Il debosciato.

Già, quest’oggi ci tocca esordire con un titolo forte. Un titolo dai colori accesi. Accesi come le idiozie pubblicate impunemente da Brunello quest’oggi. Idiozie mascherate sotto la forma di una lezione di giornalismo. Brunello infatti ci illustra il “Metodo Volpe”.

Infatti eSSo quest’oggi dedica tempo ed energie a lanciare insulti verso Pao e verso FSM. Non ci prendiamo la briga di replicare puntualmente ogni singola orribile parola scelta dal caro Brunello. Prendiamo invece ad esempio del “metodo Volpe” un singolo articolo. Quello su Scilipoti. Già perchè il buon Brunello anche quest’oggi dedica la sua attenzione all’Hominiculus Scilipotiens. O meglio finge di farlo perchè in realtà Scilipoti è la scusa per lanciare, al solito, insulti verso di noi.

E come sempre Brunello sceglie la strada peggiore, la più impervia, quella che lo coprirà più di altre di guano.

Già perchè Foxy esordisce con affermazioni ridicole e poi prosegue il suo “articolo” con follie degne di uno schizofrenico. Deve essere una malattia molto diffusa attraverso lo sparuto gruppo dei tradizionalisti: ricordate l’evidente schizofrenia del CdP falso che venne qui lasciando commenti ed insulti? Ricordate la dura presa di posizione del vero CdP che si dissociò dalle affermazioni del CdP falso? Ecco, pensiamo di aver reso l’idea. Non sappia la mano destra quello che fa la mano sinistra…

Veniamo dunque alle parole di Brunello.

Zitto zitto, quatto, quatto, Scilipoti ha dimostrato il suo carattere. Incurante di chi se ne fa beffe, di chi lo insulta in modo razzista ed incivile, ha avuto il coraggio di dire no, assieme alla Mussolini, al governo massonico dei poteri forti.

Scilipoti, come la Mussolini e come la Lega dicono no al Governo Monti. Estigrandissimiquarzi!

Brunello gioisce. Noi non comprendiamo il suo giubilo. Legittimo, sicuramente legittimo. Ma incomprensibile. Incomprensibile come Brunello possa scrivere che questo governo è “massonico dei poteri forti”. Abbiamo già chiarito più volte l’argomento. Evidentemente eSSo non ci legge. Oppure lo fa distrattamente. O magari non capisce quello che scriviamo. Chissà quale delle ipotesi è quella che meglio spiega la cecità di Brunello? Chissà quale delle ipotesi offre una spiegazione adatta all’incapacità di Brunello di comprendere quanto contenuto nella nostra Costituzione?

Qualche rozzo ha scritto che Pontifex è diventata l’agenzia di stampa di Scilipoti. Non é vero, ma se davvero lo fosse, ne saremmo solo onorati.

E chi saranno mai i “rozzi” che hanno osato ipotizzare la trasformazione del bel sito Pontifesso in un megafono per i comunicati stampa di Scilipoti? Il “Metodo Volpe” prevede sempre lo stesso copione: negare l’evidenza e farsi passare sempre per vittime.

Noi ci limitiamo ad annotare la mistica e misteriosa apparizione sulle pagine Pontifesse, nell’arco di poche settimane, di una ventina di comunicati a firma dell’ufficio stampa di Domenico Scilipoti. Senza contare tutti i florilegi dedicato da Foxy allo Scilipotiens. Curioso poi notare come Brunello si definisce “onorato”… La semplice ipotesi che Scilipoti scelga il sito Pontifesso come strumento per emanare le sue castronerie su Internet lo manda letteralmente in brodo di giuggiole.

Prima inorridisce e nega, poi mellifluo si propone a Scilipoti. Probabilmente eSSo ritiene che l’ominicchio da Messina abbia bisogno di qualche altro tirapiedi o scagnozzo.

Potete verificare il numero di “comunicati stampa” di Scilipoti attraverso questa semplice ricerca con Google.

Oggi l’ Italia ha bisogno di gente come lui, hombres verticales y no pendejos. Con pusillanimità senza pari, alcuni internauti hanno pubblicato la notizia di una presunta condanna ad una pena pecuniaria a carico di Scilipoti. Ecco, il metodo Boffo al rovescio; piena solidarietà all’onorevole.

Ecco, dicevamo proprio poco fa che il “Metodo Volpe” prevede due cardini fondamentali. Ecco l’esempio del primo cardine: negare anche l’evidenza. Parla di “metodo Boffo”. E dimentica in cosa consiste il “metodo Boffo”. Qui nessuno ha cercato di sfruttare la vita privata di Scilipoti. Innanzitutto perchè Scilipoti è un parlamentare. Un parlamentare, come ogni altro personaggio pubblico, vede sacrificata parte della sua privacy. Se incontro Elisabetta Canalis che cammina in strada a Milano, io sono legittimamente autorizzato a scattarle una foto senza bisogno di chiedere autorizzazioni o liberatorie. Il metodo Boffo è anche il metodo Mesiano. Scattare foto ai calzini azzurri di un giudice, reo soltanto di aver inflitto una giusta condanna al padrone del mio giornale non è un chiaro esempio di giornalismo. Perchè Boffo e Mesiano non sono personaggi pubblici. Quindi portare “in piazza” i loro affari privati è un reato. Portare in piazza (dare visibilità) a notizie relative ad un personaggio pubblico invece è semplice cronaca.

Infatti non “qualche internatua” ma le agenzie di stampa tutte ed hanno dedicato spazio alla notizia della conferma in Cassazione della condanna di Scilipoti.

http://www.ilgiornale.it/interni/scilipoti_onorevole_pignorato/17-11-2011/articolo-id=557325-page=0-comments=1

http://www.corriere.it/politica/11_novembre_16/sciacca-scilipoti-condannato_d0817ecc-1042-11e1-a756-4c2fd73eac66.shtml

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2011/11/16/visualizza_new.html_638403562.html

http://247.libero.it/focus/19998867/10/cassazione-condanna-scilipoti/

Alla luce di questa breve rassegna stampa sulla condanna di Scilipoti potete ben comprendere quanto possa essere “verticale” (come lo definisce Brunello) l’ominicchio di Messina. E siamo certi che Pao saprà dipingere adeguatamente la colorita immagine che ci propone Brunello nel suo stentato messicano dei sobborghi.

Infine, un emerito immaturo, sulle colonne del nostro blog, insulta monsignor Bux al quale va tutta la nostra stima ed affetto.

Le ingiurie e le impertinenze sono degne di chi non ha seri argomenti di discussione.

E come sempre il caro Brunello non perde occasione per fare un poco di autocritica… Dopo la pletora di insulti, bugie e falsità che ha infilato in un singolo articolo, si scaglia contro chi, come eSSo stesso, insulta i propri interlocutori. Duplice personalità? Schizofrenia?

Ah cari amici Pontilessi, come deve essere difficile vivere in quel di Murat quando non si ha una colonna vertebrale!

L’esemplificazione del “Metodo Volpe” si trova qui di seguito:

http://pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/editoriale/il-fatto/9523-bravo-scilipoti-un-bel-colpo

15 pensieri su “Il debosciato.

  1. AlbertoBAlbertoB

    Anch’io sono in brodo di giuggiole a causa di Scilipoti : per il semplice motivo che ci siamo levati dalle palle anche questa ridicola mezza tacca , costretta ad emanare i suoi comunicati stampa su Pontifex dato che sulla stampa nazionale e alla tv non se lo fila più nessuno , come è giusto che sia , da quando il suo padrone Berlusconi è caduto in disgrazia.
    Dalle stelle alle stalle dunque. Anzi , dalle stelle ai trogoli.

    Rispondi
  2. Andrea Laforgia

    Cari pusillanimi senza pari, diciamoci la verità: Volpe non può essere vero. Dai, ammettiamolo: il suo è un sito costruito ad arte per dire bestialità, attrarre visitatori, fare traffico e vendere pubblicità. Dai, persone come Affus, Franco, Lucio, Aldo o lux non possono esistere veramente. Sarebbe come ammettere l’esistenza deli Houyhnhnms o degli Yahoo, dei Munchkin o degli Umpa Lumpa. Dai, come si fa, quando si è di fronte al bivio “cosa giusta” / “cazzata” a scegliere puntualmente la seconda? Dai, con l’apologia scilipotiana, Volpe s’è scoperto: è finto. Dai, chiamare “presunta condanna” la sentenza della Cassazione riportata da tutti i giornali svela le carte volpine: i pontifeSSi scherzano. Dai su. E dai.

    Rispondi
    1. AlbertoBAlbertoB

      Il problema è che i giornali bisogna leggerli , anche di sfuggita. Oppure guardare un telegiornale che non sia il tg1.
      I poveri ignoranti come Volpe si accontentano di fare zapping qui e là , peraltro non riuscendo a capire un cazzo di quelo che leggono/vedono.

      Rispondi
    2. Caffe

      Fingere così bene l’idiozia è fuori dalla portata dell’intelligenza dei comuni mortali, ne sono così convinto che, scommettendo su questo, sono pronto a bruciare la mia mano destra, come fece il buon Muzio; questi qui, non mentono ne simulano: sono proprio idioti conclamati, purtroppo non scherzano, e peggio ancora, sono tanti.

      Rispondi
  3. Marco Nettuno

    Posso esprimere la mia opinione? Il Volpe altro non sta facendo che tentare di crearsi un profilo da (almeno) semi-infermo mentale da sfruttare in tribunale qualora fosse chiamato a rispondere delle accuse mosse al BV stalker.
    Un qualsiasi perito psichiatra forense che legga i deliri mistici e persecutori giornalmente pubblicati, con una buona dose di ripetitività, dal nostro non potrà che ricondurli a una personalità disturbata, ancora lontana dalla schizofrenia, ma ben assimilabile a quadri psicopatologici in cui i sintomi comportamentali sottendano un disturbo paranoide.
    Freud diceva che la religione è una psicosi collettiva e la psicosi una religione individuale, mi sembra che il Volpe ne concentri splendidamente le due entità in se stesso…

    Rispondi
      1. Marco Nettuno

        Mi sorprende la sorpresa! Io sono a Torino, ma talvolta vedo che mi leggono come se arrivassi da Vibo Valentia o da Cagliari, deve essere perchè uso una linea aziendale.

        Rispondi
        1. adminadmin Autore articolo

          Ouch … si direi che hai centrato il punto. Torino non è lontana da Firenze o Bologna… Qualora volessimo organizzare un meeting Pontilesso. 😀

          Rispondi
    1. Andrea Laforgia

      Ma porca miseria, lo sai che potresti avere ragione? Non ci avevo pensato a questo. Quasi quasi ti uccido per appropriarmi della tua deduzione. Insomma, fa lo scemo per non andare alla guerra. Può essere. Che volpe ‘sto Volpe!

      Rispondi
      1. Marco Nettuno

        Il tentativo è un po’ goffo, sicuramente non supererebbe l’esame di uno psichiatra smaliziato (e con questo escludo in un botto fra Meluzzo Meluzzi e “O animale” Bruno), però secondo me ci starebbe, vista la comunque patente pochezza del personaggio.
        Per quanto riguarda la paternità della deduzione, appropriatene pure, non vorrei che ne nascesse una coorte di martiri di Volpe.

        Rispondi
    2. paopao

      beh ma non c´e´bisogno che si sforzi cosí… basta far leggere ai periti uno o due pezzi scelti dell´illustre giornalista di fama internazionale e la semi-infermitá gliela danno subito..! ):D

      Rispondi

Rispondi