Volpastren, fidati, datti all’ippica … anzi no, meglio: ritirati dai frati trappisti.

Volpastren un nome una garanzia …. che siano castronerie quelle che dice. Analizziamole in buon ordine. Nell’articolo su Scilipoti ne caccia un’infinità, sì lo so mi ha preceduto admin, ma non resisto. Quasi ogni parola di Volpastren è una cavolata enorme:

(1) “Zitto zitto, quatto, quatto”: la seconda virgola non ci vuole. Sgrammaticato e asimmetrico. Se figurati, avrà capito asimmetrico? Va beh, speriamo

(2) “Incurante di chi se ne fa beffe, di chi lo insulta in modo razzista ed incivile…”: mica tanto. Ovviamente mancano le fonti di chi lo offende, ma in diverse occasioni Scilipoti s’è lamentato di queste offese per sostenere il fatto che il suo cambio di casacca non è dovuto a interessi personali, ma ad un reale senso di responsabilità che lo portano a subire di queste cose.

(3) “Qualche rozzo ha scritto che Pontifex è diventata l’agenzia stampa di Scilipoti”: so bene che ce l’hai con me, perché sono io che l’ho scritto, ma, Volpastren, sai anche bene che non facendo nomi e cognomi si può prendere il lusso di offendere rendendo più difficile la tua denuncia per diffamazione perché hai fatto un’offesa generica. Nemmeno il coraggio delle tue azioni hai. Pfui! Poi vai blaterando contro l’anonimato. Doppio pfui!!

(4) non è vero ma se anche fosse ne saremmo onorati: bene sappiamo che sei onorato di essere l’ufficio stampa di uno che non paga i debiti. Questo non fa di te una persona migliore, anche perché ci vorrebbe veramente ben altro per cancellare due anni di omofobia, razzismo ed antisemitismo sul tuo blog.

(5) Con pusillanimità senza pari, alcuni internauti hanno pubblicato la notizia di una presunta condanna ad una pena pecuniaria a carico di Scilipoti. Ecco, il metodo Boffo al rovescio; piena solidarietà all’onorevole: anche qua ce l’hai con me, ma dato che sei coraggioso come don Abbondio, non fai nomi. Dunque: la condanna non è presunta, perché la Cassazione effettivamente l’ha emessa. Il metodo Boffo/Mesiano riguarda personaggi che non sono pubblici, e comunque mischiando eventi reali e irrilevanti a eventi falsi. Una manipolazione della notizia che lo spettatore lobotomizzato/indottrinato non sa smontare, cosa capacissima anche per mia nipote di due anni e mezzo che è molto intelligente. Qua la notizia è vera e riportata non solo da me ma da agenzie stampa e quotidiani. Fai una bella cosa, col tuo amicone fraterno Scilipoti: se la notizia è falsa, perché non mi denunci? Ma a patto che denunci anche il Fatto Quotidiano, il Corriere della Sera, il Giornale, l’Ansa, SkyTG24, l’Unità e tutti coloro che hanno diffuso la notizia. Sono centinaia e centinaia di organi di stampa.  Lo dici solo tu, peraltro, che è falso: Scilipoti non smentisce. Anche se graficamente volevi farci credere questo inserendo la foto di Scilipoti come fai per tutti i suoi comunicati stampa. Ma la firma in calce è tua. Il tutto meno che non voglia essere definito come un coniglio e anche bugiardo. Di quelli che mentono sapendo di mentire. Questo è metodo Boffo. E’ fenomenale, peraltro, come ti premuri in poche ore di smentire una condanna di uno che non ti ha mai calcolato di striscio, e so che lo fai solo per interesse e visibilità, e non hai mai pensato di smentire negli ultimi quattro mesi le voci che ti chiedevano di smentire che fossi tu lo stalker di Murat.

(6) “Infine, un emerito immaturo, sulle colonne del nostro blog, insulta monsignor Bux al quale va tutta la nostra stima ed affetto. Le ingiurie e le impertinenze sono degne di chi non ha seri argomenti di discussione: beh dato che tu offendi gli omosessuali, gli ebrei, i musulmani, le donne e anche tutti gli autori di Pontilex, è ufficiale: non hai seri argomenti di discussione. Te lo sei detto da solo. Bravo Volpastren. Sono mesi che te lo diciamo in coro. Bravo. Come degna conseguenza, ritirati dai frati trappisti, quelli che si scavano la fossa ogni giorno e si salutano dicendo: Fratello, ricordati che devi morire!!! Proprio perché sei tu, accetteranno anche No prevalebunt.

 

p.s. Ho aggiornato l’album Ama il prossimo tuo secondo Pontifex.

3 pensieri su “Volpastren, fidati, datti all’ippica … anzi no, meglio: ritirati dai frati trappisti.

Rispondi a Sandro Annulla risposta