La coda di paglia…

Brunello, ormai in perenne carenza di argomenti intelligenti da trattare, arriva al punto di dedicarci quasi interamente un “articolo”. Curioso osservare che ogni “articolo” affronti sempre svariati argomenti (non succede mai una volta che Brunello affronti un tema e lo svisceri compiutamente da cima a fondo all’interno di un pezzo). Spesso si ha l’impressione che si tratti di pensieri annotati su un foglio di carta da una mano incerta, che vengono poi trascritti in diversi “articoli” da parte di un webmaster che ha come unico obiettivo il raggiungimento del “goal”: sbattere online 10 “articoli” ogni giorno. Ed ogni mezzo è lecito, quindi se serve, si può spezzettare i pensierini di Brunello in più “articoli”. Ma questa è ovviamente solo una nostra impressione, derivante anche dal contenuto delle mail che Brunello ci ha inviato in passato.

Veniamo ai latrati di quest’oggi, visto che ci riguardano direttamente. Da qualche parte, non meglio identificata, un lettore Pontifesso si è sentito apostrofare come “pedofilo” da qualche altro lettore Pontifesso. Chi era destinatario dell’insulto non è chiaro. Così come non è chiaro chi abbia indirizzato all’altro l’insulto. Come sempre dobbiamo fidarci delle affermazioni di Foxy. Anche ammettendo che la cronaca proposta da Brunello sia fedele (cosa di cui siamo portati a dubitare, in mancanza di prove), non si comprende la ragione della seguente flatulenza, che andiamo testè a riportare.

Con ogni probabilità, questa perla viene da quel mondo ateo e gay, tanto vicino a siti cloaca e discarica che ammorbano la rete.

Beh detto dal “giornalista” che si firma come “direttore” di quella fabbrica dell’odio e del letame che è il sito Pontifesso, ci pare davvero ridicolo. Ma vediamo di chi si parla.

Che cosa ci vuole fare, caro amico, dobbiamo sopportare e mi domando sino aquando?

Anche noi ci domandiamo “sino aquando” 😆

Sin quando esisteranno elementi a dir poco vili che si trincerano dietro siti californiani, dietro paraventi e nomignoli, mai disposti a dire chi sono. E’ tipico del vigliacco non firmarsi e questi soggetti tali sono, vigliacchi, che in altri regimi meno tolleranti, ma più efficaci per l’ordine pubblico, avrebbero preso un bel treno.

Questa frase trasuda una quantità di ignoranza incommensurabile. E ci descrive una personcina che, oltre ad essere profondamente ignorante (perchè ignora le norme e le regole di Internet oltre che le leggi del nostro Stato), è anche presuntuosamente convinto di possedere il Verbo. Oppure di essere posseduto da eSSo.

Il nostro piccolo sito Pontilesso, che per vivere non si basa sulla pubblicità, sulle donazioni o sulla questua, è ospitato presso un fornitore californiano. La scelta di questo provider è dipesa principalmente dal vantaggio economico: Aruba (che ospita il sito Pontifesso) non offre le stesse caratteristiche techiche offerte dal nostro provider californiano. E non pratica gli stessi prezzi. La concorrenza molto serrata tra i fornitori americani ci consente l’accesso a tariffe vantaggiose. Ma ovviamente Brunello non è in grado di capire che questa libertà deriva dalla natura stessa di Internet. Egli non ha assolutamente idea di cosa sia Hotmail. E probabilmente non ha minimamente coscienza del fatto che il suo indirizzo di posta non è certo ospitato qui, in Italia. Quindi eSSo predica bene ma razzola malissimo, per colpa della sua profonda, abissale e mostruosa (quasi criminale) ignoranza.

Similmente predica bene e razzola male quando pubblica sul suo sito i contributi di Gladiator (possiamo sapere il suo nome e la sua qualifica?) oppure di “T. Di Girolamo” (chi è costui?) proprio mentre ci accusa di nasconderci dietro paraventi e nomignoli. Poi in un rigurgito “tradizionalista” ci augura quanto di meglio ha prodotto, nella sua mente, il fascismo: la deportazione.

Commenti provenienti sempre da nomi utenti diversi, ma con unico indirizzo IP fastweb. Peccato. Questi soggetti sono la zizzania nel campo di cattolici pacifici e sereni che vogliono commentare, pur nelle ammissibili diversità, alcuni articoli ed opinioni.Siamo davanti all’arroganza dei gay, degli sballati, di chi odia il mondo.

A noi pare di essere davanti all’idiozia di un ignorante. E non ci riferiamo all’autore dei commenti Pontifessi. No no ci riferiamo proprio a Brunello che ignora il funzionamento stesso della rete di Fastweb. Ed ignora l’esistenza di NAT ed altri strumenti tecnologici. E nuovamente ci tornano alla mente le “lezioni” che il sapientino Carlo Di Pietro ci voleva impartire circa gli strumenti per moderare i commenti… C’è poco da dire: la moderazione Pontifessa è un vero delirio. Ed è inutile. Ma a loro piace così… Curioso poi notare come l’orda dei moderatori Pontifessi non riesca a competere con l’esiguo numero di persone che moderano i commenti qui su Pontilex. Eppure non ci sembra che la quantità di commenti presenti sul sito Pontifesso sia così diversa da quella che compare sul nostro piccolo sito.

Brunello parla, autocelebrandosi, di zizzania. Infatti è proprio lui, con le sue parole, a gettare zizzania nel campo dei cattolici pacifici e sereni. E’ lui che si dichiara fedele a Roma-ma. Dove il secondo “ma” è ovviamente l’opportuno distinguo su GPII oppure sul CVII. E’ Brunello che incessantemente ripropone le parole, le gesta, le opere dei Lefebvriani (che, ricordiamo per i distratti, sono tutt’ora lontani da Roma). Ed è sempre Foxy che odia tutto il mondo che lo circonda, compresa la mammina barese colpevole di aver messo una zucca di plastica tra le mani del suo bimbo di 3 anni.

Se Brunello fosse una persona seria (ed il periodo ipotetico è quantomai obbligato), si limiterebbe a pubblicare con chiarezza l’indirizzo IP di provenienza dei commenti sgraditi. Ed evidenzierebbe gli stessi in modo da consentire a tutti di chi si parla. Invece -come solito fare- rimane nel vago. Non porta prove, non porta informazioni utili. Evidentemente gli piace muoversi nel sottobosco. Come fanno i lombrichi che, notoriamente privi di spina dorsale, sono costretti a strisciare o scavare sottoterra.

Credo che usare violenza anche fisica nei loro riguardi sia male, tuttavia se le cercano e se a qualcuno poi passa la mano, eccoli a piagnucolare (situazioni violente che comunque noi condanniamo all’ennesima potenza).

Bugiardo! Tramite le parole dei tuoi emeriti sei arrivato ad augurarti la non-nascita per Vendola. E sei arrivato ad ipotizzare un suo picchiaggio in qualche via oscura di Roma! Bugiardo ed ipocrita! Se sei contrario alla violenza fisica contro qualcuno, sei contrario e basta. Senza “se” e senza “ma”! Sei un ipocrita con i tuoi “tuttavia”!

Loro no, non servono a nulla, solo ad infangare la reputazione altrui con calunnie ed insulti.

Roba da siti di 5000 visitatori al mese, sul quale scrive una o un “saccente professore” che presume dare lezioni di lingua spagnola, un tale che si auto esalta quale amministratore, ma di che cosa.

“Loro” chi? Di chi parli, Bruno Volpe? Sii chiaro, perchè noi non comprendiamo a chi tu stia facendo riferimento. Parli forse di noi, visto che Pao (che definisci “una o un”, non avendo ancora compreso la semplice realtà) corregge il tuo spagnolo proprio dal nostro sito? Parli forse di noi visto che proprio ieri ti ho scritto una mail per avvisarti che le informazioni pubblicate sul tuo schifoso sito sono false (quando parli di 5000 visite all’anno)?

Sei davvero un coniglio perchè non indichi espressamente che con questo tuo articolo stai rettificando le informazioni false che avevi precedentemente diffuso. Sei davvero una vergogna per il genere umano! Ed anche per i leporidi!

Chi si “esalta”? Parli forse di me? Cosa intendi per “esaltarsi”? Riesci a formulare un pensiero completo? Soggetto, verbo, complemento oggetto. Magari qualche aggettivo diverso dai dispregiativi che usi sempre abbondantemente. Su dai, non è difficile. Lo sanno fare anche i miei bimbi. E sono alle elementari. Penso che anche tu, un 50enne del quartiere di Murat, che ti firmi “avvocato” e “giornalista” potresti essere in grado di formulare pensieri chiari. Sono sicuro che sei capace di scrivere meglio. E ti consiglio di farlo, altrimenti confermerai le voci che ti descrivono come un ignorante (perchè ignori l’italiano oltre che lo spagnolo).

Questo é il portato di una generazione nata nel dopo Concilio, tra spinelli e sballo.

Non ci risulta che il CVII inviti i fedeli allo sballo oppure a drogarsi. Abbiamo l’impressione che tu abbia fatto confusione tra il CVII e l’ultimo cinepanettone dei fratelli Vanzina! E poi sarebbe carino individuare il nesso causa-effetto tra il CVII e siti come Pontilex. Ma sappiamo che sarebbe troppo per te rispondere in maniera compiuta, quindi lasceremo cadere questa domanda nel vuoto!

La fonte delle sciocchezze:

http://pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/editoriale/il-fatto/9342-quando-entra-la-zizzania

 

1 pensiero su “La coda di paglia…

  1. giuxgiux

    io ho una teoria sul fatto che sente puzza:
    ipotesi:
    1) gli piace lo scat
    2) nessuno gli pulisce la casa
    3) non si lava
    4) soffre di chetosi
    A scelta …. io un idea ce l’ho 😀

    Rispondi

Rispondi