La preghierina di Brunello…

Il risveglio ci porta in dono una sorpresa assai gradita. Con l’inizio dell’Avvento (almeno secondo il rito Romano, dato che nella diocesi di Milano questo Tempo è iniziato da un paio di settimane) si risveglia il fanciullo che si annida all’interno dell’ostico ed incomprensibile Brunello. E come ogni bambino, prepara la sua letterina con l’elenco dei balocchi che sogna di ricevere in dono. Occorre ricordare al caro Foxy che Gesù Bambino, San Nicola (l’antenato di Babbo Natale) e Santa Lucia premiano solo i bambini buoni. Quindi dubitiamo fortemente che BV (lo stalker di Murat) possa ambire a ricevere qualche dono. Chissà se Brunello nostro riceverà quanto desidera.

Passiamo in rassegna dunque i pensierini espresso dal nostro amato giornalista in fasce.

Cara  Chiesa, lascia stare la sociologia, la politica e le diavolerie moderne. Pensa alle anime, per questo sei nata.

Ma Brunello, sfondi una porta aperta: ci uniamo alla tua richiesta. La Chiesa smetta di ficcare il suo becco ingombrante all’interno delle discipline che tu, Brunello, definisci “diavolerie moderne”. La Chiesa ed i suoi obbedienti fedeli la smettano di propagandare idee deliranti ed antiscientifiche (come il creazionismo, il geocentrismo, le terapie riparatorie e tutte le altre stupidate correlate). Lascino agli esperti il compito di parlare delle “diavolerie moderne” ed accolgano quanto dichiarato dagli esperti, indipendentemente dalla loro fede religiosa.

Ed hai ragione quando affermi che la Chiesa dovrebbe lasciar stare la politica. Dunque finiscila di parlare come un pappagallo di “Cristo Re” distorcendone ad arte il significato. Quando racconti le tue frottole sulla dimensione temporale del suo regno, porti solo danno e dileggio alla Chiesa a cui ti rivolgi nella tua letterina.

Cara  Chiesa, fai che i tuoi ministri siano santi ed umili, poveri e disponibili per le confessioni. Spesso i confessionali sono vuoti di penitenti e di preti, deputati ad amministrare i sacramenti e non a presentare libri o andare in Tv.

Bravo, Brunello. Ammiriamo questa tua presa di posizione ferma contro quello strazio dei sacerdoti che perdono tempo per i loro capolavori letterari, sprecando poi tempo per andare in TV a presentarli. Basta ai tour in giro per l’Italia: che stiano a casa loro, badando alla loro parrocchia. Basta sacerdoti multimediali. Gli si levi pure Internet. Si dedichino solo alla liturgia ed al catechismo, non ai siti internet. Basta ai sacerdoti politicizzati (riprendendo dunque quanto hai affermato nel tuo primo pensierino) che come triglie si fanno riprendere agli eventi organizzati dai partiti, grandi o piccoli che siano!

Bravo Brunello! Questa tua ferma condanna dell’operato di Don Strazy ci lascia sperare che, in futuro, non vedremo più sul sito Pontifesso, recensioni dei suoi libri, cronache dei suoi tour, articoli a sua firma. Questa tua ferma condanna ci lascia immaginare che in futuro non saremo costretti ad ammirare Strazy che evita i giornalisti perchè deve andare a fare (speriamo) pipì. Ed ovviamente vogliamo sperare che d’ora in avanti Strazy vorrà evitare i tour in Sardegna o le visite ai convegni angelologici oltre che tutte le sue comparsate in TV. Dalla Panicucci, poi!

Fa anche che i confessori siano degni del loro Ministero e non assolvano i peccatori non contriti e non pentiti, solo per apostata spirito buonista.

Bravo Brunello! Scagliati con noi contro quei sacerdoti che si sono affrettati a giustificare in ogni modo chi ha concesso a Silvio Berlusconi (con tutti i suoi trascorsi e le sue note vicende) di accostarsi al Santo Sacramento dell’Eucarestia!

Cara  Chiesa, torna alla tua povertà materiale e spirituale, perché spesso dai la sensazione di pensare al materiale e non alle cose di lassù. Il materiale, San Paolo lo chiama spazzatura.

Bravo Brunello! Tu sei in prima linea: la tua povertà spirituale è nota. Sei l’avanguardia cristiana. Complimenti. Ci fa piacere poi notare che anche San Paolo parla di noi. Grazie! 😆

Cara  Chiesa, cambia marcia sulle omelie dei tuoi pastori (non tutti, ovviamente): spesso sono lunghe, inconcludenti, anti cattoliche, rabberciate e non coerenti; perché non studiano, non si preparano a dovere in settimana, con tanti impegni mondani, o se studiano usano testi sbagliati e maestri pagani.

Bravo Brunello! Scagliati come un ariete, a testa bassa, contro i sacerdoti che usano catechismi obsoleti. Riprendi e correggi i comportamenti di chi semina discordia e zizzania nel corpo della Chiesa. Condanna coloro i quali non sono ancora in comunione con Roma. Perchè, come hai affermato più volte, tu sei in fedele a Roma!

Potremmo continuare a lungo, ma diciamo: cara  Chiesa, non è che, gratta gratta, Monsignor Lefebvre, aveva ragione su tante cose?

Ma come, Brunello. Non abbiamo appena detto che sei fedele a Roma? E tu ci smentisci così impunemente? Mi pare ovvio che Lefebvre non possa avere ragione (visto che è stato ad un passo dall’apostasia e tutt’ora i suoi fedeli non sono in comunione con Roma, come ampiamente documentato e dettagliato in passato attraverso gli interventi di Simone). Vuoi forse dire che non pensavi a Don Strazione quando ti scagliavi contro i sacerdoti che fanno omelie pallose e che non sono attenti alla vita della loro parrocchia, distratti dalla produzione di libri e dalle apparizioni televisive? Vuoi forse dire che allora viene meno anche il tuo incipit in cui ti scagli contro la Chiesa che si impiccia di politica, sociologia e “diavolerie moderne”?

Vuoi dire che ci hai illuso fino ad ora?

Buon Avvento a tutti, auguriamoci che serva davvero a prepararci ad accogliere il Salvatore.

Brunello trasferisciti a Milano: loro si stanno preparando da un paio di settimane ad accogliere il Salvatore. Saranno sicuramente più pronti di te ad accoglierlo. Magari senza sbattergli la porta in faccia perchè “beduino”.

Non poteva ovviamente passare un giorno senza un tuo pensiero dedicato a noi:

Buon Avvento anche a chi offende da siti immondi, il giorno del giudizio arriverà anche per Voi.

E confermando la tua vocazione al masochismo concludi in questo modo il tuo “articolo”.

Buon Avvento anche a chi strafalciona in grammatica.

Ci tocca ricordarti le regole fondamentali della buona educazione: così come non è educato lodarsi, non è elegante farsi gli auguri. Comprendiamo la tua particolare situazione, comprendiamo la solitudine ed il poco affetto che ti circondano. Ma arrivare a farti da solo gli auguri ci pare davvero eccessivo. Infatti concludi la tua letterina in maniera chiara ed inequivocabile, confermando questa nostra supposizione.

Buon Avvento alla lui o alle lei che il Signore la o lo abbia in gloria. Rispenda su di lei o lui la luce perpetua.

Che dire, Foxy? Non passa giorno senza che tu ci proponga un tuo EPIC FAIL. Grazie di esistere, Brunello!

La fonte dell’orrore: http://pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/opinioni/laici/9609-buon-avvento-a-tutti-piccola-lettera-di-natale-alla-chiesa-cattolica

15 pensieri su “La preghierina di Brunello…

    1. FSMosconiFSMosconi

      Il fatto è che se rispende vuol dire che qualcuno ha speso prima: che la luce si sia fulminata tempo or sono o il nostro ha smesso per un po’ di tempo di pagare la luce? 😀

      Rispondi
  1. AlbertoBAlbertoB

    Buon Avvento anche a chi offende da siti immondi, il giorno del giudizio arriverà anche per Voi

    Tranquillo Volpe , che arriverà anche per te… e allora si che saranno cazzi amari 😀
    Giustizia divina si , ma prima magari quella civile e penale 😀

    Rispondi
  2. adminadmin Autore articolo

    La7 ha appena mostrato immagini che indurrebbero qualsiasi persona dotata di buonsenso a vergognarsi e nascondersi.

    Scilipoti con Alfonso Luigi Marra. E come se questa coppia non fosse sufficientemente imbarazzante, ai due si è unita l’olgettina Sara Tommasi.

    I tre si scagliano contro il .. SIGNORAGGIO!

    Marra ci mette la sua faccia (e le sue follie), Scilipoti ci mette la sua capacità di far parlare (bene o male, l’importante è parlarne), la Tommasi avrebbe dovuto metterci le sue grazie, spogliandosi. Non l’ha fatto (per fortuna) ma non vedo l’ora di vedere le immagini di Scilipoti seduto con al suo fianco la Tommasi che sfoggia le sue autoreggenti sotto la minigonna… 😀

    http://libero-news.it/news/877400/Scilipoti-Marra-la-strana-coppia-Un-partito-contro-le-banche.html

    Vi prego, svegliatemi dal sogno. Già immaginiamo prossimi articoli di Brunello che si scaglia contro la Tommasi salvo poi scomparire per qualche mese, mentre -per pura coincidenza- compariranno nuovamente notizie sulla stampa che raccontano di molestie ai danni di una nota soubrette che hanno portato all’arresto per stalking di tale BV, residente nel quartiere Murat! 😉

    Rispondi
    1. Gianfranco Giampietro

      Marra… ma come cavolo si fa ad avere il coraggio di avere a che fare con un personaggio così ridicolo ?! Cosa c’è di peggio ? Forse il “mago” Otelma…

      Rispondi

Rispondi