Il lupo perde il pelo. Il Volpe non perde il vizio.

Già ci risiamo. La produzione più recente del caro Brunello (e del suo sito Pontifesso) ci riporta ai bei tempi antichi. Si legge infatti l’emerito pensionato Appignanesi:

Violentare é un’azione delinquenziale e spregevole, ma dobbiamo riconoscere che questi comportamenti licenziosi talvolta provocano e in parte la violenza se la cercano

http://www.pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/interviste/religiosi/9095-cristo-chiama-tutti-al-banchetto-della-salvezza-necessario-il-vestito-della-festa-donne-violentate-a-volte-se-lo-cercano

Ecco, probabilmente Appignanesi ha partecipato a qualche sagra ed ha ricevuto un colpo sulla pignatta che si ritrova come testone. Altrimenti non si giustifica la replica di uno scivolone già letto più volte in passato: con queste parole il pensionato afferma che le donne vengono violentate perchè provocatrici. Quasi un dantesco contrappasso: mi provochi? Ti violento!

Bene alla stessa stregua noi potremmo trovare “provocanti” le affermazioni di Appignanesi e giocare alla “pentolaccia” con il suo testone: questo ci scagionerebbe dai reati commessi? Siamo alle solite: Brunello è fedele a Roma, con tanti “ma” e distinguo. Allo stesso modo, secondo Appignanesi, violentare una donna è sbagliato MA le donne provocano. Questo cerchiobottismo è ridicolo, volgare ed irrispettoso della dignità delle donne!

Lo scriviamo chiaramente, ad uso e consumo di Brunello e dell’emerita testa di pignatta le cui parole ho riportato qui sopra: violentare una donna è un reato. Punto. Basta. Stop.

Per quanto “provocante” possa essere l’abbigliamento di una donna, questo non è certo una giustificazione per qualsiasi forma di molestia! E questo vale ovviamente anche se la donna è una biologa di 26 anni e le molestie sono scritte sui muri di casa sua!

Altro articolo, altra bestialità incommensurabile!

Si accusa Berlusconi di pensare solo ad una cosa mentre l’economia langue. Tuttavia anche Bersani, nella piena tregenda, vuole ammettere i matrimoni gay, una cosa del tutto fuori del mondo e orripilante.

http://www.pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/editoriale/il-fatto/9096-bersani-i-gay-e-i-giudici-confusi

L’accusa rivolta a Berlusconi è semplice: invece di governare il Paese e di rispondere concretamente alle varie aggressioni economiche subite dalla nostra nazione, la sua priorità sembra essere la difesa della sua immagine, che rischia di essere infangata dal modo ridicolo e grottesco con cui egli si relaziona con le sue “dame di compagnia” ed ai relativi papponi. L’accusa rivolta a Berlusconi è di non governare l’Italia perchè troppo preso dalle sue vicende personali. Spiace dover ribadire a Brunello che Bersani, pur con tutti i suoi limiti, non ha ancora evidenziato il desiderio di separarsi dalla moglie per sposare un uomo. Anzi risulta felicemente sposato ed ha pure due figlie!

Pertanto il paragone tra Berlusconi e Bersani risulta essere profondamente ipocrita e privo di fondamento. Faccio notare inoltre che i matrimoni gay sono tutto tranne che “una cosa del tutto fuori del mondo”, anzi sono parte della legislazione di molte nazioni civili e progredite. Pertanto l’unica cosa “orripilante” che ravvediamo è il pensiero omofobo che sottende certe uscite di Brunello!

Nuovo giro, nuova corsa, vecchie baggianate. Torna a farsi sentire De Mattei (ormai detronizzato dalla guida del CNR, forse per la manifesta incompetenza ed inadeguatezza all’incarico) che cavalca l’emotività prodotta dalla ricorrenza appena trascorsa (la battaglia di Lepanto). Emotività del tutto ingiustificata visto che soltanto i quattro gatti tradizionalisti hanno a cuore questo episodio del tutto insignificante nel contesto della Storia. Ma tant’è, ognuno deve godere del poco che ha a disposizione e dunque De Mattei si gongola al pensiero che occorre ritornare alle Crociate. Ovviamente poi chiarisce il suo concetto, rendendo ancora più evidente il razzismo strisciante che si annida nella piccola mente di chi la pensa come lui. Afferma infatti:

bisogna predicare il Vangelo con animo militante nelle periferie, in aree degradate nelle quali sono presenti in grande numero gli islamici. Insomma, un vero e grande apostolato anti islamico

http://www.pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/interviste/varie/9097-la-cei-faccia-una-pastorale-anti-islam-ricreare-una-chiesa-militante-e-fare-leva-sullo-spirito-di-lepanto

Dunque secondo De Mattei nelle periferie degradate sono presenti in grande numero gli islamici. Ecco la solita associazione: degrado=immigrato. Quasi rimpiangiamo i travasi di bile di Brunello che li definiva semplicemente “beduini”!

L’ultima perla di ipocrisia non proviene da un articolo specifico. Ma dal semplice riscontro che Carletto in passato era venuto più volte a vantarsi dei contributi che Felice Previte pubblicava tramite il loro sito. Si vantava della campagna a difesa dei malati di mente portata avanti da Previte. Vogliamo parlare degli effetti sortiti da Previte? Nulla. Niente. Zero! Ecco l’impatto mediatico di Brunello e del suo sito Pontifesso: nullo, quando si parla di cose serie ed importanti, come la malattia mentale!

Chi cura questo piccolo sito ha avuto l’opportunità di trascorrere diversi mesi all’interno di un OPG. E dunque trova encomiabile lo sforzo di Previte, al punto di averlo ospitato anche su queste pagine. Ma risulta evidente che la pletora di melliflue interrogazioni parlamentari indirizzate al “presidente” Berlusconi sono state un totale e completo fallimento!

Infatti l’unico parlamentare che si è realmente interessato all’argomento è un medico in forze al principale partito di opposizione.

http://www.ignaziomarino.it/news.asp?id=950

Vi invito ad approfondire la conoscenza con gli OPG attraverso queste poche pagine.

http://www.ristretti.it/areestudio/salute/mentale/citta/index.htm

Quanta pochezza nei contenuti Pontifessi. Quanta ipocrisia. Quanta spazzatura. Quanto fumo e mai nemmeno un briciolo di arrosto!

14 pensieri su “Il lupo perde il pelo. Il Volpe non perde il vizio.

  1. paopao

    Dallo stalking alla violenza sessuale il passo é breve, tutta questione di controllo e forza esercitata su una persona piú debole.
    La scusa della provocazione é un mito. ..ed anche se ripetuta all´infinito non diventa piú vera. La violenza esercitata su chiunque é un crimine, fullstop e basta!Chissá come mai un´emerita Pignatta rilascia certe dichiarazioni e chissá come mai il nostro Volpastren le condivide e pubblica senza controbattere. Verrebbe da pensar male…

    Rispondi
  2. Oscar WIlde

    “io non volevo rubare, ma anche il venditore, a mettermi la merce sotto il naso su quegli scaffali così belli, colorati…..mi ha provocato!!! eh sì”

    …….io continuo a raccogliere firme perchè venga istituito il reato di Ignoranza, così quelli che scrivono ste boiate almeno potrei denunciarli… :D

    Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      Sono disgustato dalla pervicacia (altro che gli ebrei) con cui gli amici Pontifessi perpetuano le stesse fesserie ripetendole ossessivamente!

      Rispondi
  3. Compagno Z

    Sembra di sentir parlare Borghezio con tre voci diverse!

    Chissà che alle prossime elezioni non ci scappi una candidatura per Foxy e Company. Messi in mezzo a ex ministri della salute mariti di presidentesse di Federfarma (Sacconi), nani ex-venditori di souvenir in P.zza San Marco (Brunetta) e ministre bresciane laureate a Reggio Calabria che si inventano tunnel inesistenti (Gelmini) i nostri cari non secolarizzati passeranno inosservati… :))

    Rispondi
  4. Oscar Wilde

    se la guardiamo da quel punto di vista allora, anche Gesù se l’è cercata: tutto quel predicare di essere il figlio di Dio nella palestina di quei tempi? con i romani e tutto il resto?

    Anzi ancora peggio! Lui lo sapeva quello che gli avrebbero fatto EPPURE ha continuato imperterrito!
    Non è forse un provocare quello? :D

    Rispondi
  5. FabriFabri

    ciao ragazzi, dopo un periodo di assenza torno a commentare qui… Vedo che (s)fortunatamente il vecchio caro Brunello è tornato a scrivere le sue classiche idiozie!
    Admin, avevo una domanda! In che senso De Mattei è stato “detronizzato” dal CNR? Nel senso che lo hanno finalmente cacciato via? Non ho trovato nessuna notizia in merito sul web…

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_bye.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_good.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_negative.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_scratch.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wacko.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yahoo.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cool.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_heart.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_rose.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_smile.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_whistle3.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yes.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cry.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_mail.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_sad.gif 
https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_unsure.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wink.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/skull-400.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/trident.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/beer.gif