io sono un pezzente… e pure frocio.

Quanto scritto nel titolo e’ vero, almeno per Carlo di Pietro e per don Piero Corsi. Questi due ferventi cattolici fedeli al Magistero della Chiesa hanno espresso i loro impeccabili giudizi.

 

Andiamo per gradi

Carlo di Pietro (che si fa chiamare professore. professore de che? lo sa Di Pietro che esiste il reato di usurpazione di titolo? ci spieghi di cosa e’ professore e dove insegna) scrive in questo articolo :

Un sacerdote ha fatto quello che fanno in tanti: stampare articoli, interviste, editoriali o documenti tratti da Pontifex.Roma, ed apporli in bacheca in Chiesa. Questo innocente gesto ha dato inizio ad una sorta di “crociata dei pezzenti” messa in piedi da alcuni arroganti tuttologi dell’informazione.

ebbene si, sig. Di Pietro, io sono uno di quei “pezzenti”. Sono un pezzente che delle sue citazioni dotte (cito) :

  • Denz. 670, 2134, 3298, 3337, 3719-21; CIC 1041/4, 1398; CS 27, 51
  • Somma Th. II-II, q. 60, aa. 16; III, q. 59, a. 1
  • comm. Mc. 12,31
  • Benedetto XVI, Deus caritas est, Giovanni Paolo II, Mulieris Dignitatem, Redemptoris Mater; Giovanni XXIII, Pacem in terris; Pio XI, Casti connubii
  • Somma Th. q. 57, aa. 5-6; II-II, qq. 47-56; q. 181, a. 2;
  • Somma Th. II-II, q. 108, aa. 1-4; q. 158, a. 3; III, q. 15, a. 9; De Malo, q. 12, a. 1
  • dic. Benedetto XVI, in 40° ann. Humanae Vitae

non importa un beneamato accidente! Le sue citazioni per me non contano un fico secco. Per me le uniche leggi valide sono la Costituzione della Repubblica Italiana ed il corpus delle Leggi comprese nei Codici. PUNTO. Ebbene si, sig. Di Pietro, io sono un pezzente come i circa 60 (sessanta) milioni di italiani che continuano a credere nelle Leggi della Repubblica nonostante queste siano state insultate per decenni da quei politici “cattolici” che lei tanto sostiene. Sono un “pezzente” e ne vado fiero. Vado fiero dell’essere un Cittadino della Repubblica e come Cittadino spero che presto la Magistratura proceda nei confronti di B.V., avvocato barese del quartiere Murat, arrestato in flagranza per atti di stalking nei confronti di una ragazza di 26 anni. Questa e’ la Legge, questa e’ la Repubblica. Delle sue citazioni oscurantiste, superstiziose e medioevali me ne infischio perche’ per me e per milioni di cittadini sono solo carta straccia.

Per questo le dico, sig. Carlo di Pietro, che sono orgoglioso di essere un pezzente laico, liberale e libertario.

E sono pure frocio. Cosi’ la pensa don Piero Corsi. Se vedo una donna in abiti succinti, oppure nuda, e non mi faccio venire un raptus tale da violentarla seduta stante io sono un frocio. Questo pensa don Piero Corsi. Il fatto che una donna sia un essere umano non sfiora minimamente la mente di don Corsi. Per don Corsi una donna e’ solo un corpo, un pezzo di carne che, se mostrato troppo, autorizza gli uomini ad usarlo. Quegli uomini che hanno avuto la fortuna di evolversi dallo stato animale e che non approfittano della “provocazione” della donna sono froci. Allora si, io sono frocio ed orgoglioso di esserlo. Se considerare la donna un essere umano del tutto identico a me ed allo stesso tempo complementare, ammirarne i pregi e tollerarne i difetti, rispettarne le emozioni ed il corpo significa essere froci, allora si, sono frocio!

Grazie don Corsi per avermelo ricordato e grazie per aver sottolineato la differenza tra me ed i veri uomini che frequentano la sua chiesa.

 

Questo articolo è stato pubblicato in Non meglio categorizzati il da .

Informazioni su sandro.storri

Progettista e sviluppatore di software precario (Sandro, non il software). Tipico prodotto delle periferie della capitale (aho!, che me 'mpresti na' sigaretta?). Appassionato di cinema e letteratura, usa l'italiano come un dialetto alternativo alla sua lingua madre, il romanesco. Sostiene la battaglia per i diritti civili anche se riconosce che spesso tratta la questione con degli incivili. Ha un pessimo senso dello humor e si vede, anche in questa breve biografia.

11 pensieri su “io sono un pezzente… e pure frocio.

  1. AlbertoBAlbertoB

    Ricordiamolo eh che questi “veri uomini” sono persone che le donne le conoscono bene , sono tutti padri di famiglia… come no , Volpe separato con questo matrimonio molto strano alle spalle più tutte le altre cose che sappiamo , Di Pietro meglio lasciar perdere , basta guardare in che stato si ritrova e non c’è niente da aggiungere , l’altro è un prete… tutti a parlare di rapporti tra uomini e donne , tutti a parlare di cose che non sanno che non potranno mai capire , destinati a vivere e a concludere la loro esistenza soli come cani. Contenti loro , contenti tutti.

    Rispondi
  2. faunita

    Allora ne deduco che il mio adorato babbo, nonché il mio fidanzato, mio suocero, mio cognato, il mio zio ed il mio cugino acquisiti, i miei mille amici e colleghi…. siano tutti “pezzenti” e “froci”…. Non sfiorerebbero una donna nemmeno con un fiore e non scambiano per “nudità ed incitamento a stupro e omicidio” la mancanza di burqa….

    Rispondi
  3. faunita

    Credo che i tre boia del Circeo, le cui madri dichiararono che la Lopez e la Colasanti, l’una barista e l’altra commessa “meritavano” quel che era loro capitato perché non erano all’altezza dei tre pargoli, non avrebbero saputo dire di più o di meglio [ovvero peggio] rispetto a certe frasi in libertà di questi giorni, con cui decisamente abbiamo ricevuto ottimi auguri natalizi.
    Hmm che ne dite, propongo a tutti i “miei” uomini (fidanzato, padre, suocero, parenti vari) una terapia riparativa che li renda veri uomini capaci di stuprare e uccidere ogni donna immodesta?

    Rispondi
  4. Alcofibras

    finalmente la Chiesa per bocca del cardinal Bagnasco ha preso ufficialmente posizione sulle castronerie di stalking foxy definendo il suo fogliaccio sul femminicidio “cosa grave e triste”

    manca solo lo sputtanamento ufficiale di pontifeSS da parte di Avvenire (che mi pare atto dovuto ora che – secondo quanto si legge su questo sito – i pontifessi hanno manipolato un’intervista a un vescovo novantenne abusando dell sua sordità )

    Rispondi
      1. Alcofibras

        e infatti mi sembra che stalking foxy minacci di querelare pure lui! il sito cattolico non secolarizzato che minaccia un vescovo!!!

        è in piena estasi mediatica ora che lo leggono – dice lui – 30 mila lettori al giorno (sì, forse per farsi due risate o come emetico o per quella fascinazione dell’orrido che ci porta talvolta ad essere attirati dalle brutture).

        ma non si può chiedere al tribunale di Bari copia dell’atto di convalida dell’arresto?

        Rispondi
          1. Alcofibras

            un’ultima osservazione: dubito che la querela annunciata contro mauro e Repubblica la farà sul serio: in tal caso si esporrebbe alla “exceptio veritatis” e il giornale di Scalfari avrebbe tutto il diritto di pubblicare i documenti relativi all’arresto del famoso BV, stalker barese 49enne…

          2. Ovviamentesgambettantesutacchi

            Non lo so, non ce li vedo ad applicarsi su un moscerino. Sono troppo presi dalle elezioni, purtroppo. Però s’è aperta una strada, abbiamo un precedente di sensibilizzazione e se stavolta finisse accantonata dalle elezioni, ripongo fiducia nelle prossime esternazioni deplorevoli.

Rispondi