Brunello, il tuttologo.

Quest’oggi il nostro caro Foxy mette all’opera la sua nota laurea in tuttologia (e quella, ad honorem, in nullologia) e disserta rapido ed agile, saltando di palo in frasca e spacciando per vere nozioni che sono invece palesemente false. Insomma, tutto come al solito.

Il buon Brunello nostrano torna ad estrinsecare il suo inutile parere sugli eventi di Potenza e sul processo contro Daniele Restivo. Già, Foxy ci parla dei recenti fatti di cronaca che coinvolgono il vicino di casa di Carlo Di Pietro, quello che era solito arrampicarsi sui pali blu. E ci offre questa rara perla di saggezza.

La chiesa diocesana non é stata ammessa quale parte civile nel processo a carico di Restivo.

La motivazione: chiesa poco diligente.

Ma che cosa doveva fare il Vescovo, dirigere le indagini che toccano al Pm?

Intanto si apprende che il telefono del Vescovo, monsignor Superbo, era sotto intercettazione.

Indubbiamente il Vescovo é una persona normale come tutti, ma che si arrivi ad origliare le conversazioni di un Vescovo, é troppo.

Piena solidarietà sia a Superbo che ad Appignanesi, suo predecessore.

Certune affermazioni sembrano proprio volerci convincere che Bruno Volpe non conosca neppure BV, lo stalker di Murat. Già perchè risulta comprensibile anche ad un tordo che l’accusa mossa dalla procura alla curia di Potenza è ben precisa: la curia non può costituirsi come parte civile (cioè come parte offesa all’interno del processo) perchè ha evidentemente fallito nell’adempiere ad uno degli obblighi dettati dalle regole del vivere civile: vigilare sui propri edifici. Edifici all’interno dei quali è stata trovata la povera Elisa (o meglio quello che ne resta). Dato che esistono ipotesi di depistaggio che vedono coinvolta forse proprio la curia, risulta impossibile accettare la richiesta della curia di costituirsi come parte offesa. Infatti, come riportano tutti i giornalisti professionisti (e quindi non certo il dilettante Brunello) il giudice «ha riscontrato una potenziale conflittualità con le nuove indagini in corso sul ritrovamento del cadavere».

Troviamo dunque imbarazzante che un ex avvocato come Brunello si permetta di scrivere frasi come quelle riportate qui sopra. Evidentemente ha scordato gli elementi fondamentali di questa sua precedente professione. Nessuno vuole affidare le indagini alla curia. Anzi, proprio perchè i PM in questi anni hanno indagato ed hanno accumulato elementi frutto delle indagini, iniziano ad esserci dubbi su quanto accaduto e su quanto dichiarato da molti testimoni. Molte persone iniziano a nutrire fondati dubbi circa il fatto che in tutti questi anni qualcuno abbia voluto coprire Daniele Restivo. E secondo qualche ipotesi, potrebbero essere coinvolte anche persone legate alla curia.

Sicuramente non depone a favore della curia la scoperta, fatta proprio dagli inquirenti, che la curia stessa abbia taciuto alcuni dettagli, come ad esempio i numeri di telefono intestati ad altri ma usati dal vescovo e dal sacerdote brasiliano Wagno per parlare tra di loro al riparo, che coincidenza, dagli inquirenti. Vi suggeriamo di approfondire l’argomento attraverso il seguente link.

http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/notizia.php?IDCategoria=2700&IDNotizia=468908

Circa le intercettazioni: il caro Foxy deve prendere una posizione chiara ed univoca. Se eSSo ritiene che le intercettazioni siano uno strumento utile alle indagini (senza “se” e senza “ma”) allora la finisca di esprimere solidarietà alle varie personalità che periodicamente assurgono alle luci della cronaca come indagati ed intercettati. Conoscendo il “soggetto” sappiamo che è impossibile per eSSo comporre un pensierino senza infilarci qualche “tuttavia” e l’inevitabile distinguo.

Altro giro, altro regalo!

La Borsa ha ruzzolato nel giorno successivo alla crisi di Governo annunciata. Anche il benedetto differenziale é alle stelle, come i trigliceridi dopo una cassata siciliana. Ma occorre fare una domanda. Gli scienziati anti Berlusconi avevano detto che bastava solo l’accenno alle dimissioni del premier per ridurre lo spread e direi che sono stati smentiti. Il problema finanziario non é Berlusconi, quanto una congiuntura internazionale diabolica che ha preso di mira l’Italia e oggi potrebbe governare il paese anche Spider Man e l’esito sarebbe uguale. Piuttosto, colpisce la superficialità di certi analisti da strapazzo e la loro astiosità politica già smentita. Quasi certamente la Borsa nei prossimi giorni salirà per normale rimbalzo tecnico e i barbagianni anti Cav gonfieranno il petto. Una cosa é certa: la situazione finanziaria butta molto male e ci vuole massima calma per gestire le cose.

Brunello sembra non voler comprendere la semplice realtà delle cose: la fiducia del Mondo intero nei confronti di Silvio Berlusconi è a zero. Ormai nessuno si fida più delle sue promesse. L’universo non attendeva le solite promesse da marinaio del venditore di pentole di Hardcore. Basta promesse. Fatti! E per l’ennesima volta Berlusconi ha dimenticato di coniugare l’azione alla parola. Ed i mercati hanno punito la sua ennesima promessa.

Tralasciamo il solito embolo diabolico (deve essere veramente frustrante osservare il proprio figlio che ha paura della sua stessa -diabolica- ombra, massima solidarietà alla povera madre di Brunello) per concentrarci su di una frase che riteniamo frutto di una inconsapevole illuminazione. L’abbiamo evidenziata con il grassetto. Ci vuole massima calma per gestire l’attuale situazione di profonda crisi. Calma che Silvio Berlusconi non può avere, coinvolto in mille processi, preoccupato per le sue stesse aziende (che ieri hanno subito, in borsa, un vero tracollo). Insomma Brunello stesso ci suggerisce la ragione fondamentale per cui si rivela fondata l’affermazione dell’Economist di molti anni addietro.

Berlusconi is unfit.

Saltando nuovamente di palo in frasca, all’interno dello stesso “articolo” il caro Foxy dedica una riga ai suoi affezionati lettori.

Una domanda: ma se siete contrari, se odiate Pontifex, che cavolo lo leggete a fare?

Beh le risposte sono svariate e sono sicuro che tra i commenti del bellissimo sito Pontifesso non mancheranno interessanti spunti di riflessione. Per quanto ci riguarda troviamo che la lettura delle castronerie Pontifesse sia un interessante esercizio di razionalità e ragionevolezza: leggere le pagine Pontifesse ci costringe a restare razionali e ragionevoli, replicando con la mente (e non con il cuore) alle porcherie ed alle offese intellettuali che quotidianamente provengono da quel sito. Ginnastica per il nostro autocontrollo. E poi ci fa tanto ridere leggere l’abisso culturale e civile in cui si sprofonda ogni giorno di più il sito Pontifesso.

Abbiamo aperto il nostro post con l’annuncio di nozioni palesemente false. Vi offriamo un rapido esempio. Scrive infatti eSSo:

Lo chiediamo a don Pierino Gelmini.

Piero Gelmini non è più sacerdote da diversi anni. Risulta infatti che il Gelmini sia stato dimesso dallo stato clericale nel 2008. Che l’esito sia frutto di una esplicita richiesta del Gelmini o sia frutto di una scelta del Vaticano, poco importa. Foxy ricordiamo ancora l’enfasi con cui avete pubblicato le parole di Bazzato. Ricordiamo ancora l’astio con cui vi siete scagliati contro Paolo Spoladore, ridotto allo stato di laico di recente. Possibile che proprio tu, Brunello, non sia a conoscenza del fatto che anche Piero Gelmini non è più sacerdote? Similmente a quanto avete chiesto (per tramite del Bazzato) per Donpa, occorre evitare di accostare il termine “don” al nome del Gelmini. Quindi rattoppa immediatamente il tuo articolo, per non portare confusione tra i fedeli! Gelmini non è sacerdote da anni; nessuno ti ha avvisato. Lo facciamo noi. Fraternamente ti correggiamo.

Tutto il resto dello sproloquio gelminiano ci lascia del tutto indifferenti. Basta guardare il video seguente e leggere l’opportuna pagina di Wikipedia per capire la “statura” dell’ometto Gelmini. Non occorre neppure citare le accuse infamanti che lo vedono coinvolto in processi recenti. La sua storia ci basta.

http://it.wikipedia.org/wiki/Pierino_Gelmini

Parliamo ancora di notizie false. Parliamo ovviamente delle castronerie che Brunello estroflette quotidianamente su Vendola. Quest’oggi la “pietra dello scandalo” è il viaggio di Nichi in Cina. Leggiamo cosa riesce ad inventarsi Brunello pur di gettare fango sul governatore della Puglia.

Il Governatore della Puglia é andato in Cina per cercare rapporti commerciali con quella terra, la stessa che ci sta facendo fuori. Inutile dire, che é andato in “vacanza” a spese dei pugliesi, alla faccia della sobrietà.

Vacanza? Brunello ha prove che sostengano questa sua ipotesi? Se ne ha, che le mostri, altrimenti si configura la diffamazione a mezzo stampa. Vendola non è andato in vacanza. Vendola da mesi lavora alla creazione di rapporti commerciali con alcune regioni della Cina. E non è certo solo, visto che anche altre regioni collaborano con la Puglia. Citiamoad esempio l’Emilia Romagna, la Toscana, le Marche ed il Veneto. Curioso notare che il viaggio di Vendola viene etichettato come “vacanza” mentre il viaggo di Silvio Berlusconi in Cina sia passato completamente sotto il “radar” dei nostri cari amici Pontifessi. Eppure giusto un paio di mesi addietro il nostro mini-presidente del coniglio si era affrettato a correre in Cina per chiedere sostegno ed aiuto ai “comunisti”. Possibile che gli amici Pontifessi non si siano accorti di nulla?

http://www.agoravox.it/Berlusconi-chiede-aiuto-alla-Cina.html

Trascurando per un attimo l’evidente distrazione del caro Brunello (o forse la sua morbosa attenzione nei confronti di Vendola che lo rende inconsciamente cieco nei confronti delle altre notizie) ci concentriamo sul vero “cuore” della notizia, secondo il caro Foxy:

Vendola ha annunciato gongolante che Bari ospiterà un centro di confucianesimo. Dunque il gay gentile, al posto di portare denari, importa idee apostate. Chissà come saranno felici i pugliesi nel sapere che non si prevedono particolari benefici lavorativi, ma avranno una sede dove pregare Confucio.

Beh Vendola è il governatore della Puglia. Il suo compito non è certo quello di aprire filiali cinesi delle aziende pugliesi. Il suo compito è di creare un terreno fertile all’interno del quale gli imprenditori Pugliesi possano costruire relazioni economiche. Riteniamo che offrire mille metri quadri all’interno di una primaria fiera in terra di Cina affinchè gli imprenditori pugliesi possano mostrare le loro potenzialità sia un bel modo per creare questo terreno fertile. Certo, non basta lo stand alla fiera. Ma è un inizio.

Siamo certi che si tratta di una coincidenza, ma ci piace notare che l’impegno di Vendola è volto a creare opportunità economiche in settori come l’ecologia, l’energia, l’ambiente… Settori all’interno dei quali si muove, anche se diagonalmente, pure il mitico zio Pietro (il “Cetto” tanto menzionato in passato dal caro Foxy) e la sua azienda di servizi. Vuoi mica vedere che Brunello si prepara ad una nuova offensiva su questo tema?

Scrive poi il caro giornalista dilettante di Murat:

Tuttavia, vista l’enfasi con la quale Vendola, con possibile spreco di denaro pubblico, annuncia la pacchia di Confucio a Bari, é da pensare seriamente che proprio cattolico non sia.

A noi risulta che il Centro Confucio verrà sostenuto proprio dalla provincia di Guandong. Non è chiaro in cosa consista questo sostegno. Ma troviamo quantomeno infamanti le accuse (prive di documenti a sostegno) proposte da Brunello. Ci risiamo: puro fango. Pura diffamazione. Speriamo solo per Foxy che Vendola abbia di meglio da fare che leggere le nostre pagine. E speriamo per Brunello che il suo padre confessore sia magnanimo con chi giudica gli altri. Altrimenti potremmo non ricevere notizie di Foxy per lungo tempo, impegnato come sarà a recitar Pater e Gloria mentre stringe il cilicio.

Signori, Vendola é questo: un sostenitore di Confucio, naturalmente con i soldi degli altri.

Si con i soldi dei cinesi. Dispiace? Non piace? Dispiace a noi che a Brunello non piace. Ma se ne faccia una ragione. La regione Puglia è laica. Quindi non appoggia una sola fede o religione.

Chi volesse approfondire le ragioni del viaggio di Vendola in Cina può trovare qui qualche utile notizia.

http://www.ilpaesenuovo.it/index.php/regione/attualita/25184-vendola-in-cina-doppia-missione-istituzionale-ed-economica.html

Il seguente link offre invece l’opinione della Regione Puglia sul centro Confucio.

http://www.regione.puglia.it/index.php?page=pressregione&id=11685&opz=display

Come concludere questo nostro post? Quanta pazienza serve con il caro Brunello… Quanta pazienza!

 

http://pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/editoriale/il-fatto/9417-borsa-ko-senza-berlusca-intercettato-il-vescovo-di-potenza

http://pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/interviste/religiosi/9416-sinistra-italiana-incompatibile-con-i-valori-cattolici-vescovi-non-fatevi-imbrogliare

http://pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/editoriale/esteri/9415-cina-vendola-importa-confucio

25 pensieri su “Brunello, il tuttologo.

  1. Gianfranco Giampietro

    Pregare Confucio? Ovviamente Bruno Volpe come al solito spara a zero su una cultura e su una “religione” (il confucianesimo non è una vera e propria religione, non secondo i canoni occidentali e mediorientali) di cui non sa e non capisce nulla (magari pensa persino che Confucio sia una divinità cinese)… Credo che Volpe dovrebbe essere il primo a visitare quel centro a Bari… Ah, poi ovviamente chi legge o nutre interesse per una filosofia orientale non può essere cattolico… insomma, come dire che Gandhi non poteva essere vero induista perchè aveva letto la Bibbia…

    Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      Mi sovviene un dubbio: ma esiste qualche qualche argomento su cui il buon Brunello può esprimersi con competenza e cognizione di causa? Fino ad ora apparentemente eSSo ha rimediato solo pessime figure ad ogni sua esternazione. Gli esempi sono innumerevoli e ci sembra eccessivamente perfido elencarli nuovamente tutti…

      Rispondi
  2. diego

    I cattolici (quelli veri) dovrebbero andarsene dalla Puglia. Il suo governatore è un apostata gay comunista massonico eletto dalla maggioranza dei pugliesi che sono evidentemente come lui. Il dio pontifesso dovrebbe avere nei suoi piani un bel mare-terremoto ed un alluvione per far fuori tutta la puglia. Ma forse sta aspettanto che Brunello vada ad abitare da un’altra parte, ha paura di perdere un ottimo fedele.

    Ma Confucio si può pregare??

    Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      Lascia che il tapino si illuda di fantomatici “rimbalzi tecnici”… Che possono forse valere per le azioni in borsa, meno per lo spread… Poverino, ogni volta che apre bocca viene sempre smentito dalla realtà dei fatti. Deve essere frustrante vivere in questo modo… 😉

      Rispondi
  3. FSMosconiFSMosconi

    Brunello si potrebbe commentare con le parole di Confucio stesso:
    L’uom superbo si pone sopra gli altri, e crede che gli si debba ogni cosa; gli altri, per lo contrario, lo mettono nell’ultimo grado, né gli concedono nulla
    😉

    Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      Noi abbiamo anche altre domande: ma chi conosce Bruno Volpe? Chi è? Chi l’ha visto? Ci piacerebbe vedere qualche sua foto. Magari mentre intona le litanie all’interno di qualche rosario riparatore per placare la possente ira del dio Pontifesso che sicuramente si scatenerà sul quartiere Murat, dove vive BV lo stalker 50enne. 😀

      Rispondi
          1. Agnostico

            Io mi domando invece quale sia il fine di Pontifex. Non so da quanto siano attivi ma qual e’ il loro obiettivo? Vogliono restare un blog oppure scrivono quegli articoli per essere notati e magari cominciare una carriera politica? Non so se mi spiego.
            Per il resto mi diverte commentare i loro articoli sul loro blog.

          2. adminadmin Autore articolo

            Provo a darti qualche informazione…

            Da quando sono attivi? Pontifex nasce nel 2008 da una costola di un altro blog abbastanza tradizionalista. Quando senti parlare di “Petrus” oppure di “Papanews”, si fa riferimento sempre alla precedente esperienza del buon Brunello. Nel 2008 Foxy entra in rotta di collisione con Gianluca Barile (che gestisce i vari Petrus, Papanews fino all’ultima sua prodezza: TuEsPetrus) e dunque interrompe la loro collaborazione per creare il suo sito. Riteniamo probabile che Barile collaborasse anche con Strazione. E proprio tramite il Barile si è formato il nucleo storico del sito Pontifesso: Strazy e Brunello a cui si unisce subito Carletto, il giovane (hmmm mica tanto) e rampante potentino.

            In passato il Barile era intervenuto anche all’interno di uno dei gruppi “anti Ponticess” su Facebook. Lascio alle nostre “memorie storiche” il compito di ricordare il Barile-pensiero… 😉

            Abbiamo formulato molte ipotesi circa la reale ragione di esistere del sito Pontifesso: pubblicità per le attività di Strazione, copertura di messaggi segreti indirizzati ad individui misteriosi, puro esercizio di retorica per spargere odio nella speranza che quest’odio si diffonda e pervada l’umanità… Non abbiamo ancora capito la reale ragione dell’esistenza del sito Pontifesso. Abbiamo però acclarato che sicuramente non hanno nulla a che spartire con la vera religione. Con nessuna religione. Forse si tratta di un esperimento sociologioco: un esempio di trollaggio galattico. Ogni suggerimento in merito è legittimo 😉

            Come te, ci accontentiamo di godere delle pontifesserie che pubblicano. E ci siamo costruiti questo piccolo spazio per poter replicare autonomamente (senza doverci affidare a misteriosi moderatori nord-sud-ovest-est o strane censure di termini come “stalker” o “manico”) 😉

          3. AlbertoBAlbertoB

            E’ una domanda che mi pongo anch’io , da parecchio tempo.
            Penso che l’opzione politica non sia sia da scartare a priori : le leccate di culo a personaggi del calibro di Scilipoti (a proposito : ciao Scilipo’ , ci vediamo alla prossima legislatura!) , al tizio del PDL a livello locale di cui ora mi sfugge il nome , tutte le cialtronerie riguardo al “Berlusconi è il male minore” , gli attacchi a Vendola e alla sinistra in generale (come sempre basate su presupposti risibili e ridicoli , lo dico da persona da sempre schierata a destra) devono avere , a mio avviso , uno scopo preciso.

            Ritengo comunque che un individuo ridicolo e patetico come Bruno Volpe , totalmente privo di lucidità per non parlare di competenze specifiche in qualsivoglia campo che non sia recitare il Pater Noster , troverebbe un’ideale collocazione nel PDL , non sfigurerebbe affatto accanto agli indagati per mafia , ai condannati in secondo grado per mafia , agli imputati in svariati processi per svariati reati e ai numerosi pregiudicati.

            Rimane un’incognita , che si chiama “interdizione i pubblici uffici”.

            P.S. Ti faccio i miei complimenti , e per la lucidità dei tuoi interventi sul blog non secolarizzato più famoso del web e per la pazienza che dimostri nel commentare certe stronzate che a me fanno solo più cadere le… braccia 😉

          4. adminadmin Autore articolo

            Ti faccio i miei complimenti , e per la lucidità dei tuoi interventi sul blog non secolarizzato più famoso del web e per la pazienza che dimostri nel commentare certe stronzate

            I strongly agree! 😉

          5. adminadmin Autore articolo

            In effetti il video risale ad almeno 3 anni addietro. Le ultimissime foto erano quelle pubblicate su Facebook. Prima della scomparsa del suo profilo. Purtroppo solo di quello.

          6. giuxgiux

            con molti anni di anticipo è diventato un signore di mezza età con bastone da passeggio… utile anche per tirare la “bastonata galeotta”, sempre condannabile sia chiaro, al gay o alla femminista di turno che ostentando la propria esistenza se la cercano, la vogliono e la pretendono tirandogliela fuori dalle mani:D
            Che sfigatello (nel senso etimologico sia chiaro !!!!) eh? 🙂

Rispondi