Inchieste ed interessi.

Quest’oggi dedichiamo le nostre attenzioni alle accorate parole di Brunello. Come ricorderete da mesi il caro Foxy dedica pagine e pagine alla sanità pugliese, annunciandone il tracollo per colpa di suo zio e dei torbidi affari gestiti dalla giunta di Nichi Vendola (definito proprio oggi “il rais”).

Tutto nacque dalla puzza che ammorbava alcuni ambienti in prossimità dell’inaugurazione del nuovo polo oncologico di Bari (dedicato proprio a GPII, in spregio alla retta dottrina professata dagli amici Pontifessi). Brunello riportava le parole di un misterioso sindacalista che associava il cattivo odore agli interventi svolti dall’azienda di Pietro Volpe. Su questa flebile voce Foxy ha costruito un castello enorme di accuse, di affermazioni, di informazioni più o meno attendibili. Ha affermato di essere stato vittima di un rapimento. Ha prodotto articoli per settimane e settimane raccontando la sua verità.

Poi la svolta: grazie ai magistrati pugliesi vengono svelati alcuni altarini (nulla di nuovo, informazioni che erano disponibili già da tempo a chi segue attentamente la cronaca giudiziaria) circa la gestione degli appalti legati alla Sanità in Puglia.

Apriti cielo.

Brunello si esercita con il punto-croce e lega insieme i suoi timori, le sue speranze e la realtà.

La realtà vede un ex assessore di Vendola (già allontanato a tempo debito dal governo della regione) in combutta con il famoso Tarantino. Si, Tarantino, quel tale che rifocillava di carne giovane il dragone Berluscone ed otteneva in cambio favori legati ad appalti per la sanità. Chi ha a cuore questi argomenti sapeva già che questo Tarantino era assolutamente bipartisan (nel senso che distribuiva mignotte e cocaina a destra ed a sinistra). Ovviamente Brunello, poco avvezzo a questi argomenti, casca dal pero e lega questa realtà con il suo sogno: gettare fango su Vendola.

Va ricordato che il senatore Pd Tedesco lo ha chiamato Vendola in giunta e correttamente in sindaco di Bari Emiliano lo ha ricordato al Governatore.

Insomma, tra la sinistra pugliese, volano gli stracci.

Abbiamo parlato della realtà e dei sogni di Brunello, passiamo ai suoi timori: infatti il povero Foxy teme che i suoi articoli vengano presto dimenticati. Allora cosa fa? Con una sferzata di fantasia cerca di unire le sue “denunce” (mai sfociate in una azione concreta) alle azioni della magistratura. Ci dispace, ma non troviamo il nesso. Dunque il timore di Brunello si trasforma in un suo sogno.

Non contento di queste sparate gratuite, il caro Brunello sfoga la sua frustrazione (per lo scarso risalto interesse destato dalla sua “inchiesta”) lamentandosi per la recente puntata di Presa Diretta, condotta dallo stellare Iacona, dedicata alla sanità del Lazio. Invidioso fino al midollo, non sopporta l’idea che veri giornalisti come Riccardo Iacona e la sua redazione abbiano ricostruito vicende complesse in maniera chiara ed ineccepibile, a differenza di quanto lui è riuscito a fare con tutte le allusioni alla ditta di suo zio. Osserviamo inoltre che secondo Brunello è lecito spulciare gli appalti della sanità pugliese (perchè in mano ad una giunta di sinistra) mentre la sanità del Lazio, gestita dalla Polverini, riceve automaticamente la benedizione di Brunello (oltre che del Vaticano) per la provenienza politica della giunta.

Che dire: quanti sogni Pontifessi. Anzi, quanti incubi, Pontifessi!

http://www.pontifex.roma.it/index.php/editoriale/il-fatto/6869-presa-diretta-vergogna-un-covo-rosso

http://www.pontifex.roma.it/index.php/editoriale/il-fatto/6863-bravo-berlusconi-parole-sante-puglia-volano-gli-stracci

4 pensieri su “Inchieste ed interessi.

    1. adminadmin Autore articolo

      Pao io svolazzo sempre su di voi con le mie alette rosse… 🙂

      Fossi in Vendola non degnerei di ulteriori sguardi gli amici Pontifessi. Troppo impegnati a rosicare. 😉

      Rispondi
  1. diegopig

    Per il povero Volpastren sono tutti contromano, in autostrada.
    Tutti ad eccezione di chi ha l’adesivo “Viva la fi.a, abbasso i fr.ci”.

    Rispondi
  2. FSMosconiFSMosconi

    Tipico atteggiamento da CLini (cricca, setta, banda…): se il marcio è di “X” allora la colpa è di “X”, se la colpa è dei propri è un complotto o vaccate simili… 😉

    Rispondi

Rispondi