Pendagli da forca

L’augurio della morte sta diventando una pratica abituale da parte di alcuni soggetti , palesemente disturbati a livello emotivo e psichico :

selvaggi degni della forca

Si augura la morte ad omosessuali della politica e si augura la morte ad altre persone che esercitano il diritto alla critica e alla satira , contestando le affermazioni aberranti , sia sul piano etico che morale , che i soggetti di cui sopra sono soliti esternare.

Fortunatamente però esiste una cosa chiamata “libertà d’espressione” che , se da una parte consente ad alcune ripugnanti persone di esprimere ripugnanti concetti , dall’altra consente ad altre persone di criticare ed osteggiare tali oscenità.

Esiste poi anche un diritto di satira , per esteso dall’articolo 33 della Costituzione :

“la decisione di aderire alla realtà, o di stravolgerla, rientra nella facoltà di scelta artistica dell’autore, insindacabile ex art. 33 Cost.”

Fonte

“Anche il religioso, nel suo comunicare con la società civile, attira consensi e critiche, alimentando la propria dimensione pubblica. Sarebbe incostituzionale comprimere la libertà di satira in nome di un aprioristico rispetto per la sacralità della funzione prescindendo dal comportamento di chi la esercita.”

Fonte

Detto questo , sappiamo quali sono i Paesi del mondo in cui vige ancora la pratica di impiccare le persone sulla pubblica piazza : sono gli stessi Paesi che , a causa della religione ivi praticata , vengono definiti “covi del male”.

Affermazioni come questa , selvaggi degni della forca , che vengono esternate nei confronti di cittadini onesti , lavoratori e incensurati , sono di una gravità assoluta. Sul piano legale probabilmente , ma è l’ultimo dei miei interessi.

Lo sono soprattutto sul piano umano , perchè denotano una bassezza morale degna delle bestie più feroci e un senso di inferiorità e di inadeguatezza assoluto : d’altronde stiamo parlando di individui che non hanno nemmeno la forza intellettuale di sostenere le proprie idee , parlando e rispondendo soltanto citando passi della Bibbia o le parole di chissà quale Santo e Santino. Tutto ciò per colmare l’abisso intellettivo , morale e umano che caratterizza questi squallidi individui.

10 pensieri su “Pendagli da forca

  1. paopao

    mica é colpa sua, abitava sotto Restivo!
    e ci da pure un´alternativa alla forca:

    “È inevitabile che avvengano scandali, ma guai a colui per cui avvengono. È meglio per lui che gli sia messa al collo una pietra da mulino e venga gettato nel mare, piuttosto che scandalizzare uno di questi piccoli. State attenti a voi stessi!” (Luca 17 1-3)”

    Comunque, finché gli passa ..state lontani dai mulini e dall´Olanda..non si sa mai! ):D

    Rispondi
  2. adminadmin

    Il Maldestro ci fornisce in questo modo la conferma della grave situazione in cui versa, della probabile disperazione che lo attanaglia e lo costringe a sparare espressioni sempre più forti alla ricerca di attenzione e consenso. Patetico.

    Questo (ed altri) articoli sono il campanello d’allarme: siamo nella fase acuta dell’euforia. In questa fase si dimena e si dibatte come i tori dei rodei. Seguirà presto la fase depressiva in cui chiederà scusa (fase in parte già avviata, come ben sappiamo). Poi finalmente il silenzio, quando gli articoli saranno firmati da Strazy (ma conterranno comunque un sacco di errori tipici del Maldestro).

    Noi serenamente attendiamo, consci di quello che ci aspetta.

    Rispondi
  3. Ale CrAle Cr

    Fa venire i brividi… non ho mai augurato la morte nemmeno al criminale più efferato e sono un’atea.
    Carletto & co si dimostrano molto meno cristiani di me.

    Rispondi
  4. FSMosconiFSMosconi

    non hanno nemmeno la forza intellettuale di sostenere le proprie idee , parlando e rispondendo soltanto citando passi della Bibbia o le parole di chissà quale Santo e Santino. Tutto ciò per colmare l’abisso intellettivo , morale e umano che caratterizza questi squallidi individui.

    Quello è vivere di Fallace Logiche e di Meccanismi di Difesa. Quello appena citato è infatti un Argomentum ad Auctoritatem, mentre quelli che fanno i PontifeSSo sugli articolisti di Pontilex sono invece Argomenti ad Hominem (“Tu Quoque” e varia similia). Il tutto per proteggere disonestamente le proprie idee che sanno essere sbagliate ma tentano con le unghie e con i denti di sorreggere per non cadere nel dubbio e perdere la loro Infantile Fede (fosse almeno giustificata!) e “lasciasi coinvolgere” in un mondo che non riescono a comprendere…

    Citando Madrac (ft. Michele Salvemini):

    perchè anormale è che la gente si nasconda,
    è anormale e chi non ha testa e stile si conforma,
    resta immobile e il pianeta si trasforma
    ed impara ad odiare chi nel gregge non si confonda,
    ed è diverso ognuno che ti circonda,
    sai sembra normale ma è normale perchè non lo sai,
    e chi ha paura di se stesso non ti affronta mai.
    -Normale

    Non lo dirò mai abbastanza… 🙄

    Rispondi
  5. Miandros

    Probabilmente la realtà è più complessa del semplice covo di pazzi invasati.
    Come mi hanno giustamente risposto oggi dalla loro parte ci sono una 50na di vescovi e diversi cardinali.
    Pontifez è sen’zaltro un sito criminogeno, ma non meno di Radio Maria che inoltre ha un bacino d’ascolto migliaia di volte superiore.
    Sicuramente ci sarebbero gli estremi per una denuncia per circonvenzione d’incapace, ma dietro di loro c’è la Santa Sede che protegge e anzi incoraggia.
    Tramite R.M. e Po.x si tengono i rapporti con gli radicali cattolici (ricordate? Benedetto XVI ha tolto la scomunica ai lefebriani!) e con i gruppi e pruppuscoli neonazisti.
    La realtà è più complessa di come appare e, temo, molto pèiù pericolosa!
    Restiamo Umoni.

    Rispondi
    1. Caffe

      In questo momento a radio maria stanno sputtanando i testimoni di Geova, altra setta di esaltati per la quale non mi scalderò più di tanto; questa emittente trasmette in decine di paesi in tutto il mondo, hanno mezzi e una politica aggressiva che li mette in condizione di lavare, stirare ed asciugare, ogni giorno, i cervelli di milioni di persone, la maggior parte in buona fede e delle quali non mi vergognerei di essere imparentato. La falsificazione sistematica della realtà (dal Risorgimento alla descrizione riveduta e corretta delle altre religioni), l’assenza, orgogliosamente rivendicata, di ogni contraddittorio nelle loro trasmissioni è il loro marchio di fabbrica e fanno di quella radio una macchina da guerra propagandistica di primo ordine. Loro si, che sono pericolosi: perché non sono ridicoli.

      Rispondi

Rispondi a Davide Annulla risposta