Fantasia al potere.

Riassumiamo le novità che ci propongono gli amici Pontifessi, che questa sera si prodigano in brillanti trovate comiche.

Iniziamo con Brunello, che pontifica:

Oggi il fascismo non esiste più. Lo prova Fini che fascista lo era, ed oggi viaggia a sinistra.

Salvo poi contraddirsi, poche righe più tardi:

Siamo della idea che anche colui il quale si dichiari fascista o appoggi tale idea abbia pieno diritto di cittadinanza in questo Paese .

Impossibile essere più chiari di Foxy, non trovate? Visto che poi questa sera le idee di Brunello sono perfettamente “a fuoco”, eccolo prodigarsi in una nuovo salto carpiato:

Pertanto se si dice no al fascismo, la stessa cosa, coerenza vuole, si faccia e dica verso il comunismo in tutte le sue derivazioni.

Dunque riassumendo: il fascismo non esiste. Ma se vuoi praticare il fascismo (che non esiste) lo puoi fare. Salvo però proibire il fascismo ed anche il comunismo.

Rassicuriamo il caro Foxy: non è stato certo il comunismo a trascinare l’Italia nella seconda guerra mondiale. Non dimentichiamo la nostra storia.

Lo ringraziamo per la citazione indiretta (come sempre) alla nostra esistenza:

Il Procuratore della Repubblica di Bari dottor Laudati ha concesso una intervista a chi vi scrive.

Ora ricorderete le deliranti affermazioni di Cetto nei riguardi miei.

Mi definiva avanzo di galera e impresentabile, con giubilo di “quelli del sito della porta accanto”.

Ora se così fosse, vi pare che un Magistrato, che dirige la Procura della mia città, concederebbe una intervista ad un personaggio per lo meno discusso?

Con curiosità ci domandiamo il senso dell’argomentazione di Brunello. Per quale ragione un magistrato avrebbe dovuto negare un’intervista ad un giornalista? Secondo le parole dello zio di Foxy, le accuse nei confronti del nostro beniamino vertevano su tematiche prettamente economiche. Gravi, ma nulla a che vedere con le accuse che pendono sulla testa di taluni politici italiani, sospettati di fiancheggiare organizzazioni criminali come la Mafia. Dorma quindi sonni tranquilli, l’amico Brunello. Nessuno ha provato gioia nel riproporre le parole di suo zio. E se Foxy vuole dimostrare di essere candido e puro, produca documentazione piuttosto che costruire deboli castelli in aria.

http://www.pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/editoriale/il-fatto/7194-il-fascismo-non-esiste-piu-una-piccola-citazione-personale

Abbiamo trovato interessantissimo (ahemm) l’intervento del “Centro Culturale Lepanto” in difesa di De Mattei. Aiuta ricordare che dietro al Centro Culturale Lepanto si cela la solita Fondazione Lepanto, cioè ancora di De Mattei. Wow, davvero interessantissima l’autodifesa dell’imputato.

http://www.pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/news/29-news/7192-il-qcorriereq-per-criticare-de-mattei-attacca-la-tradizione-cattolica-la-protesta-del-centro-culturale-lepanto

Similmente troviamo altrettanto interessante il pensiero di Brunello in difesa dell’ultima fesseria (in ordine di tempo) sostenuta dal De Mattei. Parliamo ovviamente di quella supercazzola prematurata che collega l’omosessualità al decadimento dell’Impero Romano… Non ti basta la rivalutazione del fascismo, Brunello? Devi anche riscrivere la storia, con la complicità del De Mattei?

http://www.pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/editoriale/il-fatto/7198-siamo-con-de-mattei-atei

Ah poveri Pontifessi… Altro che ri-scossa, qui siamo davvero al defibrillatore. Le state tentando tutte pur di farvi notare per le vostre stramberie eh! 🙂

15 pensieri su “Fantasia al potere.

  1. adminadmin Autore articolo

    E mi si consenta di spendere un minuto per parlare anche del vittimismo da quattro soldi che caratterizza questi tradizionalisti alti due mele o poco più. Lepanto, Pontifessi e tutta la compagnia cantante (decotto compreso) intonano la solita litania: “Un attacco a (mettete il nome che preferite) è un attacco alla Tradizione”. Signori svegliatevi! La raccolta di firme contro De Mattei ne richiede solo le dimissioni da vicedirettore del CNR.

    Se il De Mattei docente presso una facoltà privata in odore di Vaticano vuole sostenere queste teorie, lo può fare. Così come lo può fare il De Mattei della Fondazione Lepanto. La petizione chiede soltanto di non lordare il buon nome del CNR con queste teorie antiscientifiche ed irragionevoli, oltre che irrazionali!

    Su, vediamo di crescere. Basta leggere il tenore delle critiche per capire che non è in gioco la libertà di parola, quanto piuttosto la reputazione del CNR!

    Rispondi
  2. Ale Cr

    Sull’articolo pro De Mattei compare anche “Siete il demonio. Atei.”… forse, rispondo io, ma almeno non ci umiliamo in pubblico inventando cazzate storiche!

    Rispondi
  3. Gianfranco Giampietro

    Siamo della idea che anche colui il quale si dichiari fascista o appoggi tale idea abbia pieno diritto di cittadinanza in questo Paese .

    Credo anche io che una persona con idee fasciste abbia diritto di cittadinanza come chiunque altro. Il punto è che credo di essere libero di non condividerne l’ideologia.

    Ammirevole questa difesa dei poveri fascisti da parte di Volpe… solo mi chiedo: avendone disgraziatamente il potere, Volpe e amici pontifeSSi permetterebbero a comunisti, atei e omosessuali di avere cittadinanza in questo Paese? Secondo me no, visto che più volte hanno richiamato l’attenzione affermando che essere omosessuali o comunisti dovrebbe essere un reato (percepito addirittura come “attentato contro la società” e ‘sti cazzi). Non se ne escono fuori dicendo che anche atei e persone di altre religioni dovrebbero essere arrestate o licenziate da ruoli amministrativi in Italia perchè forse sanno che sparerebbero troppo grosso, persino per i loro gusti.

    Rispondi
  4. OscarWilde

    Ale costoro non meritano risposta seria.
    Se un bambino ti insulta in quel modo ceh fai gli rispondi pure?
    No, lo deridi, lo prendi in giro.
    Questa è la massima considerazione che gli si può attribuire.
    La minima è ignorarli.

    E poi vuoi mettere: se potessi scegliere se essere demone o pontifessa cosa sceglieresti?
    Mille volte demone! 😀 😀

    Rispondi
  5. Gianfranco Giampietro

    Tanto per citare come “l’omosessualità” sia “famosa” causa della caduta degli imperi, ancora una volta cito un esempio dall’estremo oriente. In Giappone l’omosessualità è sempre stata culturalmente accettata e vista semplicemente come un differente orientamento sessuale. Ovviamente in ogni paese del mondo ci sono coloro che prendono in giro le “checche” e che non riescono ad accettare l’idea di avere un figlio omosessuale, ma in generale in Giappone l’omosessualità è sempre stata accettata ben oltre gli standard storici delle altre culture.

    Strano, mi risulta che il Giappone sia ancora in piedi, che non sia stato distrutto dalla tolleranza culturale verso l’omosessualità (altra cosa strana, “incredibilmente” il Giappone è sovrapopolato nonostante la tolleranza verso l’omosessualità che, secondo le teorie pontifeSSe, dovrebbe condurre all’estinzione anagrafica del pianeta se tollerata) e retto da una dinastia monarchica tra le poche arrivate ininterrotte fino ai giorni nostri.

    Come mai Roma è caduta e invece il Giappone no? Chissà, magari per fattori molto più importanti, come l’esposizione dei primi a ripetute invasioni barbariche, mentre i secondi hanno potuto beneficiare di una ottima posizione isolata, eccettera eccettera?

    Ok, immagino che un pontifeSSo potrebbe cogliere questa osservazione per dire “ecco, infatti per la tolleranza verso i sodomiti da parte dei giapponesi, Dio ha mandato punizione del terremoto”

    Ok, eventualmente voglio rispondere e ironizzare sulla beffa del destino.

    La regione del Giappone colpita dal terribile sisma è ironicamente proprio la regione Tohoku e la città di Sendai.

    Forse i pontifeSSi non sanno che questa è la regione dello storico clan Date e che fu proprio una delle regioni del Giappone più tolleranti verso gli stranieri e in particolar modo verso i cristiani.

    In particolare Date Masamune, signore e quasi fondatore della città di Sendai (la città esisteva già, ma fu Date Masamune a trasformarla da villaggio di pescatori a vera grande città) fu molto tollerante nei confronti dei cristiani. Fu permesso ai cristiani persino di convertire ed evangelizzare nelle terre del Tohoku. Date Masamune fece costruire anche una nave di foggia occidentale (la San Juan Bautista) e fu il primo giapponese ad inviare una delegazione a Roma per stringere rapporti diplomatici con il Vaticano. Ovviamente quando lo shogunato qualche anno dopo proibì la religione cristiana, Masamune dovette obbedire a Tokugawa. Ma si mormora che una delle sue figlie fosse di fede cristiana.

    Quindi ecco l’ironia della sorte, i pontifeSSi acclamano il giusto castigo divino su una delle regioni e delle città che storicamente fu proprio più accogliente e ospitale nei confronti dei cristiani. Beata ignoranza pontifeSSa.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Date_Masamune

    Rispondi
  6. FSMosconiFSMosconi

    Sono solo io, o anche a voi questi discorsi del genere “il Fascismo non esiste” sa tanto di “la mafia non esiste”? 😐 😉

    Rispondi
    1. Gianfranco Giampietro

      “il fascismo non esiste, e nemmeno le minorenni. Cose inventate dai comunisti per screditare certa gente onesta come il nostro glorioso premier”

      Chiedo scusa, sono stato posseduto per un attimo dal fantasma di Toffali, che orribile esperienza 😀

      Rispondi

Rispondi