Un giovane illuminato e timorato di Dio

Vi ruberò solo un paio di minuti. Oggi mi è capitato di leggere una cosa della serie “Non so se ridere o piangere” su Facebook. Un tipico esempio di una persona che si è creata il proprio mini-Dio personale nella sua testa. Una specie di pontifeSSiano ad honorem. Leggete e “deliziatevi”.

Questo articolo è stato pubblicato in Non meglio categorizzati il da .
Alessandro M.

Informazioni su Alessandro M.

Webmaster ("Te ddiverti a ffà ticchete e tacchete ar computer e vuoi pure essere pagato?"), giornalista ("Te diverti a scrive articoli e vuoi pure essere pagato?") e traduttore ("Ahò, e l'inglese lo sanno tutti, quanto te dovrei pagà?").. Di profonda ed indomabile fede juventina, ascolto musica che non conosce nessuno per darmi un tono e sembrare intrigante ed affascinante agli occhi del genere femminile. Con scarsi risultati, finora. Persino con la mia fidanzata. Parlo 4 lingue, a volte contemporaneamente. Dopo aver inutilmente lottato con la pancetta andando in palestra ogni due mesi per 20, a volte addirittura 25 minuti, ho deciso di puntare sulla simpatia. Sono una persona testarda e determinata, e porto a termine tutto quello che iniz

18 pensieri su “Un giovane illuminato e timorato di Dio

  1. Faggot79

    Da notare che si è scusato perchè è disabile e non per averle dato maleducatamente della cicciona.
    Compassione sempre, rispetto mai.

    Rispondi
  2. dexy

    Io domando agli esperti di legge del blog: ma in questi casi una querela da parte dell’offesa non sarebbe giustificabile? O sono inutili perdite di tempo?

    Rispondi
    1. Betta

      Accidenti!, leggo solo ora e mi auguro di cuore che una querela plani dalle parti di questo zero umano. Incommentabili i suoi deliri, commentabilissimi invece (possibilmente con la collaborazione di un avvocato) gli insulti ad un altro essere umano. .

      Rispondi
  3. Gian Maria

    Ah, beh, quando ho visto lo screen nella mia home ho pensato subito a qualcosa di brutto. Sapevo della condizione di Stefania e avevo letto suoi commenti in giro. A leggere le parole di quell’idiota mi sono sentito uno schifo.

    Rispondi
  4. Caffe

    Nessuno ha rimarcato il puro stile pontifeSSo di questo mentecatto, che attribuisce l’handicap di Stefania ad una specie di maledizione divina in conseguenza della presunta possessione diabolica di quella che io considero una sorella. Avendo anche io dei problemi fisici, sento, se possibile, ancor di più l’indignazione per questi episodi, gli idioti che avendo il dono della salute disprezzano quelli che non ce l’hanno come se fosse colpa loro, e non esitano con l’ottusità degna del fascista tipo, a sbeffeggiare questi nostri sfortunati fratelli, mi fanno vacillare nel mio credo non violento fino ad essere tentato di ricorrere al mio fido bastone che mi aiuta nella deambulazione, per percuotere, fino alla rottura, quelle inutili zucche vuote.

    Rispondi
      1. StevenY2J

        caro Caffé, é – purtroppo – quello che succede quando alcune persone (da Bruno Volpe a Stanzione a Babini allo scienziato dello screen shot di sopra…) si ergono a sparare giudizi contro persone che non hanno mai conosciuto. Dall’alto di un trono su cui, francamente, non so chi li abbia messi.

        Ricordo ancora quando il buon signor Babini insultava la Hack – che voleva solo far valere un proprio, legittimo diritto – dandole della “demente” solo in ragione della sua età anagrafica.

        Ti racconto questo episodio. Una mia amica, una volta, mi disse “Ste, tu ti sottovaluti troppo”. Allora ci ho ragionato un po’ su e mi sono reso conto di quanto sia giusto sottovalutarmi (e sottovalutarsi). Non prendersi troppo sul serio e non considerarsi delle divinità in terra ti aiuta a comprendere meglio tutti gli altri tuoi simili. Anche perché non esistono persone “perfette”, ognuno di noi ha dei punti deboli e dei punti di forza, che possono essere fisici, intelltettuali, psicologici…

        E’ un peccato che alcune persone abbiano degli evidenti handicap per quanto riguarda il rispetto e l’educazione. Per questi gravi difetti, purtroppo, non ci sono protesi o stampelle che tengano…

        Rispondi
        1. Questione di cervello

          Sottoscrivo e condivido i commenti precedenti. Su dentrosalerno.it Don Stanzione, in uno dei suoi articoli, svillaneggiava i diabetici:
          http://www.dentrosalerno.it/web/2009/06/30/spiritualita-fantozzi-e-la-hack-il-miscredente-e-l%E2%80%99atea/
          leggete la decima riga, se volete.
          Avendo avuto e avendo purtroppo seri problemi di salute in famiglia, non esito a definire sciacallaggio morale il comportamento di certe persone che sfruttano la disperazione ed il dolore altrui per cercare di rafforzare il loro potere. Non tutti conoscono la psicodinamica del pensiero magico e superstizioso, alla base di tutto ciò; anche chi la conosce nel momento di debolezza diventa facile preda. Ho a lungo cercato di combattere questo meccanismo, poi ho dovuto cedere le armi, ma mai e poi mai troverò in qualche modo giustificabile la teodicea che questi pseudocristiani vanno diffondendo. Il male che causano è tanto.
          Grazie per l’ospitalità.

          Rispondi
          1. paopao

            Questione di cervello: ..Strazy é un essere deplorevole e non perde mai l´occasione per dimostrarlo.

          2. Questione di cervello

            Si hai ragione…
            io non lo conosco di persona ma in modo indiretto. Lavorando in uno specifico ambito delle scienze psico-sociali posso solo che definirlo pericoloso per chi è fragile. Sui siti che pubblicano i suoi articoli dovrebbe comparire un disclaimer che avverte del rischio di lettura per i bambini e i più fragili. Mi permetto un esempio: avete idea di cosa può suscitare un articolo in cui si parla di visioni sull’inferno per chi ha appena perso una persona cara? Ecco un piccolo spunto di riflessione col quale ancora vi ringrazio per l’ospitalità.

          3. Questione di cervello

            Volentieri, in giornata ti scrivo, grazie. A proposito del concetto relativo agli effetti di certa comunicazione, segnalo quest’articolo di oggi su pontifex:
            http://www.pontifex.roma.it/index.php/opinioni/consacrati/11560-i-morti-resuscitati-da-san-domenico-di-guzman-fondatore-dellordine-dei-predicatori-domenicani
            articolo riciclato da dentrosalerno dello scorso 3 maggio. Fate conto che ci finisca sopra un ragazzo che ha appena perso il padre, a titolo d’esempio: è o no possibile che resti come minimo turbato? Io credo di si e credo che non sia giusto, è una responsabilità molto grande pubblicare certi contenuti in modo tanto superficiale. Grazie, come sempre…

Rispondi