La Vaccata del giorno!

Candela

Ricordiamo l'anniversario del terremoto di L'Aquila.

Chi confidava nella ragionevolezza degli amici Pontifessi e dei loro cari emeriti pensionati sarà rimasto tragicamente sconvolto dalla drammatica coincidenza che vede accavallarsi le notizie di “cronaca” (la cronaca per come la intendono i nostri amici Pontifessi) ed il ricordo di eventi recenti.

Come tutti sapete quest’oggi (6 aprile 2011) ricorre il secondo anniversario del grave terremoto che ha colpito la città di L’Aquila. Probabilmente una qualsiasi persona dotata di buon senso avrebbe colto l’occasione per manifestare solidarietà agli Aquilani, cogliendo offrendo magari spazio alle parole di un qualsiasi vescovo (emerito, ovviamente) di quelle zone.

Ma lo sappiamo: i nostri amici Pontifessi non brillano certo per saggezza o per la loro empatia. E quindi ci tocca leggere:

Dio cerca di correggere le nostre cattive inclinazioni, le nostre colpe e le vie quando sono sbagliate, ma non lo fa con intento punitivo, quanto paterno, sia pur usando mezzi pesanti come i terremoti, le epidemie e persino le guerre. Direi che la parola castigo va interpretata come mezzo di correzione di Dio

http://www.pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/interviste/religiosi/7188-anche-i-terremoti-sono-manifestazione-della-paterna-bonta-di-dio-che-ci-indica-la-via-giusta-corregge-i-nostri-difetti-con-ogni-mezzo-stampa-e-volgarita-cecita-del-nostro-tempo

Suggeriamo all’emerito pensionato Vacca di andare a L’Aquila ed esporre queste sue strampalate ed irragionevoli teorie teologiche, ampiamente smentite dal Magistero, come ci ha spiegato pazientemente Simone. L’invito, ovvio, che potremmo rivolgere a Carletto e Brunello nostri di prestare molta attenzione quando si pubblicano articoli simili, ovviamente cadrebbe nel vuoto, quindi evitiamo di misurarci con la loro irragionevolezza.

Ci tocca poi leggere un articolo da cui emerge un Foxy ingenuo, diremmo anche Naïve, pronto a stracciarsi le vesti davanti alla probabile “assoluzione” di Tedesco (sussunto in Parlamento proprio per farlo scampare alla giustizia ordinaria) da parte del Parlamento. Scrive infatti Brunello:

Insomma, se lo salvate, spiegatelo ai pugliesi e fate proprio schifo.

Trascurando la forma (davvero pessima), ci concentriamo sul contenuto. E siamo davvero basiti perchè non ci risulta che Tedesco sia l’unico deputato “assolto” dal Parlamento. Perchè Foxy non si è strappato le vesti quando Fitto è stato salvato dallo stesso Parlamento? Davvero curioso l’atteggiamento di Foxy. L’impressione è che tutto questo scandalo deriva semplicemente dal fatto che Tedesco è coinvolto, secondo le fantasie più sfrenate di Brunello, nei loschi affari di suo zio.

http://www.pontifex.roma.it/index.php/editoriale/il-fatto/7185-se-lo-salvate-fate-schifo

Ah Pontifessi, che triste spettacolo viene offerto!

12 pensieri su “La Vaccata del giorno!

  1. FSMosconiFSMosconi

    La storia della trave e la pagliuzza…
    al solito.
    Certo che con tutto ‘sto legname ci si potrebbe mettere su una falegnameria però, eh? 😉 😀

    Rispondi
  2. Aria

    Pagherei qualsiasi cifra per vedere l’ “emerito” Vacca spiegare agli aquilani, o a chiunque abbia perso tutto a causa di un evento naturale, che ciò è accaduto perchè, cattivoni loro!, hanno perso la giusta strada…..Gliela farebbero ritrovare loro la strada giusta, ma a LEGNATE!!
    Buona sera raga! 🙂

    Rispondi
  3. AlbertoBAlbertoB

    E’ stato anche molto carino vedere il Presidente del Consiglio e tutti i ministri accompagnare il Presidente della Repubblica in visita nelle zone colpite dal terremoto.
    Come dite? Non c’era nessuno oltre a Napolitano? Che strana cosa…

    Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      Malizioso, c’era Letta in rappresentanza.
      Poi lo Psiconano era troppo impegnato a scappare dai giudici ed i suoi ministri erano impegnatissimi ad aiutarlo nella fuga… 🙂

      Rispondi
          1. AlbertoBAlbertoB

            Vogliamo spendere due paroline sul Suino di Arcore che , dopo aver preso per il culo gli Aquilani , si è parecchio divertito a prendere per il culo i Lampedusani?

            http://www.youtube.com/watch?v=KlJRDdFOfP0

            Notare anche come all’inizio del video il sindaco decide quali cartelloni possono essere esposti e quali sono da togliere ; sarebbe poi anche interessante sapere quanto sono stati pagati i fan più sfegatati , quelli che urlano e applaudono.
            In conclusione : i Napoletani che tutt’ora vivono in mezzo all’immondizia l’hanno imparato ; gli Aquilani che tutt’ora vivono nelle C.A.S.E. (costruite con i piedi per non dire di peggio) o in albergo o a casa di conoscenti l’hanno imparato ; impareranno anche i Lampedusani quanto sia pericoloso dare retta e fare affidamento su questo lercio venditore di pentole.

          2. adminadmin Autore articolo

            Ma no, figurati! Tra un paio di anni i lampedusani saranno troppo presi a gestire il flusso di migranti per ricordare le promesse da marinaio del piazzista di HardCore.

            Chi vuoi che si ricordi della promessa di un Casinò (quello dove si gioca d’azzardo, visto che quello con l’accento diverso c’è già: nelle sue residenze ed in Parlamento), del campo da golf (su uno scoglio di roccia nel mezzo del nulla), della trasformazione in no-tax-zone e del Nobel per la pace.

            E della casa che avrebbe dovuto acquistare, con vista sul mare e sulla pista dell’aereoporto. 😉

  4. adminadmin Autore articolo

    Abitualmente inseriamo nei nostri articoli immagini caricate all’interno del nostro WordPress. Per l’occasione abbiamo deciso di utilizzare una immagine prelevata dal sito 6aprile.it.

    Cliccando sull’immagine si viene indirizzati alla pagina che presenta l’elenco delle manifestazioni a commemorazione del triste anniversario.

    Rispondi

Rispondi