Bastardi senza gloria

Che il livello giornalistico degli articoli di Volpastren non raggiunga vette montanelliane è risaputo, ma a volte il nostro Brunello non si regola proprio: è il caso degli articoli a tema calcistico, nei quali riesce a dare il meglio (o il peggio, a seconda dei punti di vista) della propria competenza (A) calcistica e (B) linguistica. Più o meno ciò che ti aspetteresti di trovare su Facebook, a firma di un qualche fanciullopene infoiato dagli ormoni e dalla fede calcistica, e non da un avvocato 50enne di Bari residente nel quartiere Murat con iniziali BV, proprio come l’avvocato 50enne di Bari residente nel quartiere Murat con iniziali BV, arrestato per stalking in flagranza di reato.

Nell’odierno articolo pallonaro, BV prova a scatenare una guerra di civiltà perché un telecronista della TV di stato tedesca ha fatto un commento infelice, ma travisato, su Cassano e Balotelli.

CI CHIAMANO BASTARDI. PENSINO ALLE STRAGI E ALLE DEPORTAZIONI

Partiamo dalla cosa più ovvia. L’autore dell’articolo, a quanto ne sappiamo, si chiama Volpe Bruno, non Cassano Antonio o Balotelli Mario: cosa dovrebbe giustificare quel “CI chiamano”? Qualcuno ti ha forse definito “bastardo”, Brunellino?

Occorre precisare una cosa: l’espressione utilizzata dal giornalista Reinhold Beckmann è straßenköter, che non significa “Cani bastardi” ma “Cani randagi”. Una definizione curiosa, riferita a due calciatori, am che Beckmann illustra meglio subito dopo, dicendo:

Fanno tutto come si fa sulla strada. Non sanno neppure loro quello che stanno facendo, ma lo fanno grandiosamente

Insomma, pur se con una metafora piuttosto infelice, segno di un coefficiente di rosicata pericolosamente alto, intendeva che Cassano e Balotelli stavano girando liberamente per la difesa tedesca facendo il cavolo che gli pareva. Come farebbero due cani randagi in strada. È una tipica espressione idiomatica, come lo è anche quella di Pflegefälle, che la stampa italiana, marciandoci sopra alla grande, ha tradotto con “Bisognosi d’assistenza”, come se si stesse parlando di due mentecatti con necessità di cure psichiatriche, quando invece significa semplicemente, usata in ambito calcistico, “Bisognosi di marcatura”. In definitiva: questi due stanno facendo il cavolo che gli pare, vediamo di marcarli.

Tutto qui: UN commento infelice di UN commentatore tedesco. Dovessi fare un conto dei commenti che ho visto in giro in questi giorni sui wurstel che i tedeschi potevano infilarsi dove non batte il Sole mi servirebbe un computer della Nasa. Per non dire dei giornali con titoloni tipo “VaffanMerkel”.

Ma Brunello vuole scatenare una guerra di civiltà per questa frase, che definisce “Una pagina di giornalismo a dir poco imbarazzante e penosa” (ma da che pulpito, signori…).

E per questo chiede

una precisazione dai responsabili della Tv tedesca

Precisazione che, cosa che Brunello evidentemente non sa, è arrivata a partita ancora in corso, quando Scholl, ex centrocampista del Bayern e spalla di Beckmann, si è scusato per la scelta dei termini dicendo che “A volte capita di auto-dribblarsi”.

e forse dalla stessa Merkel

E, perché no, anche dal Papa, che in fondo è tedesco. O potremmo chiedere un parere ad Obama, o all’Imperatore del Giappone.

L’articolo prosegue con Brunellino che prova ad includere in quel (secondo lui) “Bastardi” tutti gli italiani:

Se proprio volete, cari amici tedeschi, siamo tutti dei bastardi (randagi). Ma dai bastardi avete beccato, ieri, oggi e forse anche domani.

Capito, tedeschi? Noi non siamo bastardi (e loro potrebbero ribattere “E ki kakkien fi ha mai kiamaten bastarden?”) e vi abbiamo pure battuto, gne gne gne!!!

Ma, come il miglior Rossini, Volpastren riserva un crescendo imperioso alla fine del suo…. ehm… “””””””””””””””articolo””””””””””””””””. Regalandoci quanto segue:

Del resto, gli italiani avrebbero gioco facile nel ribattere: bastardi noi?

Ma guardatevi allo specchio, riflettete sulla vostra storia; pensate alle tante vittime e alle deportazioni effettuate, in cui sono morte, oltre agli altri perseguitati,  persino decine di migliaia di cattolici, preti e suore. Quella è roba da bastardi seri; fate ammenda.

Allora, Brunellino, vediamo di capirci.

1) Nessuno ha mai dato a TE del bastardo

2) Nessuno ha mai dato agli italiani dei bastardi

3) Nessuno ha mai dato NEPPURE A BALOTELLI ED A CASSANO dei bastardi

E allora che vuoi? Che in Germania trovino commentatori tecnici migliori? In Italia fino a poco tempo fa avevamo Bagni, ed adesso c’è Dossena, vedi un po’ tu.

Ma soprattutto, prego notare la sempre mitica coerenza pontifeSSiana.

Nello stesso articolo Brunello riesce ad infilare le frasi:

E’ assurdo che lo sport possa degenerare in queste definizioni e offese tanto brutali

e

riflettete sulla vostra storia; pensate alle tante vittime e alle deportazioni effettuate, in cui sono morte, oltre agli altri perseguitati,  persino decine di migliaia di cattolici, preti e suore. Quella è roba da bastardi seri; fate ammenda

Come dire: lo sport è sport e deve restare sport, anche nei commenti. Avete capito brutti sporchi nazisti deportatori?

Fonti pontifeSSe: http://www.pontifex.roma.it/index.php/editoriale/sport/12183-ci-chiamano-bastardi-pensino-alle-stragi-e-alle-deportazioni#addcomment

Questo articolo è stato pubblicato in Non meglio categorizzati il da .
Alessandro M.

Informazioni su Alessandro M.

Webmaster ("Te ddiverti a ffà ticchete e tacchete ar computer e vuoi pure essere pagato?"), giornalista ("Te diverti a scrive articoli e vuoi pure essere pagato?") e traduttore ("Ahò, e l'inglese lo sanno tutti, quanto te dovrei pagà?").. Di profonda ed indomabile fede juventina, ascolto musica che non conosce nessuno per darmi un tono e sembrare intrigante ed affascinante agli occhi del genere femminile. Con scarsi risultati, finora. Persino con la mia fidanzata. Parlo 4 lingue, a volte contemporaneamente. Dopo aver inutilmente lottato con la pancetta andando in palestra ogni due mesi per 20, a volte addirittura 25 minuti, ho deciso di puntare sulla simpatia. Sono una persona testarda e determinata, e porto a termine tutto quello che iniz

49 pensieri su “Bastardi senza gloria

  1. paopao

    Confermo che il telecronista é stato per tutto il tempo della partita molto fair ed obiettivo, infine, seppur a malincuor,e ha riconosciuto che gli azzurri hanno fatto una partitona ed hanno meritato di vincere.
    È esatto che l´espressione Straßenköter l´ha usata in senso di ammirazione. Volpastren, lascia perdere, non conosci il tedesco.. (vabbeh, manco lo spagnolo… e sull´italiano si puó discutere)

    il tuo articolo é assolutamente superfluo la tua rabbia infondata. Dai , pensa un pochetto alla tua salute e quella bile che rischia l´esplosione ogni 3×2
    fatti na camomilla.. relax.. e STAI LONTANO DALLA TASTIERA, conta fino a 20 prima di tippare!

    Rispondi
    1. Alessandro M.Alessandro M. Autore articolo

      Ovviamente concordo: tanto per fare un esempio, quante volte i nostri giornalisti definiscono “rognosa” una squadra ostica da affrontare?

      In teoria, se questo fosse stato detto della Germania, “Bild” sarebbe potuta uscire con un titolone del tipo “Giornale italiano scrive che i tedeschi hanno la rogna!”.

      Rispondi
      1. paopao

        EccoAlessandro, il livello giornalistico di Volpastren é quello di “BILD” ma senza le foto …

        ok.. a grandi linee perché almeno i “giornalisti” di BILD la grammatica della loro lingua piú o meno la conoscono.

        Rispondi
  2. adminadmin

    Caspita, il nostro blog non secolarizzato preferito sembra essersi trasformato da un luogo dedicato all’apologetica cattolica ad un covo di grillini sfegatati per il calcio.

    Brunello si domanda, retoricamente, quanto costi agli italiani la “sveltina” di Monti a Kiev. A memoria l’ultimo genietto che aveva sollevato dubbi circa l’operato di Monti aveva rimediato una pessima figura.
    http://www.tgcom24.mediaset.it/politica/articoli/1033036/festa-capodanno-monti-risponde-a-calderoli.shtml
    Mi tocca notare una differenza fondamentale: se Calderoli parla, Monti risponde (ed il politicante leghista rimedia una buona dose di scherno). Se invece parla Bruno Volpe nessuno mai risponderà. Perchè nessuno mai leggerà certe sparate.
    E questo consentirà a Brunello di menare il can per l’aia, ipotizzando complotti, sprechi e minchiate simili.

    Incommentabili i passaggi in cui, in sintesi, si afferma che Monti “porta sfiga”.

    Attendiamo trepitanti nuovi prodigiosi articoli del duo Brunello/Tommasi, degni eredi di Ciccio e Franco… E Strazione in tutto questo ricopre il ruolo di Edwige Fenech?

    Rispondi
  3. Andrea Laforgia

    Ragazzi, a me è venuta un’idea. Dal momento che la lista delle persone che hanno cognome iniziante per “V” sull’elenco telefonico del comune di Bari è pubblicamente disponibile (http://eltel.elenchitelefonici.it/home/Ricerca_tel_per_citta.asp?prov=BA&citta=BARI&r=17806&lettera=v) possiamo selezionare tutti i maschi il cui nome inizia per B (non saranno poi migliaia) e tra questi selezionare tutti quelli residenti al quartiere Murat. Avremmo, con buona approssimazione, tutti i possibili candidati stalker. Resterebbero solo i BV maschi residenti al quartiere Murat, e non presenti sull’elenco telefonico (1, 2, 3?).

    Rispondi
    1. adminadmin

      E lo stalker di Murat vivesse con altre persone? E se il telefono fisso fosse intestato a quest’altra persona? Che ne so, magari è sua madre: chi conosce il cognome della madre dello stalker BV?

      No, credo che questa ricerca potrebbe essere lunga e faticosa. E non portare alcun frutto. 😉

      Rispondi
    2. Giux

      senti ma cmq lui abita a bari in via de rossi numero 27, almeno lui dice così. Non è che li devi provare tutti, io quando capito a bari lo vado a trovare per salutarlo 😀

      Rispondi
      1. adminadmin

        Aspetta, non fare confusione. Tu parli di Bruno Volpe. Il suo indirizzo è di pubblico dominio (visto che l’ha indicato in alcune delle sue querele oltre che nella registrazione del sito Pontifesso: http://whois.domaintools.com/pontifex.roma.it) … Qui stiamo parlando invece di BV, lo stalker di Murat. Il caro Andrea cerca solo di individuare il numero di telefono di questo misterioso stalker di cui sono note solo le iniziali ed il quartiere di residenza (oltre che la professione e l’età).

        Rispondi
        1. Giux

          io parlo di bruno volpe si quello di pontifex. il nostro amico!
          Colgo l’occasione per salutarlo e invitarlo al prox raduno di pontilex.org 😀 Bruno regaliamo pure le magliettine!

          Rispondi
          1. adminadmin

            Ok ok .. va bene la magliettina (hmmm vessatissimen, sveli questi nostri segreti 😀 ) … Ma stai attento, perchè aspettiamo sempre che Brunello faccia chiarezza e dissolva una volta per tutte i dubbi che circondano la storia dell’avvocato BV di 50anni, abitante nel quartiere Murat di Bari. Noi ora stiamo cercando di parlare con BV lo stalker. 😀

    1. adminadmin

      Beh immaginiamo che il candidato BV che hai indicato tu possa avere circa 30 anni. Tra gli anni passati sui libri, poi il praticantato e tutto il resto, riteniamo possa essere un simpatico 30enne di Bari. Difficile che possa avere 50 anni come lo stalker-avvocato di Murat.

      Poi noi ci concentriamo sul fatto che i giornali hanno scritto che è un avvocato. Magari non è la sua principale occupazione. Magari è un giornalista dilettante ed i giornalisti professionisti che hanno riportato la notizia si sono ben guardati dall’associare la loro professione con il reato di stalking… 😉

      Rispondi
    2. Marco Nettuno

      Bruno Vigilanti risulta nato a Napoli nel ’74, mi pare completamente fuori gioco: se fosse lui il BV stalker figuratevi se il nostro BV non lo avrebbe crocifisso pubblicamente denunciando un complotto che crea molestatori con le su stesse iniziali!

      Rispondi
          1. adminadmin

            Curioso: attraverso questa pagina sembra impossibile trovare informazioni sul nostro amico Brunello: nessun Bruno Volpe pare iscritto all’ordine degli Avvocati di Bari. Questo ci fa tornare alla mente quanto ci aveva confidato lo zio di Brunello, quando ci parlava delle vicende giudiziarie che hanno visto coinvolto suo nipote. Brunello aveva replicato a suo modo, con fragore ma senza prove. Proveremo a fare luce sull’argomento, perchè troviamo davvero curiosa questa coincidenza.

          2. adminadmin

            Grazie Andrea, avevamo già “notato” l’interrogazione parlamentare in cui si parla degli eventi accaduti al tribunale fallimentare di Bari e che hanno visto il coinvolgimento del nostro caro Brunello. Ad esempio qui: http://pontilex.org/2012/05/le-pontifesserie-odierne/comment-page-1/#comment-35838

            Foxy aveva poi spiegato che tutta la vicenda si era sgonfiata ed era finita in nulla. Anche se non ci aveva mostrato l’intera sentenza che lo “assolve”. Ci occorre un attimo di tempo proprio perchè sulla vicenda si sono susseguite molte notizie, repliche e chiarimenti. 😀

          3. Pier91

            vah com’è svelto il brunello a chiarire dei misfatti che lo riguardano direttamente.. solo però quando se ne esce bello pulito e senza dare nessuno scandalo

          4. Betta

            ma che bell’oretta che ho passato, leggendo del mitico brunello in giro per il web. hihihihi….il sant’uomo……
            grazie delle dritte, confesso che la mia conoscenza di bv era limitata ai fegati e alle croci disegnate (dal suo omonimo, of course)

          5. adminadmin

            Internet è fonte di conoscenza, non c’è che dire. 😉

            E non ti sarà sfuggito che il numero di omonimi avvocati è davvero estremamente ridotto… direi inesistente. 😀

  4. anonymous

    io lo vedo non raramente..
    effettivamente possiede la tessera della stampa vaticana..
    si chiama esattamente bruno volpe ed è sulla cinquantina..
    non mi fate fare commenti sulla sua presenza ma non incute alcuna fiducia..
    diciamo che sarebbe il personaggio ideale di una versione aggiornata e corretta di Psyco..
    non credo eserciti la professione di avvocato ma so’ bene che la parola d’ordine è “ignorarlo”..
    non lo tollera nessuno neanche gli ambienti ecclesiastici più conservatori ma non si riesce a liberarsene..

    anonymous

    Rispondi
    1. adminadmin

      Molti di noi sono curiosi: vorrebbero vederlo in volto. Io no, ovviamente. Ma molti di noi hanno questo desiderio. Tu pensi di poterci inviare via mail qualche immagine del misterioso Brunello? Carletto ha ammorbato Internet con le sue immagini (ora anche su Youtube). Ma di Brunello non abbiamo trovato traccia.

      Consentimi una domanda: cosa ti collega a Brunello visto che vi separano 130 km?

      Sappiamo per certo che non esercita più la professione di avvocato. Sappiamo per certo che è rimasto coinvolto in alcune indagini relative all’operato di un giudice del tribunale fallimentare di Bari. Sappiamo per certo che era giornalista accreditato presso il Vaticano (e che da quel luogo è stato cacciato).

      Rispondi
      1. Andrea Laforgia

        Effettivamente sul sito dell’ordine degli avvocati di Bari compaiono ben 22 avvocati dal cognome “Volpe”, ma di Brunito Volpussolini nessuna traccia…

        Rispondi
        1. adminadmin

          Inquietante, vero? Allora chi sarà mai il BV, stalker cinquantenne, avvocato e residente in Murat, di cui parlava la cronaca barese della scorsa estate?
          Prende sempre più corpo l’idea che allora i giornalisti abbiano evitato di menzionare la principale qualifica di BV: se non è avvocato vuoi dire che è “giornalista”?

          Rispondi
  5. anonymous

    non mi separano 130 km..
    ahimè ma ho le mani legate..
    non lo posso fotografare perchè sarei passibile di denuncia e la denuncia sto aspettando di farla io in attesa di una e una sola cazzata da parte di questo paTTo fascio-ignorante (ripeto) che nessuno tollera ma non ho capito perchè nessuno riesce a fare in modo di liberarsene..
    rischio il posto di lavoro perdonatemi..
    ho le mani legate per adesso ma vi seguo (bravi!)..

    [ADMIN did a little magic]

    Rispondi

Rispondi