17 maggio – giornata internazione contro l’omofobia

Jorge Steven Lopez: ucciso e decapitato.

Non mi piace molto parlare di omofobia, e non avrei voluto scrivere di questa giornata.

Ma stamattina mentre ero sul treno e giocavo con opera mini, mi sovvenne la curiosità di vedere come funziona il template per cellulare del nostro “stimatissimo” amico: C.D.P.

Siccome sul mio [email protected] scazza un pò il browser sniffing, mi considera un telefonino, il che mi priva della SSua (vedete come lo rispetto! majestical person) pubblicità….

Non glielo dico la cosa mi va benissimo, lo posso scrivere qui. Tanto eSSo non ci legge…

Dunque proprio oggi apro pontifex e leggo:

BACIO GAY PUBBLICO A BARI NELLA DOMENICA DELL’ASCENSIONE. IL VESCOVO CHE DICE? NULLA

Per dovere di cronaca.. è un articolo di Foxy.

ESSo si riferisce a una manifestazione in programma per il 20 maggio… domenica quindi.

Tra me e me penso, va beh un bacio, che cè di male in un bacio????

Cmq vado avanti a leggere. Foxy incalza il Vescovo di Bari, tale Francesco Cacucci, classe 43. Ma chi è Francesco Cacucci, uomo cui il noSStro tira la manica?

Non è un pirla. Vi racconto la sua carriera:

Ordinato sacerdote il 29 giugno 1966 (aveva 23 anni) presso l’arcidiocesi di Bari e Canosa.

Consegue quindi la laurea in teologia  presso la Pontificia Università Gregoriana (mi risulta una delle più prestigiose al mondo), poi, visto che la voglia di imparare non manca, una laurea in scienze politiche conseguita presso l’università di Bari.

In diocesi ha ricoperto gli uffici di vice-parroco, vice-rettore del Seminario minore, parroco della parrocchia del “Buon Pastore” a Bari. E’ stato insegnante di religione al liceo, ha insegnato Teologia Dogmatica presso l’Istituto Superiore di Teologia per Laici e prella la Facoltà di Teologia Ecumenica a Bari, è stato incaricato della formazione permanente del Clero, membro del Consiglio presbiterale e del Collegio dei Consultori, Assistente Diocesano dell’Azione Cattolica.

È nominato vescovo titolare di Castel Mediano e deputato vescovo ausiliare di Bari-Bitonto il 16 aprile1987. Riceve l’ordinazione episcopale il 13 giugno1987 dall’arcivescovo Andrea Mariano Magrassi (coconsacranti: arcivescovo Michele Mincuzzi, vescovo Domenico Padovano). È nominato arcivescovo diOtranto l’8 aprile1993. È nominato arcivescovo di Bari-Bitonto il 3 luglio1999. Ha fatto il suo ingresso l’8 settembre1999.

Ha conferito l’ordinazione episcopale a Luigi Martella e a Vito Angiuli

È presidente della Conferenza Episcopale Pugliese.

Quindi quest’uomo viene criticato (dall’avvocato omonimo dello stalker di Murat) in questo modo:

  1. Il Vescovo di Bari è un uomo senza palle, indegno del suo ruolo, Il Foxy infatti scrive: “Il Vescovo di Bari ha scelto la soluzione del vivere sereno, tra conferenze e dibattiti sul cinema. Una brava persona, ma impalpabile, di lui ricorderemo molto poco nel futuro e speriamo che a Roma se ne rendano conto.”
  2. Il Vescovo di Bari è eretico, infatti il peSSimo scrive: “Un pastore, se vescovo, ha il diritto e soprattutto il dovere di alzare la voce davanti a queste manifestazioni che il santo Magistero dichiara essere peccati che gridano vendetta al cospetto di Dio e che mai nessuno potrà cambiare, pena l’eresia.”

Perché queste accuse verso Cacucci: il vescovo in occasione della giornata internazionale contro l’omofobia si è astenuto dall’essere omofobo:

  1. il vescovo non dice che due maschi o due femmine che si baciano in pubblico sono un aberrazione,
  2. il vescovo non dice che consentirlo è libertinaggio,
  3.  il vescovo non dice che tale manifestazione offende la dignità della persona,
  4. il vescovo non dice che così facendo si scandalizzano i cattolici, i bambini e gli anziani,
  5. il vescovo infine non invita i cattolici a protestare ed impedire questa manifestazione, che il vescovo non definisce un oscenità,
  6. il vescovo infine non invita a impedire con tutti i metodi offerti dalla legge e dalla coscienza questa manifestazione (ovviamente senza violenza),
  7. il vescovo non definisce una manifestazione in occasione della giornata internazionale contro l’omofobia una manifestazione cattofobica.

Fonte di tale accozzagli di schifezze: http://www.pontifex.roma.it/index.php/editoriale/il-fatto/11733-bacio-gay-pubblico-a-bari-nella-domenica-dellascensione-il-vescovo-che-dice-nulla

Per chi fosse interessato ad approfondire l’istituzione nel 2007 di questa giornata nel territorio comunitario invito a leggere qui:

http://it.wikipedia.org/wiki/Giornata_internazionale_contro_l%27omofobia_e_la_transfobia

 

 

Questo articolo è stato pubblicato in Omofobia il da .
giux

Informazioni su giux

ciao, non so che scrivere.... vivo a Ossona nel bel parco del ticino:) Mi piacciono gli sport sopratutto quelli che mi permettono di stare all'aria aperta, il mio preferito mtb nei boschi:-) Qui mi iscrivo xkè cè gente simpatica che sa farmi ridere delle schifezze di pontifex che sanno solo farmi arrabbiare!

22 pensieri su “17 maggio – giornata internazione contro l’omofobia

  1. francesco t

    non dare retta al banfi che ti ha risposto su pontifex giux.
    perchè lui sa benissimo che Gesù non ha mai detto niente sugli omosessuali ne li ha mai condannati, quindi mente sapendo di mentire quando afferma che il dibattito vi è stato con lui.

    idem vale per l amore gay. da NESSUNA parte della bibbia viene condannato l amore gay, il sentimento gay, o il rapporto fedele e stabile tra due persone dello stesso sesso.

    non è un caso che pontifex o chicchessia , se citano la bibbia per andare contro l omosessualità, citeranno solo 4 cosine:

    levitico nel caso dell antico testamento, e san paolo con lettere ai romani e corinzi nel nuovo testamento.

    poi al massimo abusano della genesi dell antico testamento per far dire a Dio cose mai dette.

    tanto sappiamo benissimo che gli eretici sono proprio quelli di pontifex.

    Rispondi
    1. StevenY2J

      Tra l’altro, Gesù avrebbe “perfezionato” l’AT (vedi la parte sui gamberi, ecc…), dunque la condanna all’omosessualità potrebbe ridursi, in definitiva, alle parole di Paolo che, però, era un uomo quanto noi e le sue parole, almeno per me, hanno lo stesso credito e la stessa importanza di quelle di Babini o Bruno Volpe, ossia zero.

      Rispondi
        1. StevenY2J

          vorrei ricordare anche che (San) Paolo ha sterminato e torturato un bel po’ di persone, prima di “convertirsi”… magari possiamo pensare che qualche errorino in vita sua l’ha commesso pure lui e che le sue parole non sono sempre da prendere come oro colato

          Rispondi
          1. adminadmin

            Se dunque San Paolo (che ha ammazzato ed ucciso altri esseri umani) è diventato Santo, possiamo aspettarci che anche la canonizzazione di Giovanni Paolo II potrà proseguire senza troppi intoppi, come invece auspicato dagli amici Pontifessi.

    2. giuxgiux Autore articolo

      si si la risposta di tale “Banfi” è quantomeno stramba, egli non ha riportato alcun riferimento, non ha risposto difatto, se lo avesse fatto avrei aggiunto un estratto della SSua risposta all’articolo…

      Rispondi
  2. Sandro Storri

    Giux, grazie per questo tuo contributo davvero interessante.

    Mi permetto di ricollegarmi ad un altro thread per dire che nella chiesa ci sono anche persone equilibrate che sanno come affrontare certe questioni. Sicuramente Mons. Cacucci non sara’ un acceso sostenitore delle unioni gay oppure un difensore della legge 194. Al tempo stesso si tratta di uomo con il quale si puo’ sicuramente dialogare in modo sensato. Sono questi gli uomini con i quali vale la pena di tentare di percorrere la strada verso una vera societa’ laica dove anche la chiesa abbia la sua liberta’.
    Gli altri, gli estremisti senza capacita’ dialettica e di ragionamento, vanno emarginati e resi inoffessivi, anche a suon di condanne penali. Tra di loro i nostri amici di pontifex ad i vari militia christi. Cio’ che stupisce di piu’ e’ che la chiesa, quella che e’ piu’ danneggiata da questi pazzi esaltati, non fa nulla per isolarli e renderli inoffensivi.

    Come diceva il Conte di Cavour “Libera Chiesa in Libero Stato”. Per fortuna anche nella chiesa ci sono uomini che la pensano cosi’.

    Rispondi
    1. giuxgiux Autore articolo

      ciao Grazie a te! Io condivido al 100% il tuo pensiero e il tuo punto di vista, ma una risposta al tuo dubbio l’avrei, dopo averci lungamente pensato, sono giunto alla conclusione che il silenzio della chiesa abbia due ragioni:
      1) cè un anima molto potente all’interno della chiesa, che vede di buon occhio i vari estremismi, e forse addirittura li finanzia, io credo che B.V. abbia comunque degli appoggi romani… presso un certo modo di fare chiesa.
      2) a volte parlare di qualcosa significa dargli importanza… forse tante volte meglio il silenzio, forse gli estremisti possono essere ridicolizzati… oppure la loro fiamma estinta da un oceano di indifferenza.

      Rispondi
      1. marco nicolao

        sono d’accordo con la 1, il silenzio del vaticano è funzionale.
        questi siti sedicentamente cattolici fanno cassa per i voti della destra più estrema (intollerante e violentemente xenofoba) e possono essere scaricati al minimo sospetto di scandalo, cioè quando diventano noti al grande elettorato cattolico. ve la vedete la Rosi Bindi (che non mi è particolarmente simpatica) appoggiare uno qualsiasi degli articoli di Pontifex?
        forse bisognerebbe bersagliare le poste dei giornali con i link a pontifex, così se ne parlerebbe e tornerebbero nelle fogne. mi sa che è un onirismo da tastiera, però.
        per quanto riguarda la 2 sarebbe la soluzione migliore, però ci avevamo già provato con la Lega, che è diventato il partito italiano più importante della (sedicente) seconda repubblica. un partito xenofobo ed omofobo.
        io non vorrei fare lo stesso errore la seconda volta.
        vi ricordate il film Witness, la scena finale dove un’azione violenta ed omicida viene fermata solo dal fatto che c’è chi guarda e può ricordare?
        lo dice anche la Bibbia (Proverbi, da qualche parte) ” chi opera nelle tenebre teme la luce, e allora piazziamogli un bel riflettore e vediamo cosa fanno” la parte dopo la virgola è un’aggiunta mia.

        Rispondi
  3. adminadmin

    [OT]… Scusate ma il Conto Energia è citato da qualche parte nel minimagistero Pontifesso? Sicuramente encomiabile il loro interesse (indotto da “Cielo”) per queste nobili tematiche. Ma mi piacerebbe conoscere quale parte del minimagistero Pontifesso ne parla…

    Circa l’articolo di Brunello: si tratta di un brano di ieri… Hanno ridotto parecchio la frequenza delle loro pubblicazioni. Sono passati per fortuna i tempi in cui sbattevano online una dozzina di nuovi “pezzi” ogni giorno…

    Notate poi la quantità di brani copiaincollati dalla produzione del Picchiatello Villa e dei suoi accoliti… Tutti a firma di Carletto, ormai ridotto ad amanuense fotocopiatore.

    Rispondi
    1. paopao

      .. vuoi dire che hanno scoperto l´elettricitá? Ed io che pensavo che lavorassero a lume di candela.

      Ma non erano “non secolarizzati” e contro “il modernismo”

      ):D

      Rispondi
  4. Demart81

    Da quando in qua il vescovo si occupa dell’ordine pubblico? Un avvocato anche se ora si diletta di tematiche spirituali religiose e destrorse dovrebbe saperlo eh.

    Rispondi
  5. paopao

    “BACIO GAY PUBBLICO A BARI NELLA DOMENICA DELL’ASCENSIONE. IL VESCOVO CHE DICE? NULLA”

    Io invece dico a Volpastren:
    “invidia crepa!, scommetto che a voi non vi bacia nessuno!”

    Rispondi
  6. faunita

    Oggi sul sito si legge un articolo assai pepato che invita forze dell’ordine e quant’altri a vigilare qualora mai si dovessero vedere in giro (specie la domenica pomeriggio quando le famiglie con bambini sono a spasso) coppie gay che si baciano… e ad intervenire prontamente perché un bacio è cattofobia eccetera eccetera…
    Segue solito pippotto sugli svergognati ecc ecc – anche eterosessuali – che amoreggiano pubblicamente ecc ecc e sul fatto che, certo, si deplora, ci dispiace, alzar le mani non si deve per la carità di Dio, ma…. se qualcuno alza le mani e colpisce i rei di bacio pubblico be’ i bacianti se la sono cercata.
    Non so che facciamo, chiediamo al mostro di Firenze di resuscitare dai morti per dare una mano a combattere la piaga dilagante dell’immoralità giovanile???

    Rispondi
      1. faunita

        No, l’ho detto meglio convocare Cicci cicci il mostro di Scandicci che insegnava lui a ‘sti giovani sfrontati come ci si comporta (e in un caso se la prese proprio con una coppia gay che peccava pesantemente)….

        Rispondi

Rispondi