TESTICULA TACTA OMNIA PERICULA FUGAT

Ci pare questo il modo migliore per rispondere a Brunello che, nel titolo di un suo recente articolo, cita proverbi molto usati nel quartiere di Murat ma praticamente sconosciuti agli italiani. Un proverbio che eSSo cita solo per il gusto di fare titoli “ad effetto”, visto che il contenuto dell’articolo è un totale delirio.

Un totale delirio che inizia con citazioni di misteriosi eventi.

Si è partiti con la diffamazione pubblicata su GQ circa la vicenda Twitter (clicca qui); successivamente sono stati sferrati più di 200 attacchi hacker contro il nostro sito; per concludere un “signore” noto alla Magistratura (così sembra), ha telefonato al Direttore di un notissimo quotidiano campano diffamando uno dei principali pensatori di Pontifex.Roma, ovvero Carlo Di Pietro, predicatore laico ed insegnante.

Ci tocca puntualizzare: la diffamazione l’ha pubblicata il sito Pontifesso, non certo il sito GQ. Abbiamo infatti mostrato la scarsa dimestichezza degli amici Pontifessi con le “testuali parole” (basta rileggere qui e qui)… La loro “bad attitude” rasenta l’odio raziale e l’insulto personale.

Nulla è dato sapere invece dei fantomatici e misteriosi “attacchi hacker” che avrebbero subito: non ci sono infatti prove. Solo le parole di Brunello. Esattamente come quando ci accusarono di aver procurato danni al portone di Brunello, alla centralina ADSL di Carletto e finanche alla sua Jaguar. Ovviamente mai venne fornita alcuna prova a sostegno, quindi tutti questi danni potrebbero essere anche solo frutto della fantasia degli amici Pontifessi. Speriamo che questa volta gli hacker non abbiano rimosso qualche altro articolo dei dirimpettai!

L’ultimo episodio citato poi ha dell’incredibile: l’avvocato di Murat scrive (riportiamo le sue testuali parole) “diffamando uno dei principali pensatori di Pontifex.Roma”. Ora trascurando la banale ironia che si potrebbe fare sul livello dei “pensatori” Pontifessi, rimangono alcuni problemi di fondo. Quando un avvocato parla di “diffamazione” lo fa, supponiamo, con competenza, con cognizione di causa. Cosa è accaduto, dunque, stando alle parole di Brunello? Un fantomatico misterioso “signore” avrebbe fatto una telefonata al Direttore di una testata giornalistica riportando la sua opinione circa l’operato e la cifra stilistica di Carletto. Per prima cosa: come può Brunello avere coscienza del contenuto di quella telefonata? Stiamo parlando di una telefonata: la comunicazione privata tra due persone. E queste due persone sono il misterioso signore ed il Direttore. Non ha assistito alla telefonata il caro avvocato di Murat (così come non ha assistito alla telefonata il Maldestro). Dobbiamo supporre dunque che la telefonata è stata registrata, magari all’insaputa del misterioso “signore”. Questo solleva una osservazione: la registrazione non autorizzata di una comunicazione privata viola molte norme e comporta gravissime sanzioni. Dubitiamo dunque che il contenuto della telefonata sia stato registrato. Ci tocca dunque fare supposizioni: e se fosse invece una macchinazione proprio di questo Direttore che, stanco degli articoli scarsamente apprezzati e pubblicati a firma di Carletto, cerca solo una scusa per scaricarlo? Trascurando questo aspetto, restano altre particolarità relative a questo episodio citato da Brunello. Infatti eSSo indica espressamente la “diffamazione”. Purtroppo per l’avvocato Volpe ci tocca ricordare che si parla di diffamazione quando qualcuno offende l’altrui reputazione “comunicando con più persone”. Questa postilla, purtroppo per l’avvocato di Murat, è fondamentale.

Speriamo che gli amici Pontifessi procedano rapidamente con la loro denuncia/querela contro il misterioso “signore”. Perchè la prima reazione di questo misterioso “signore” potrebbe essere una contro-denuncia per calunnia. E poi magari potrebbe procedere anche chiedere adeguate indagini per individuare come possa Brunello parlare con competenza del contenuto di una comunicazione privata.

Toccante la testimonianza di Carletto, riportata attraverso le parole di Brunello.

Interpellato Carlo, da tempo “fuori gioco” per problemi di salute, si è detto sereno ed ha incaricato uno dei tanti avvocati cattolici amici di Pontifex al fine di riuscire a punite il calunniatore.

Lo stesso Di Pietro ha detto che “queste mosse diaboliche, sono sicuramente frutto di cattiveria di violenza repressa, di odio verso Gesù, dato che i nemici della fede sono terribili e sono degni eredi di Hitler e di Stalin”.

Quanto al suo stato di salute si è detto “tranquillo” ed ha confermato la “sua totale fiducia in Dio” che, come dice, “se permette un prolungato stato di problemi di salute, ha sicuramente i Suoi buoni motivi e va comunque lodato, sempre e senza nessun dubbio”.

Beh le uniche mosse diaboliche sembrano quelle dell’anonimo “consacrato”, amico dei Pontifessi, che attraverso un Blackberry spammava Twitter usando il loro account: è infatti grazie a queste mosse (davvero geniali oltre che maldestre) che il loro account è stato bloccato da Twitter.

Dalle parole di Foxy emerge l’immagine di un Carletto molto malato. Aveva ragione allora Pao a preoccuparsi per la salute del povero Maldestro. Le immagini girate a Campagna ci hanno mostrato un Geniale davvero grasso, troppo grasso. Forse la scarsa attività fisica, forse il cibo che mangia. Non è dato sapere la ragione di questa obesità. Ma resta un fatto: ha destato forte impressione (ed anche un poco di scandalo nei bambini) vedere l’abisso che separa il Carletto degli ultimi video dal Geniale Webmaster dei bei tempi andati, quando ammiccava dal suo profilo sul sito degli autoproclamati militari di San Michele, con il suo cappellino ed il naso (forse rifatto dai suoi amici dell’estremo oriente) in bella mostra, di tre quarti. E non vi dico la reazione di repulsione dei bimbi davanti a quella barba luciferina. Per non parlare di quegli abiti lunghi, simile all’abbigliamento di quei maniaci che si divertono a molestare i minorenni.

Visto che parliamo di Carletto, ci permettiamo di pubblicare una riflessione molto semplice che collega quest’ultimo punto con il precedente: ci risulta difficile comprendere tutto questo chiasso per una telefonata fatta da “un signore” (mai meglio indicato da Brunello) ad un Direttore di una testata giornalistica. Perchè tutto questo clamore?

Declino meglio il concetto. In un mondo normale, il rapporto di lavoro è basato sulla stima reciproca e sulla fiducia. Ora mi domando: quanta poca fiducia deve avere Carletto del Direttore in questione per avere timore di una telefonata fatta da uno sconosciuto al Direttore stesso? Quanta poca fiducia caratterizza il loro legame se basta il battito di ali di una farfalla per far temere a Carletto che il rapporto di fiducia e di stima sia incrinato? Quanta poca stima ha di se stesso e delle proprie capacità il Maldestro?

La restante parte del delirio di Brunello sembra dimostrare che anche Foxy non gode di buona salute. Non conosciamo le cause ma la diagnosi pare chiara: febbre da cavallo. Una febbre che porta Brunello ad un delirio senza capo ne coda, citando episodi recenti mescolati con, forse, ricordi del passato. La sanità barese, i parenti, gli psicofarmaci… Chi segue il bravo giornalista di Murat potrebbe avere l’impressione che si parli ancora del famoso Zio Pietro (colui il quale aveva dato un lavoro a Brunello nella sua azienda, azienda dove lavorava anche una giovane biologa 26enne di cui abbiamo perso le tracce). Non abbiamo certezze. Solo tante indicazioni, un tratteggio incerto e traballante che però pare puntare in questa direzione. Stiamo a vedere cosa si inventerà Foxy per allungare ancora questo brodo riscaldato molteplici volte. E chissà se anche questa volta, provvidenziale, arriverà al nostro numero qualche fax dalla provincia di Bari promettendo rivelazioni sconcertanti.

La fonte della “febbre da cavallo” di Brunello:

http://www.pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/editoriale/il-fatto/12158-cari-signori-nemici-di-pontifex-le-vostre-minacce-e-diffamazioni-sono-ridicole-morirete-nel-vostro-letto

12 pensieri su “TESTICULA TACTA OMNIA PERICULA FUGAT

  1. adminadmin Autore articolo

    Ed il periodo nero per gli amici Pontifessi passa anche attraverso clamorosi tradimenti tradizionalisti…

    L’ottimo Rino Cammilleri […] autore di diversi eccellenti testi in difesa delle ragioni della fede e della cultura cattolica, spesso coraggiosi e controcorrente, sembra aver ceduto al fenomeno Medjugorje che contagia ormai molti fedeli.

    Ooops non ci sono più i tradizionalisti di una volta…

    Rispondi
  2. adminadmin Autore articolo

    Ed ecco prontamente il contributo di Cielo…

    Carlo non sta bene in salute?

    Auguro pronta guarigione!!! Che la Beata Vergine l’assista!!!

    Gentile dott. Bruno, io non so come facciate a sopportare tutta questa violenza e quotidiana persecuzione.

    Non vi scoraggiate perchè molti nemici, significa molto onore e l’onore vero non viene dagli uomini ma da Dio.

    Un caro Saluto al proff. Carlo e dott. Bruno.

    Ma se l’onore arriva da Dio, che cosa c’azzeccano i nemici? Quanto fascismo represso in Cielo… 😀

    Rispondi
  3. AlbertoBAlbertoB

    Dal pezzaccio del preg.mo avv. Volpe :
    “Una cosa è sicura: signore e concubina, di questo passo “moriranno nel loro letto”? ”

    E tu Volpe? Dove morirai? In un letto d’ospedale , da solo? A casa tua , da solo? Sul marciapiede mentre andavi a comprare il pane , da solo?
    Sfigato…

    Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      Ma eSSo è esponente e profeta della minireligione Pontifessa. Quindi destinato a vivere in eterno per testimoniare in eterno l’esistenza del loro minidio vendicativo e pieno di ira che manda terremoti, fulmini ed alluvioni per colpire i peccatori ed educarli. Cavolo ma devo spiegarti i fondamentali? 😉

      Rispondi
  4. paopao

    Aveva ragione allora Pao a preoccuparsi per la salute del povero Maldestro. Le immagini girate a Campagna ci hanno mostrato un Geniale davvero grasso, troppo grasso.
    O Malefico pipistrellaccio, tengo a precisare che:

    1. Pao ha sempre ragione..

    (OK, quasi sempre!)

    Iná non mi sono mai [email protected] all´obesitá di Cidippino, (anche non molto salutare, in veritá). Non oserei mai criticare una persona per i suoi chiletti di troppo.., e nemmeno un pontimostro !
    Piuttosto mi riferivo alla “salute mentale” di una persona che giorno dopo giorno viene montata da loschi individui che gli fanno credere di essere una specie di profeta, un nuovo Messia .. e questo si é blasfemico/diabolico o almeno un pochettino eretico!
    Sto povero ragazzo, in cerca di uno straccio di riconoscimento sociale da parte di chiunque, passa le giornate a copiaincollare e credere in qualsiasibaggianata, si é bevuto il cervello.
    Esprimere ció non é diffamazione, é un dato di fatto.
    Basta leggere le continue mails a noi indirizzate (con relativa “dovuta” minaccia querela ..miiiihhhh, na persecuzione!!!)
    oppure gli articoli deliranti che ha pure il coraggio di pubblicare.
    La cosa tragica é che non prende nemmeno droghe.. se almeno le prendesse avrebbe una scusante ..no, sono tutti deliri suoi naturali.
    Questo ragazzo, animuccia ipersensibile ed un pochetto strapazzata, se contnua cosí, finirá prima o poi alla neuro, legato ad un letto ed imbottito di pilloline colorate.. altro che inferno!

    Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      Non oserei mai criticare una persona per i suoi chiletti di troppo
      Pao, vedi, qui non si vuole criticare nessuno. Qui si ragiona semplicemente su uno stile di vita evidentemente poco salutare. Poi uno è libero di farsi del male come vuole (almeno fino a quando l’Italia resterà uno stato almeno parzialmente laico). Ma non può accusarci di schernirlo per il suo aspetto fisico perchè è evidente che la nostra è una sincera preoccupazione per la sua salute.

      non mi sono mai [email protected] all´obesitá di Cidippino
      Hai ragione, hai perfettamente ragione. Ho solo proiettato alcune mie riflessioni, mescolandole con le tue considerazioni e con quelle di altri amici Pontilessi (le mie molteplici personalità!) … Hai ragione e mi scuso per la confusione.

      Rispondi
      1. paopao

        Oppsalá! Ma no, admin,
        mi sono espressa male …io!
        Certo che voglio criticare…critico sempre, é un diritto, no? Voglio dire,é diverso che minacciare costatemente gli altri esserni con querele inutili e pene eterne da scontare nel fuoco della “Jenna” o ammazzare asini innocenti legandogli le macine al collo e buttandoli a mare..Un comportamento davvero INSANO!

        Insomma, sono preoccupata per il mio pontifeSSo preferito, perché , istigato da “qualcuno” si rende puntualmente ridicolo e ció nuoce alla sua giá bassa, bassissima autostima.
        Quando si accorgerá che é tutto fumo di Satana quello che gli gettano negli occhi e sbatterá il naso contro la triste realtá della vita, sará tardi.

        Non é capace di gestire la sua vita, figuriamoci se é capace di dirigere gli altri.Il classico cieco che pretende di guidare altri ciechi…
        beh dai, almeno cerca di salvare le tartarughe!

        Rispondi
    2. paopao

      MESSAGGIO PER CDPPINO:
      Cidippino, ok, non sei Brad Pitt ma vai benissimo cosí…
      Tranquillo..c´e´ sempre qualcuno piú bello e qualcuno piú brutto di te, questione di gusti.
      Sei anche liberissimo di andare in giro vestito come piú ti piace anche se a volte rischi denunce per “lesioni personali ” (a parimerito coi cantanti dell´Opera di Pechino).
      Non é per questo che sei solo e nessuna ti vuole.
      È per le stupidaggini e le idee balsane che diffondi ed alle quali non credi nemmeno tu ..
      Satana non c´entra..sei proprio tu che non hai tutte le tazzine a posto. Cambia, correggiti .. ma soprattutto curati!

      Rispondi
  5. francesco t

    200 attacchi hacker hahahahaha

    non 147, non 203, non 172, ma ESATTAMENTE 200.
    che ci sia un significato oscuro dietro questo numero di attacchi hcaker? forse 200 è il numero in codice di “ateimassoniciomosessualisti”?

    scherzi a parte, sappiamo benissimo che brunello mente. mente spudoratamente.
    da quando , pur di apparire vittima, mi ha DIFFAMATO accusandomi di REATI MAI COMMESSI, l ha fatta fuori dal vaso, dimostrando platealmente e indiscutibilmente la sua disonestà, falsità e meschinità.
    bruno volpe è un bugiardo , tutto qua. tutto, pur di sembrare una povera vittima.

    cambiando discorso…. fa venire le lacrime agli occhi l ultimo “”””””””””””””””””””””””””””””articolo”””””””””””””””””””””””””””””””””” di brunello sulla vittoria dell italia. cristo santo, peggio dei bambini, e non dico altro.
    spero non sia uno di quei teppisti che gira esultando per strada strombazzando qua e là. c è gente SERIA che lavora, domani. facendo dei lavori SERI. mica come il suo.

    Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      fa venire le lacrime agli occhi l ultimo “articolo” di brunello sulla vittoria dell italia.

      Non hai capito il senso di quell’articolo! Non parla di calcio. E’ una metafora. Si tratta di un articolo a sfondo chiaramente religioso, un articolo in cui cristianamente si portano avanti il concetto fondante su cui si basa il loro sito, il perno ontologico, il cardine del loro operato: l’apologetica!

      Ed anche tu ti dimostri cattofobico! Vuoi impedire ad un cattolico di parlare di calcio?

      Rispondi

Rispondi a admin Annulla risposta