PontifeSSi d’oltremare

“Voler dialogare con i credenti è come pretendere di giocare a scacchi con un piccione: potresti essere anche il giocatore più bravo del mondo, ma il piccione rovescerà i pezzi, cagherà sulla scacchiera e continuerà a camminare impettito come se nulla fosse.”

Anonimo 

Buongiorno a tutti.

L’ultimo articolo di Cagliostro (http://pontilex.org/2013/03/uccrazzata-sullo-statalismo-e-sullo-stato-papa/#more-21592) di pochi giorni fa mi ha spinto a completare un mio vecchio pezzo rimasto nel cassetto per alcune settimane.

Cristiani: Non credono ai dinosauri

Cristiani: Non credono ai dinosauri

Infatti oltre alla dibattuta questione dei finanziamenti pubblici per le scuole private (specie se gestite o possedute da enti religiosi), c’è un altro argomento, relativo all’istruzione, che è solito suscitare il furore guerriero dei neo-crociati de noaltri (Uccicretini, PontifeSSi o Militi vari che siano) ovvero la disputa evoluzionismo – creazionismo. Tuttavia, a differenza della prima controversia, i Defensores Fidei nostrani non sono altrettanto lesti a propagandare i risultati legislativi dei loro omologhi esteri (in particolare quelli a stelle e strisce).

Perché mai? Beh, perché, in genere, non è che abbiano molto di concreto per cui esultare in questo campo, anzi ci sono proposte di legge avanzate da PontifeSSi made in USA che farebbero impallidire persino un Bruno Volpe (o quantomeno un Giovanardi).

L’ultima di queste in ordine di tempo è stata la House Bill 1674 presentata nello stato dell’Oklahoma dal Deputato (repubblicano ovviamente, come se ci fosse bisogno di dirlo) Gus Blackwell che, in sostanza, proponeva di rendere illegale la bocciatura per gli studenti “creazionisti”.

Ma andiamo con ordine.

Nell’ultimo decennio, complice lo strapotere all’interno del Great Old Party dei cosiddetti teo-con che ha accompagnato l’ascesa alla presidenza di Bush jr., la legislazione dell’Oklahoma in materia di pubblica istruzione è stata, come avvenuto nella maggior parte degli stati dell’Unione, letteralmente presa d’assalto da politici prossimi ai desiderata della destra religiosa americana con ben 8 proposte di legge in 8 anni (dal 2004 al 2012), tra cui la Senate Bill 320, con cui la House Bill 1674 presenta alcune somiglianze, respinta dalla Commissione del Senato nel 2009 come “una delle peggiori leggi mai presentate”. Tutte queste proposte hanno due cose in comune:

a)      essere state fortemente criticate, sia a livello locale che nazionale, dalla comunità scientifica americana;

b)      essere state tutte quante sistematicamente bocciate, a volte senza nemmeno arrivare ad essere dibattute in commissione.

Nonostante ciò i PontifeSSi d’oltremare non si sono certo scoraggiati ed a Febbraio 2013 sono tornati alla carica con due nuove proposte: la Senate Bill 758 (ribattezzata Oklahoma Science Education Act) e la già citata House Bill 1674 (ribattezzata Scientific Education and Accademic Freedom Act). Entrambe i provvedimenti legislativi ripropongono contenuti già presenti in altre proposte di legge precedentemente respinte ma sotto una nuova luce ovvero non si cerca più di attribuire per legge al creazionismo la medesima validità scientifica della teoria dell’evoluzione ma, più subdolamente, si trasforma l’educazione e la valutazione dello studente nelle materie scientifiche in una questione di “libertà di opinioni”.

Infatti la Senate Bill 758 impone allo Stato ed alle autorità scolastiche locali di  “assist teachers to find more effective ways to present the science curriculum where it addresses scientific controversies” [Trad: “di assistere gli insegnati nel trovare vie più efficaci per illustrare le materie scientifiche dei corsi laddove trattano di argomenti scientifici controversi”] e di permettere agli insegnanti di “help students understand, analyze, critique, and review in an objective manner the scientific strengths and scientific weaknesses of existing scientific theories pertinent to the course being taught” [Trad: “di aiutare gli studenti a comprendere, analizzare, criticare ed esaminare gli argomenti di forza e di debolezza delle esistenti teorie scientifiche pertinenti alle materie del corso”] il tutto senza però proporre un elenco di quali possano essere considerati “argomenti scientifici controversi”.

Lacuna che viene colmata dalla House Bill 1674 che, dopo aver riproposto i passi di cui sopra, cita a puro titolo d’esempio di argomenti scientifici controversi “biological evolution, the chemical origins of life, global warming, and human cloning” [Trad: “l’evoluzione biologica, la chimica dell’origine della vita, il riscaldamento globale e la clonazione umana”] per poi spingersi ancora oltre stabilendo che “no student in any public school or institution shall be penalized in any way because the student may subscribe to a particular position on scientific theories” [Trad: “nessuno studente di una scuola pubblica od altra istituzione potrà essere penalizzato perché sostiene una particolare posizione riguardo teorie scientifiche”].

Un linguaggio volutamente generico ed ambiguo che è unicamente volto, pur di salvaguardare le idiosincrasie dei soli credenti verso la teoria dell’evoluzione, a trasformare l’esame della preparazione degli studenti in un “tana libera tutti” ed a presentare come “controverse” le argomentazioni scientifiche anche là dove di controversie scientifiche non ce ne sono proprio ma, d’altra parte si tratta di un arzigogolo obbligato altrimenti il provvedimento legislativo avrebbe rischiato di venire abrogato per incostituzionalità dopo la sua (ipotetica) promulgazione.

E che gli unici beneficiari di questa norma siano i creazionisti traspare chiaramente dalle parole con cui la legge è stata difesa dal suo proponente, il già citato Gus Blackwell, di fronte alla stampa. Blackwell ha infatti dichiarato che questa legge non avrebbe nulla a che fare con la religione (ma è difficile credergli visto che da vent’anni è un membro attivo della Baptist General Convention of Oklahoma e già in passato ha sostenuto iniziative simili) ed ha aggiunto di averla proposta perché “there are teachers and students who may be afraid of going against what they see in their textbooks” [Trad: “ci sono insegnanti e studenti che potrebbero aver timore di contraddire quanto vedono scritto nei loro libri di testo”], come se brutto voto in scienze equivalesse ad una fatwa od a una condanna al rogo da parte dell’Inquisizione.

Fortunatamente per il sistema scolastico dell’Oklahoma sia la Senate Bill 758 che la House Bill 1674 non sono state promulgate in quanto la prima non è stata approvata in commissione mentre la seconda, pur ottenendo una votazione favorevole in commissione, è da considerarsi perenta a seguito del mancato rispetto della tempistica procedurale.

Però non è possibile reprimere un brivido lungo la schiena al pensiero che nel 2013, a poco più di due secoli dall’Illuminismo, esista ancora qualcuno disposto ad utilizzare la propria influenza ed il proprio potere politico per cambiare le leggi (oltre che il vocabolario) all’unico fine di darsi ragione da solo e poter continuare a credere alla tavoletta dell’uomo barbuto che galleggia nello spazio e crea mondi nel giro di qualche giorno anziché scegliere di crescere intellettualmente almeno un poco…

Fonti:

http://ncse.com/news/2013/01/two-antiscience-bills-oklahoma-0014686

http://ncse.com/news/2013/02/antiscience-bill-dies-oklahoma-0014724

http://ncse.com/news/2013/03/second-antiscience-bill-dies-oklahoma-0014767

35 pensieri su “PontifeSSi d’oltremare

  1. Priapus

    In effetti, gli USA, tolta forse la California e la Est Coast, sono abitati da allegri mattacchioni che spesso volgono al triste, come la Barracuda Palin che si vanta di aver consapevolmente partorito un figlio down o quelli della Bible Belt che divulgano per il mondo fondamentalismo biblico, poca o nessuna differenzaci vedo dai fondamentalisti islamici.
    Devono avere anche una rete di università religiose, cattoliche od evangeliche che producono le risibili ricerche su creazionismo o cure riparative dell’omosessualità che poi vegono trionfalmente
    sbandierate dagli Uccretini di casa nostra, senza tener conto che il mondo scientifico li ignora e gli
    arrivano con foglietti parrocchiali o propalazioni di uguale livello.
    D’altronde, perchè stupirsi, viste le fesserie partorite in casa nostra da De Mattei o Serpelloni?
    Ho sempre trovato divertente quel mondo, da quando, bambino, lessi la traduzione integrale di Tom Sawer, con una spassosa descrizione del rincretinimento causato nei bambini dallo studio della Bibbia, poi lessi le Lettere dalla terra, ancora più pungenti, ed in seguito Bertrand Russell. Sono curioso di vedere se i nostri uccretini arriveranno a spacciare per bigotti anche chi li ha messi in ridicolo come Mark Twain o Russell, vista la disinvoltura con la quale spacciano per cattolicesimo il fondo di deismo di tutti i personaggi che taroccano, da Einstein a Darwin e tanti altri.
    Questi poveri bimbim****a hano perso il treno dell’evoluzione e regrediscono verso il pitecantropo.
    Credi che arriveranno mai a capire Feuerbach e tutti quelli che hanno negato l’esistenza di dio?

    Replica
  2. Caffe

    Da un estremismo ad un altro caro Priapus. Chi è più fanatico? I negazionisti pitecantropi creazionisti dei quali, giustamente, ci facciamo beffe perché maestri nell’arte del passare per scemi sostenendo cause ormai da secoli irrimediabilmente perse, fidandosi ciecamente dei Sacri libri? Oppure i negazionisti atei che, aggrappandosi unicamente alla scienza, escludono categoricamente che possa esistere una qualsivoglia Entità sovrannaturale? Dove sta la verità, non lo so, ma a parte i casi più eclatanti e perniciosi di fanatismo religioso, con tutto il rispetto per le tue opinioni, credo che bisognerebbe usare più cautela nel giudicare e sentenziare; non dimentichiamoci che la vera natura di alcuni fenomeni come l’elettricità, è stata svelata solo in epoca recente e molte delle ultime scoperte, dall’astrofisica alle particelle subnucleari, non escludono per niente, l’esistenza di una Entità creatrice. Per esempio Einstein, di famiglia ebrea e ateo dichiarato ebbe a dichiarare: “Sono un non credente profondamente religioso” e anche: “Com’è difficile riuscire a dare uno sguardo alle carte di Dio, ma non credo per un solo istante che Egli giochi a dadi”; frase spesso sintetizzata con la più nota: “Dio non gioca a dadi con l’universo”, intendendo, con questo, dire che l’universo mostra una struttura troppa ordinata e coerente per escludere, a occhi chiusi, l’esistenza di Dio. Io, più modestamente, mi ritengo agnostico, cioè, non escludo che un Dio possa esistere, pur non ritenendolo molto probabile; quindi bando alle crociate, da una parte e dell’altra, a me, sta sulle scatole solo quel tipo di sacerdoti e di clericali di ogni ordine e grado, di tutte le religioni, che speculano da sempre, ignobilmente, sull’atavico bisogno dell’uomo di credere in qualcosa.

    Replica
    1. FedeB

      @Caffè
      tanto per essere puntigliosi, Einstein con la frase sui dadi si riferiva alla teoria quantistica che si stava sviluppando in quegli anni, più precisamente al principio di indeterminazione. I fatti gli hanno dato torto, Einstein probabilmente è il più grande fisico teorico della storia, ma non era infallibile, e per fortuna!

      Replica
  3. diego

    di assistere gli insegnati nel trovare vie più efficaci per illustrare le materie scientifiche dei corsi laddove trattano di argomenti scientifici controversi

    se gli argomenti sono ancora controversi, perchè si studiano a scuola?

    Replica
    1. PaoloPaolo

      Non vorrei dire, ma per me che studio/ho studiato storia e giurisprudenza gli argomenti controversi sono decisamente la maggioranza, che si tratti di giudicare l’operato del singolo re oppure di discutere sulla depenalizzazione di droghe leggere et similia.

      Replica
      1. diego

        ma un conto è lo studio della motivazione della guerra in Iraq del 2003, un conto è lo studio della motivazione della guerra di Crimea, una è ancora controversa, l’altra è assodata.

        Replica
    2. Compagno ZCompagno Z Autore articolo

      @ Diego

      Il punto è proprio questo, gli argomenti NON sono controversi, quantomeno non dal punto di vista delle evidenze scientifiche. Sono i PontifeSSi dell’Oklahoma che vogliono farli diventare “controversi” per legge perché le verità di scienza fanno a pugni con le loro convinzioni…

      @ Paolo

      Se stessimo parlando di scelte etiche in generale sarei perfettamente d’accordo con te, ma lo scopo della HB 1674 è trasformare d’imperio un prodotto oggettivo del metodo scientifico in una concezione soggettiva e personale di studenti ed insegnanti.
      Se una teoria scientifica non ha punti di debolezza come faccio a spiegarli come vorrebbe questa legge? Me li invento?

      Replica
  4. Priapus

    Caro Caffe, sono agnostico pure io, ma per agnosti co intendo che aspetto uno straccio di prova per credere nell’esistenza di un Ordinatore; sono nato in una famiglia di massoni incalliti, cioè inguaiati da molte generazioni, quindi conosco il deismo che è riconoscibile in Einstein ed in tutti quei pensatori che le badanti degli Uccretini vorrebbero gabbare per bigotti, ma per quanto superficiale sia la mia conoscenza, non ci trovo traccia di questo bigottismo. Sono un buon lettore e so leggere fra le righe; quello che manifesta Einstein è deismo, non integralismo cattolico o bigottismo. Gli Uccretini plagiatori contano balle ed i plagiati non sono in grado di riconoscerle, io mi diverto allo spettacolo, ma non ho nessuna intenzione di essere coinvolto; logica e buonsenso mi portano a considerare favole per bambini tutti questi libri sacri ed arrampicate
    sugli specchi volte a difendere l’indifendibile la teologia e tutti i dogmi del cristianesimo paolino,
    perchè, se ti prendi la briga di leggere il Pentateuti co ed il libro di Giobbe e di meditarli criticamente, vedrai che non sono altro che il prologo del Mein Kampf. Il catechismo cattolico che mi fecero studiare in quinta elementare come preparazione all’esame di ammissione alla scuola media, ricalcava il vecchio testameno e niente aveva in comune col nuovo e, prima la delusio ne, poi la stizza di sentirmi preso per i fondelli, quasi mi causarono l’orticaria.
    Questo è il mio fanatismo, anche perchè più cresce vo e più leggevo, più vedevo maldestri ten tativi di falsificare la realtà ed imbrogliare i gonzi. Con gente così in malafede, vedi tu…

    Replica
  5. Xodroont

    La teoria dell’evoluzione non è in argomento controverso, è un argomento scomodo che per essere fatto fuori viene inscenata una fintroversia, ovviamente è un campo aperto ed attivo di ricerca, quindi alcune cose, come accade nella sana scienza, vengono costantemente riviste e se necessario corrette.
    Comunque i creazionisti di uccr sono più subdoli di quelli americani classici, fanno finta di essere scientifici criticando in maniera ambigua, ma buona per sembrare argomentata da chi non conosce la materia, l’evoluzione

    Replica
    1. Claudio

      @ notimenowhere, grande, l’avrei voluto postare io. La Chiesa non e’ contro la teoria dell’evoluzione e non lo e’ mai stata (al max e’ contro certe derive neodarwiniane che esplicitamente negano come irrazionale anche la stessa idea di intervento divino), cosi’ come la Chiesa, almeno dal 1975 in poi, non considera l’omosessualita’ come malattia (al max si parla di atto disordinato, ma ‘disordinato’ e’ pure il sesso prematrimoniale, il sesso matrimoniale con anticoncezionali e l’amore solitario). In sintesi, il becero creazionismo e omosessualita’=malattia curabile sono i cavalli di battaglia di questi defensor fidei de noaltri, ma nella foga si sono scordati che sta’ roba non e’dottrina della Chiesa….

      Replica
  6. Priapus

    Carissimi, mi spiegate la dottrina di santa madre chiesa? Confesso di non essere ferrato in materia, sono cose che leggo solo per farmi quattro risate, per cui mi correggerete, se sbaglio, ma prima ditemi da dove attinge: dai quattro vangeli, dalle epistole paoline, dal constitutum Constantini, dal concilio vaticano I, dal Sillabo, dall’Indice dei libri proibiti, dal “crimen sollicitationis”, autorizzato da GiovanniXXIII, se non ricordo male, o dal “De delictis gravioribus”? E quale dei due imponeva il segreto pontificio?
    Sto rispondendo al volo, quindi mi scuserete se lo chiedo a voi, invece di compulsare i sacri testi.
    Pace e bene.

    Replica
    1. Claudio

      forte e’ la sensazione che la tua domanda contenga un cicinino di presa per il culo, o Priapus, still ecco la risposta, anche se abbastanza schematica
      La Dottrina Cattolica deriva da
      Tradizione :verita’ che la Chiesa ha chiarito nel corso dei secoli via, pensiero dei Padri della Chiesa , encicliche concili quindi anche il Vaticano I e pure il secondo checche’ ne dica Bruno Volpe,dichiarazioni ex cathedra dei Pontefici , infallibili su questioni di Fede e Morale ma che devono rispettare certe condizioni, etc.
      e Scrittura (quindi antico e Nuovo Testamento Vangeli Lettere di Paolo Pietro etc) .
      Il Magistero si divide in Straordinario (infallibile; concili, pronunciamenti ex cathedra dei pontefici etc) e Ordinario (encicliche etc).
      Dogmi e Verita’ di Fede non cambiano e non sono mai cambiati (fanno parte del depositum fidei) tutto il resto puo’ cambiare ed infatti e’ spesso cambiato.
      L’Indice dei Libri proibiti non era Magistero Straordinario e riguardava sanzioni disciplinari, quindi non faceva parte del depositum fidei, quindi ce lo siamo allegramente levati.
      Gli altri due documenti che citi sono un’altra roba ancora, ad uso interno, e il termine s’egreto pontificio ‘viene usato come sinonimo di confidenzialita’ (della serie non gettare in pasto al mondo I nomi degli accusati prima di accurate verifica dei fatti dap arte del tribunale ecclesiastico). Poi, purtroppo, e’ andata come e’ andata , e credo che nessun cattolico con la testa in testa si sognerebbe mai di difendere l’operato dei vescovi e di (parte, ma non significa niente) della Chiesa.Una cosa e’ certa; la pedofilia e la copertura dei pedofili non fanno parte del Magistero, ma di persone malate coperte da persone indegne del loro compito. Qua tutti I documenti:
      http://www.vatican.va/resources/index_it.htm

      Replica
  7. Priapus

    @ Claudio
    Scusa il ritardo con cui ti rispondo, in pratica sono stato io a sollecitare il tuo intervento,
    ma ho avuto un pò da fare e ieri sono andato a cena da amici che celebravano una festic
    ciola; in breve ho fatto l’alba ed ho dormito fino al pranzo.
    Niente contro il tuo culetto, temo sarà sofferente, dopo l’infierire di quei preti indiscreti,
    solo un pò di sana cionfra che meriti ampiamente per l’imprudenza e la creduloneria
    che ti hanno inguaiato e, sopratutto, perchè non credo in queste “verità” rivelate da
    un’entità inesistente ad alcuni sciamani di asinari e cammellieri del deserto, più primi
    tivi delle loro bestie, ma furbi e decisi a dominare la loro disgraziata tribù, terrorizzan
    dola con la minaccia di una divinità bizzosa, gelosa ed implacabile. Mai nessuna, delle
    migliaia che infestano il mondo è stata presentata in modo così terrificante, neanche
    Kalì o le varie divinità del male o della morte e distruzione.
    Naturalmente gli Esseni, monaci ellenizzati, aperti ad una cultura umana e non da ca
    melus ferox, hanno capito che nessuno contagiato dalla cultura ellenistica, evoluta ed
    umanistica, avrebbe accettato questo demone da predoni del deserto; così hanno in
    ventato un “salvatore” che riscattasse l’umanità da un inesistente “peccato originale”
    che consisterebbe nella “conoscenza”, del mondo o del bene/male, poco importa, biso
    gna proprio esser malridotti per bersi queste favole che, comunque, si sono diffuse,
    creando diverse correnti di pensiero, stavo scrivendo “rumine”, tutte incompatibili
    fra loro, da cui derivarono le sette scismatiche che hanno diviso il cristianesimo.
    Il Messia era stato predetto da un paio di profeti, ma era solo un condottiero che
    doveva portare i cammellieri a liberarsi del dominio romano, desiderio legittimo,
    ma addirittura a dominare tutti i vicini.
    Paolo di Tarso, vicino alla casta sacerdotale, riportò tutto alla dituazione descritta dal
    Deuteronomio e dal libro dei Leviti, dando ai sacerdoti tutto il potere, escludendo le
    donne da ogni partecipazione attiva e reintroducendo tutti i deliri del Vecchio Testa
    mento, umanità diseredata!
    Fonti: Il gallo cantò ancora, Storia criminale del cristianesimo, La chiesa mente, i retro
    scena storici delle falsificazioni ecclesiastiche, di K. Deschner e proprio in merito ti ho
    citato la più clamorosa di tutte, il Constitutum Constantini. Sulla improbabilità di una
    divinità così camelide, vedi il concetto che aveva Aristotele della divinità,”causa incau
    sata, motore immobile” e l’affermazione di Epicuro, che la divinità non può essere in
    contraddizione con sè stessa. Già in epoca arcaica, i Greci affermavano che Destino
    e Giustizia sono superiori al volere degli dei; Feuerbach in Essenza del Cristianesimo,
    afferma la creazione umana della divinità; Freud, Totem e Tabù, Mosè e il monoteismo;
    Frazer, Il ramo d’oro; Lorenz, Etologia umana; Darwin, L’origine delle specie per mezzo
    della selezione naturale dimostrano l’evoluzione e l’animalità dell’uomo e la sua confi
    deza con magia,miti e spiritismo.
    La cionfra non ha carattere aggressivo, ma solo satirico e ben si concilia con una civile
    discussione, aiuta a mantenerla entro i gusti binari, richiamando scherzosamente chi
    tende a deragliare,
    Saluti laici.

    Replica
    1. Claudio

      Caro Priapus, lieto di saperti festoso e festante, e ti ringrazio per le preoccupazioni sullo stato del mio culo; non temere, e’ integro, purtroppo o per fortuna mi sono convertito 5 anni fa ( ora trentenno), quindi sono evidentemente fuori dal range dei prelati di Santa Romana Chiesa.
      La lista della spesa che mi hai postato mi sa che l’ho gia’ sentita, e ora come allora mi pare na strunzata:

      Gli esseni so na roba, il Cristianesimo un’altra.Monaci ‘isolazionisti’ e profondamente giudaici i primi (fisse sulla purita’ impurita’, rifiuto di ogni forma di ‘missionarismo’, etc), cristiani gli altri.
      San Paolo aveva un cosi’ bel rapporto con la casta sacerdotale che non lo fcevano avvicinare manco alle Sinagoghe, lui e gli altri cristiani, cosa attestabile dalle lettere degli altri Apostoli, dagli Atti e anche dalla fine del primo martire cristiano. e le fesserie dell’antico etc; mi sa che fu lui a dire che ‘Tutto e’ puro per i puri’, e che quindi tutte le menate su cibi-lavori-giorni-puri e impuri fossero appunto, menate.O per non offendere i fratelli maggiori nella Fede; non menate, ma superate dalla Nuova Alleanza.

      Messia: e’ uno dei leit motiv dell’antico Testamento e gli ebrei lo aspettano ancora (e non si trattava solo di un capo politico).
      Le sette scismatiche etc; forse ti riferisci agli gnostici, ogni “Chiesa gnostica’ meriterebbe un discorso a se ma basta avere un minimo di conoscenza del cristianesimo per vedere quanto idee gnostiche (materia ‘brutta” creata dal demiurgo cattivo, antico testamento vs Dio ‘buono’ e spirituale etc)siano
      a) spesso pre-esistenti al Cristianesimo b) incompatibili col suddetto e che quindi siano state tutte debellate o minoritarie (ogni tanto sono riapparse, vedi i vari catari albigesi etc). I primi cristiani leggevano l’Antico Testamento e Gesu’ lo citava , molti tra gli gnostici lo consideravano merda. direi che Cristo e i cristiani sono na cosa, gli gnostici un’altra.
      Freud e’ un cocainomane sopravvalutato, Feuerbach fa (pessima) filosofia della religione e non ha uno straccio di argomento valido, Aristotele epicuro e greci antichi non avevano neanche il concetto di ‘Dio’ giudaico cristiano quindi non vedo che c’azzecchino (e come dire che i’ buddisti non credono in un Dio persona allora il cristianesimo dev’essere una cagata; cazzo di argomento e’? Abbiamo visioni del mondo , e del sacro, diverse).
      Sul Ramo D’oro ti rimanderei al Remarks che ci ha scritto su Wittgenstein , in cui smonta la (stupidissimissima) pretesa di trattare miti e leggende come ‘pseudoscienza’; na roba da positivisti de na volta, erano fessi prima, ora anche di piu’.
      LA donazione di Costantino; e sti cazzi? Io sto parlando di Dottrina, non di ‘come e’ nato l’horrido Stato della Chiesa. Ed essere cattolico non significa necessariamente essere vaticanomane (ma questa magari te la spiego un’altra volta).
      Fonti; qualsiasi libro decente e non confessionale di Storia del cristianesimo (il filoramo Menozzi andrebbe pure bene, altro che le menate complottarde a te care) Remarks on the Golden Bough di Wittgenstein, un po di buonsenso, il fatto che insegno-filosofia-quindi-non-vorrei-fare-lo-sborrone-magli-autori-che citi-li conosco.

      Non darti pena della cionfra, da un precedente scambio mi pare di intuire che tu abbia piu’ primavere di me, immagino che all’ateismo bellicoso ci sia oramai affezionato , tu domandi io rispondo e ti leggo pure, meglio sarebbe evitassi i toni alla Odifreddi dei tattarinos, gia’ la versione sabauda lascia il tempo che trova, quella sassarese magari potrebbe essere piu’ simpatica ma still….

      Replica
  8. Priapus

    Corissimo, ora ho da fare, ti risponderò esaurientemente dopo cena o domani, per ora
    ti dico solo che poco importa cosa si ha letto o studiato, conta solo quello che si è capito.
    Bye-bye.

    Replica
  9. Priapus

    Credo di aver già detto che sono agnostico, più che ateo militante, ma non capisco perchè dovrei
    prendere per verità rivelata delle favole che sono troppo truculente per essere adatte ai bambini,
    diciamo che sono per adulti che abbiano un intelletto infantile; purtroppo, tutte queste favole da
    tregenda hanno plagiato i bambini sin dalla più tenera età e frenato il loro sviluppo intellettuale.
    Mi dici che i filosofi del mondo classico non concepivano il dio dell’Antico Testamento, ti credo, ci
    mancherebbe che dei metafisici si perdessero dietro i deliri di sciamani beduini e ti ricordo che
    cannabis ed oppiacei erano ben conosciuti ed usati dagli antichi egizi ed in particolare dai sacer
    doti. Gli archeopatologhi ne hanno riscontrato gli effetti sulle mummie; che peccato non poter
    studiare le ossa dei profeti!
    La storia della chiesa non l’ho mai studiata, preferisco vederne i riflessi nella storia europea ed
    italiana o nelle opere di storici come Gregorovius, le agiografie te le lascio tutte. Ti avevo consigliato
    Deschner perchè inconfutabile; quando, dopo la pubblicazione di “Il gallo cantò ancora”, fu pro
    cessato in Germania per vilipendio alla religione, il tribunale, esaminati i documenti citati in tren
    ta pagine di bibliografia, lo assolse e conndannò alle spese gli accusatori.
    Non mi risulta che Freud fosse un cocainomane; i suoi scritti “sulla Cocaina” non sono le confes
    sioni di De Quincey, ma le osservazioni di pratica clinica, usando la cocaina per curare intossicati
    dalla morfina ed è stato fra i primi ad osservare, dietro ricerche e sperimentazioni e non per mera
    lettura di “sacri testi” che la foglia di coca, comunemente usata dalle popolazioni andine per com
    battere fame e fatica, è assai meno dannosa di come la descrivessero i primi esploratori bianchi.
    Forse l’osservazione empirica è da preferirsi alle idee preconcette.
    Wittgenstein non mi piace, è troppo dogmatico e pieno di sè, preferisco di molto il falsificazioni
    smo di Popper, ma capisco che, da cattolico, hai più confidenza coi dogmi che coi dubbi.
    Frazer l’ho citato, assieme a Lorenz, etologia e Feuerbach, nel tentativo di farti capire da dove
    provengano le favole dei tuoi libri sacri. Quanto alle sette scismatiche, il concetto di scisma è trop
    po legato alla pretesa universalità del cattolicesimo e del papato romano, ma puoi negare che le
    teorie degli Esseni, che non erano ortodossia ebraica, furono interpretate da ciascuno a modo
    suo, se i quattro vangeli canonici sono tutti diversi fra loro, per non parlare di tutti gli altri e sor
    volando il fatto che nei soli USA, ogni anno nascano 200 sette e ne muoiano altrettante.
    Nè puoi negare la litigiosità delle varie sette cristiane e se in Europa e sopratutto in Italia e Spa
    gna, la santa inquisizione ha prodotto una certa uniformità, sai bene quale santo macello ne sia
    stato il prezzo.
    Laici saluti.

    Replica
  10. Claudio

    Ciao Priapus, sorry for my late reply e innanzitutto le cose su cui siamo d’accordo; vero; non conta (solo) quello che si e’ letto o studiato, ma quello che si e’ capito. Ma su temi talmente complessi ( e che coinvolgono nientepopodimeno che duemila anni di storia, di pensatori, etc) non si puo’ affidarsi all’istinto o alle idiosincrasie…
    Su Freud cocainomane scherzavo(piu’ o meno), cosi come spero stia scherzando anche tu definendo ‘branco di beduani sciamani schiamazzanti’ gli ebrei; sul sopravvalutato, penso che il buon Karl Popper ne abbia detto e scritto meglio di me di lui e delle pretese ‘scientifiche della psicoanalisi (e del marxismo…e il Popper migliore). E incidentalmente, Freud canto’praticamente le lodi della coca, e contribui’ a far partire la moda di una droga che e’ proprio una merda; molto meglio de quincey, e decisamente meglio l’oppio.
    wittgenstein e’ un po esoterico e purtroppo ha creato mille chiesette, io gli preferisco nettamente Aristotele e Tommaso,ma da buoni strumenti per pensare; e i Remarks rintuzzano le pretese di Frazer, che cerca di comprendere testi sacri come fossero pseudoscienza, operazione che ha lo stesso senso di leggere una poesia come fosse un teorema o l’Odissea come fosse un libro di storia; come direbbe Ryle, sono errori categoriali.
    Darwin e Feuerbach non ‘dimostrano’ niente; fanno ipotesi sul fatto religioso, che sinceramente non mi convincono.Se non l’hai letto, consiglio Rene Girard (anche a Caffe se ci sta leggendo, secondo me gli piacerebbe). E il Filoramo Menozzi non e’ un agiografia, e’ un manuale universitario di Storia del Cristianesimo, dagli un’occhiata; per diventare eretici bisognerebbe almeno sapere quello che dice l”ortodossia’.
    A proposito; ai tempi non esisteva un Ortodossia giudaica c’erano i farisei, i sadducei etc, la situazione non era poi cosi’ diversa da quella delle scuole filosofiche ellenistiche (vabbe, abbastanza improprio ma giusto per capirci)
    Le favole e le fesserie; l’ecclesiaste, i 10 comandamenti, I vangeli etc, tutto mi sembrano fuorche’ stronzate; il linguaggio era quello che era (immaginifico, simbolico etc) le verita’ rimangono(morali ‘sociali’, sull’uomo e sulsenso-della-vita..). Ed e’ una saggezza che a mio avviso integra quella dei greci, e che sicuro non si puo’ rubricare facilmente sotto la categoria di ‘deliri di beduini strafatti’. Back in the days mi sono drogato abbastanza e sinceramente non sarei stato in grado di scrivere il libro di Isaia…
    I Vangeli non sono ‘tutti diversi’; se hai tempo e voglia, leggiti i testi presenti sul sito di padre Maggi che trovi tra i links, mentre gli apocrifi sono, appunto, apocrifi, posteriori, meno o niente legati al Cristo storico e alla fede delle prime comunita’ cristiane , etc.
    Delle sette e settarelle protestanti poco mi cale, perche’ Gesu’ non ci ha lasciato il Libro Sacro (il cristianesimo non e’ l’Islam), ci ha lasciato una Chiesa con una struttura (gli Apostoli etc) e una missione, quella di dire in giro la Buona Novella; il sola scriptura e il sola fide di Lutero (concetti che i primi cristiani avrebbero trovato perlomeno assurdi, mo non voglio offendere gli eventuali valdesi all’ascolto ma still…) hanno creato quella proliferazione delirante di Chiese e chiesette e hanno costuito l’humus di vere e proprie merdate (pensa solo al rapporto tra calvinismo e ultrarazzismo degli afrikaners, o quanto l’idea che Dio ha da sempre deciso di salvare alcuni e dannare altri come possa sembrare piacevole alle orecchie di un nazista…)…
    quando vivevo in Italia idolatravo i protestanti, poi..in UK li ho conosciuti; e l’uniformita’ nei loro paesi l’hanno creata (o hanno tentato di crerla ) anche loro , a spese di enormi violenze(perlopiu’ anticattoliche) che avrebbero fatto inorridire anche il Torquemada degli anni peggiori. cosi’ come i vari ‘portatori di luce, che siano i giacobini liberimuratori o gli alfieri del socialismo, giusto per citarne due, hanno letteralmente navigato nel sangue…se vogliamo vedere gli effetti devastanti delle idee, credo che il cattolicesimo alla fine ci faccia la figura del principiante, nonostante sia stato in giro per 2000 anni.
    Vedi Priapus, c’e’ una singolarita’ nel tuo modo di argomentare che vorrei farti notare; io ad un ateo-agnostico-whatever non do del ritardato, o del coglione, o del rimasto-intellettualmente-a-5-anni, e la fede cieca ne la ho ne la pretendo dagli altri, e con me tutta l’apologetica, il buon Tommaso che nella summa Contra Gentiles cerca di spiegare ( e spiegarsi) prescindendo dalla Rivelazione etc…tu continui come un ritornello a dare del minus habens a chiunque creda in Dio, che sia il tuo umile Claudio o gente che a me e probabilmente anche a te piscerebbe in testa per intelligenza e cultura; perche’?
    C’era un figlio di un caprentiere di Galilea che ha detto e fatto tante belle cose, l’hanno preso e gli hanno fatto fare una finaccia. qui le nostre strade divergono; io dico che e’ risorto (anche sulla scorta della testimonianza di gente che si e’ fatta crocifiggere al contrario piuttosto che rinnegarlo) tu dici di no. qui non e’ creduloneria-incredulita’, qui il principio epistemico e’ la fiducia; io mi fido di quell’uomo li e in chi ci ha creduto, e mi fido anche della promessa che ha fatto alla sua Chiesa, che non l’avrebbe abbandonata (anche affermando profeticamente che sarebbe stata spesso e volentieri composta da pezzi di merda che avrebbero creato scandalo); tu non ti fidi. Io non ti do del pirla, ma non puoi dare del pirla a me perche’ la mia fiducia non e’ cieca, e’ ragionevole, cosi’ come ragionevole e’ la dottrina cristiana (Catechismo Tommaso etc, non i deliri degli Uccrociati-pontifex per non parlare dei bibbiomani ammericani, che c’entrano con me come i tuoi avi liberimuratori c’entrano con Licio Gelli; spero poco).e la fiducia non e’ irrazionale, fosse solo perche’ e’ un principio epistemico alla base piu’ o meno del 80% delle nostre relazioni sociali.
    La Summa contra i gentiles ce l’hai, il Catechismo ( e la dottrina sociale della Chiesa e quello che il cattolico crede) te li puoi leggere, l’apologetica cristiana e’ virtualmente sterminata, tutta roba con argomenti e non fideista (ripeto, Tommaso argomenta, sicuramente piu’ di wittgenstein), molto meno dogmatico-oscurantisto-mostruosa di quello che per partito preso hai deciso che sia.
    Anche se poi non cambia niente, perche’ la differenza e’, ancora una volta, quella; io mi fido di quel carpentiere e dei suoi followers, tu no. Cio’ fa automaticamente di me un coglione agli occhi di Priapus? Me ne faro’ una ragione. Ma still…

    Replica
  11. Caffe

    Premessa: il giorno 2 aprile us mi sono procurato, complice una pantofola traditrice, una frattura maledettamente dolorosa al femore destro con i seguenti risultati: sette giorni con la zampa in aria sottoposta a trazione con dei pesi che a stento riuscirei io stesso a sollevare, quindi operato in anestesia locale perché l’anestesista non mi ha voluto mettere a nanna a causa del fatto che, se fossi stato intubato, avrei probabilmente costretto i miei parenti a venirmi a trovare al cimitero anziché all’ospedale. In sala operatoria, le risate sapeste! Sveglio e vigile ho assistito alla scena di alcuni volenterosi in tunica verde, armati con bisturi, martelli, chiodi, viti e Black&Decker, infierire come ossessi sul mio povero arto inferiore; dai rumori e commenti che udivo, sembrava che costoro, più che operare un paziente umano, stessero riparando una Fiat Panda qualsiasi nel garage sottocasa; trale frasi pronunciate da questi luminari, durante le oltre tre ore d’intervento, eccone qualcuna a caso:” ahò, dàmme à nove, ppè favore, daje na fresata qua, a Remo, ma qui cè vòle er chiodo da ventuno? Nooo, ma che c…dici, da ghieciotto e mezzo e mezzo va bene, ma nun’hai visto quant’è corto questo? Sembra Brunetta!” Solo battute, ovviamente, visto che io arrivo a misurare ben centosessansette cm di altezza. Sullo sfondo un codazzo di spettatori, suppongo studenti, che si abbeveravano alla fonte della sapienza ortopedica dei miei aguzzini, senza degnarmi della più piccolo cenno di solidarietà. Adesso ho capito perché i pazienti operandi li addormentano, se possono. A massacro consumato, sono stato trasferito in una struttura per la riabilitazione, e anche qui potrei scrivere la sceneggiatura per almeno tre film del tipo “oggi le comiche”, per oggi vi risparmio lo strazio, ma non mi provocate; questa premessa, per dire che, per forza di cose, finora, ho seguito lo sviluppo di questa vostra interessante conversazione, nella quale, qualcuno mia ha anche chiamato in causa, per mezzo del mio smartphone, ma il mio presente stato d’animo e la poca praticità di usare lo stesso per scrivere lunghi “pezzi” me lo ha impedito. Oggi mi sono fatto portare il piccolo Acer, 10 pollici di schermo ed una ventola che soffia aria bollente direttamente verso i miei poveri zebbedei, ma provvisto di una tastiera degna di questo nome: usando lo smartphone come hotspot wifi, riesco a navigare con sorprendente velocità: in poche parole dite addio alla vostra tranquillità, quando avrò meditato un po, riprenderò la conversazione da dove l’ho dovuta interrompere, nel frattempo vorrei dire che, con i vostri discorsi, mi siete stati comunque vicini e distratto parecchio, da questa disavventura, anche se a vostra insaputa. Grazie a tutti e a risentirci presto.

    Replica
    1. adminadmin

      Libero di non credermi… Ma ti assicuro che ho sofferto immensamente leggendo quello che hai scritto!

      Mi dispiace moltissimo per la tua gamba… Spero che ora la convalescenza proceda senza intoppi…

      A presto prestissimo, direi!

      Replica
      1. Priapus

        Sinceramente addolorato delle tue traversie, caro Caffe, ma, poichè vedo che non hai
        perso il senso dell’humour e ti diverti a leggere le mie ed altrui scemenze, mi sento
        in dovere di svagarti un poco, rispondendo all’amico Claudio.
        @ – Claudio –
        Ti avevo già dato una risposta che sarebbe stata sufficente ed omnicomprensiva se
        tu fossi più perspicace e meno credulone; visto che non capisci, necesse est che ti
        spieghi tutto, pazientemente e dettagliatamente. Capire esattamente ciò che si legge
        o si studia, richiede un poco di perspicacia, anche perchè bisogna leggere fra le righe,
        cioè quello che l’autore pensa ma non vuole che il lettore capisca. Non sono un genio
        nè un intellettuale ma un ometto di intelligenza poco al di sopra della media, ma ben
        dotato di spirito critico e non credulone come voi religiosi.
        Se ti chiedi come mai Lorenzo Valla abbia così esplicitamente smascherato e messo
        alla berlina quel clamoroso falso del Constitutum Constantini, di cui tutti dubitavano,
        ma nessuno osava contraddire apertamente (e dire che il racconto è così’ infantile e
        buffonesco che mi ha regalato le più grasse risate) ma l’Europa cristiana era così piom
        bata nell’ignoranza e nella barbarie, grazie alla distruzione della cultura classica, delle
        biblioteche e dei libri, operata dai piissimi monaci e dai loro Kapò, che nessuno osava
        contraddire l’assurda favola. Anche perchè da subito dopo Costantino, Santa Madre
        Chiesa aveva cominciato a perseguitare gli esponenti della società e della cultura paga
        na; così era stato assassinato a tradimento l’imperatore Giuliano, ed era stata trucidata
        selvaggiamente la filosofa Ipazia, cose che ci dimostrano che i cristiani non erano miti
        ed innoqui martiri, ma selvaggi assassini, come gli inventori della Bibbia, gli sterminato
        ri dei Cananei ed i Santi Inquisitori.
        Gli umanisti avevano riscoperto la cultura greca, grazie all’affluire di libri, dopo il sacco
        di Bisanzio e fino alla conquista ottomana. Saprai bene che la maggior parte dei mano
        scritti alessandrini erano opere di filologia e di critica testuale, ma i Padri della Chiesa
        erano troppo ignoranti per apprezzare cose così sofisticate e così pagane; inoltre, pur
        non capendo la scienza, la filosofia e la letteratura greca, capivano inconsciamente di
        non poter reggere il confronto e decisero di eliminarli, salvando solo opere di storia per
        falsificarle; ma non conoscendo la filologia, ignoravano quanto facilmente un esperto
        avrebbe scoperto le manomissioni; Lorenzo Valla era un filologo e dimostrò che quel
        documento non poteva provenire da una cancelleria imperiale, ma da una sacrestia bar
        barica e del più ignorante medio evo.
        Caro Claudio, la storia delle religioni non è il primo dei miei interessi e, sopratutto, mi
        interessamo le storie imparziali; con tutte le università cattoliche che imperversano in
        Italia non dubito che si stampino testi univesitari su misura per esse, ma io chiudo subito
        un libro che mi cita la Bibbia come documento storico, perchè le sue favole non trovano
        riscontro in nessun documento delle grandi civiltà dell’eta del bronzo o del ferro, che igno
        rano totaslmente questi beduini. C’e solo un bassorilievo in un tempio egio dell’epoca ra
        messide che ce li mostra con facce da caricatura antisemitica, li chiama Apiru,, semino
        madi dediti al banditismo, per cui furono espulsi. Nessun accenno alla schiavitù in Egit
        to, ma numerosi documenti in cui i faraoni lodano i costruttori volontari e magnificano
        i sandali, le vesti e le provviste approntate per loro; Davide, Salomone, la regina di Sa
        ba sono ugualmente ignorati, come pure il favoloso (secondo la Bibbia) tempio di Geru
        salemme, trattato come una qualsiasi chiesetta di campagna. Del resto è naturale che
        dei poveri nomadi, usi a vivere in tende, come pure sotto una tenda era alloggiata l’Arca
        dell’Alleanza e che a malapena stavano imparando a costruirsi delle capanne, consideras
        sero una meraviglia il modesto tempio, progettato e costruito dai Fenici che, se avessero
        costruito qualcosa di notevole, ne avrebbero lasciato il ricordo.
        Il libro dei numeri parla di seicentomila esodati dall’Egitto; ma dove avrebbero potuto
        trovare sostentamento, se l’intera Palestina, terra semiarida e già occupata da altre po
        polazioni, poteva sostentarne al massimo duecentomila? Certo, nei bivacchi, riscaldati
        più dal vino che dai fuochi, la fantasia corre, si sognano grandi imprese e di aver conqui
        stato o civilizzato il mondo, ammesso che avessero una seppur vagha idea di civiltà.

        Replica
      2. Claudio

        @ Caffe sorry to hear of your difficulties mate, mi stai istintivamente simpatico, e son contento che almeno sta chiacchiera sia servita a distrarti (che ad altro evidentemente non poteva servire,ma meglio de niente). Fatti recapitare Girard ‘La violenza e il sacro’, bel libro davvero
        @ Priapus; anche tu mi stai istintivamente simpatico, pero’ mi sa che un po di storia del cristianesimo e anche di storia della filosofia te la dovresti proprio studiare in case volessi continuare questa discussione (ma io passerei) magari su libri di testo seri (vai nella piu’ vicina Universita’ e scaricati i programmi; incidentalmente, ho sempre studiato in Uni laiche, sia in Italia che in Uk, non alla Lateranense).
        Oltre al fatto che e’ sempre carino studiare cose su cui si hanno cosi’ solide certezze, ti risparmiera’ lo sparare questo muzzo di luoghi comuni, leggende nere (il medio evo ‘barbaro’, le ‘opere distrutte; peccato che a tradurre i testi fil che passarono dalla Grecia agli arabi fossero proprio dei monaci, sai, la scolastica, you know?)i Padri della Chiesa ignoranti e incapaci di apprezzare il pensiero antico (tipo Sant’Agostino?)Origene? seriamente, ma che stai dicendo?)e, con tutto il rispetto e la carita’ cristiana che riesco a raccimolare, le CAZZATE che hai scritto. STUDIA Priapus, che la verita’ non e’ solo su ‘I libri che il Vaticano non vuole farti leggere’della Kaos edizioni , in qualche mezza leggenda massonica che ti ricordi da quando eri piccolo e nelle tue idiosincrasie!STUDIA! e non stare a pensare sempre alla donazione di Costantino, lo sapevano pure prima del Valla che fosse una cazzata (Valla ne diede la certezza) ma non stiamo parlando del Vaticano o del potere temporale dei Papi quindi che minchia c’azzecca?Per il resto, decideranno i nostri quattro lettori (anzi uno, va, Caffe che purtroppo si e’ accippinato quindi c’ha tempo di controllare le fonti).
        Sine ira ac studio eh, ma le trop c’est trop, come direbbe l’amico tuo Voltaire.

        Replica
  12. Priapus

    Mio caro chiericetto arcibigotto, vedo proprio che a comprensione e perspicacia stai
    sotto zero; il tuo non è il profilo di un docente dib filosofia, ma al massimo di un cate
    chista e di un burino di Montenero per il linguaggio. Nelle scuole medie, filosofia va
    in coppia con storia e subito rilevo che anche quì hai grossi problemi. Molla tutto e
    vai ad intrupparti con quei tuoi amici che in qualche blog sostengono che il feudale
    simo e la servitù della gleba erano l’età dell’oro. Già da tempo, tanti pseudointellet
    tuali sostengono che santa romana chiesa sia stata l’origine non solo della santa
    inquisizione e del santo macello, ma anche della cultura e della scienza moderna;
    proprio quella cultura e quella scienza che ha sempre combattuto perchè voleva
    greggi di pecorelle analfabete e decerebrate, di cui sei buon esponente.
    Forse, i tuoi sacri testi di storia chiesastica non accennano ai concili si Narbona.
    Tolosa e Tarragona, dove si svilupparono i temi di santa inquisizione e santa ignoran
    za. Come vedi sicapisce tutto meglio da testi critici che non dai tuoi santini.
    Avevo ben ragione a dirti che non basta studiare, bisogna anche capire, sia ciò che
    si legge o studia, sia ciò che si vede nella vita; dubito molto che tu possa capire questi
    argomenti di buon senso perchè, per quanto tu critichi Pontifessi ed Uccretini, sei al
    trettanto insensato ed ottenebrato dal bigottismo.
    Io, in pratica, non ho mai studiato, anche per scadente memoria, ma ho sempre letto
    molto e questo ti da una apertura mentale che tu neanche sogni ed una base culturale
    che ti avverte subito delle stonature nel contesto. Vivo in una città universitaria, rettora
    to, biblioteca centrale ed istituto giuridico sono a dieci minuti da casa ed ho alcuni amici
    in consiglio di facoltà e senato accademico. Tu l’hai vista da vicino un’università? Con
    quell’eloquio da burino ti vedo meglio con la zappa che con la penna in mano.
    Quanto alla Bibbia, non è una fissazione senza fondamento, come le tue, ma la sensata
    convinzione che i fanatismi e le guerre di religione vengano da quella fonte che ha porta
    to solo violenza ed intolleranza e bisogna essere ben gonzi per credere in quelle favole
    per ubriaconi col cervello mezzo cotto dal sole del deserto.
    Feuerbach, Frazer e Lorenz non te li ho citati per fare sfoggio, ma per farti capire quanto
    spazio abbiano avuto magia, suggestione ed animalità umana nella nascita delle religioni.
    Si, ciccio bello, perchè non siamo puro spirito o creati ad immagine e somiglianza di una
    divinità trascendelte, ma animali, alcuni evoluti, altri della più oscena bestialità, per cui,
    applicando l’assunto di Feuebach e valutando la bestialità dei creazionisti, dovremmo
    immaginare dio come un gigantesco topo di fogna.
    Laici saluti, mio chierichetto.
    @ Caffe
    Spero che questa tirata, più spigliata e cionfraiola, sia valsa a distrarti un poco e strapparti
    un sorriso.

    Replica
  13. Caffe

    Caro Priapus, ringranzio te per ringraziare tutti quelli che mi hanno onorato della loro considerazione ed affetto in questa traversia che sto affrontando. La tua polemica con Claudio, che ringrazio per la “dritta” letteraria”, non mi strappa molti sorrisi, a me, che nelle polemiche mi ci ficco spesso e volentieri, non mi piace la piega che sta prendendo la vostra, forse per vostre vecchie ruggini.Vi reputo entrambi persone capaci ed istruite, molto più di me, non capisco il tono aspro e risentito che usate nell’illustrare i vostri argomenti. Priapus, sai che razza di anticlericale io sia, praticamente io considero le gerarchie vaticane un’autentica associazione a delinquere specializzata in circonvenzione di incapace; quindi non sono sospettabile di collusioni col “nemico”. Claudio ha però ragione da vendere nel non sentirsi di liquidare l’individuo religioso come una patetica sottorazza umana che si fa abbindolare da orde di preti oscurantisti e cinici. Trovo condivisibili molte cose dette da te, Priapus, ma come già ti ho detto, io trovo che tu tendi ad estremizzare al massimo la tua posizione che ha, peraltro, molti punti di contatto con la mia. Io, però, e credo che Claudio sarà daccordo, faccio riferimento non a vecchi e polverosi libri scritti da profeti avvinazzati, ma ad una spiritualità innata, personale, intima e propria di ciascun uomo. Quella spiritualità che ci fa contemplare un tramonto e commuovere di fronte ad un opera d’arte, che ci spinge a nobili gesti e sopportare pesantissimi sacrifici per il bene altrui. Io non credo probabile l’esistenza di un Dio, ma sarebbe veramente un peccato, se così fosse, non per me, ma per quei miliardi di esseri umani che ogni giorno sopportano soffernze spaventose, sorretti solo dalla fede in una consolazione e giustizia finale. Io rispetto profondamrnte questa gente, le varie chiese hanno solo codificato nei secoli quello che tutti noi abbiamo già dentro, anche tu, Priapus, spesso con risultati tragici o grotteschi, ma che ci sia “qualcosa” in ciascuno di noi che trascende la pura animalità e ci distingue dalle belve, io sono convinto che ci sia e questo è meglio di niente; chiamalo Dio o Pincopallo, ma per me esiste, io sono un’istintivo poco acculturato e mi accontento.

    Replica
  14. Priapus

    Hai ragione, Caffe, è la spiritualità che ci fa diversi dalle bestie e dalle gerarchie religiose
    che la sostituiscono con brama di potere e denaro, e sono tutti ugualmente criminali, vedi
    l’India, dove spingono bestie analfabete a violentare donne e bambine, tanto per ristabilire
    la gerarchia dettata dalla loro religione od il Bangladesh dove spingono orde di fanatici a
    reclamare la pena di morte per i blogger che si dichiarano non religiosi. La possiedono tut
    li gli umani, ma in misura molto diversa, come l’intelligenza e non hanno origine trascen
    dentale, ma sono il frutto dell’evoluzione e spingono l’uomo, sin da prima che diventasse
    pienamente “sapiens”, alla ricerca di qualcosa di trascendentale, tanto che il primo idolet
    to fittile ritrovato, la Venere di Berekhat Ram, avrebbe 200.000 anni e sarebbe opera di un
    Homo erectus. Ricordo che quando ancora frequentavo il liceo, 50 anni fa, avevo l’abitudi
    ne di fare i compiti ascoltando la radiolina ed una volta rimasi sorpreso da una trasmissio
    ne sul senso del sacro degli aborigeni australiani; era molto più evoluto e coerente di quel
    lo dei profeti biblici. Per chi fosse interessato, ricordo che la trasmissione era di Radio 3, si
    chiamava “Uomini e profeti” e forse è stata trascritta e pubblicata dalle ed. Rai.
    In seguito, con l’Homo sapiens arcaico e poi moderno, si giunse alla sepoltura dei morti e
    ad opere d’arte anche di alto livello, come le pitture rupestri delle grotte d’Altamira e di
    Lascaux, che raffigurano animali oggetto delle cacce collettive e quindi erano riti magici
    di propiziazione che presuppongono una custura sciamanica. Di questi riti e della ricer
    ca del sacro e della vita oltre la morte, approffittarono gli sciamani per costruirci sopra
    la religione e la paura degli dei e degli spiriti maligni, ma non esiste nulla che non sia
    frutto dei nostri timori e della nostra ricerca di spiritualità che, come induce l’uomo alla
    contemplazione della bellezza della natura, della musica, dell’arte, dovrebbe indurlo al
    la fratellanza universale. Quì intervengono le religioni che lo inducono a frenare l’afflat
    to di empatia e fratellanza verso gli altri uomini; religione, infatti, deriva dal latino re-le
    go, lego insieme gli uomini della stessa tribù, villaggio o città od al limite tutti quelli che
    adoravano lo stesso panteon di divinità, ma secondo la mentalità antica, non c’erano
    problemi, bastava aggiugere al panteon gli dei identitari delle città o tribù vicine, e natu
    ralmente i relativi sacerdoti, e si allargava la comunità, senza limiti, finchè non incappavi
    in divinità, od in caste sacerdotali in guerra fra loro, ma di solito bastavano ricche dona
    zioni per metterli d’accordo.
    In tutta l’Europa, Nord Africa, Vicino Oriente, sino all’India dominava la Dea Madre, rappre
    sentante della fertilità della natura, della terra e della donna, assieme al dio paredro (che
    siede insieme) che fosse il sole od il principio inseminatore maschile, rappresentato da
    corna taurine. Si trattava di società agricole, pacifiche e matriarcali, che non significa che
    comandassero le donne, ma solo che le donne avevano la stessa libertà e dignità degli uo
    mini, al re-sacerdote si affiancava una grande sacerdotessa della Dea Madre, spesso mo
    glie dello stesso e la discendenza si contava per via femminile. Del resto, gli stessi Romani,
    patriarcali e maschilisti, proclamavano “mater semper certa est” e quindi sottintendendo
    “pater semper incertus sit”. Questo durò in Europa, Anatolia, Altopianob Iranico ed India,
    sino alle invasioni indoeuropee, popolazioni patriarcali e maschiliste, ma molto meno dei
    Semiti che invasero Vicino Oriente e Mesopotamia; in Nord Africa, la musica cambiò con
    l’affermarsi del Cristianesimo ed ovunque la donna divenne subordinata al padre od al
    marito.
    Ora ti lascio, proseguirò domani; se intanto vuoi approfondire temi di spiritualità, puoi cer
    care su Wikipedia Aldo Capitini, maestro di Pannella ed importatore in Italia della non Vio
    lenza di Gandhi.

    Replica
    1. Claudio

      Benritrovati:
      @ Caffe; una volta lessi qui su pontilex un interessante dibattito tra te e un satanista, in cui difendesti il Gesu’ se vogliamo ‘storico’, dicendo che, figlio di Dio o non figlio di Dio, ti ritrovi in (molti) dei valori cristiani e che cerchi di viverli. Hai presente Padre Maggi? Io gli ho scritto ( mi interessava il ‘concetto di verita’ di quei sozzi beduini sciamannati cari a Priapus) e mi ha spiegato che il concetto biblico di verita’ (emet) d e di riflesso di Gesu’ non e’ proposizionale come per noi ( qualcosa che puo’ essere dimostrato, provato etc) ma e’ una verita’ ‘esistenziale’, ovvero qualcosa che dimostra la sua verita’, o falsita’, ‘in pratica’; vivendo, o cercando di vivere, come ha vissuto Lui e cercando di seguirlo; piu’ lo segui (o cerchi di ) piu’ in pratica (nei tuoi rapporti con te stesso, con gli altri e con Dio) sei totalmente umano e totalmente libero (la verita’ vi fara’ liberi). Io credo in questo uomo, in quello che ha detto e nella promessa che ha fatto; e avendoci Lui lasciato una Chiesa, credo pure in quella Chiesa, che ci aveva gia’ preannunciato come piena di personaggi infidi, scandalosi e infami. e che prendo per quello che e’; gli amministratori (non i proprietari) dei sacramenti, i custodi (non gli inventori)della dottrina; il resto non e’ cattolicesimo, il resto si chiama clericalismo; e io sono piu’ anti-clericale di voi, perche’ giocoforza col clero ci interagisco sicuramente piu’ di voi e le miserie e magagne dei superreligiosi non mi sono estranee ne MAI le ho difese e-o difendero’.anzi, penso proprio di essermi (ri)convertito al cattolicesimo proprio perche’ vivo in un paese protestante, in cui gli Uccretini invece di ‘lobby omosessualiste’ e complotti massonici parlavano fino a qualche tempo fa di oscuri accordi tra Vaticano e Cremlino per la conquista del mondo. Paese che vai, fanatismi che trovi.
      @ Priapus;en passant sul fanatismo. si, le mie radici contadine (da parte di mamma’) e terronlumpenproletarie (da parte della buonanima di babbo) si fanno sentire in tutto il loro furore&fetore quando mi trovo davanti all’ideologia cieca, che sia quella degli uccretini che (stra)parlano di ‘cure dell’omosessualita’, difese a oltranza delle paritarie e ‘prove scientifiche’ delle piu’ bieche prese di posizione vaticane o che sia chi nega la storia e l’importanza del cristianesimo ( e dei cristiani) nello sviluppo di quello che chiamiamo ‘cultura occidentale; che va da cosicciuole tipo gli amanuensi grazie ai quali possiamo leggere le opere antiche (i distruttori…li mi hai fatto sbroccare)alle Universita’ agli orfanotrofi agli ospedali (per dirne tre).
      Tra l’Uccretino che mi tira fuori il paper su ‘omosessuali curati’ e ‘lobby omosessualiste che controllano l’informazione e ci nascondono la verita” e tu che rubrichi qualsiasi cosa di vagamente cristiano (che sia la dottrina o la storia o etc) come impostura&truffa, senza neanche peritarti di verificare su testi un cicinino piu’ attendibili di wikipedia, io la differenza, sorry, ma non la vedo. e bada; non me ne frega di convertirti; ma almeno di tracciare un confine tra quello che il cattolicesimo e’ e quello che esiste nella tua testa (e nelle cronache). Ps L’Inquisizione(che ovviamente non difendo, come non difendo lo Ior come non difendo tutte le merdate che gli uomini, di Chiesa e non, hanno commesso) ha fatto meno morti in 500 anni che il Terrore in una meno di due anni e le ideologie novencentesche in un paio di anni buoni. Seriamente, tolle lege, o lasciamoci cosi’ senza rancor…..

      Replica
  15. Caffe

    Sei un osso duro, Priapus, ma nel tuo ragionamento traggo spunti per ragionare a mia volta ed è questo, in fondo, quello che cerco veramente in questo blog, dato che non mi interessa convertire nessuno, tanto più che, io stesso sono un“credente” a dir poco scettico. Sorvolando sul resto del tuo ultimo commmento, vorrei mettere a fuoco il passo seguente: “come l’intelligenza e non hanno origine trascendentale, ma sono il frutto dell’evoluzione e spingono l’uomo, sin da prima che diventasse pienamente “sapiens”, alla ricerca di qualcosa di trascendentale”; correggimi se sbaglio: l’orbe terraqueo mi risultano attualmente abitato da milioni di specie animali delle quali la nostra è una delle più giovani, se assumiamo, che l’evoluzione è cosa che riguarda tutte le specie animali, per quale caspita di motivo l’intelligenza e le conseguenze relative (spiritualità, emozioni, creatività), abbia arriso solo alla nostra specie? Eppure le differenze morfologiche (pollice opponibile, capacità cranica, stazione a tratti eretta ecc.) dei nostri parenti più prossimi, le scimmie, sono minime e perfino il loro DNA differisce di un niente dal nostro; eppure, le scimmie più intelligenti che si conoscano, riescono a malapena ad imitare Giovanardi. Da quando la terra ha cominciato ad ospitare la vita, sono passati miliardi di anni, tutto il tempo cioè, per consentire all’evoluzione di sfornare specie intelligenti a iosa, rettili ed uccelli compresi, eppure non ho mai visto un “coccodrillo pride” per contestare la lobby Gucci pelletterie, i coccodrilli attuali sono esattamente come quelli di duecento milioni di anni fa, con un unico pensiero fisso: mangiare, mangiare, mangiare. L’evoluzione, insomma, per tutte le forme di vita, si è limitata a produrre individui perfettamente adattati al loro ambiente ma stupidi come un leghista; allora ti chiedo: perché mai, solo per noi, essa ha fatto (quasi sempre..) un eccezione? Priapus, non ti viene il sospetto che, in qualche modo, l’universo sia stato “sintonizzato” sulla nostra frequenza?

    Replica
  16. Priapus

    Amico Caffe, io non so se ragiono o no, forse sono un pò presuntuoso; quello che è certo
    è che non mi piace di esser preso per il naso e quando mi raccontano le favole mi metto
    a ridere; non mi rotolo per terra, nè casco dalla sedia nè mi strozzo, ma mi so divertire,
    sia alle spalle dei credini che dei contaballe. Tu stesso hai affermato che l’orbe terraqueo
    sia abitato da milioni di specie animali; come si concilia questo numero con la favola del
    diluvio? Che delle alluvioni locali siano avvenute è probabilissimo, ne parla anche l’epo
    pea di Gilgamesh, da cui chiaramente copia la Bibbia; ma mi potresti spiegare come un
    cassone grande come una piccola nave, di quelle che neanche più si costruiscono, una
    carretta del mare, praticamente, potesse salvare milioni di specie animali?
    Le misure sono spropositate per le costruzioni navali dell’età del bronzo e sicuramente
    sbalorditive per pastorelli che sicuramente non avevano mai messo piede neanche su
    una chiatta fluviale, ma neanche la più gigantesca puperpetroliera o portaconteiner
    potrebbe contenere neanche un millesimo delle specie animali da salvare.
    Senza contare che una nave di centocinquanta metri per venticinque e con almeno tre
    ponti, (e non abbiamo prove di barche pontate prima della marineria fenicia), non avreb
    be mai potuto avere aria a sufficenza con una sola finestrella e le “migliaia” di animali
    ospitati sarebbero morti di asfissia.
    Ed i “profeti” ebraici non sospettavano neppure l’esistenza dei pachidermi nè del quan
    titativo di cibo e di escrementi quotidiani ad essi collegati. Quando penso a Noè, mi il
    lumino di un sorriso divertito, perchè lo immagino sommerso da un mare di cacca di
    ippopotamo, che dicono profumatissima.
    Non fare paragoni fra le scimmie e Giovanardi, potresti attirarti le ire degli animalisti
    che, in maggioranza, sono esagitati come il nostro, con tuo grave rischio.
    Considera anche che i nostri cugini quadrumani hanno sempre continuato la loro soli
    ta esistenza, sugli alberi, a caccia di germogli e di banane, come Giovanardi non ha mai
    scordato la via della sacrestia e del confessionale, mentre l’evoluzione presuppone sem
    pre l’adattarsi ad un cambiamento che costringa il cervello ad un superlavoro che ne
    stimola la crescita. Tutti gli indizi dimostrano che il nostro antenato, primate affine agli
    scimpanzè, sia dovuto scendere dall’albero ed avventurarsi per la savana, forse per un
    cambiamento climatico, convertendosi alla posizione eretta che ne avrebbe favorito lo
    sviluppo, assieme all’adattamento al nuovo ambiente ed alla difesa dai predatori, in
    quanto non più al sicuro sugli alberi.
    Conosci la teoria del big bang? Secondo Weinberg sarebbe ricorrente ogni 14 miliardi
    di anni ed implicherebbe un creatore di una pazienza infinita, se ha avuto la premura
    di predisporre le condizioni che in un angolino sperduto dell’universo si sviluppasse
    una vita intelligente e poi ha aspettato miliardi di anni per essere adorato ed omaggia
    to di incenso e sacrifici, anche umani, secondo la storia di Abramo ed Isacco.

    Replica
    1. Claudio

      gia’, perche’ il cattolico crede all’interpretazione letterale della Bibbia e che essa si esprima non per simboli e allegorie ma dandoci una fedele cronaca degli eventi narrati, sopratutto per quel che riguarda l’antico Testamento.. Con buona pace dell’interpretazione letterale, analogica, tipologica e morale gia’ usate da San Paolo e dagli studiosi ebraici prima di lui, o del metodo storico critico che, insieme agli altri, e’ uno dei modi di leggere la Bibbia pienamente accettato dalla Chiesa, che invece rifiuta e ha sempre rifiutato il fondamentalismo letteralista:
      http://www.vatican.va/archive/hist_councils/ii_vatican_council/documents/vat-ii_const_19651118_dei-verbum_it.html
      Mi stupisce che non abbia citato Giona, che e’ stato pappato da una balena ed e’ tornato per raccontarcelo; minghia oh sti’ cattolici si bevono tutto….vado a Messa va, chissa’ che mi racconteranno oggi.

      Replica
  17. Caffe

    Caro Priapus, cònstato di averti messo una pulce nell’orecchio, ma io avevo già dichiarato che, fondamentalmente, concordo con te quasi in tutto, a parte il tuo rifiuto categorico di ammettere la sia pur piccola possibilità dell’esistenza di una qualunque Entità creatrice. Come te anche io considero i racconti biblici una raccolta di miti, tradizioni e precetti di vita, tramandati nei millenni e messi nero su bianco per andare a costituire il fondamento delle cosidette religioni “rivelate”. Mi fa un pò tenerezza vedere uomini apparantemente sani di mente, prendere per oro colato quell’immane cumulo di stronzate che è la Bibbia, riuscendo a disquisire sulle varie interpretazioni di ogni singolo versetto di un tomo, ove, per esempio, comunque la prendi, le donne sono considerate alla stregua di animaletti domestici piuttosto specializzati nell’arte di indurre l’uomo in tentazione, quindi, oltre che stupide, pure stronze. Le religioni quindi, semplificando al massimo, (Claudio non me ne vorrà, penso che capirà quello che intendo dire), concepite per assoggettare le persone sfruttandone la spiritualità innata; è lì che ti ribelli tu, e, se permetti, mi ci incazzo un tantino pure io. Nondimeno io riconosco in me una sorta di spiritualità e, contrariamente a te, io di dubbi ne ho tanti ma mi guardo bene dal chiedere ad un quasiasi prete, papa compreso, di chiarirmeli. Conosco abbastanza la scienza e gli scienziati da poter affermare che certi dubbi non li ho soltanto io: tu tiri in ballo il Big bang, ipotizzando che esso sia periodico, sottintendendo che un inizio non ci fu mai; ma questa è una sola delle molteplici ipotesi: appurato, dalle prove cosmologiche, che il big bang avvenne effetivamente, per il momento si è riusciti a risalire solo fino a poche centinaia di migliaia di anni da quell’evento (quardare nei telescopi è come viaggiare nel tempo, in quanto gli oggetti più lontani che riusciamo ad avvistare, sono anche quelli più vicini, temporalmente, al grande botto), più in là, per accordare l’osservazione alle teorie si sono fatte le più disparate congetture, come ad esempio, ipotizzare una sorta di “inflazione” per spiegare le condizioni dell’universo attuale rispetto alla singolarità iniziale che diede luogo alla sua nascita. Perfino il futuro dell’universo è dubbio, legato come è alla massa dello stesso: se essa superasse un tot, l’universo sarebbe destinato a ricontrarsi tornando alla primitiva condizione di singolarità, per poi, forse, ricominciare tutto da capo; altrimenti, continuerà ad espandersi, mentre le sue galassie, per mancanza di combustibile nucleare si spegneranno una dopo l’altra in un gigantesco, desolante piagnisteo; per spiegare il moto delle galassie all’interno dell’universo, si ipotizza l’esistenzadi una consistente quantità di “materia oscura”, inaccessibile cioè all’osservazione, che potrebbe consistere in una congerie di oggetti di cui ignoriamo la natura o spiegabile se riuscissimo ad attribuire al neutrino (una particella prodotta in immense quantità nelle reazioni termonucleari all’interno delle stelle, priva di carica e, forse, di massa, in grado di attraversare la terra da parte a parte, senza interagire, lungo la sua traiettoria, con nessun atomo), una massa diversa da zero, questo potrebbe significare che il nostro universo è “chiuso” e destinato a “rimbalzare” perpetuamente, in una serie infinita di big bang . C’è anche chi ipotizza un universo a “bolle” dove ciascuna bolla ha proprie leggi fisiche ma il trascurabile dettaglio che, per definizione, non potendo comunicare tra loro, nessuno potrà mai dimostrarlo. Per comodità di esposizione, mi limito all’universo attuale, quello che possiamo osservare: esso è immenso, popolato da miliardi di ammassi di galassie, ciacuna delle quali si allontana dalle altre, in conseguenza del big bang e dalle dimensioni e forme più disparate, ciascuna galassia può contenere da poche decine di milioni a mille miliardi di stelle, molte delle quali paragonabili al nostro caro sole: la nostra galassia, laVia Lattea, centomila anni luce di diametro,( in Km, bisogna moltiplicare trecentomila per il numero di secondi che compongono un anno), si stima che abbia circa duecento milioni di stelle: ammettendo che solo parte di esse siano simili al sole e che solo parte di quest’ultime posseggano un codazzo di pianeti e che solo parte di questi, come la terra, sia della giusta dimensione e distanza dalla sua stella, ragionevolmente possiamo ipotizzare che, su parte di questi pianeti si sia sviluppatala la vita, e, che una parte di queste forme di vita abbia raggiunto l’intelligenza e conoscenze necessarie per potersi definire una civiltà avanzata. Anche ipotizzando una serie di accidenti, l’elementare buon senso ci dice che, su un certo numero di pianeti, solo nella nostra periferica galassia, potrebbero esistere esseri senzienti che si chiedono da dove cavolo sono venuti. L’assenza, per ora, di prove certe dell’esistenza di questi nostri fratelli cosmici, date le distanze in gioco, non fa testo; ora, io, se mi venisse la malsana idea di avvicinare un prete, gli chiederei: possibile che il Padreterno si sia dato così da fare per creare in un piccolo pianeta, in un sistema periferico di una periferica galassia, un essere bipede, litigioso e moderatamente intelligente, dandogli un intero universo da contemplare, al solo scopo di ottenerne lodi ed adorazione? Il paradiso terreste è esclusiva nostra, o esistono succursali nei vari pianeti abitati? Se, come sembra, finirò all’inferno, conoscerò finalmente un peccatore extraterrestre? La stronza di Eva ha colto la mela anche dalle parti di Orione? Se è così, Dio, per ovviare ai peccati originali extratererrestri, ha dovuto continuare mandare suo figlio su migliaia di pianeti, ad immolarsi su ciascuno di essi? Se è così, dove diavolo ha trovato tutte ste vergini? E Gesù, non si sarà rotto un tantino le palle? E’ chiaro, caro Priapus, che scherzo, solo fino ad un certo punto, però; le domande che ciascuno di noi, da sempre si pone, (anche tu, ammettilo), rimangono lì sullo sfondo, domande alle quali ciascuno cerca una risposta, anche ricorrendo al trascendente: ma, contemplando l’universo, attribuire il tutto al mero caso, come fai tu, con tutto il mio rispetto, a me sembra desolante, mi atterrisce, mi rattrista; il caso a me non spiega nulla ma lascia un’immenso vuoto, sento che non è andata così, anzi, ho bisogno di pensare che non sia andata così; forse mi trovi patetico, ma è così che la pensa un sacco di gente e un motivo ci sarà…

    Replica
    1. PaoloPaolo

      Caro Caffè, il tuo intervento mi ha fatto venire in mente tutti i castelli di carte che si inventarono nel ‘500 per cercare di giustificare l’esclusione dalla buona novella di tutti quei popoli che vivevano nel continente americano…..

      Replica
    2. Claudio

      le donne ci fanno una gran bella figura nel Vangelo ; tralasciando la Vergine (che magari non ha tanto appeal per l’uomo contemporaneo)le donne sono le uniche a restare con Gesu’ fino alla fine mentre gli apostoli (loro si misogini , tanto da stupirsi& indignarsi del fatto che Gesu’ parlasse di religione con le donne, vedi l’episodio della samaritana)si danno quasi tutti come furetti; la notizia della Risurrezione e’ data alle donne etc.
      Per il resto, io non mi affiderei tanto al ‘bisogno di `Dio (che quello si si puo’ spiegare come ‘astuzia evoluzionistica’; una reazione umana a un ‘bisogno di senso’ e all’horror vacui’) ma dal fatto che partendo dall’idea che , semplificando al massimo esiste…un ordine, magari esiste anche un ordinatore/Dio.E il Dio cristiano e’ a mio avviso il piu’ ragionevole e ‘umano’ (un Dio che anzi si immola per le proprie creature; che si presenta come amico invece che come padrone etc); e il messaggio cristiano-cattolico (quello vero, non la caricatura paganeggiante e instrumentum regni che viene spacciata da molti preti spesso piu’ ignoranti del gregge che dovrebbero accudire, o quell’integralismo scorreggione dei vari BrunoVolpe e UCCR) mi sembra decisamente piu’ razionale di tante altre proposte.
      e don’t worry Caffe, non mi incazzo; o meglio mi incazzo probabilmente per motivi simili ai tuoi (ovvero il sistematico sfruttamento del senso del sacro e del bisogno di credere di molti; in cui la Chiesa purtroppo non e’ sola, vedi le mille e una setta/gruppuscoli/maghi/etc).

      Replica
      1. Priapus

        @ Caffe
        Non ti trovo affatto patetico, ma io preferisco almeno tentare di essere razionale, cioè di
        educarmi ad evolvermi sino a comprendere in me stesso la ragione e la misura di tutte le
        cose. Ciò non significa affatto dominare il mondo, come induce la dottrina giudaicocristia
        na che riduce l’uomo a servo, ma lo proclama “signore del creato”. Come può un servo,
        implicitamente senza coscienza nè dignità, per la sua natura di servo, incapace di autode
        terminarsi, perchè dipendente dall’arbitrio del padrone, dominare il “creato” senza distrug
        gerlo? Sono più coerenti altre culture, apparentemente più primitive dei monoteismi, per
        chè includono nel loro olimpo divinità protettrici della natura o, come i Siux, affermano di
        aver ricevuto il mondo in prestito dai loro figli, ai quali devono restituirlo intatto.
        Come vedi, sono proprio i monoteismi le culture più primitive, quelle che riducono l’uomo
        a pecorella belante e totalmente dipendente dal pastore che può abusarne ad libitum.
        E’ sicuramente preferibile stimolare l’evoluzione usando il cervello, le cui facoltà si svilup
        pano col ragionamento, come i muscoli si rafforzano con la ginnastica ed affidare il com
        portamento umano alla laica legge morale, come faceva Kant, non certo bigotto.
        Non ho mai detto di non avere dubbi, il dubbio induce a pensare e ricontrollare le proprie
        certezze e superarle per raggiungere certezze più razionali. La scienza moderna si fonda
        sul risultato di sperimentazioni empiriche, mentre la religione è basata su false certezze
        tratte da collezioni di favole; per esempio, non ha mai dimostrato la creazione e l’esisten
        za di un creatore e cerca sempre di ribaltare l’onere della prova, affermando che qualcu
        no ne debba provare l’inesistenza, prova chiamata dai giuristi probazio diabolica. Certa
        mente non si tratta dei grandi giuristi classici che non credevano nel diavolo, ma dei com
        pilatori giustinianei, bigotti come il loro imperatore; ma ancora esisteva il buonsenso, to
        talmente scomparso col progredire di barbarie e ed ignoranza
        Non sono certo io ad ipotizzare la ciclicità del Big Bang, ma quelli stessi che lo hanno con
        fermato come la teoria più affermata sull’origine dell’universo, ho un libro di Weinberg
        che l’illustra e, dato che non sappiamo se è in corso il primo od un ciclo successivo, use
        rei il rasoio di Occam per semplificare il discorso.
        L’orror vacui l’ho provato solo quando ho dovuto confrontarmi con le zucche vuote dei bigotti.

        Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_bye.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_good.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_negative.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_scratch.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wacko.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yahoo.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cool.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_heart.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_rose.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_smile.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_whistle3.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yes.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cry.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_mail.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_sad.gif 
https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_unsure.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wink.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/skull-400.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/trident.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/beer.gif