Di notte le zone scure?

Pullulano di donne vestite in modo provocante!

Quantomeno è ciò che si legge in alcuni siti a carattere pornografico e che si può vedere in molti film hard , sostiene l’esperto .

7 pensieri su “Di notte le zone scure?

  1. Remo

    “…è prudente andare girando di notte in zone scure, con vestiti provocanti? Certamente no, queste condizioni stuzzicano le menti dei perversi e dei violenti”.
    Il Tricoprivo di via Bono mi ricorda che girare di notte nelle “zone scure” del quartiere Mutar, soprattutto, stuzzica la mente “perversa” e “malata” del noto stalker B.V.: vicino, collega e coscritto del finanziatore e animatore di siti non secolarizzati Bruno Volpe.

    Rispondi
  2. faunita

    Se penso che di notte io spesso – essendo insonne – mi affaccio al balcone che da’ sulla pubblica via, indossando pigiami osceni (maxi tute oversize, magliette con disegni di pecorelle o auto-ambulanze, leggings viola-fegato, ciabattone tipo Croc’s) fumando…. Dio mio sono una peccatrice, un insulto alla pubblica morale…

    Comunque, questo giocare con il fatto che i Femminicidi avvengono per strada -l’ex che dopo averti pedinata, aggredita, molestata in mille modi, ti raggiunge, ti pugnala, ti spara, ti massacra – è nauseante.
    Proporrei a Volpe di scrivere ai genitori di Veronica Abbate, studentessa 19enne di medicina, “giustiziata” nel centro di Mondragone alle 21 di sera dall’ex fidanzato che non sopportava che la ragazza si fosse rifatta una vita e avesse addirittura un nuovo amore… Certamente i signori Abbate potranno dire a Volpe assai meglio di me cosa hanno provato – loro e tutta la loro comunità – appendendo la notizia….

    Rispondi
    1. notimenowhere

      Faunita

      Se dici dove posso ammirare una tale bellezza in abiti così succinti e provocanti affacciata a guisa di Giulietta quando devo farmi calare il testosterone mi faccio un giro. 😀

      Stendiamo un velo pietoso sulle affermazioni del pontifesso.
      Un bel sudario. 😀

      Rispondi
  3. Priapus

    Caro Albertone, noi ometti non repellenti, le donne le coccoliamo, se ci stanno o
    le lasciamo in pace se mostrano di non gradire, anche se talvolta ci restiamo
    proprio male.
    Solo un pelatone infoiato non arriva a capire che l’attrazione deve esser corrisposta.

    Rispondi
  4. faunita

    Temo che certi soggetti credano che la donna sia un essere passivo, privo di sentimenti e volontà che non siano quelli imposti dal suo “padrone”, incapace di volere e decidere e guai se sgarra… Probabilmente non conosce la felicità di un rapporto di mutuo rispetto e affetto e vede in noi fanciulle delle vagine ambulanti (scusate la crudezza) che tentano con la loro semplice esistenza…. Mi spiace sinceramente per chi ha una visione tanto riduttiva…. Mi sa che l’amore non l’ha mai conosciuto!

    Rispondi

Rispondi a faunita Annulla risposta