I pontifessi e la filosofia.

Devo ammettere che, complice la stanchezza, lo scarso senso di sopportazione, e il fatto che oggi sia tornato a casa con i piedi zuppi di pioggia milanese (mhh… che ci sia un complottone pontifesso dietro? Piove, colpa di Carletto il Maldestro?), cercare di prendere sul serio i deliri e quel rumorino di unghie sugli specchi che da un po’ di tempo a questa parte caratterizzano i pontifessi articoli, ormai mi riesce un pochino difficile.

Dunque, anche se meriterebbe una analisi puntuale,  glisserò, ma vi invito a leggere la biografia di GPII pubblicata nella nuova prodezza. un vero capolavoro di comicità involontaria.

http://www.pontifex.roma.it/index.php/opinioni/consacrati/5813-giovanni-paolo-ii-il-suo-pensiero-beato-mai

una sola perla…

“Prelato aitante, sportivo, libero anche nei costumi, che si mostrava in pubblico in pantaloncini corti, in gite con ragazzi e ragazze con la chitarra.”

A voi i commenti…

Mi soffermo invece sulla prima parte, “filosofica”, perchè mi sembra, da un po’ di tempo a questa parte, una delle poche argomentazioni decenti pubblicati sul mirabile sito d’Apologetica.

Il caro Buttiglione, e deduco anche i pontifessi, se pubblicano tale scritto, fanno una grandissima confusione nella storia della filosofia, ammucchiando correnti che di simile hanno veramente poco, e incorrendo in errori di concetto abbastanza gravi.

Innanzitutto, si considera Kant come l’uccisore della metafisica, facendo ovviamente riferimento alla “Critica della Ragion Pura”.

In realtà, tale opera va letta come un trattato di filosofia della Scienza, dove il noumeno diventa “inconoscibile” in quanto non analizzabile in termini “osservativi” (alla luce delle teorie di Popper, direi anche falsificabili).

La confusione tra fenomenismo, idealismo e negazione della metafisica (Ma Buttiglione, e i Pontifessi, l’hanno studiato Hegel, oppure in classe disegnavano le donnine?) ispira quasi compassione, per un gruppo di amabili personcine che tentano di fare il passo più lungo della gamba.

Quello che viene tacciato come sincretismo ecumenico, non è magari la banalissima constatazione che le grandi religioni hanno moltissimi punti in comune, forse più delle differenze, e che appare un pochino capzioso bocciare gli islamici come animali, quando un cattolico “radical” si comporta allo stesso modo?

Che ne pensate, via ai commenti…xD

5 pensieri su “I pontifessi e la filosofia.

  1. Andrea ☮ il giullare matto Speaks

    Dato che sono a corto di idee, pubblicano gli articoli di altri siti… Incredibile quanto l’autore si soffermi sull’origine ebraica di GP2: certamente, ritengo che sia vista come un demerito dall’autore…
    Sincretismo ecumenico? A parte che tale dicitura mi sembra erronea, in quanto il sincretismo è una tendenza, mentre l’ecumenismo un movimento; il sincretismo concilia due o più dottrine diverse; l’ecumenismo accomuna le religioni cristiane: e non tutte sono così diverse, ma hanno radici comuni… Mah… malvezzo italiano…
    Il sincretismo si ha quando si fondono elementi di religioni diverse (tipo paganesimo e religione cattolica; o religione cattolica e islamica; o islam e buddismo…). L’ecumenismo riguarda solo le religioni cristiane…
    Su questioni prettamente filosofiche non entro ora, perché la mia testolina è un po’ fusa…
    Islam, Ebraismo e Cattolicesimo provengono tutte da un medesimo ceppo: quindi è chiaro che abbiano aspetti in comune. Diciamo che, mentre nel Corano c’è scritto che se ti attaccano puoi attaccare, Cristo sarebbe più per la pace: dico sarebbe in quanto, tutti i sacerdoti che intervisto in merito alle cc.dd. “missioni di pace”, mi dicono che sia giusto sparare se si viene attaccati… Francamente ho qualche perplessità a riguardo…
    Quello che mi preoccupa è che accomuna ogni fanatico di qualsiasi religione/filosofia è la credenza di agire in nome della religione o della libertà; di crederso il portatore della Verità e Giustizia… Sono gli invasati che fanno male… E questo è il minimo comune denominatore di ogni religione/setta/filosofia…

    Sincretismo? Esiste, esiste… Per esempio, un cattolico che creda all’oroscopo; o che, accanto alla statuetta con l’acqua di Lourdes o al santino di P. Pio, c’ha i cornetti rossi.
    Tuttavia, per la religione cattolica, ogni qualvolta mi faccio un idolo (bellezza, denaro, successo, ecc), attuo un sincretismo…

    Ritengo che il paradiso inteso dai pontefixiani contenga meno persone di quello inteso dai testimoni di geova!

    Rispondi
      1. AlbertoBAlbertoB

        Più che sincretismo direi cretinismo. Globale.
        La nave imbarca acqua , prevedo che parecchi topi l’abbandoneranno prima di annegare… vedremo nei prossimi mesi se ho ragione o meno…

        Rispondi

Rispondi a AlbertoB Annulla risposta