Da PontifeSSi a Olgettine

“Odiare i mascalzoni è un nobile sentimento perché in questo modo, a ben vedere, si rende onore ai cittadini onesti”

da “I Cavalieri”, Aristofane, (vv. 1274 – 1279)

 Buongiorno a tutti.

Dopo essersi esibiti nell’evergreen “Quando c’era Lui i treni arrivavano in orario”, anche oggi (14 dicembre 2012 NDA) i PontifeSSi ci tengono a farci sapere quale è la loro visione della situazione politica italiana, ed in particolare delle vicende politiche di Berlusconi, con un paio di articoli.

Il primo è a firma del Nano Tanfolo, al secolo Gianni Toffali, che si esibisce in un’apologia dell’altro Nano, quello di Arcore, con il pezzo dal titolo:

L’INVIDIA PER BERLUSCONI

“All’indomani dell’aggressione subita in piazza Duomo a Milano, l’entourage di Silvio Berlusconi  pubblicò il libro “L’amore vince sempre sull’invidia e sull’odio”: sintesi dei messaggi di sostegno pervenuti  dai suoi elettori. Nella prefazione Berlusconi scrisse: “nei giorni della mia convalescenza, mi sono ancora più persuaso che davvero l’amore vince su tutto, non solo sull’odio che rende violente contro l’avversario politico le menti più fragili”. Parole che evidenziano l’animo ottimista e affettuoso del personaggio.”

Più che altro direi che evidenziano la paraculaggine del soggetto in questione e dei suoi accoliti nello strumentalizzare un fatto personale, per quanto grave, al solo fine di contrabbandare ai propri elettori una visione manichea della contrapposizione politica dove “chi non è con noi è contro di noi”.

“Ebbene, se il più amato-odiato dagli italiani si fosse dato meno al bel mondo e più alla ricerca dell’essere, avrebbe scoperto che i sentimenti dell’odio e dell’invidia albergano nella quasi totalità degli esseri umani.”

Ma che parli per sé invece di tirare invece di tirare in ballo chissà quante migliaia di persone che non conosce nemmeno! Per quel che mi riguarda non invidio proprio nessuno, meno che mai il signor Silvio Berlusconi. Invece, per quanto riguarda l’odio, credo che la citazione in incipit sia esaustiva del mio pensiero.

“I detrattori di Silvio, vale a dire coloro che lo ritengono la causa prima delle catastrofi finanziarie e atmosferiche del pianeta terra (WTF??? spero per Toffali che sia un tentativo scadente di fare dell’ironia, perchè se lo pensa davvero è da ricoverare di corsa alla neuro), non hanno iniziato ad odiarlo per le sue idee politiche, bensì muovendo da banali premesse del tipo: perché lui è stato il più votato dagli italiani ed io no?; perché lui è un imprenditore di successo ed io no?; perché lui è diventato il presidente del consiglio ed io no?; perché lui è molto amato della donne ed io no?; in parole semplici: perché lui si e io no?

Interrogativi che nei mediocri si traducono inesorabilmente in invidia ed odio.”

Molto bello per essere un trip mentale. Neanche Sandro Bondi o Minzolini avrebbero saputo fare di meglio. Tornando sul pianeta Terra, pare che Toffali, proprio come Brunello, abbia una ben strana concezione di come funzioni la democrazia visto che i “detrattori di Silvio” non gli rimproverano certo il successo imprenditoriale o politico in sè ma il modo in cui li ha ottenuti e conservati. Evidentemente le parole “società off shore”, “All Iberian”, “conflitto di interessi”, “Lodo Mondadori”, “corruzione in atti giudiziari”, “voto di scambio” eccetera al Nano Tanfolo non dicono nulla. Ma alla magistratura ed ai “detrattori di Silvio” di sì…

“Le scienze umane spiegano che l’invidia, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, non nasce da afflati di uguaglianza e  giustizia verso gli ultimi e gli indigenti,”

Mi piacerebbe proprio sapere quali sarebbero queste “scienze umane” che si esprimono per mezzo di termini tanto “pressapochisti”.

“ma da quell’inconfessato desiderio di depredare il prossimo (vedi comunismo) che Nietzsche definiva prosaicamente Umano, troppo umano.”

Ma sì, ricorriamo pure alla solita retorica anticomunista trita e ritrita (“ma mai smentita quindi vera!” secondo gli standar logici PontifeSSi). E tralasciamo pure di sottolineare l’ironia data dal fatto che un PontifeSSo, da sempre impegnato assieme ai suoi compari a  lanciare strali contro i “danni del relativismo”, citi uno dei padri del nichilismo filosofico moderno per sostenere le proprie idee.

“L’invidia, precisa inoltre la morale cattolica, è un vizio capitale che non dipende da cause esterne, ma dalla malvagità del cuore dell’uomo e laddove l’uomo pone il suo tesoro.

Gesù lo disse ai suoi discepoli: “Dal cuore provengono propositi malvagi, omicidi, adulteri, impurità, furti, false testimonianze, calunnie.” (Mt15,19).

La teologia evidenzia che chi pone al centro di tutto il proprio “io” è spinto alla tristezza per il bene degli altri. San Tommaso, qualificò l’invidia come “la tristezza dei beni altrui” (II-II, q.36, a.1) e rilevò che mentre è logico che la tristezza sorga per il male proprio, con l’invidia accade il contrario: il bene altrui è creduto un male proprio perché si pensa possa sminuire “la propria gloria o la propria eccellenza”.

Berlusconi stia dunque sereno: l’odio e l’invidia che gli piovono addosso, sono umani, troppo umani.”

Alla luce di queste considerazioni sorge spontaneo il seguente sillogismo:

Premessa maggiore: La teologia dice che tutti gli esseri umani sono malvagi.

Premessa minore: Anche i PontifeSSi sono esseri umani (od almeno vanno considerati tali fino a che la biologia non fornirà evidenze in senso contrario).

Conclusione: Anche i pontifeSSi sono malvagi.

Quindi il Nano Tanfolo prima di salire in cattedra e fare generalizzazioni indebite dovrebbe ricordarsi delle parole di un certo nazareno (le cui parole in teoria dovrebbe essere ben conosciute dalle parti del sitarello non secolarizzato) che in invitava a curarsi della trave nel proprio occhio prima di pontificare sulla pagliuzza nell’occhio altrui…

Lasciamo Toffali al bel mondo da favola in cui si è rifugiato per occuparci dello scritto di Brunello dal titolo:

LA GERMANIA CONTINUA AD INVADERCI. CI LASCINO IN PACE!

Come probabilmente avrete già capito da soli, rispetto al pezzo precedente, è cambiato il musicista ma la musica è rimasta la stessa. E se il titolo vi ha fatto sobbalzare dalla sedia, da incorniciare sono queste parole di Brunello che riporto sotto (vi risparmio il solito attacco ad minchiam a Mario Monti e alla Merkel). Evidentemente anche Foxy, come Toffali, negli ultimi venti anni deve aver vissuto in una dimensione parallela o, forse, nel Mato Grosso:

“Almeno Berlusconi oggi, forse (lo speriamo), [Nuovo record mondiale di cambio di idea: Tre volte nel giro di 6 parole] è contro chi ha portato in rovina il Paese, ridotto l’Italia alla fame, tassato tutto il tassabile, favorito classi ricche, banche e assicurazioni a danno di pensionati e lavoratori a reddito fisso, sempre trattati bene dal Cavaliere.”

Eh già. Trattati talmente bene che negli ultimi due decenni Berlusconi ha:

– emanato come unico provvedimento a favore di pensionati la social card. Praticamente un’elemosina mascherata;

– fatto di tutto per cancellare l’art. 18 dello Statuto dei lavoratori, quasi facendone un punto d’onore della propria azione politica;

– tradotto in legge il Libro Bianco di Biagi, precarizzando la situazione econonomica di vecchi e nuovi lavoratori e favorendo così un inutile scontro generazionale;

– depenalizzato il falso in bilancio, facendo schizzare verso l’alto l’evasione fiscale e causando di conseguenza una riduzione delle entrate fiscali da destinare al Welfare ed ai servizi pubblici;

– è rimasto tranquillamente ha guardare alla finestra mentre molte aziende delocalizzavano la produzione all’estero.

E per fortuna che dalle parti di PontifeSS non si fanno discussioni “da bar”…

Che in passato i PontifeSSi avessero manifestato aperte simpatie berlusconiane non è certo una novità, ma di fronte a tanta propaganda di bassa lega viene da chiedersi: Da quando la redazione di Pontifex.roma si è trasferita dal quartiere Murat di Bari a Via dell’Olgettina?

Fonti della propaganda pontifeSSa:

http://www.pontifex.roma.it/index.php/opinioni/laici/13491-linvidia-per-berlusconi

http://www.pontifex.roma.it/index.php/editoriale/il-fatto/13495-la-germania-continua-ad-invaderci-in-tutti-i-sensi-ci-lascino-in-pace

20 pensieri su “Da PontifeSSi a Olgettine

  1. FSMosconi

    Non mi stupisco, men che meno del triplo cambio carpiato d’idea.
    Ricordiamoci che questi son coloro che ritengono che possa esistere una pura astrazione senza oggetto concreto (il “Corpo Mistico”[WTF?!] non c’entra nulla con gli intrallazzi degli umani in carne ed ossa. Ergo Dio non sa chi chiamerebbe alle armi… alla faccia de la mano destra non sappia cosa fa la sinistra!) o che ritiene che il mandante sia “ligio” dalle azioni del mandante (la storiella dell’Inquisizione) ed ancora peggio, giustificato dalla “salvezza delle anime” (poi parlano tanto contro i Fanatici Islamici) o dalle “stragi contro i pellegrini” (e io che pensavo che gli Islamici medievali avessero un certo rispetto per le altre Religioni del Libro, almeno dal punto di vista dei governanti) o che tutti i mali vengano dal Mondo e non sa loro (poi dicono tanto delle [altre] sette…).
    Dopo che uno è caduto così in basso è irrealistico pensare possa fare altro, no?

    Rispondi
  2. AlbertoBAlbertoB

    Questa dell’ invidia è semplicemente fenomenale e non smette mai di farmi divertire.
    Ed è un’accusa molto usata.

    Dato che io sono un “grande appassionato” di calcio , tempo fa scrissi in un forum : “Come fate a seguire il calcio? Ventidue imbecilli semianalfabeti in mutande che corrono dietro a una palla , milionari che se non avessero il pallone non potrebbero fare altro che raccogliere pomodori insieme ai clandestini mentre voialtri fate fatica ad arrivare alla fine del mese e a mandare a scuola i figli”.
    Mi è stato risposto “Tu sei solo invidioso delle gioie che a noi dà il calcio”.

    Qui c’è tutto l’abisso di ignoranza e di difficoltà di comprensione , per cui quando una persona muove una critica riguardo un argomento che è diventato “fede” , e per questo totalmente irrazionale , diventa automaticamente invidiosa.

    A parte il discorso “proiezione” , per cui i primi invidiosi dei personaggi del calibro di Berlusconi o dei calciatori sono proprio i loro sostenitori : perchè nei loro idoli vedono ciò che vorrebbero essere , li amano per questo.

    Io in Berlusconi vedo un vecchio maiale e delinquente , non un uomo di successo.
    Nei calciatori vedo dei ragazzotti semianalfabeti , non degli esempi da imitare.
    Come potrei invidiare questa gente , nel momento in cui , per me , rappresentano dei modelli negativi?

    Questo andrebbe spiegato alle persone di bassissima levatura culturale , come Toffali e Volpe o come i tifosi della curva.

    Rispondi
  3. faunita

    Ho letto qualche pezzo di Toffali… Pensavo fossero brani violentemente satirici…. Invece mi dite che è tutto vero…. Oh mio Dio….

    Rispondi
  4. Priapus

    Ridicolo, come si può invidiare un vecchio bavoso che “l’amore” non l’ha mai conosciuto e per tutta la vita ha comprato “prestazioni sessuali”?
    Anche i soldi, quasi tutti sarebbero capaci di farli, coi suoi sisteni mafiosi; peccato
    che la procura di Milano non abbia mai indagato sulla Banca Rasini e sulle coperture
    che gli hanno permesso di compiere impunemente grossi abusi edilizi agli inizi della
    sua losca carriera. Porse avevano paura di incappare nello IOR ed in CL.

    Rispondi
  5. faunita

    Peraltro, quando avvengono accostamenti tra Silvio Berlusconi “utilizzatore finale” alias “c… Flaccido” alias “è pure brutto deve pensare solo a sganciare” ed ex datore di lavoro di Mangano, e Jeshua bar Josaphat in arte Gesù, sospetto sempre che l’autore del paragone abbia confuso il detto Jeshua bar Josaphat (ragazzo davvero in gamba) coi suoi vicini di croce…

    Rispondi
    1. Faunita

      Io la sono, il mio fidanzato pure e così le nostre numerose famiglie…. Nessuno di noi ha mai tirato un sasso a un tetto o rubato nemmeno una bicicletta o copiato ad un esame… Il che porterà Toffali a dire che siamo “ingenui” e che col mio lavoro di libera professionista (conquistato con anni di studio e sacrifici) ” rubo” il posto ad un uomo e magari sono pure invidiosa di zoccole come quelle analfabete del bungabunga….

      Rispondi
  6. paopao

    Premessa minore: Anche i PontifeSSi sono esseri umani…
    e qui ti sbagli CompagnoZ, ah, come ti sbagli..eSSi non sono umani….
    (ne riparleremo)
    ma, per l articolo ti meriti proprio un monumento!Dove devo firmare?? 🙂

    Rispondi
    1. Compagno ZCompagno Z Autore articolo

      Infatti ho aggiunto “od almeno vanno considerati tali fino a che la biologia non fornirà evidenze in senso contrario” O Maieutica!
      Per il monumento (grazie troppo buona) riceverai apposito modulo per posta. Anche solo una piccola statuina in arte sovietica sarebbe estremamente gradita! XD

      Rispondi
  7. paopao

    non ho capito una cosa… i pontimostri sono fuoco e fiammi contro la massoneria..ma contro la P2 non hanno nulla! Tutti galantuomini..wow!

    Rispondi
    1. Compagno ZCompagno Z Autore articolo

      Se poi volessimo spaccare il capello in quattro bisognerebbe anche far presente ad eSSi che Berlusconi è anche divorziato (“1 volta e mezza”, il divorzio con la Lario è ancora in itinere)…

      Rispondi
      1. paopao

        Non volevo esagerare con le brutte notizie, lo sai che sono animucce sensibili! Eppoi, tutti conosciamo le loro controreazioni massicce:all´improvviso vengono minacciati di notte al citofono, telefono, via radio,…sequestrati da aeroportuali mascherati, chiusi in uno scantinato e tenuti a pane e acqua o, peggio, trovano pezzi di animali e frattaglie crude sul pianerottolo condominiale o sulla cassetta delle lettere e quaantitá indescrivibili di suppost..ehm “proiettili calibro12”..insomma..volevo risparmiarci altri
        articoli sulle fantaminacce …

        Rispondi

Rispondi