Riceviamo e pubblichiamo.

Condividiamo le riflessioni di Francesco (che è tra gli iscritti di Pontilex anche se non si sente pronto per produrre i propri articoli) ricevute or ora via mail.

“A tutti i genitori Cattolici che hanno la sciagura di avere un figlio od una figlia omosessuale, consigliamo vivamente di non arrendersi mai e di pregare. Le centinaia di email di disperazione che ci pervengono da parte di genitori di figli gay, sono preoccupanti. Il gay è l’essere più perverso che esiste sul pianeta Terra ed è anche il maggior egoista, in quanto per il suo proprio “orgoglio da deretano” e desiderio di becera sodomia, non si cura di nessuno ed in primis dei sentimenti dei propri famigliari.”

si vergogni, di pietro. si vergogni.
si ricorda di me? francesco tessadri, oggi 22 anni.
io che le ho parlato col cuore in mano, che l ho SUPPLICATA, PREGATA di non offender noi figli gay, MEN CHE MENO I NOSTRI GENITORI, MEN CHE MENO I FIGLI GAY E LESBICHE MINORENNI, IO che ho cercato in tutti i modi di invitarla a pensare a questi ultimi ,prima di dire cose del genere verso di loro, non posso non piangere di fronte a ciò che lei dannatamente con odio scrive e riscrive su di me, su di loro , e sui MIEI e genitori e su quell idegli altri.

i miei genitori sono cattolici.
IO NON SONO UNA SCIAGURA PER LORO.io sono loro FIGLIO. il figlio che LORO AMANO.
IO NON SONO PERVERSO PIù DI QUANTO NON LO SIA UN MIO COETANEO ETERO.
IO NON SONO EGOISTA, tant è che ho fatto sacrifici solo per la mia famiglia in questi anni, e LEI non ha alcun diritto di sputare fango su ME, sui miei GENITORI, sulla mia FAMIGLIA.
IL MIO ORGOGLIO è esser me stesso , non esser gay. così come non sarei mai orgoglioso di esser etero, ma sarei orgoglioso di esser solo me stesso.

lei non si rende nemmeno conto del dolore che mi ha fatto provare con queste parole.
lei non si rende conto di quanto dolore queste cose abbiano causato a giovani gay e lesbiche.
lei non si rende conto di quante vite siano state segnate da questo comportamento.
lei non si rende conto della sofferenza altrui.
lei pensa solo a se stesso, quando scrive questi articoli. non pensa ai figli, non pensa ai giovani, non pensa a nulla di ciò che li riguarda.
per lei siamo malati, perversi, egoisti, senza nulla di più.

piango, e nel mondo altri ragazzi piangono per lo stesso motivo, voluto da qualcun altro che, come lei, li considera veri e propri MOSTRI.

se lei è fiero di considerare, e far si che gli altri considerino MOSTRI anche dei figli MINORENNI, solo perchè gay o lesbiche, sappia che non vi è nulla di cristiano o persino cattolico in lei.
l unica cosa che si vede, è odio , odio , odio e ancora odio.
amore?benevolenza?empatia?generosità?carità?gentilezza?
lei non le conosce.

le lacrime mi scendono dalle guance, ma non per me, che ormai so affrontare il mondo , ma piango per i giovani che ancora non lo sanno fare.
piango per i giovani che lei considera MOSTRi.
piango per i giovani che lei ISTIGA a considerare MOSTRI.
piango perchè so, a differenza sua, che piangeranno, soffriranno, e questo solo perchè nessuno ha avuto la volontà, la benevolenza, la gentilezza, l amore di ascoltarli, di capirli, di comprenderli.
piango perchè questi figli non riceveranno amore, grazie alle sue parole.
piango perchè questi figli moriranno dentro, grazie alle sue parole.
piango perchè lei , con le sue parole, uccide l anima di chi legge.
piango perchè, purtroppo, leggendo certe affermazioni non riesco a fare altro, a parte che pensare ai giovani “mostri” ,( così come ero io e sono tutt oggi), che avranno genitori istigati a definirli tali, e a trattarli come tali.

lei dice di conoscer tanti omosessuali.
no.
lei non li conosce.la loro vita non la conosce.
lei giudica, a prescindere. niente di più.

e poi ha il coraggio di dire che chi è orgoglioso DI ESSER SE STESSO , come me, non avrà pace, a causa di satana?
ha il coraggio di dire ciò , dopo aver ifnangato me, i miei genitori, e la mia famiglia?ha il coraggio di dire ciò , DOPO AVERMI DATO DEL MOSTRO e aver istigato i miei genitori a considerarmi tale?

per quanto io possa fare domande retoriche, per quanto io possa pregarla, supplicarla, lei non fa altro che rincarare la dose, non fa che peggiorare, non fa che ignorare tutto ciò che le dico, non fa che ignorare queste giovani vite, che SOFFRONO grazie alle parole che lei e, purtroppo, altri, scrivono.

quindi cos altro potrei dire, se il risultato è sempre e solo questo?
posso solo dire:
si vergogni.

ringrazio solo Dio che , nonostante l odio che propaga, ho una vita felice .
fortunatamente, anche altri come me e i rispettivi genitori.
sicuramente, le nostre vite felici non lo sono grazie a lei.
altresì, ci sono figli, minorenni e non, assieme ai genitori, INFELICI proprio grazie a quelle parole.

bobby griffith morì a causa di quelle parole, giunte fino alla madre che le riversò su di lui.
altri ragazzi son cacciati di casa, a causa di quelle parole.
altri ragazzi son stati traumatizzati psicologicamente, a di causa quelle parole.
altri ragazzi son stati picchiati, a causa di quelle parole.
altri ragazzi son morti, a causa di quelle parole.

lei non è stanco di far soffrire gli altri?davvero lo ritiene giusto?
non si sprechi a rispondere che non è sua intenzione, che non è vero, ecc.
è così. lo accetti di fronte a chi soffre direttamente a causa di tali parole.
se lo negherà, mentirà , e Dio lo sa.
perchè troppi giovani, troppe persone, soffrono e hanno sofferto per tali frasi.
DIO li ascolta, e li vede.
apra gli occhi ,ascolti e veda anche lei, sig di pietro.
è l ultima preghiera che le faccio.

15 pensieri su “Riceviamo e pubblichiamo.

  1. adminadmin Autore articolo

    Francesco devo purtroppo informarti che secondo la mia modesta opinione questi tuoi sfoghi vengono letti da Charles. Ed anzi le tue lacrime sono motivo di gioia per il Maldestro. La tua sofferenza è premio per il sadico. Il tuo dolore è (nella sua mente forse malata) giusta punizione per il tuo essere “diverso”.

    Scrivo tutto questo non certo per farti desistere dai tuoi nobili intenti. Ma piuttosto per aiutarti ad immaginare lo stato d’animo di Carletto mentre legge i tuoi sfoghi.

    Da parte mia posso solo abbracciarti. E dare spazio alle tue parole.

    Rispondi
  2. simonesimone

    carissimo francesco… il carletto webmaster non è certo l’esempio di cattolico da seguire.
    Non fosse altro per il fatto che non argomenta nessuna delle sue tesi se non con citazioni magisteriali di secoli fa.
    A me, a te, ad ognuno di noi, il Signore dice: sei prezioso ai miei occhi, sei degno di stima ed io ti amo (cfr. Is. 43)
    Ognuno di noi è prezioso agli occhi di Dio, perchè siamo sue creature, siamo suoi figli, opera delle sue mani.
    Carletto probabilmente è molto più posseduto di chiunque altro perchè una simile miopia evangelica e un tale odio non può venire che da Satata. Dai loro frutti li riconoscerete scrive spesso carletto… e cosa sono i frutti di carletto? Cosa predica? Leggi odio, rancore, veemenza nelle sue parole.
    Lui sempre pronto a condannare (e ovviamente non si tralasciano nè papi ne concili) quando il Signore sempre perdona, tutti perdona…

    Ognuno di noi è peccatore davanti a Dio, nessuno escuso.
    A me consola tanto il sapere che i pagani e le prostitute passeranno innanzi nel Regni dei Cieli
    A me conosla tanto il sapere che il Signore non è venuto per i giusti ma per i peccatori
    A me conosla tanto il sapere che il Signore non vuole la morte del peccatore ma che si converta e viva

    Sii sereno caro Francesco, sii sereno perchè sei prezioso agli occhi di Dio, sei degno di stima e Lui ti ama

    simone

    Rispondi
  3. S_Raffaele

    Ciao Francesco,
    mi permetto di esulare un attimo dal contesto per parlarti a quattr’occhi. Ho 34 e, come piace dire a carletto, anche io come te sono sodomita. Vengo a parlarti da fratello maggiore, forte di 12 anni in più di esperienza: le lacrime non sciuparle. Non te lo dico perchè non valga la pena in questo caso o perchè carlo di pietro è un coglione. Te lo dicoperchè le lacrime sono l’espressione di uno stato emotivo ed uno stato emotivo deve essere personale. Ti troverai ad avere a che fare anche con gli amici più cari, ai quali scapperà una battuta di dubbio gusto sui gay oppure continuerai a vedere lo scempio perpetrato nei paesi in cui vige ancora la barbarie della condanna a morte. Le lacrime a quel punto le verserai perchè sei un uomo e rivendichi il tuo diritto al dolore. Per il resto armati di corazza, perchè la lotta per i diritti anche quelli elementari non finisce mai.
    Ed infine smetti di pregare carletto, poichè lui ha fatto la sua scelta, è “guarito” con la cura Povia-Nicolosi-Stanzione ed è felice così, lasciando il tempo che trova per non sprofondare all’inferno della coscienza.

    Rispondi
    1. Pontipax

      Certo che se gli effetti della cura sono quelli… meglio restare gay, no?

      Francesco, non sprecare il tuo tempo. Non sono loro che devono indicarti la strada e non hai bisogno di benedizioni. Vivi la tua vita, nel rispetto degli altri. E non tutti coloro che usano la religione come uno strumento per legittimare l’odio.

      Rispondi
  4. francesco

    so benissimo che non è l esempio di cattolico da seguire.
    se no, penso, non sarei iscritto a pontilex,vi pare?

    volevo solo rendere pubblico il mio pensiero.
    e il fatto che cdp non sia minimamente interessato nel provocare dolore anche a dei minorenni, perchèp i figli gay,intanto, sono anche minorenni.
    voglio far vedere proprio ciò che l admin ha detto.

    mi sono sforzato, ho tentato,parlato,pregato, ma niente.
    cdp,quindi, non è interessato ai figli gay.minorenni o no, devono soffrire.questo è il messaggio che trapela , lo voglia o no.

    io non ho alcun dubbio sulla mia fede, e di certo cdp non mi farà cambiare idea.anche se per lui, e solo per lui , io sono un eretico scomunicato quanto la mia famiglia. ma i vaneggiamenti rimangono tali. la realtà è ben diversa.

    grazie admin per aver pubblicato la lettera.
    riico che non l ho pubblicata di mio perchp non so come si fa.

    grazie ancora!

    Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      Francesco come ho scritto sopra, non ho fatto altro che riportare online il tuo pensiero. WordPress è uno strumento complesso. Se vorrai, con calma, imparerai ad usarlo. Scrivimi pure tramite i messaggi privati quando vorrai iniziare a produrre i tuoi articoli 🙂

      Rispondi
  5. francesco

    la risposta ottenuta?

    di non curarmi dei suoi articoli,dato che non possiede la verità assoluta e non è il messia, di pregare e fare astinenza.

    questo sunto è pari alla lunghezza della risposta ottenuta.
    come posso non curarmi di tali articoli quando essi parlano direttamente di me(e di altri), dei miei genitori(e di altri), e istigano questi ultimi a definirmi e farmi sentire un mostro?

    Rispondi
    1. federicoB

      Quando, nel migliore dei casi, mi sento definire “mostro” anche a me ribolle il sangue, soprattutto pensando alle altre persone come me che soffrono per questo motivo. Poi però mi viene questo pensiero: cosa conta uno come carletto? Meno di niente… E’ un pover’uomo pieno di odio e rancore che non sa cosa sia l’Amore che equivale a non conoscere Dio (Dio è Amore no?)… La più grande battaglia contro questa gente becera e intellettualmente infima la si vince vivendo con serenità la propria omosessualità e amando il proprio compagno/a e il prossimo. Per un adoloscente gay o lesbica vale più vedere questa serenità che un milione di sparate di pontifess….
      Io non sono cristiano ma mi pare che il più grande e per certi versi rivoluzionario insegnamento di Gesù fu “ama il prossimo tuo come te stesso”… Carletto da integralista cattolico dovrebbe applicare questo comandamento in ogni aspetto della sua vita ma mi pare sia molto in peccato sotto questo punto di vista…

      Rispondi
    2. paopao

      Francesco: innanzitutto un abbraccio a te e simbolicamente a tutti quelli che soffrono a causa dei piromani bigottoni in tutto il mondo.
      Credo anch´io, come te, che sia giusto e necessario occuparsi di queste creaturine ipocrite frustrate e maligne.
      Tuttavia ti invito a non lasciarti ferire dalle loro parole; quelle parole d´odio, i
      di discriminazione e malvagita´mascherate da “Retta Dottrina”(si, buonanotte!) non devono scalfirti minimamente, anzi devono rimbalzare su di te come su un muro di gomma…ecco!

      Rispondi
  6. Litigi Vacui

    Quando apro Pontifex mi sembra di sentire sempre più un odore che non mi piace… un lieve effluvio sulfureo. Comincio a credere che gli articoli di Pontifex abbiano un’impronta leggermente caprina… senza offesa per le capre. Perché tanto odio, tanta rabbia non dovrebbe esserci in un sito cattolico.
    Ma chi ci garantisce che siano davvero cattolici? Che non siano una manifestazione della concorrenza?
    Possibile che si parli sempre di omosessualità? Che si trovi il modo di ficcarcela anche quando non c’entra niente?
    Un odio così acceso verso l’omosessualità denota spesso un tentativo di reprimere degli istinti non graditi… non è il loro caso, perché pregano e quindi sono immuni, però magari qualche falla nella protezione da preghiera potrebbe scapparci.
    Bah. Sempre più bah!

    Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      Una teoria che puoi leggere spesso qui tra i commenti e supportata anche dal parere di molti sacerdoti (non da ultimo Don Giorgio, a cui i Pontifessi hanno dedicato le loro amorevoli parole proprio in questi giorni) prevede che siti come Pontifex facciano molto più male alla Chiesa che non le attività dell’UAAR. Ed anche la tua opinione sembra propendere in questa direzione. Grazie… 🙂

      Rispondi
  7. francesco t

    a tutti quelli che dicono che non devo sentirmi scalfito dalle parole di pontifex….è così.
    le parole di pontifex non scalfiscono me a causa di tali parole.
    non sono le parole stesse a scalfirmi.
    ma è l effetto che lui vuole dare a tali parole, le conseguenze che provocano sugli altri , che mi scalfiscono.

    se , a onor del vero, e mi permetto di dubitarne, una “miriade” di genitori lo chiama “disperata” perchè pensa che il figlio sia omosessuale o sa che lo è , allora non posso fare a meno di incavolarmi perchè so che in tal modo lui , come altri purtroppo,mediante tali parolem istigherà questi genitori a uccidere l anima dei loro figli.
    e io non mi preoccupo di lui, di ciò che pensa.
    io mi preoccupo per sti benedetti figli.

    cosa che lui, purtroppo, ignora fregandosene altamente della loro sofferenza.
    una cosa personalmente imperdonabile.

    Rispondi
  8. paopao

    in effetti Francesco, le conseguenze delle loro parole si..scalfiscono anche noi, etero-gay-credenti e non- perché semplicemente siamo umani, proprio per questo siamo qui.

    Rispondi
  9. AlbertoBAlbertoB

    Innanzitutto un simbolico abbraccio a Francesco e tramite lui a tutti gli amici omosessuali che penano e rimangono male leggendo le porcate scritte dal divo Di Pietro.
    Secondariamente , mi pare di aver capito che il Maldestro ti ha scritto di “non possedere la verità assoluta” : beh tranquillo , ce l’ho io la verità assoluta in questo caso… qualche anno fa un tizio scrisse “Non ti curar di lor , ma guarda e passa” che è l’unica cosa da fare. Di Pietro non cambierà mai e non smetterà mai di scrivere le sue efferate porcherie perchè è una persona che vive nel suo guscio , solo con le sue ossessioni e le sue manie. Il malato non sei tu Francesco , fidati.
    Mi vengono in mente altre due citazioni che fanno al caso nostro : la prima è “sursum corda” , un detto che piace tanto ai catto-fascistoidi , non farti abbattere da questo personaggio. La seconda , se vuoi continuare a seguire Pontifex , è “si vis pacem para bellum” : il Campagnolo non verrà mai “a patti” con le buone , rimangono solo quindi l’attacco frontale , il dileggio e l’aspra critica. Quello che facciamo qui su Pontilex insomma 😉

    Rispondi

Rispondi