Sempre più eretici, sempre più scismatici.

Quest’oggi gli amici Pontifessi hanno voluto chiarire, una volta per tutte, la loro posizione rispetto alla Chiesa di Roma.

Dando spazio alle domande di un loro presunto lettore, titolano:

GIOVANNI XXIII, PAOLO VI E GIOVANNI PAOLO I SONO ANTIPAPI? RISPONDIAMO AD UN LETTORE E INOLTRIAMO A PADRE FEDERICO LOMBARDI, DIRETTORE DELLA SALA STAMPA VATICANA

Non è opportuno entrare nel ginepraio di citazioni “alla pene di segugio” prodotte dall’anonimo estensore dell’articolo. Lo stile dello stesso ci pare proprio quello di Carletto. Ci permettiamo di notare che da qualche tempo compaiono sempre più spesso articoli e commenti a firma “Pontifex”. Ne deduciamo innanzitutto che ora l’anonimato non è più un problema per gli amici Pontifessi. Quando volevano gettare fango su di noi hanno speculato abbondantemente sul nostro presunto anonimato, accusandoci di avere “qualcosa da nascondere”. Oggi essere anonimi è invece legittimo, al punto che anche i nostri dirimpettai si firmano “Pontifex”. La seconda considerazione è che qualcuno in quel covo tradizionalista deve essersi bevuto il cervello: sappiamo con certezza che credono di parlare per conto di un minidio. Ma firmarsi “pontefice” ci pare davvero eccessivo!

Tornando all’argomento del delirio, troviamo ridicola ed inutile la risposta fornita dal sito Pontifesso all’anonimo lettore. In mancanza di loro risposte, ci facciamo carico di rispondere alle assurde domande dei Pontifessi con una citazione da un sito che, stando a quanto eSSi dichiarano, dovrebbe rispecchiare il pensiero della Chiesa di Roma (a cui dichiarano di essere fedeli). Non serve dunque coinvolgere Padre Lombardi (troppo di frequente tirato per la giacchetta da Brunello e Carletto). Basta leggersi quanto riportato dal sito del Vaticano!

Per un futuro riconoscimento della Fraternità San Pio X è condizione indispensabile il pieno riconoscimento del Concilio Vaticano II e del Magistero dei Papi Giovanni XXIII, Paolo VI, Giovanni Paolo I, Giovanni Paolo II e dello stesso Benedetto XVI.

http://www.vatican.va/roman_curia/secretariat_state/2009/documents/rc_seg-st_20090204_note-decree-cbishops_it.html

Ecco confermato l’abisso che separa Carletto, Brunello e tutti coloro i quali contribuiscono a quello scempio che è il sito Pontifesso dalla Chiesa Cattolica Apostolica di Roma. Ecco dimostrata l’ignoranza colossale che si annida dietro la cortina fumogena di castronerie utilizzate dagli amici Pontifessi per nascondere l’evidenza!

Con le loro parole hanno vergato la loro condanna. Con le loro frasi si sono dimostrati eresiaci e scismatici!

http://www.pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/editoriale/il-fatto/12025-giovanni-xxiii-paolo-vi-e-giovanni-paolo-i-sono-antipapi-rispondiamo-ad-un-lettore-e-inoltriamo-a-padre-federico-lombardi-direttore-della-sala-stampa-vaticana

15 pensieri su “Sempre più eretici, sempre più scismatici.

    1. adminadmin Autore articolo

      Il legame? Semplice, l’omosessualità. Cassano parlava di omosessualità. La Zanicchi parlava di omosessualità. E che dire della valanga di articoli linkati in coda al papello relativo alla Zanicchi (che li avrebbe “diffamati”) ??

      Rispondi
        1. adminadmin Autore articolo

          Il contributo di Alberto U è veramente delizioso: roba che in un sito qualsiasi avrebbe meritato il rango di un commento viene eletto dai Pontifessi al rango di un articolo! Che scandalo, che scempio!

          Rispondi
  1. Caterina

    Per una volta voglio fare un commento serio. Mi chiedo a che titolo questi definiscono eretici dei papi. Ma chi si credono di essere? Se non lo ha fatto l’attuale papa con quale autorità questi si arrogano il diritto di farlo?
    E poi il papa non è infallibile, chiunque esso sia?

    Torno faceta: ma avete visto la foto in cui Giovanni Paolo II brucia tra le fiamme dell’inferno?

    Oggi sono felice, hanno parlato di Cassano, anzi del “martire” Cassano.

    Rispondi
  2. Pier91

    Sbaglio o sono spariti tutti i millemila banner pubblicitari che farcivano qualsivoglia pagina del sito pontifeSSen? Finalmente i fornitori delle pubblicità si sono svegliati e hanno sospeso tutto?

    Rispondi
  3. stevenY2J

    Vedere tutte le fotografie di GPII che hanno pubblicato nei vari articoli non ha fatto altro che rafforzare la mia stima verso un grande UOMO del XX secolo. E, come sempre, quale sarà il rapporto tra chi venera o semplicemente (come me) ammira GPII rispetto a chi, invece, lo denigra (come Don Villa o Volpe)? 1 milione a uno?

    Rispondi
    1. CagliostroCagliostro

      Ti dirò……non leggo continuamente ciò che scrive Volpe su GPII ma non credo abbia tutti i torti su di lui. Non mi sembra Giovanni Paolo II fosse quel santo che è stato spesso mediatizzato ed ha lasciato un’eredità molto pesante alla Chiesa attuale (Ior, posizione su sessualità, copertura dei preti pedofili, appoggio a regimi dittatoriali, etc.).

      Rispondi
      1. stevenY2J

        Infatti non lo considero un santo. Lo considero un uomo che ha fatto delle cose buone e delle cose sbagliate. Non condivido tutte le sue posizioni e non giustifico gli sbagli che ha commesso, come tutti noi ne commettiamo. Sicuro che gli altri “santi” della chiesa cattolica – in quanto pur sempre esseri umani – abbiano commesso sbagli gravi o ancora più gravi degli errori che tu citi di GPII.
        Per il resto, Don Villa e Bruno Volpe non criticano GP II tanto per le vicende che tu citi, quanto piuttosto per altri aspetti come l’ecumenismo, il bacio al corano, le scuse per gli errori della chiesa che, nell’ottica di GP II, servivano per riavvicinare la chiesa all’umanità da cui si stava (si sta?) progressivamente allontanando, mentre per i vari “cattolici tradizionalisti” rappresentano gravissime offese alla loro idea di voler imporre il cattolicesimo con la forza come unica religione e di “combattere” in stile Lepanto.

        Rispondi
  4. stevenY2J

    Che schifo il nuovo attacco di Pontifex contro Papa Wojtyla. Ora si mette persino in dubbio l’attentato che lo ha visto protagonista, fino ad arrivare a sostenere che fosse tutto concordato ad arte (!!!) per attirare popolarità (!!!).

    Come se GP II avesse bisogno di ulteriore popolarità e non avesse altre soluzioni che farsi sparare al torace!!! E, poi, se avesse voluto creare un attentato ad arte, si sarebbe fatto lanciare contro una statuina del Duomo di Milano (cit.). C’era proprio bisogno di farsi sparare al petto?

    Forse, i gestori di Pontifex sono troppo impegnati a creare articoli ad hoc per attirare le luci dei riflettori (la Houston, Lucio Dalla, Morosini…) che, ormai, non riescono più a distinguere la buona e la mala fede.

    In ogni caso, é veramente uno schifo prendersela con una persona che, ormai, non può più difendersi e muovergli un tal genere di accuse. Spero vivamente che i cattolici che leggono quel “blog” ne prendano le distanze e lascino quei quattro gatti tradizionalisti nel loro brodo, a insultare persone che, nella vita e anche dopo la morte, si distinguono molto più di loro.

    Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      Un vergognoso attacco alla memoria di chi non si può difendere… Ma sarà poi vero che nessuno interverrà per porre fine a questa calunnia costante e martellante? Chissà, magari potremmo segnalare questo grave esempio di diffamazione a mezzo stampa direttamente al Vaticano… Magari loro possono avere qualche interesse a tutelare l’immagine del beato Giovanni Paolo II.
      Un vergognoso attacco sferrato poi senza neppure una firma… Perchè l’anonimato diventa buono oppure cattivo in base al contesto: il nostro blando anonimato è cattivo, quello degli amici Pontifessi invece è OK… Coerenti come sempre, gli amici Pontifessi!

      Rispondi

Rispondi