di Allah e alla violenza ed é pure contro la vilonza e cita chiaramante che spetta solo ad Allah operare tra i popoli. Quindi é un miscuglio di contradizioni senza le regole di lettura che non é scritto nel corano. (quindi puo considerarsi una rivelazione di Allah sceso dall’alto?) e se la risposta é affermativo allora sorgono nolti dubbi; invece in caso di risposta negativa allora tutto il resto della religione islamica sono per la maggior parte regole umane che pero tengono e reggono la validita del corano.

    Replica
  14. Saverio Valente

    ” ‘E Lot, quando disse al suo popolo: ‘Compirete forse voi questa turpitudine, tale che mai nessuno la commise prima di voi al mondo? Poiché voi vi avvicinate per libidine agli uomini anziché alle donne, anzi voi siete un popolo senza freno alcuno’. Ma la risposta del suo popolo non fu che questa: ‘Cacciateli fuori della vostra città! Sono uomini che voglion farsi passare per puri!’” (7:80-82).
    “V’accosterete voi ai maschi di fra le creature? E abbandonerete le spose che per voi ha creato il Signore? Siete un popolo ribelle!”. Risposero: ‘Se tu non cessi, o Lot, sarai certo cacciato dalla nostra città!’. Rispose: ‘Le vostre azioni le odio! Signore! Salvami, e salva la mia gente, dal loro turpe agire!’. E Noi lo salvammo, e la sua famiglia tutta, eccetto una vecchia, che fu tra i rimasti. Poi distruggemmo gli altri, tutti. E facemmo piover su loro una pioggia; terribile pioggia per gli ammoniti invano. E certo in questo fu un Segno, ma i più di loro non furon credenti”. (26:165-174)
    “Se alcune delle vostre donne avran commesso atti indecenti, portate quattro vostri testimoni contro di loro, e se questi porteranno testimonianza del fatto, chiudetele in casa fin che le coglierà la morte o fin quando Dio apra loro una via. E se due di voi commettano atto indecente puniteli; ma se si pentono e migliorano la loro condotta lasciateli stare, ché Dio è perdonatore benigno” (4:15-16)

    Replica
    1. Caffe

      Non so, anzi, non ho capito, cosa tu volessi esprimere, caro Saverio, ma io rilevo, dai passi della Bibbia che hai riportato, come quello che mette all’indice quelli che, con il loro “turpe agire”; attribuito a gente cioè, che non ti sta torcendo un capello, come sono le adultere (solo le donne, per carità) o gli omosessuali e tuttavia trattasi di gente che viene condannata senza appello da millenni, da almeno tre religioni “rivelate”, attraverso i rispettivi Libri Sacri; quindi, possiamo tranquillamente dire che le tre religioni, almeno per questo aspetto, sono strettamente imparentate tra loro, checché ne dicano illustri imbecilli come Magdi Allam o Matteo Salvini ed i rispettivi tirapiedi: credere fermamente che i fedeli di una data religione si conformino al cento per cento ai precetti (spesso feroci) dei loro libri sacri poi, è una immensa stronzata: io vivo nella città di Roma, che è discretamente vasta e non avendo io molti pregiudizi e abituato come sono, a tenere occhi ed orecchie ben aperti, posso tranquillamente affermare che c’è tanta gente immigrata, spesso di religione musulmana, che cerca solo di vivere onestamente del proprio, spesso umile lavoro; io vedo tutti i giorni tante donne dalle chiare origini, che intente alle proprie commissioni, girano le strade del mio quartiere: i modi disinvolti, spesso con lo smartphone alla moda appiccicato all’orecchio, non sembrano certo da schiave in libera uscita e sono generalmente abbigliate con abiti ovviamente più castigati dei nostri, ma spesso arricchiti da fantasiosi e gradevoli abbinamenti con capi di fattura decisamente più civettuola ed occidentale; sono molte le donne straniere che frequentano tranquillamente ambulatori medici e supermercati, che accompagnano i loro figli a frequentare le nostre scuole: lo lo vedo ogni santo giorno e lo posso confermare in triplice copia; le differenze ci sono e non nego che ci siano tanti problemi, che tuttavia nascono essenzialmente, da una pessima gestione complessiva non sempre dovuta all’inefficienza del governo in carica, del fenomeno immigrazione; una gestione resa difficoltosa, invece, per il nostro Paese, dalle infami speculazioni miranti a trarre il massimo profitto, dalle risorse messe in campo dal nostro Paese per onorare il sacrosanto dovere di accoglienza dei rifugiati a seguito di guerre che insanguinano i loro paesi d’origine; dall’indifferenza sostanziale degli altri paesi europei verso la sorte di questi disperati; dal boicottaggio apertamente manifestato, di regioni e città governate da forze apertamente xenofobe, le stesse che instillano la paura ossessiva del terrorismo islamico che un giorno si e l’altro pure, dovrebbe vedere, secondo loro, le nostre strade lastricate dai cadaveri insanguinati dei nostri concittadini cristiani, per mano del feroce Saladino: la storia è vecchia, ma c’è sempre che se la beve senza sospettare di essere preso, per l’ennesima volta, per il culo. Per ciò, tutto questo, in definitiva, mette in difficoltà, effettiva o solo avvertita, proprio e solo i più svantaggiati tra noi italiani, quelli che per limitazioni culturali od estrazione sociale, sono abituati da sempre a dare la colpa dei propri affanni a qualcun altro che loro stessi e va a finire che, in mancanza di meglio, secondo le stagioni e di chi soffia sul fuoco delle loro frustrazioni, essi sentano il bisogno di prendersela, di volta in volta, con gli zingari, i gay e gli ebrei o persino gli albanesi, almeno, fino a dieci anni fa: poi, di gomblotto in gomblotto, è tutta un’escalation: cito solo: presunti quanto non meglio precisati “poteri forti”, le scie chimiche, tutti i giornali, tranne quello amico; tutte le banche, eppure tutti hanno un conto corrente; per non parlare dell’Europa, o meglio, l’UE, sentina di tutti i vizi e forse c’è del vero, ma non dimentico, come fanno in molti, che l’UE ci ha costretto a fare i conti con decenni vissuti da noi italiani e non solo, come cicale scialacquatrici ed incoscienti ed opportunamente imposto sacrifici per consentirci di salvarci il culo e qui mi fermo, anche se potrei continuare per tre cartelle. Prendersela con gli immigrati è la hit del momento, con grande gioia di chi, questo malessere vero o presunto o meglio, fomentato ad arte, cavalca, per un pugno di voti in più; di questo sono conscio, ma mai io ho avvertito, personalmente, segni di ostilità da parte degli stranieri con i quali, vengo quotidianamente a contatto ed il fatto che finora da noi, non sia accaduto nulla di quello che è avvenuto in quasi tutte le altre capitali europee, dovrebbe fare riflettere tutti i membri di una società, la nostra, che un tempo era civile; io la noto, l’ostilità repressa di molti miei concittadini, verso una comunità che qui non ha mai creato problemi, a parte quelli provocati da frange minoritarie e fisiologicamente inevitabili in qualsiasi comunità, compresa la nostra e me ne vergogno profondamente: certo che se consentiamo o addirittura, favoriamo l’ulteriore inasprimento delle tensioni, non passerà molto tempo che conteremo anche qui da noi molti morti e sarà stata solo colpa nostra.

      Replica
      1. Saverio Valente

        Carissimo, inanzi tutto mi complimento per la splendida forma e per i contenuti del tuo intervento, che anche se non abbraccio in toto, è in parte condivisibile, per lo meno da me. Non volevo esprimere alcunché e quantomeno provocare chicchessia, ho semplicemente ritenuto che la pubblicazione di alcuni versetti potesse essere motivo di riflessione per tutti, belli e brutti. Trovo che la tua analisi sulle tensioni in essere fra noi e gli immigrati mussulmani sia veritiera, mi trovi in disaccordo sulle responsabilità di ciò che imputo più alla nostra debolezza identitaria. Staremo a vedere cosa succederà dopo che conteremo i caduti nostrani, anche se personalmente sento miei tutte le vittime dell’ onda d’ urto islamica. Ne riparleremo, forse, quando questa comunità che qui non ha mai creato problemi, deciderà che i tempi sono maturi per mostrare i muscoli. Stammi bene e ti riconfermo che apprezzo molto il tuo intervento

        Replica
  15. alessandro

    Le citazioni dell’ articolo di Pontifex, riportate da molti siti, sono inesatte, o meglio loro hanno in alcuni casi cercato di far passare per citazione un sunto dell’ idea trasmessa dal passaggio, usando un linguaggio violento. Ovviamente é un metodo sbagliato e molto criticabile. Le vostre citazioni sono invece prese da una versione del corano ri-editata, presumo abbastanza moderna, e scritta e rielaborata con lo scopo di far sembrare il Corano un libro non violento. Come sempre, la verità sta nel mezzo… vi basterebbe andare a prendere un vecchio Corano magari in inglese, di qualche decennio fa, e sopratutto leggere le note… il linguaggio é molto più violento, in alcuni casi si parla proprio di comandi ad uccidere, e in molti altri casi sono utilizzati anche nel testo inglese dei termini arabi, che vengono spiegati in nota. In alcune di queste vostre citazioni, nella vostra versione, ci son anche errori di concetto, ad esempio: “Combatteteli finché non ci sia più persecuzione ” nella sura 2 verso 193 . Il testo dice “finchè non ci sia più Fitnah” il termine Fitnah é tradotto con “mancanza di fede (ateismo) e adorazione di altri assieme ad Allah”.
    Dunque di fatto la sura nel verso in questione dice esattamente di colpire i miscredenti finchè non esistano più venerazione di altri dei e ateismo.
    In questo senso é più corretta la citazione di Pontifex “combatteteli finché l’Islam non regni sovrano””.

    Vi consiglio questa splendida versione, un po’ pesante ma molto adatta a studiare il corano nella sua integrità.

    https://archive.org/details/HolyQuran_20130822

    Replica
  16. Pandesan

    Al di là do ogni considerazione,
    rimane il fatto che non Gesà Cristo, non Budda, ma solo Maometto ha fatto guerre, decapitato, schiavizzato.
    Cioè colui che ha fondato l’Islam ha compiuto tali gesta feroci. Gli altri fondatori no.

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_bye.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_good.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_negative.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_scratch.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wacko.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yahoo.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cool.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_heart.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_rose.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_smile.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_whistle3.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yes.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cry.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_mail.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_sad.gif 
https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_unsure.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wink.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/skull-400.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/trident.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/beer.gif