Ci tocca…

Ci tocca prendere la penna rossa e correggere tutte le Pontifesserie che grondano dagli ultimi articoli del nostro “blog Cattolico non secolarizzato” preferito.
Iniziamo in questo articolo dalle risposte del laico Carletto a Sandro (si lo stesso Sandro che commenta anche qui su Pontilex). Potete leggere qui l’articolo Pontifesso.

http://www.pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/opinioni/laici/8280-omosessualita-anormalita-deformita-verita-antropologiche-oscenita-gay-da-sanzioni-penali-violenze-psicologiche-vendola-corrompe-quindi-meglio-morto-dio-e-lira-virtuosa-questa-e-dottrina-risposta-alle-domande-di-sandro

In sostanza il Maldestro risponde alle domande che gli vengono poste ripetutamente da Sandro. Ovviamente Sandro si aspettava una semplice risposta, invece Carletto pensa bene di temporeggiare e di girare le domande a qualche religioso misterioso, per poi proporre un “articolo”. Vediamo dunque qualche frase tratta dallo sproloquio.

Se vediamo un uomo con la testa della grandezza di una nocciolina, il corpo grosso come un pallone, con tre mani. Avremmo il falso coraggio di dire che non è una deformazione? Si tratta di un’anormalità senza dubbio.

Certo Maldestro, tu parli di una evidente deformazione fisica. Ma saresti altrettanto abile nell’individuare una diverticolite al semplice sguardo di chi ti si presenta dinanzi? E saresti altrettanto abile nell’individuare se la persona con cui ti relazioni porta le conseguenze derivanti dalla “spina bifida”? E quanto sei abile nella diagnosi dell’eventuale malformazione artero-venosa o della sindrome di Arnold Chiari oppure ancora di una aritmia cardiaca?

Carletto scusa la franchezza: le malattie non sono cosa banale. Serve una persona competente per poter parlare di questi argomenti. Come sempre esponi il tuo fianco a critiche che potresti risparmiarti evitando accuratamente tutti gli argomenti che non padroneggi perfettamente. Sono consapevole che questo concetto ti è alieno perchè ti costringerebbe al quasi totale silenzio, ma devi rassegnarti: hai dei limiti, non sei onnipotente. Sai bene che è peccato ritenere di essere onnipotente. Ecco ora corri a confessarti perchè spesso tu esponi il tuo pensiero (sicuramente ben radicato nella tua testolina, ma pur sempre il tuo pensiero, nulla di più) facendolo passare per la summa del sapere. Ed invece è solo la tua opinione. Spesso disinformata…

Tutta questa disamina iniziale serve per introdurre un ulteriore concetto fondamentale: occorre rivolgersi agli esperti quando si trattano argomenti complessi, come la salute (mentale o fisica) delle persone. E dunque occorre fare molta attenzione prima di formulare affermazioni come la seguente:

L’omosessualità è un’anormalità psichica.

Eh no, qui Carletto devo ammettere che perdi 100 punti. Devo intervenire con la penna rossa e sottolineare tre volte l’errore. Come posso stimarti se continui pervicacemente a riproporre queste affermazioni più volte smentite da tutti, anche dagli psichiatri e psicologi cattolici?

http://pontilex.org/2010/10/gli-psicologi-e-gli-psichiatri-cattolici/

Non contento ti spingi oltre. E scrivi:

Perché non si vuole ammettere l’evidenza dell’anormalità omosessuale, quando l’anormalità la riconosciamo a tutti gli altri casi deformi?

Vedi caro, la risposta a questa tua domanda è semplice: perchè non è una anomalia, non è una anormalità, non è una deformazione. Riproponiamo quanto si legge anche su Wikipedia: l’omosessualità è “una variante naturale del comportamento sessuale umano”. Tutto qui. Una variante naturale. Nessuna deformità, nessuna anomalia, nessuna anormalità. Solo tu e pochi altri svitati trovate “anormale” l’omosessualità. Solo tu e pochi altri spostati  trovate “deformi” gli omosessuali.

In questo modo rispondiamo anche alla tua frase seguente, davvero pesantuccia a nostro modesto avviso:

Anche avere due teste è una variante, ma non rientra nella normalità. Variante non è uguale a normalità.

Tu non ancora contento provi a girare la frittata, forse perchè ti sei accorto che stai esagerando con queste tue affermazioni. Infatti affermi:

Con giochi di parole si vuole sopprimere l’evidenza dei fatti?

Qui chi gioca con le parole sembri tu, Maldestro. Sei tu che confondi delle evidenti deformità con una normale inclinazione della sessualità umana. Sei tu che giochi (maldestramente) con le parole.

Sempre più insistentemente poi torni sui tuoi errori. Riproponi le sciocchezze che hai già scritto (e che sono smentite anche da Cantelmi, tuo amico, secondo quanto tu stesso hai affermato in passato: http://www.pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/editoriale/il-fatto/5738-le-lobbies-omosessuali-seminano-zizzania-lamico-prof-tonino-cantelmi-preferisce-non-rispondere-alla-mia-intervista-cosa-sta-succedendo-perche-tutto-cio ).

L’omosessualità è una deformità e basta. Ma anche se in altri casi non è una deformità strutturale, lo è psicologicamente acquisita per vari disagi e turbe della personalità.

Carletto stai attento: quello che tu scrivi è profondamente sbagliato. E’ terribilmente ingiusto. E’ estremamente discriminante. Ed è forse anche un reato.

Forse sei sotto l’influsso nefasto di una demoniaca febbre che vela la tua mente ed annebbia il tuo raziocinio, perchè arrivi a scrivere:

Quindi è giusto diffondere le verità, prima di tutto le verità antropologiche.

Tu diffonderesti la verità? Ma se abbiamo appena visto che diffondi balle colossali! Ed ora ci vuoi far credere di essere anche un antropologo? E, di grazia, di quale parte dell’antropologia ti occupi? Siamo curiosi, non abbiamo mai trovato tra le tue qualifiche anche conoscenze di antropologia. Illumina il buio in cui ci troviamo: mostraci le tue qualifiche.

Torniamo alle tue parole:

Dio non condanna l’omosessuale che vive questo disagio. Ma questo disagio non deve diventare un pretesto per pervertire gli atti e giustificare le cose più riprovevoli.

Ma, ma, ma… Maldestro! Sei proprio incorreggibile. Guarda che il disagio è tutto tuo. Sei tu che continui a lamentarti del comportamento degli omosessuali. Sei tu (con il caro Brunello) che ti dichiari disturbato dalla visione degli atti omosessuali. Sei tu che continui a scrivere affermazioni fasulle spinto solo dalle tue fissazioni maniacali o forse dalla tua visione distorta della religione. La tua prima risposta si conclude con una fantastica colossale bugia.

La censura dei commenti che dicono che l’omosessualità non è una malformità, è adottata da noi perché sono falsità. Negazione delle verità più ovvie e coerenti. La menzogna è un’immoralità che detestiamo.

Se tu fossi realmente interessato alla verità, ti documenteresti e chiederesti aiuto agli psicologi e psichiatri cattolici prima di parlare di “malattie” o “malformità”. Al tuo amico Cantelmi per esempio. Ricordi, lui ha espresso riserve chiare sulle teorie riparative che invece stuzzicano la tua immaginazione. Se detesti la menzogna, vedi di evitare articoli simili in futuro. Vedi di non riempire i tuoi articoli di menzogne e falsità gratuite.

Non perdo tempo affrontando le altre tue “risposte” visto che sono tutte viziate dalla grande quantità di nefandezze e menzogne che hai scritto fino ad ora. Inutile ribattere alle tue falsità.

Massimo rispetto per Sandro che invece ha investito tempo ed energie dedicando qualche sua parola alle altre tue “risposte”:

http://menteattuale.blogspot.com/2011/06/pontifex-generatore-casuale-di-insulti.html

In conclusione che dire? Ah Carletto, quante bugie riesci ad infilare in un solo “articolo”?

40 pensieri su “Ci tocca…

  1. Davide

    Lo squilibrato intervento termina con un “Dio benedica chi mi ha consigliato”. Sono propenso a credere che il consigliere sia sè stesso o equivalentemente nessuno.
    In una delle sue tante notti agitate, mentre i normali ragazzi di Potenza escono, socializzano e fanno all’amore, lui si autoconsiglia riempendosi di teologorrea comprata sul catalogo di PostalMarket di qualche (d)emerito, il più giovane dei quali è nato tra il 1920 e 1930.

    Rispondi
  2. Carlo Di Pietro (Pontifex.Roma)

    admin, dato accertato che sei Stefano Del Corno (e se vuoi ti scrivo anche altri dati, perchè hai stufato) sarebbe meglio che la smettessi di inventare fesserie sul mio conto.

    Non devo dare giustificazioni a te, non hai nessuna qualifica per poter dibattere con il sottoscritto in materia di Fede. Aggiungo, inoltre, che la tua è solo malizia, sempre la solita malizia.

    Ti rassicuro, comunque, l’articolo è farina del mio sacco, l’ho solo fatto leggere ad un noto Arcivescovo e ad una Madre Superiora, per avere certezza di quanto scritto. Non si sa mai!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! La perfezione non mi appartiene.

    Bada, se diventi teologo, e riesci a confutarmi, non ti regalo 1000 euro, ma 10000 euro.

    Rispondi
      1. pao

        Sandro:mbeh..ma lui c´ha il filo diretto con l´Altissimo.
        È praticamente il nuovo Messia….l´”altro” era poco pratico, troppo “buonista”e poco conforme col Magistero… Cidippinen si preoccupa solo di salvare le nostre anime (siiii, come no?) e mandarci tutti quanti ..(no, non a ffanc*****) in Paradiso, anche se per farlo prima ci dovrá sadicamente torturare un po´e bruciare sulla piazza principale perché tanto siamo tutti ereticomosessualisticiateiapostatimassonicicomunisticideicidibeduini!
        E a vvedé come s´incaXXa se non lo prendi sul serio..ti tira fuori l´Apocalisse, le sette piaghe d´Egitto ed il Diluvio Universale…sia anatema! KA BUUUUM!

        e poi venitemi a raccontare che é sano di mente e che non prende nulla…mah! ):D

        Rispondi
          1. adminadmin Autore articolo

            Sarà per colpa di qualche omosessualista indiano… Per colpa sua salta il tuo tombino (secondo la poderosa logica Pontifessa). 😆

    1. adminadmin Autore articolo

      Carletto inutile che insisti … io non invento fesserie. E tu non parli di fede.
      Io e te stiamo parlando di psichiatria e gli psichiatri cattolici dicono cose diverse da te. Punto.

      Puoi chiarire quali siano le TUE qualifiche che ti consentono di parlare di Fede?
      Io non ci tengo a diventare teologo. E non voglio i tuoi 10mila euro. Tieniteli, non mi servono, grazie.

      Rispondi
    2. Sandro Storri

      l’articolo e’ farina del tuo sacco?

      BRAVO! ne vai anche fiero? dovresti vergognarti a scrivere bestialita’ come quelle. io non ti confuto in materia di fede. ti confuto in materia di civilta’. le cose che scrivi sono la prova provata che la tua fede, quella che dici di voler difendere, altro non e’ che un’ideologia violenta ed intollerante.

      della tua fede me ne infischio. per me la tua fede altro non e’ che la tua personalissima posizione. ti rendi conto che sei tu e solo tu a volerla spacciare come verita’? la tua fede non e’ verita’, e’ solo la posizione di un ubriaco violento quale sei tu.

      uno skin head merita piu’ rispetto di quanto non lo meriti tu. lui almeno e’ nazista senza scuse. tu, invece, non hai nemmeno il coraggio delle tue parole. vai in giro a diffondere ideologia nazista nascondendoti sotto le gonne di un prete e di una suora. vigliacco.

      vergognati, vatti a nascondere.

      Rispondi
    3. Stefano

      e se vuoi ti scrivo anche altri dati è una minaccia? No, non voglio, altrimenti li avrei già pubblicati io “altri dati”. Quindi ti diffido formalmente dal procedere lungo questa linea.

      Admin … please.

      Rispondi
    4. adminadmin Autore articolo

      ‘azzarola, anche questa ora? 😀

      diffido formalmente significa che l’hai fatto proprio arrabbiare 😉

      Su su, cresci Carletto. Piantala con le tue Pontifesserie perchè come vedi stai stancando tu.
      E vedi di cambiare tono ed atteggiamento quando ti rivolgi a me oppure agli altri utenti di Pontilex.

      Ultimo avvertimento.

      Rispondi
      1. Stefano

        Cerco di cogliere gli aspetti positivi… Se Carlo ha altri miei dati è probabile che derivino dall’esposto che avevo presentato a suo tempo. Questo significa che il mio esposto è stato giudicato lecito e legittimo dalla Questura di Bergamo. Allora anche altri hanno reputato lecite le accuse rivolte all’emerito pensionato, al bravo giornalista di Bari ed al geniale webmaster di Potenza!

        Rispondi
    5. S_Raffaele

      “non hai nessuna qualifica per poter dibattere con il sottoscritto in materia di Fede.”
      no mi sto scompisciando…Carletto tu non hai alcuna qualifica in medicina,etica, antropologia, sociologia e quant’altro, eppure spari balle a profusione su tutti questi argomenti! Carletto, Carletto sono sempre più convinto che l’Arcivescovo e la Madre Superiora con i quali ti sei confrontato, dipendono dal fatto che hai saltato la dose di pillolinen 🙂
      E smettila di atteggiarti a Divintà…che poi la tua guida spirituale si arrabbia, perchè gli rubi il palcoscenico…

      Rispondi
      1. diego

        e neanche nella storia… e ritornato di nuovo con la storia delle crociate!! Per fortuna che ci sono stati i crociati, riuscivano addirittura a prevedere il futuro pensando al petrolio. Cosa sarebbe successo se i turchi avessero vinto a Lepanto?? Perchè non prova a scrivere qualche ucronia, magari scopre che non sarebbe cambiato quel chissacchè.

        Rispondi
    6. francesco t

      e tu maldestro falso cristiano sarebbe meglio se la smettessi di inventare fesserie sul conto dei gay.
      non dobbiamo dare giustificazioni a te, non hai nessuna qualifica per dibattere con i sottoscritti in materia di scienza, psicologia, medicina.
      aggiungo inoltre che la tua è solo arroganza e presunzione, sempre.

      tralasciamo il fatto che non serve esser teologi per smentire quello che hai detto, poichè nulla che ha a che fare con la tua ideologica religione (che non è nemmeno radice del cristianesimo) il fatto della scientificità dell omosessualità. nulla. e tu , ovviamente, checchè pensi il contrario, dimostri solo che è così.

      tralasciando questo, vorrei dirti carissimo che la maggior parte dei teologi non supporta la tua visione di sodoma e gomorra (per non parlare del levitico).
      difatti la visione più comune e accertata è un altra.
      le ragioni furono la durezza di cuore dei sodomiti, la violazione dell’uomo sull’uomo, che implica una umiliazione, l’offesa allo straniero che Lot aveva accolto in casa sua esercitando la virtù dell’ospitalità. La teologa nordamericana Alice Winter dimostra che il peccato di queste città si concretizza in un sistema di ingiustizia e oppressione difeso da una piccola elite per assicurarsi una vita di abbondanza e ozio sulle spalle dei poveri. In definitiva è la mancanza di ospitalità agli stranieri quello che si condanna.

      mi accerterò di riferire alla teologa che merita quindi una somma di 1000 o 10000 euro da parte tua.

      Rispondi
    7. giuxgiux

      ma da quanto hai un titolo per parlare di teologia????
      Ma stai calmo che l’alterigia è sicuramente una brutta cosa… non so se sia un peccato…
      ma lo è sicuramente lasuperbia.
      Non so bene.. ma credo tu pecchi di superbia più che di alterigia… spero che tu sappia qualè la differenza tra i due termini.
      Giux

      Rispondi
  3. pao

    Admin..secondo me é un buon deal!…eSSo lo smonti subito..
    ):D
    Anche un bambino di 5 anni ne sa piú di Teologia del nostro informatiken, skrittoren, giornalisten e soprattutto “Scienze Religiose”.

    Rispondi
  4. pao

    “…ma saresti altrettanto abile nell’individuare una diverticolite al semplice sguardo di chi ti si presenta dinanzi?”..

    La tua e´una domanda puramente retorica admin, vero?
    Cosa vuoi che riesca a individuare uno che non si accorge se la persona che gli sta davanti é trans o donna..):D

    Rispondi
    1. Sandro

      In realtà penso che Carlo Di Pietro abbia i raggi gamma ereditati grazie ai quali ti fa una Tac, radiografia e analisi complete all’occorrenza in 120 secondi. Mica pizza e fichi. Ah e ovviamente si canta la sigla di Jeeg Robot d’acciaio davanti quando si lava.

      Rispondi
  5. Caffe

    Farei notare a Carlo di Dietro che se uno scritto è infarcito di stronzate, anche se dato in lettura al padreterno in persona,
    rimane uno scritto infarcito di stronzate. Si riguardi ché se lei venisse a mancare verrebbe meno colui che, gratuitamente, mi fornisce ogni giorno tanti argomenti per far schiattare dalle risate i miei nipotini.

    Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      Concetto troppo elevato e difficilmente percepibile dal nostro Maldestro.

      Il “nuovo” CdP pretende di abbindolarci facendoci credere di essere differente dal “vecchio” CdP. Salvo poi rifuggire qualsiasi chiarimento circa le stranezze evidenziate in risposta alla sua pretesa. Direi che è opportuno spiegare in maniera diversa, più semplice, la prima parte del discorso, ad uso e consumo di Carletto.

      Rispondi
      1. Caffe

        Sollecitato, credo, dall’admin, provvedo alla bisogna: non pretendo a differenza dei soliti noti di sapere tutto di tutto e, di conseguenza, non mi sento in dovere di impartire a nessuno lezioni su qualsivoglia aspetto dello scibile umano; ma una cosa la devo dire: ci sono principi universalmente riconosciuti, da laici e religiosi, come fondamentali per la costituzione e la difesa di una Civiltà degna di questo nome, caro Carlo di Dietro, e tu non li conosci nemmeno di striscio, figurarsi se arrivi a capirli, come è ampiamente documentato dai tuoi scritti.
        Continua a scrivere, però, perché, come ho già detto, i tuoi scritti oltre a far divertire i miei nipotini, sono per loro un esempio perfetto di cosa non devono diventare da grandi.

        Rispondi
  6. Davide

    TI ha dato solo del malizioso. Poteva darti del ateo-modernista senza fede-servo del demonio-scomunicato-relativista.
    In fondo te la sei cavata con poco. Pensa se anzichè arrogarsi una qualche superiorità in tema di fede, ti avesse sparato uno scritto di Babini prodotto durante una infezione intestinale.
    E pensa se facesse il nome del noto arcivescovo o della madre superiora in quale imbarazzo metterebbe i santi uomini: sarebbero costretti a smentire il giorno dopo pur di non vedersi collegati a Pontifex.

    Inoltre state sminuendo l’affannoso lavoro cattodottrinale che il povero signor Di Pietro ha dovuto condurre per non passare per eretico prima personalmente e poi per farselo validare da qualche presunto emerito che opera nell’ombra: sarebbe utile per la fede e per i cattolici avere il nome dei due religiosi che hanno validato i contenuti di quell’articolo, quali questo passaggio, legato al problema dell’esistenza del male e del perchè a certi cattivi (al contrario delle favole) non succede mai un cazzo e non si abbatte su di loro la punizione divina.

    Vi è un’altra ira più severa ed è questa: quando Dio vedendo le gravità continue delle colpe e degli scandali, lascia che il peccatore ostinato e indurito continui a offenderlo fino alla morte senza che sia raggiunto dalla sofferenza che potrebbe salvarlo.

    Una sega mentale che afferma che l’ira di Dio è cosi potente che…non fa nulla per corregge il peccatore attraverso la sofferenza.
    Se il suddetto assunto è vero, allora il titolo di questo articolo è falso:
    http://www.pontifex.roma.it/index.php/editoriale/il-fatto/8219-new-york-si-ai-matrimoni-omosessuali-festa-della-comunita-gay-gli-americani-civili-vadano-via-tutto-cio-sara-causa-di-castighi-voluti-da-dio

    I “catighi” di Dio potrebbero non arrivare mai poichè nell’ imperscrutabilità del volere divino potrebbe essere che:
    “Dio vedendo le gravità continue delle colpe e degli scandali, lascia che il peccatore ostinato e indurito continui a offenderlo fino alla morte senza che sia raggiunto dalla sofferenza che potrebbe salvarlo”
    In altre parole: campa tranquillo, perchè tanto, almeno finchè vivi su questa terra, non potrà andarti nè meglio nè peggio di un qualunque emerito. Per il paradiso faccio in tempo a convertirmi di cuore gli ultimi 5 minuti..un pò come Bin Landen.

    Nello perfetto stile pontifesso, non c’è mai volta che una uscita non contraddica le precedenti cento.
    Concludo con una breve lista anagrafica degli emeriti di pontifex:
    Arcivescovo emerito di Potenza – Muro Lucano – Marsico Nuovo Mons. Ennio APPIGNANESI nato il 1925, 86 anni
    Mons. Giovan Battista Pichierri nato il 1943, 68 anni
    S.E. Mons. ARDUINO BERTOLDO nato nel 1932, 79 anni (Berlusconi fa “ragazzate” e i preti pedofili fanno meno danni degli aborti)
    S.E. Mons. GERARDO PIERRO nato nel 1935, 76 anni
    S.E. Mons. SERAFINO SPROVIERI nato nel 1930, 81 anni
    Giacomo Babini nato nel 1929, 82 anni
    Antonio Vacca nato nel 1934, 77 anni

    Insomma…Pontifex guarda al futuro.

    Rispondi
  7. markino

    L’omosessualità è una deformità??Fino a poco fa non avevo parti deformi..boh..aspetterò domani mattina..in ogni caso l’unico deforme mi sembra il buon Carlo Di Pietro, non solo mentalmente ma anche fisicamente a vedere la sua foto!!Questo si che è un problema, che ne dici di un esorcismo?Magari migliori, anche se ai miracoli non ci credo!

    Rispondi
  8. adminadmin Autore articolo

    Con estremo imbarazzo ci permettiamo di farvi notare che -per pura coincidenza- avendo noi menzionato Cantelmi in questo nostro intervento del 30 giugno, abbiamo scatenato il Geniale Webmaster che è andato a scavare nel web alla ricerca di qualche notizia fresca fresca sullo stesso Cantelmi. Recuperando quest’unica notizia, risalente al 26 giugno (citando correttamente la fonte da cui ha copia-incollato l’intero “articolo”).

    http://www.pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/curiosita-e-news-dal-web/8301-i-minori-nella-rete-e-nelletere-di-un-mondo-schifosamente-hard-genitori-vigilate

    Imbarazzante ci sembra l’unico termine appropriato.

    Rispondi
    1. Stefano

      Il mio filtro (DansGuardian) mi impedisce di accedere alla pagina che hai indicato. Ho già alzato il “livello di guardia” in precedenza. Ma questa pagina è davvero così oscena che anche DansGuardian ne impedisce l’accesso 😆 … Leggi la ragione…

      L’accesso alla pagina:

      http://www.pontifex.roma.it/index.php/curiosita-e-news-dal-web/8301-i-minori-nella-rete-e-nelletere-di-un-mondo-schifosamente-hard-genitori-vigilate

      … e’ stato negato per il seguente motivo:

      E’ stato superato il limite per le frasi pesate.

      Stai vedendo questo errore perche’ la pagina che hai cercato
      di accedere contiene, o e’ marcata come contenente, materiale che
      e’ stato ritenuto non appropriato.

      Rispondi
      1. diego

        Ma la Chiesa ha fatto chiarezza al proprio interno prima e con più forza di altre istituzioni. I nostri studi dimostrano che la percentuale di preti pedofili è in linea dal punto di vista epidemiologico con le percentuali di insegnanti, pediatri, educatori. È un problema di formazione. Tutte le denunce di pedofilia riguardano preti formati prima del 2000. Non a caso un gran numero di quelli implicati si son formati negli anni ‘60-’70, quelli della grande “liberazione sessuale”: anni in cui la formazione fece acqua.

        Dal 2000 in poi la Chiesa ha azzerato la pedofilia, con una colossale operazione di pulizia. E oggi è l’unica realtà che grida contro l’ipersessualizzazione moderna insistendo sull’educazione. Certo non è facile contrastare la pervasività di messaggi così profondamente orizzontali che impediscono all’uomo di pensare a una visione di senso della vita. In fondo oggi conduciamo la vita come se non avesse nessun significato, questo è il vero dramma.

        Per fortuna nella Chiesa negli ultimi 10 anni non son più presenti preti pedofili!!!

        Rispondi
        1. Caffe

          Diego, sono sicuro, ci sta prendendo in giro o vuole battere il record regionale di stronzate infilate in centocinquanta battute di cartella dattiloscritta, detenuto, con pieno merito, da Carletto di dietro.
          Se però dice sul serio vuol dire che gli hanno sigillato televisore e computer, sospeso l’abbonamento a quotidiani e settimanali e per informarsi ricorre alla dolcissima ed obbiettiva radio maria.

          Rispondi
          1. Caffe

            ‘Aspita! dopo quella tirata leggermente ridicola su preti & pedofilia, rispondi al mio garbato commento con la grazia di un carrettiere leghista ubriaco.
            Con te il Padreterno non ha sbagliato, ha perso solo il suo tempo.
            Statti bene ed occhio dove infili il tuo bigolo, mi sembra che per te non faccia nessuna differenza.

Rispondi