E perché, invece, Carlo Di Pietro è un pericoloso relativista.

Su Pontifex Roma, non paghi di giustificare con le provocazioni i pestaggi ai gay e le violenze sessuali sulle donne, adesso cominciano a usare il relativismo che tanto criticano, anche i preti pedofili. Il relativismo è

una posizione filosofica che nega l’esistenza di verità assolute, o mette criticamente in discussione la possibilità di giungere a una loro definizione assoluta e definitiva.

 E’ senza dubbio oggettivo che la violenza sessuale non sia giustificabile in alcun modo, che pestare, incarcerare o peggio uccidere una persona per il proprio orientamento sessuale sia qualcosa di sbagliato.

Da tutto il suppostone di cui oggi ci degna Ediochesonocarletto, sullo schema si faccia una domanda e si dia una risposta emerge:

Perché fa più danni un prete ignorante che un prete pedofilo?

Perché mentre il prete pedofilo manifesta la sua apostasia e viene automaticamente ignorato e/o escluso, il prete ignorante distrugge le anime e lo fa in maniera silenziosa, nessuno se ne accorge. Costui può essere o realmente ignorante, o un “falso profeta” quindi è eretico e andrebbe scomunicato, oppure un inventore di teologie stravaganti e superbe quindi è ugualmente eretico e la sorte è sempre la stessa.

 A EdiochesonoCarletto non sfiora l’idea che un pedofilo, sia esso un prete o meno, distrugge l’intera esistenza di una persona in quel momento indifesa. Peggio, se è un prete tradisce anche la fiducia non solo nella persona, ma anche nella Chiesa tutta. La pedofilia, insieme agli stupri, è quanto di più distruttivo esista al mondo.

A puro titolo di esempio, il caso Marchese è paradigmatico di cosa succede spesso in casi analoghi: Don Puleo, colpevole di aver plagiato e di aver abusato di Marco Marchese, seminarista all’epoca minorenne, lo ha rassicurato sulla bontà di quanto stavano facendo ed invitandolo a non fare parola dei loro incontri con altri, poiché ciò avrebbe potuto scatenare delle gelosie fra i seminaristi.

 Non solo: furono chiesti 200 mila euro a Marchese per danno d’immagine. Questo sarebbe come vengono isolati i preti pedofili? E tutti i trasferimenti in altro luogo, dove i preti pedofili possono, talvolta, continuare a compiere i loro porci comodi?

 Non pago, EdiochesonoCarletto continua:

Il male del prete pedofilo è palese e riconoscibile da tutti (il relativismo a livello morale si sta anche diffondendo, ma non ancora come quello dogmatico/dottrinale. Forse tra 50 anni la pedofilia non sarà più ritenuta peccato, come oggi tante altre cose, ma per il momento, grazie a Dio, questa verità ancora non è messa in discussione).

 Se è riconoscibile da tutti, allora è riconoscibile anche dai bambini. Ma allora se il male del prete pedofilo è riconoscibile da tutti, e quindi anche dai bambini, allora vittime non dovrebbero esserci. Io vedo un prete, visto che è riconoscibile da tutti che è pedofilo sicuramente me ne accorgo e cambio strada.

Sempre ammesso che non se ne accorga prima il Vescovo e lo rimuova dall’incarico e lo denunci alle forze dell’ordine invece di coprirlo. Sempre ammesso che non se ne accorga anche il Vaticano e decida di ridurlo allo stato laicale.

Invece il male del prete eretico è subdolo, insidioso, non facilmente riconoscibile data l’ignoranza della gente semplice, e spesso addirittura appetitoso, dato che i preti eretici fanno leva in modo vigliacco sulle passioni; spesso legittimandole ed assecondandole, per dire alla gente quello che gli piace, quello che vorrebbe sentirsi dire (basti vedere, ad esempio, certi preti pseudo cattolici che in TV sponsorizzano eutanasia, approvazione di unioni di persone dello stesso sesso, uso dei contraccettivi, altre religioni, ecc…).

 Ah certo è il prete eretico ad essere subdolo e addirittura appetitoso. Non il prete pedofilo che offre le caramelle o che le nasconde in zone intime per farsi toccare, o che plagia le sue vittime convincendole del fatto che quello che fanno sia più che giusto, anzi doveroso.

  Carletto perchè non lo dici alle 67 vittime di pedofilia sorde e mute quello che hai scritto qua? Vedi se son d’accordo. Hanno provocato anche loro? Avendo avuto rapporti sodomiti dovranno andare all’inferno? E le 13 vittime dei preti pedofili in Belgio che si son suicidate? Andranno all’inferno per aver posto fine alla loro vita dopo che qualche prete pedofilo schifoso gliele ha definitivamente rovinate.

 Giusto per capire gli effetti degli abusi sulle vittime. Cito testualmente da quanto dice la ricercatrice Mary Gail Frawley-O’Dea che, tra le altre cose, è stata l’unica professionista della salute mentale ammessa al vertice dei vescovi cattolici americani nel fondamentale meeting di Dallas del 2002 sulla piaga degli abusi sessuali.

Un bambino che subisca violenze sessuali dovrà affrontare conseguenze che possono essere devastanti e di lunga durata. Quando un giovane subisce un abuso, lo shock psicologico è così grande che il Sé normale non è in grado di assorbire o comprendere ciò che gli sta accadendo. Anche a causa di possibili danni al funzionamento cerebrale, le vittime di abuso sessuale spesso esibiscono comportamenti autodistruttivi. I superstiti delle violenze hanno anche una probabilità due o tre volte superiore, rispetto agli adulti che non hanno una storia di abuso, di compiere almeno un tentativo di suicidio nel corso della vita. Le vittime possono presentare inoltre patologie quali dissociazione, depressione e isolamento.

Carletto bastano come danni per dire che un pedofilo è più pericoloso di un eretico? Niente da dire, Carletto in virtù di quello che hai scritto sei un pericoloso relativista.

16 pensieri su “E perché, invece, Carlo Di Pietro è un pericoloso relativista.

  1. AlbertoB

    Di Pietro più che un pericoloso relativista è , fondamentalmente , un poveraccio.
    Le stronzate scritte in quello che non oso chiamare “articolo” sono un tentativo di provocazione , peraltro squallido , risibile e totalmente non riuscito.
    Tanto che gli frega al Di Pietro , figli non ne ha e mai ne avrà per tutta una serie di motivi che non sto qui ad elencare per cui… se il prete pedofilo di turno stupra qualche bambino lui pensa “esticazzi anche del prete , mica sono figli miei”.
    Poi diciamo che , come sempre , il sonno della ragione genera mostri. Nella fattispecie i mostri che abitano nella testa di costui sono tanti e di varie specie , per cui credo che dovremmo compatirlo.
    Ma anche no.

    Rispondi
  2. Caffe

    Quando dico che l’unico prete buono è quello defunto, a parte rare eccezioni, non invito a sterminare questa iniqua razza di cornacchioni: evitiamoli, e facciamoli evitare dai nostri fratelli, Dio ce ne sarà grato.

    Rispondi
  3. faunita

    Peraltro, notare che per i ns. amici è “pedofilia” solo se ad essere violentato è un maschietto, posto che qualsiasi femmina, dai 2 ai 100 anni se viene stuprata se l’è in realtà cercato…

    Che poi molti molestatori di bambini abbiano a loro volta subito violenze nell’infanzia è roba di poco conto…. Dopotutto sono bambini, mica embrioni e, a quanto mi consta, i celeberrimi principi “non negoziabili” con cui i cattolici pugnaci ci frullano i cabasisi sono: no all’aborto e al testamento biologico, no alla convivenza e/o al divorzio, scuole solo cattoliche: principi direi basilari come non usare violenza ai bambini e alle donne, anzi non alzare le mani su alcuno…. Beh pare non siano ricompresi nell’elenco!

    Rispondi
  4. faunita

    Ciò detto, se per qualcuno predicare l’importanza dell’uso del profilattico è più grave che non violentare un bambino… Beh che dire, potrebbe chiedere a qualcuna delle numerose (e benemerite) associazioni che si occupano di contrastare questo fenomeno (Meter e Telefono Azzurro, ad esempio) quali effetti un abuso produca nei bambini, nelle loro famiglie ed in tutta la comunità…. O potrebbe leggere il libretto scritto da una delle vittime del mostro di Marcinelle, la giovane Sabine Dardenne, rapita un mattino d’estate mentre andava a scuola in bici a 12anni, imprigionata e seviziata per tre mesi da quell’essere abominevole. Io l’ho letto e ho pianto.

    Rispondi
  5. NikkoNikko

    Piano con i complimenti.
    Carlo Di Pietro non è un relativista è semplicemente un ignorante presuntuoso, e concordo, sicuramente pericoloso.
    Ignorante perchè ignora persino il significato di eretico.
    Presuntuoso perchè presume di sapere e impartisce lezioni a vanvera.
    Perchè accostare la pedofilia all’ignoranza? Che bisogno ne ha?
    Vuole sdoganare coloro che a suo giudizio sono il meno peggio?
    Ecco è il suo giudizio.
    La questione è che ques’essere ignorante è una nullità, sia in capacità di giudizio e sia in autorità di giudizio, è una nullita a tutto tondo punto.
    Spero che questa nullità d’individuo non senziente, vada quanto prima a cavar bauxite a mani nude in Guinea e di lui si perda anche la memoria.

    Rispondi
    1. adminadmin

      Abbiamo l’impressione che difficilmente si perderà memoria del Maldestro. Troppe le sue impronte sparse per Internet. E troppa la fama derivante dalle sue abilità come webmaster. Per non parlare poi della memoria affidata ai suoi innumerevoli libri di angelologia, demonologia, apologetica ed anche apologia.

      Rispondi
  6. Betta

    Di fatto, siccome in questi giorni, complice un’influenza che mi costringe a casa, gliene sto dicendo un bel po’, hanno smesso di rispondermi.
    E io insisto….

    Rispondi
    1. paopao

      non lo sapremo…MAI, almeno …
      non dall´animatore principale pontifeSSo che vive nello stesso rione e fa il finto tonto..

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_bye.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_good.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_negative.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_scratch.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wacko.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yahoo.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cool.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_heart.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_rose.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_smile.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_whistle3.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yes.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cry.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_mail.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_sad.gif 
https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_unsure.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wink.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/skull-400.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/trident.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/beer.gif 
 

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.