E’ ufficiale, l’abbiamo perso.

Riportiamo le parole dell’ultima straziante richiesta di aiuto che ci proviene direttamente dalla penna di Brunello.

Da cattolici e promotori di un sito di apologetica, abbiamo tutti il diritto, ed aggiungo il dovere, di parlare chiaro, specie davanti a cialtroni atei che si cibano di calunnie, insulti e volgarità.

L’incipit è imbarazzante: eSSo parla ormai al plurale. Plurale maiestatico. Perchè fino a prova contraria dietro lo pseudonimo di “Bruno Volpe” (forse un nickname scelto a caso da un gruppo di deliranti dementi, visto che utilizzano il plurale) non risultano esserci altri “collaboratori”, visto che non conosciamo l’identità dei vari moderatori e dei vari “Di Girolamo” che compaiono salutariamente… A parte i contenuti a firma dei soliti, fotocopiati da altri siti, troviamo sempre e solo la firma di questo pseudonimo collettivo: “Bruno Volpe”.  Vaneggia di calunnie, insulti e volgarità. Probabilmente parla degli articoli proposti proprio dal sito Pontifesso. Ooops ho usato un insulto: già perchè ormai il termine “Pontifesso” è entrato nel gergo comune per indicare “grezzo, volgare, villano”.

In altri tempi e sotto altri regimi, amministratori o dame bionde finte – succo di pesca, avrebbero fatto molto, ma molto fumo e poco arrosto.

E se mia nonna aveva le ruote, era una carriola… Ah quanta nostalgia si scorge in questa frase. Un vero nostalgico il “Bruno Volpe” che firma questo sproloquio.

Costoro non sanno mai come rispondere alla domanda: in Arabia Saudita, un cattolico avrebbe mai potuto esporre un banchetto anti legge islamica? Diciamo di no, come minimo sarebbe stato lapidato.

Se c’è chi non sa rispondere, Brunello, sei proprio tu. Ed in merito alla tua domanda, che non ci risulta tu ci abbia mai posto (e dunque non si capisce come avremmo potuto risponderti), siamo dell’idea che due errori non facciano una cosa giusta. Condannando dunque in una sola sentence sia l’estremista islamico che l’estremista islamofobico!

Riportiamo ora testualmente quanto proposto da Foxy.

Peccato che tali idiozie vengano da chi pretende di lanciare cavalcavie.

Semmai, lanceranno… canne, visti i deliri che ci propongono.

Ora attendiamo che qualche pischiatra dotato di buona volontà ci aiuti a decodificare il metamessaggio contenuto in questi pochi confusi pensierini degni di un bimbo di quarta elementare.

La prova la si ha spulciando qualche sito on line che diffonde solo sconcezze e idee depravate.

Infine: non sappiamo ancora se sia una colei o un colui che mi lancia invettive. Ad ogni buon conto, sappia: mi lascia indifferente e ho pena della sua ignoranza abissale.

L’unica cosa che ignoriamo, Brunello, sono le tue risposte. A parte leggere insulti confusi in spagnolo (uno spagnolo degno dei sobborghi di qualche degradata periferia) non abbiamo letto risposte sensate alle domande che ti poniamo.

La fonte della richiesta d’aiuto:

http://pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/opinioni/laici/9307-il-pericolo-dellateismo-la-reazione-dei-cattolici

5 pensieri su “E’ ufficiale, l’abbiamo perso.

  1. Davide

    Ma sta alla frutta!! :-)))
    Il Savonarola Barese me lo immagina sul balcone di casa mentre urla come un matto lanciando anatemi a destra a manca.
    Però ha ragione: ho abbracciato volontariamente le mie idee ed ho peccato di aver usato la mia testa, al contrario del Predicatore Senza Titoli che già lancia condanne senza processo.
    Il confronto con l’Arabia Saudita sfocia nel ridicolo.

    La sura IV del Corano, detta al-Nisāʾ (delle donne), al versetto 34 cita:
    “« Gli uomini sono preposti alle donne, a causa della preferenza che Allah concede agli uni rispetto alle altre e perché spendono [per esse] i loro beni. Le [donne] virtuose sono le devote, che proteggono nel segreto quello che Allah ha preservato. Ammonite quelle di cui temete l’insubordinazione, lasciatele sole nei loro letti, battetele. Se poi vi obbediscono, non fate più nulla contro di esse.»

    Più o meno quello che viene affermato qui (http://www.pontifex.roma.it/index.php/interviste/religiosi/3762-il-ruolo-biologico-della-donna-e-madre-e-sposa-il-lavoro-viene-dopo-insensato-escludere-una-lista-moderata-per-un-ritardo-di-pochi-minuti-il-diavolo-esiste-gli-esorcismi-sono-riservati-ai-sacerdoti-mai-ai-laici-i-vescovi-richiamino-i-millantatori):

    “Penso che nella crisi di valori attuale e nella emergenza educativa che viviamo,molto abbia a vedere il fatto che la donna esce molto di casa, reclami una sfrenata indipendenza dal marito e vada a lavorare. Certamente il lavoro é importante, serve alla economia domenstica in situazioni di disagio, ma nella scala dei valori la maternità e la educazione, che sono ruoli tipici della donna, vengono prima e sono prevalenti”

    Pontifex in odore di ereria islamista?? :-))))

    Rispondi
  2. AlbertoBAlbertoB

    L’ennesima pagliacciata degna soltanto di uno sbadiglio.
    D’altronde cosa altro aspettarsi da Volpe? L’eroe del “armiamoci e partite” pretende di parlare a nome di una non ben definita comunità che , a guardare i commenti sul suo lercio sitarello , è composta più che altro da gente che lo prende per il culo.

    I cattolici militanti si devono difendere da queste aggressioni turpi, anche con le vie del carattere , se necessario , convertendoli.
    Qui Volpe chiaramente non sta parlando di sè stesso in quanto egli non è un cattolico militante , ma un ex avvocato disoccupato e illetterato che per passare il tempo scrive cazzate a iosa su un sito internet.

    Sarebbe poi bene che ricordare a questo individuo che ai tempi da lui rimpianti (che cazzo ne sa poi dei “bei tempi andati”…) uno stalker lo avrebbero prima massacrato di botte e in seguito spedito in galera con un calcio in culo. Se poi la vittima fosse stata parente/figlia di un personaggio importante o ricco l’ ex avvocato B.V. di Bari quartiere Murat sarebbe ancora appeso per i piedi a un palo della luce sulla pubblica piazza , il suo cadavere lasciato in bella vista a imperitura memoria ed esempio. Certamente rimpiango anche io i bei tempi che furono , quando i treni partivano in orario e certi delinquenti i domiciliari li passavano a letto con le ossa rotte.

    Rispondi
  3. Compagno Z

    L’ignorante semmai è lui visto che l’azzeccagarbugli del Tavoliere è caduto nell’ennesimo gigantesco errore di diritto:

    “Costoro non sanno mai come rispondere alla domanda: in Arabia Saudita un cattolico avrebbe mai potuto esporre un banchetto anti legge islamica? Diciamo di no, come minimo sarebbe stato lapidato”.

    A parte l’evidente origine leghista-fallaciana dell’argomentazione (se così si può chiamare!) ti ricordo Brunello che, per le norme del diritto internazionale, ad una violazione non si risponde con una violazione (come ben riassume Admin nell’articolo con l’espressione due errori non fanno una cosa giusta) od, in altre parole, il fatto che uno Stato violi il diritto internazionale non legittima un altro Stato a violarlo a sua volta.
    In definitiva: Diritto internazionale: bocciato; Diritto costituzionale: bocciato; Diritto amministrativo: bocciato
    Faresti meglio a rispondere alle domande che ti sono state poste a cui cerchi di ignorare da 11 giorni (perchè tu questo sito lo leggi, oh se lo leggi!) invece di porre a noi quesiti che non hanno senso. Per soprammercato, vista la tua ignoranza in materia di diritto, alle domande di Pao ci aggiungo quelle che ti fatto io in un ommento diverso tempo fa:
    1. Possiamo gentilmente sapere in quale università avresti studiato giurisprudenza e quali corsi hai frequentato?
    2. Possiamo sapere, sempre gentilmente, quali erano materia ed argomento della tua tesi di laurea?
    Come diceva Aldo: “Domandare è lecito. Rispondere è cortesia”…

    Rispondi

Rispondi