Junk

Junk. Spazzatura. Avrete sentito usare spesso questo termine con riferimento al valore dei titoli di Stato dei PIGS, cioè delle 4 nazioni “peggiori” tra quelle della nostra cara Europa. PIGS come Portogallo, Italia, Grecia e Spagna. Ma lo stesso termine (spazzatura) possiamo usarlo anche per rispondere all’ultimo sfogo del geniale Webmaster che dedica l’intera apertura del suo sito ad un “articolo” in cui, in estrema sintesi, ci minaccia.

Andiamo per gradi. Tutto scaturisce dalla recente pubblicazione di un messaggio che ho indirizzato alla cara Lalli, la quale ci ha accusato di essere contrari al Cristianesimo. Le ho chiarito che noi non siamo contrari al Cristianesimo. Certo, tra i contributor di Pontilex ci sono mille sfumature, ogni testa è un piccolo mondo e nessun mondo è uguale all’altro. Le idee di Giux, di GG, di Pao, di AlbertoB sono diverse, per certi versi ortogonali. Ma qui, su questo nostro piccolo spazio, parliamo e discutiamo, ci confrontiamo e, quando possibile, sorridiamo.

E come scritto nella lettera aperta, noi ci scagliamo contro le posizioni spesso omofobe espresse dai nostri cari amici Pontifessi. La prova stà proprio tra le poche righe che Carletto ha deciso di censurare nel suo profluvio.

In sintesi, dunque, la Lalli ci segnala un sito (gionata.org) presso cui si pubblicizza un evento previsto a Livorno per il prossimo 8 luglio. Si presuppone che la Lalli (fino a prova contraria, un avvocato, esperto di etica, conosciuta da molti anche per i suoi libri) condivida il contenuto della manifestazione che ci ha indicato. La risposta di Carletto non si fa attendere. Un suo lettore gli segnala il sito Gionata.org e lui prontamente scrive la sua personale opinione sull’evento “Opus Gay, La Chiesa cattolica e le persone omosessuali” ( http://www.gionata.org/eventi/segnalazioni/8-luglio-2011-a-livorno-opus-gay.-la-chiesa-cattolica-e-le-persone-omosessuali.html ). Potete leggere le parole di Carletto al seguente indirizzo:

http://www.pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/editoriale/il-fatto/8393-8-luglio-a-livorno-incontro-qopus-gayq-il-papa-mandi-le-guardie-svizzere-ad-arrestare-i-qpretiq-collusi-con-la-mafia-gay

Noi ci siamo semplicemente limitati a far notare alla Lalli che gli amici Pontifessi sono su posizioni perfettamente ortogonali rispetto a quelle proposte dal sito gionata.org. Potete leggere la lettera aperta qui:

http://pontilex.org/2011/07/lettera-aperta-per-virginia-lalli/

Per tutta risposta il povero Carletto, indispettito forse per il prolungato disservizio procurato al loro sito da Aruba quest’oggi, scrive un profluvio di affermazioni, alcune vere, altre verosimili, altre palesemente prive di fondamento. Potete leggere le sue parole nella loro terribile interezza qui:

http://www.pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/news/29-news/8400-pontifexroma-lettera-aperta-ai-nostri-lettori-attenti-al-sito-pontilexorg

Cosa scrive dunque il Maldestro? Diciamo che inizia malissimo.

Gentili lettori, è da ormai più di un anno che una serie di saccenti denigratori, privi di alcuna qualifica in materia di Fede, si sono coalizzati democraticamente in un sito web che è un aggregatore di insulti e di pubblica diffamazione; che ha come obbiettivo quello di voler ridicolizzare l’operato delle centinaia di persone che collaborano con Pontifex.Roma e che condividono i loro pareri e le loro opinioni con noi in materia di Fede, morale, Dottrina, Magistero Ufficiale della Chiesa Cattolica ed esperienze di vita quotidiana.

Poor Carletto, il nostro piccolo sito ha aperto i battenti alla fine di settembre del 2010. Quindi non abbiamo ancora compiuto un anno di vita. Abbiamo ben compreso che la tua percezione del tempo è forse distorta (vedasi l’esempio delle vostre “attenzioni” per Don Giorgio), ma scusaci, dobbiamo correggerti: non abbiamo ancora compiuto un anno di vita.

Poi tu ci accusi di non essere competenti sulle tematiche della fede. Hai ragione, nessuno di noi ha qualifiche specifiche. Infatti Pao non scrive articoli sulla fede. Stefano non scrive articoli sulla fede. AlbertoB non scrive articoli sulla fede. Gianfranco non scrive articoli sulla fede. Vedi, Carletto, il tuo problema è che confondi il buon senso con la fede. Noi parliamo di altro. E volendo ben vedere le affermazioni di Simone aspettano ancora di essere confutate. Eh già perche Simone scrive di fede. Scusami ma io continuo a trovare più aderente al Magistero la sua parola, non la tua.

Ma parlaci delle tue qualifiche. Puoi mostrarci le tue qualifiche? Perchè altrimenti parliamo di aria fritta. Non puoi accusarci di “non avere titoli” se poi tu per primo non hai titoli, non credi?

Noi ridicolizziamo il vostro lavoro? No, noi lo critichiamo, esprimiamo le nostre opinioni su quello che voi scrivete. Così come tu puoi commentare quello che noi pubblichiamo (e l’hai fatto spesso).

Facciamo presente che Pontifex.Roma, nella figura del sottoscritto Carlo Di Pietro (co-direttore di Pontifex.Roma), ha già presentato querela a Procura e Polizia Postale al fine di ottenere giustizia.

Ho la cacarella. Non saprei che altro aggiungere. Davvero. Ho la cacarella.

I signori del sito Pontilex.org, che pur noi rispettiamo per il lavoro che svolgono, sovente non si limitano al diritto di replica / critica o di satira che è legittimo e sacrosanto, ma si addentrano in questioni personali nei nostri confronti ed utilizzano purtroppo un linguaggio molto forte ed etichette che non ci rappresentano.

Nessun signore, Carletto. Qui ci siamo io (l’admin), Diego, Davide, Sandro, Luigi… Tanto per citare qualche nome. Ma ce ne sono molti di più. Non facciamo la gara a chi ha la lista più lunga… non siamo così Nerd. Ti lasciamo solo nel tuo campanilismo infantile. Non millantiamo centinaia di utenti. Non ci vantiamo dei nostri risultati, del numero di commenti o di articoli. Replichiamo alle vostre Pontifesserie con un sorriso sulla bocca e sperando che prima o poi comprendiate il vostro errore. Ti ricordi quando sostenevi che l’amore omosessuale non può esistere e poi ti sei corretto, affermando che può esistere se casto? Ecco, in quel caso abbiamo apprezzato la tua correzione: hai dimostrato di aver letto i nostri articoli e compreso quello che noi sosteniamo. Avete ancora molta strada da fare, ma siamo fiduciosi… Prima o poi imparerete a non chiamare gli ebrei “deicidi” o “perfidi”, a non chiamare gli omosessuali “invertiti”, “checche”, “pederasti” o peggio, a non chiamare i musulmani “beduini”, a non vedere complotti massonico-comunisti dietro ogni starnuto, a non paragonare chi lotta per i diritti dei gay ad una lobby mafiosa… Avete molto da imparare, ma confidiamo di riuscire ad aiutarvi nel lento e costante miglioramento che abbiamo visto.

Parlando di progressi: l’abbiamo scritto più volte ma voglio scriverlo qui pubblicamente. Abbiamo apprezzato il tuo sforzo di citare le fonti da cui attingi. Il caso di Scarselli ti ha aiutato, vero?

Carletto poi inizia a menare fendenti. Anzi, direi colpi di clava. Ci accusa di andare oltre la satira. Ma infatti, Carletto, non tutto quello che proponiamo è satira. Gli articoli di Simone, di Gianfranco, di AlbertoB non sono sempre satira.

Molte parti del tuo “articolo” mi hanno fatto sinceramente ridere. Una in particolare mi pare davvero degna di nota. Scrivi infatti:

La Redazione di Pontifex.Roma, che si vede obbligata a prendere ulteriori provvedimenti legali a seguito della pubblicazione di questo gravissimo articolo presente tuttora su Pontilex.org…

Scusami ma non hai lasciato commenti qui su Pontilex (eppure l’hai fatto in passato) per chiedere la rettifica o la rimozione. Non mi ha scritto neppure una mail per chiedermi la rettifica o la correzione. Come puoi allora affermare che l’articolo è “presente tuttora”? Ah capisco. Tu pensi di avermi comunicato questo tuo desiderio per via telepatica. Mi dispiace, non ho ricevuto il tuo messaggio, ciccetto.

Affermi:

Pontifex.Roma pubblica e diffonde articoli, interviste ed editoriali in massima aderenza alla Dottrina Cattolica e nel massimo rispetto del Magistero della Chiesa, utilizzando linguaggio chiaro, comprensibile a tutti, a volte duro ed a volte ironico

No, Carletto. Pontifex.Roma pubblica e diffonde articoli a firma di Bruno Volpe e di Carlo Di Pietro nella maggior parte dei casi. Ogni tanto compare anche la firma di Don Marcello Stanzione. Ma questo non basta per farvi diventare i difensori del Magistero o della Dottrina Cattolica. Il vostro sito rappresenta SOLO la vostra posizione, la vostra opinione. Fatti una ragione di questa affermazione: il vostro sito Pontifesso rappresenta SOLO la vostra posizione. Posizione che, per altro, non è ne calda ne fredda. Non siete Lefebvriani convinti. Non siete aderenti alla Romana Chiesa. Verrete vomitati anche voi?

Pontifex.Roma collabora da anni ed ospita pareri autorevoli di Teologi, Vescovi e Cardinali. Attualmente abbiamo il piacere di diffondere le considerazioni di circa 200 Stimatissimi Membri della Gerarchia Cattolica, fra cui Vescovi, Arcivescovi e Cardinali

Questo è vero: ospitate il parere di stimatissimi pensionati nella maggior parte dei casi. Scrivere “Vescovo Emerito” oppure “Cardinale Emerito” non cambia la situazione: si tratta del parere di “vecchie glorie” ormai in pensione. Le parole del Vescovo (quello vero, non quello in pensione) di Grosseto sulle fantainterviste a Babini pesano come un macigno sulla vostra pessima abitudine di attingere a piene mani ai poveri emeriti pensionati. Perchè non si legge mai la parola dell’attuale Vescovo di Torino sulle vostre pagine? Perchè non si trova mai una bella intervista al Vescovo di Taranto? No, Carletto, non dribblare: non gli emeriti. Quelli in carica, quelli attuali. Stimatissimi membri? Forse tu hai stima di loro. La tua stima rimane la tua stima, non quella dell’universo mondo.

Pontifex.Roma, nella condivisione di informazioni reciproca tra membri ed intervistati, ha all’attivo collaborazione in centinaia di pubblicazioni e testi che spaziano dalla teologia, all’esegesi, alla spiritualità, alla demonologia, all’angelologia, alla mariologia ed altro. Migliaia sono le pubblicazioni di nostri collaboratori ed intervistati, tra cui numerose con la prestigiosa ed autorevole Libreria Editrice Vaticana

Sicuramente avete all’attivo centinaia di pubblicazioni che spaziano in tutti gli ambiti che hai indicato. Ma allora mi spieghi cosa ha a che fare con l’apologetica, la teologia, l’esegesi, la spiritualità e tutte le altre cose, l’elogio del tarallo o del confetto pugliese? E puoi spiegarmi l’attinenza con la fede di tutti i fantastici articoli su Cetto (lo zio di Brunello)? Scusami ma non basta menzionare un passaggio del Vangelo mentre si getta fango sull’attività commerciale di un imprenditore o su Vendola per trasformare la vostra spazzatura in “pubblicazioni e testi che spaziano dalla teologia, all’esegesi, alla spiritualità, alla demonologia, all’angelologia, alla mariologia”. Ah già forse queste perle ricadono nell’ultima parola: “altro”.

E cosa mi rappresenta il fatto che tu sei abile nel fare cut&paste prelevando il materiale dall’opera di chi pubblica migliaia di libri anche con la Libreria Editrice Vaticana? Che argomentazione bizzarra sarebbe questa?

Pontifex.Roma, in materia di Fede, se esprime posizioni di critica, ma mai di dissenso, nei confronti di decisioni prese dalla Santa Sede, lo fa solo ed esclusivamente per argomenti non dotati di infallibilità [4], dunque non ardirà mai ad intervenire o “criticare” in materia di Dogmi di Fede, Canonizzazioni o di dichiarazioni del Papa che non può sbagliare quando si esprime “ex cathedra” ossia come Dottore Universale della Chiesa

Questo passaggio mi ha reso particolarmente ilare. Non credo serva aggiungere altro: è sufficientemente ridicolo quello che scrivi. Il tuo doppiopesismo è imbarazzante. Tu puoi criticare il Papa a cui dici di essere obbediente. Io invece non posso criticare le tue opinioni, pur non avendo alcun legame o rapporto con te? Sei davvero bizzarro in taluni tue affermazioni!

Pontifex.Roma è un blog di Apologetica Cattolica [5] e diffusione della Retta ed Ortodossa Dottrina Cattolica [6], nato nell’Ottobre del 2008, non ha scopo di lucro e conta attualmente migliaia di iscritti suddivisi in: Cardinali, Arcivescovi, Vescovi, Sacerdoti Diocesani, Frati, Monaci, Suore, Diaconi, Accoliti, Lettori, Ministranti, laici impegnati in numerose Associazioni Benefiche, laici impegnati in numerose Associazioni di Fedeli riconosciute dalla Santa Sede e laici interessati alla materia

Ecco che torna la tua personalità più Nerd… Facciamo a gara a chi lo ha più lungo? L’elenco degli utenti, cosa hai capito, malizioso! Affermi “non ha scopo di lucro”: a giudicare dalla quantità di pubblicità con cui è farcito ogni tua pagina si direbbe il contrario. A giudicare dal fatto che richiedi soldi e donazioni si direbbe il contrario. A giudicare da come hai reagito quando uno dei tuoi fornitori di pubblicità ha chiuso il contratto, si direbbe il contrario.

Pontilex è un sito non a scopo di lucro! Non chiediamo donazioni, non c’è traccia di pubblicità. Questo è un sito “non a scopo di lucro”.

Circa il lungo elenco di collaboratori. Ti assicuro che tra le migliaia di righe di cui è popolato il tuo elenco di contatti, molti sono quelli interessati a ricevere le vostre notizie per farsi sonore risate alla faccia vostra. Ah visto che si parla di risate sonore: grazie ancora per quel bellissimo spaccato di vita Potentina che ci hai raccontato. Ora la tua amica (sempre che esista realmente) sarà lieta di sapere che è considerata una poco di buono e tu non hai speso una parola per difenderla, anzi ti sei allontanato per fumarti la tua sigaretta.

Pontifex.Roma non ha pregiudizi di sorta, in special modo nei confronti delle comunità gay, ma si limita a denunciare pubblicamente il degrado di una nuova evangelizzazione non conforme a quanto presente nel Catechismo della Chiesa Cattolica

Questa, ribadiamo per l’ennesima volta, è la tua opinione. Tu sostieni che la nuova evangelizzazione non è conforme a quanto presente nel Catechismo. Renditi conto che quando scrivi sul tuo sito lo fai a titolo strettamente personale. Esattamente come faccio io quando scrivo qui. Parli di pregiudizi. Bah noi non usiamo termini come “invertito” o “femminiello” quando parliamo dei nostri amici omosessuali. Hai ragione, non avete pregiudizi, siete solo villani ed offensivi.

Pontifex.Roma è impegnato da anni nella difesa dei diritti dei disabili, delle minoranze etniche, dei carcerati e collabora attivamente e direttamente con Associazioni e privati cittadini che lottano per la difesa dei più deboli. Nella figura del sottoscritto e di altri lettori, lo fa anche con importanti donazioni economiche

Faccio mie le osservazioni di altri: ma le donazioni non sono affare privato? Non bisogna farle in gran segreto? Perchè questo sfoggio? Noi non abbiamo soldi. Non facciamo donazioni. O meglio non ce ne vantiamo.

Quale sarebbe l’impegno nella lotta per la difesa dei diritti dei disabili? Gli articoli di Previte? Forse non ti sei accorto ma li abbiamo pubblicati anche noi… spesso in anticipo rispetto alla vostra pubblicazione.

Pontifex.Roma prende le distanze dai Sedevacantisti [8] ed ospita interviste ai Membri della San Pio X solo a seguito del riaperto dialogo tra la Santa Sede e le Comunità Lefebrviane

Carletto ospitate interviste anche a persone sinceramente impresentabili, come il caro Florian Abrahamowicz, escluso dalla SPX fin dal 2009, forse non ve ne siete accorti! Su su risvegliati dal torpore: ospitate qualsiasi opinione vi consenta di sparare qualche insulto a chi vi stà sgradito!

Pontifex.Roma, mediante l’Oasi di San Michele Arcangelo [10], offre ospitalità ed aiuto a persone meno abbienti e vittime del disagio sociale, il tutto gratuitamente e senza alcuna finalità speculativa, solamente grazie alla generosità del Sacerdote Marcello Stanzione e delle pie donne che lo aiutano in questo difficile apostolato

Questa è bellissima! La vostra Oasi non ha nulla a che vedere con il vostro sito, se non per la pubblicità che vi compare! Di nuovo… tutto ruota attorno alla pubblicità. Pubblicità per l’Oasi, pubblicità per i vostri libri, pubblicità per le attività di Stanzione. E per avere accessi (e far fruttare la pubblicità) attirate visite creando polveroni (come quello sul concerto di Bari, che ho l’impressione vi costerà salato).

Pontifex.Roma non accetta bavagli di sorta e pensa che il diritto di parola debba essere democraticamente concesso a chiunque, in special modo a Vip [11], politici [12] e magistrati / esponenti delle Forze dell’Ordine / medici / varie personalità [13], personaggi sportivi mai coinvolti in scandali [14] che, mediante il nostro sito, riescono ad esprimere liberamente il loro punto di vista su tematiche quali Fede, Famiglia, Proprietà, Giustizia, Diritto alla Vita, Lotta alle Dipendenze, Tutela dei Diritti Civili, Diffusione della Morale Cattolica

Già come nel caso della Zanicchi. Meglio cambiare argomento altrimenti rischio di diventare davvero perfido. E non perchè ho perso la fede!

Pontifex.Roma non ha colore politico, raramente si esprime con posizioni che possano pregiudicare una determinata componente politica e, se lo fa, offre dati di fatto, certi, tangibili e documentati da Agenzie di Stampa accreditate

Anche in questo caso faccio mie le osservazioni di altri: ma quali dati di fatto tangibili e documentati! Il Magistero non è un “dato di fatto” e spesso i vostri giudizi sono basati su quanto dice la vostra personale versione del Magistero! Le tue affermazioni cozzano ortogonalmente con la realtà dei fatti! Che “dati di fatto” avete portato per sostenere il polverone sollevato attorno alla sanità pugliese? Piantala, inizi a diventare molesto quando sfidi la nostra pazienza in questo modo evidente e palese!

Pontifex.Roma, per concludere, ospita e diffonde pareri di Laici [16] e Religiosi [17] impegnati in un rigoroso cammino di Fede e, nel pubblicare qualsivoglia intervento, concede spazio solo a personaggi che non hanno mai dato scandalo o che, se hanno sbagliato, hanno attualmente chiarito le loro posizioni dinanzi dalla Legge dello Stato Italiano od a Tribunali Ecclesiastici.

Anche in questo caso, devo ricordarti che avete pubblicato una fantaintervista ad Ilona Staller? Ricordi chi è Ilona Staller? Si, Cicciolina. Ha fatto un sacco di film hard. Molto hard. Come si chiamava il suo serpente? PitoPito, mi pare. Ecco, questo è un bellissimo esempio di laico impegnato in un rigoroso cammino di fede e che non ha mai dato scandalo, vero? Suvvia, pubblicate qualsiasi cosa vi capiti a tiro, è evidente ed acclarato! Oppure vogliamo parlare della fantaintervista con il produttore di confetti pugliese? Cammino di fede? Non basta dire un Pater ed un Gloria al telefono con Brunello per seguire un cammino di fede!

Siamo sconcertati dal documento [1] pubblicato sul sito Pontilex.org, in cui veniamo definiti in maniera ingiusta e terribile. Tutto questo offende gravemente la nostra sensibilità di Cattolici impegnati in un Cammino di Fede, che si riconosce dai frutti, e ci lascia molto amareggiati

L’amarezza è tutta nostra, caro! L’amarezza per i tuoi modi sempre goffi e volgari quando ti rivolgi agli omosessuali, ai musulmani, a tutti coloro i quali non condividono le tue idee!

Siamo altresì dispiaciuti che un sito che pubblica insulti, parolacce, blasfemità, fotomontaggi offensivi, giudizi temerari ed altro (Pontilex.org) si possa arrogare il diritto di entrare in argomenti e discussioni che competono solamente a chi esercita le Virtù Teologali e Virtù Cardinali e non si concede all’esecrabile diffusione e pratica dei Vizi, nonché dei sei peccati contro lo Spirito Santo e dei quattro peccati che gridano vendetta al cospetto di Dio

Oh Maldestro… mi tocca ripetermi. Il vostro sito rispecchia il vostro pensiero. Basta. Stop. Null’altro. La nostra parola contro la vostra!

Ora sono veramente stanco… il tuo sproloquio è incommentabile, irricevibile ed illeggibile! Non hai confutato alcuna delle nostre tesi. Hai rettificato quelle che secondo te sono le nostre affermazioni errate ed hai rimediato la tua abituale dose di figure barbine. E farai perdere tempo alla magistratura con la tua querela priva di ogni fondamento e destituita da ogni validità. Complimenti!

15 pensieri su “Junk

  1. AlbertoBAlbertoB

    Hai la cacarella eh… ti sta bene , te l’avevo detto io non mangiare porcherie e di non dormire con il culo scoperto. Vabbè dai , un po’ di Dissenten e tutto passa 😀

    Per quanto riguarda il resto… lo sai anche tu , è la solita lagna tipica della fase depressiva dell’amico di Restivo. Con l’aggravante che ora Pontifex è anche su feisbuk e l’amico di Restivo si è fatto nuovi amichetti… fondamentalmente sta cercando di fare il duro ed evitare figure di melma. Con scarsi risultati ma tant’è.

    Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      Già .. anche io ho previsto l’imminente fase depressiva… probabile che tra un paio di giorni passi qui a lasciare tonnellate di commenti (come ha sempre fatto in passato) per poi tornare nel silenzio della sua stanzetta. Ritornerà la firma di Strazy (che di recente si vede troppo poco) e per qualche tempo avremo molto materiale su cui ridere. Se la vi… Oops volevo dire c’est la vie 😉

      Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      No, non è reato. Almeno non ora. Chissà quando si realizzerà il sogno di Carletto: lo Stato Teocratico… Sob!

      Rispondi
    2. Andrea Laforgia

      Non formalmente, ma in un paese teocratico come il nostro lo è di fatto. Il nostro codice penale conteneva il reato di bestemmia, ti rendi conto? Come offesa alla “Divinità”, che non si sa bene cosa sia. Adesso è un “illecito amministrativo”. A questo punto perché non introdurre il reato di “vilipendio allo sfarfuglione”? Lo sfarfuglione è un animale che abita le mie fantasie notturne, da molti anni a questa parte, e che sento costantemente rantolarmi nell’orecchio.

      Rispondi
  2. S_Raffaele

    ma credevo che la fase acuta gli fosse già arrivata! Deve essere il caldo oppure Agnieska ha di nuovo confuso le pillole.

    Rispondi
  3. Faggot79

    Non fosse che spesso il fine della bestemmia non è quello di offendere la divinità la quale, ammesso che esista davvero, dubito sia dotata di così scarsa intelligenza da offendersi. Lo scopo spesso è quello di ferire la sensibilità di coloro che in quella divinità ci credono, minoranze indifese che non hanno la forza per reagire ai soprusi di prevaricatori maleducati.
    Questa è la ragione. D’altro canto però riconosco che la libertà di espressione ha un valore inestimabile, quindi ben vengano le bestemmie e l’omofobia di Pontifex.

    Rispondi
  4. Giacomo

    Mi associo ai complimenti per la schiettezza, la pazienza ma soprattutto il buon gusto 🙂 Credo sia l’arma migliore per combattere la volgarità e l’ignoranza di certi personaggi…
    Vorrei soffermarmi su un punto: la ritrattazione di Carletto riguardo l’amore omosessuale. Ma non è triste che ancora oggi sia necessario alzare la voce per far riconoscere come giusto l’amore? Se due uomini stanno insieme, si amano, si rispettano, si vogliono bene per una vita intera con purezza e affetto… Ma come si può definirli malati??? Ma fortunati loro che si sono trovati!! Non credo di essere così un apostata nel pensarla in questo modo…

    Rispondi
  5. Davide

    La svalvolata di CdP è fenomenale.
    Un condensato di autoreferenzialità e mediocrità.
    Non so perchè, ogni volta che leggo CdP mi viene in mente Giuseppe Simone.

    Rispondi
  6. Michele Ferri

    Appoggio in pieno ogni parola scritta qui sopra…Senza parole, quelli di Pontifex ti sorprendono sempre.
    (un loro lettore ha commentato quest’articolo con un: “Tanti Nemici tanto onore”, giusto per citare il politico che amano più di ogni altro)

    Rispondi
  7. stefano

    Ho letto (e riporto qui) un pensiero interessante…

    se ti hanno denunciato per diffamazione senza nemmeno richiederti la rimozione dei contenuti dal sito puo’ scattare una controdenuncia per falso ideologico, in quanto l’assenza di qualsivoglia richiesta di rettifica o rimozione dimostra che il loro obiettivo non e’ tutelare la loro immagine, ma attaccarti per procurarti un danno.

    Apparentemente questo conferma la teoria: Brunello magari fa anche querele e denunce su carta da formaggio… Carletto neppure quelli. Parla, parla, parla e basta. Anzi gli esposti li riceve (visto che io non ho ancora ricevuto una busta verde che mi avvisa dell’archiviazione dell’esposto e visto che il contenuto dell’esposto è arrivato a Carletto).

    Rispondi

Rispondi