La Nausea…

E’ da molto, moltissimo, che non trovo il tempo di aggiungere qualcosa di mio a Pontilex, ma penso che l’occasione sia quella propizia.

Il mio sdegno è così grande, così incredibilmente potente, che ho paura di non riuscire a comunicarvelo con uno scritto: mi tremano le mani dalla rabbia.
Ma dopotutto, i pontifessi non sono nuovi a uscite cariche di malvagità… ricordo ancora la querelle sul funerale di Yara, o su quello di Sara…
La freddezza, il distacco, la totale assenza di emozioni…

E pensare che il cattolicesimo dovrebbe essere la religione dell’amore, della comprensione, della misericordia, della preghiera per la redenzione dei defunti.
Beh, la prodezza pontifessa su Carlo Giuliani mi sembra sia priva da ogni tipo di amore.

Tralascerò le emerite vaccate sulla vita di Carlo, il solito fare di tutte l’erbe un fascio, il anar-comuniste-materialistico-pacifiste-edonistiche-razionalistiche-ateistiche-spinellistiche che tanto testimonia l’ignoranza becera e orgogliosa di colui che scrive.

Non mi interessa cercare di fare chiarezza su questo fatto, lo stanno facendo i tribunali, e non ne ho le competenze.

L’unica cosa che mi sento veramente di dire, è che non voglio che nessuno muoia più a una manifestazione, ma che sopratutto possa esistere qualcuno che anche solo pensi di scrivere un articolo di questo genere

Eccola, l’URL

http://tinyurl.com/3ft5wx5

 


33 pensieri su “La Nausea…

  1. caffe

    Non ho presente e non mi interessa quello che hanno scritto i pontifessi incalliti, il fatto è che Giuliani era aggressore in mezzo ad un branco di aggressori di giovani carabinieri ausiliari e inesperti, s’è beccato una pallottola solo perchè chi ha sparato era inesperto e stupido come lui.
    Quando prevale la stupidità destra e sinistra per me uguali sono.

    Rispondi
    1. bandito

      non essere cosi’ sicuro che a sparare sia stato proprio un carabiniere inesperto e stupido. sulla morte di Carlo ci sono troppi lati ancora oscuri e da chiarire.

      Rispondi
      1. caffe

        Chissà perché quando hanno ammazzato Giorgiana Masi, un tipo un pò meno “CUBA Libre!” di Giuliani, quelli come te non hanno avuto niente da dire, tanto, era una povera stronza radicale.

        Rispondi
          1. caffe

            Sorry, mi dispiace, forse ho esagerato, però non difendere l’indifendibile, Giuliani aggrediva, Giorgiana festeggiava, io mi incazzo per la morte di lei, quella di lui, Dio mi perdoni, mi lascia indifferente.

    2. Andrea Laforgia

      Concordo con te. Mi spiace dirlo, ma Giuliani se l’è cercata e non merita di certo di essere osannato come un martire. Sarebbe bene stendere un velo pietoso sulla questione. Sta di fatto, però, che i pontimostri hanno – come al solito – violato i principi cardine di del cristianesimo, comportandosi in maniera diametralmente opposta, oltraggiando un morto in maniera vergognosa, peraltro a buona distanza dalla sua morte. Non si capisce davvero il senso di certi loro post.

      Rispondi
  2. Davide

    Facendo finta di ignorare il contesto nel quale siano maturati gli scontri di Genova (tutti i dirigenti di Polizia indagati sono stati promossi e il loro processo rischia l’estinzione), mi chiedo cosa ci faccia uno con un cappuccio in testa fotografato mentre sta per lanciare un estintore contro un veicolo dei carabinieri.
    Facendo finta di non essere un carabiniere, se vedo uno che mi sta per tirare un estintore addosso o scappo o cerco di colpirlo prima io.

    Rispondi
    1. paopao

      io non so se sapremo mai la veritá su quegli avvenimenti, quindi, come giudicare?
      Forse, a volte, di fronte a delle tragedie cosí grandi, che coinvolgono non solo le vittime ma anche le famiglie e gli affetti, meglio il silenzio..cosa che i pontifeSSi, non hanno ancora imparato.
      Strumentalizzano tutto ció che fa comodo, cosí, senza sentimento, senza pietá e soprattutto senza scrupoli…bassezza abissale, hai ragione matyt.

      Rispondi
      1. Davide

        Sapere la “V”erità è spesso difficile e se avessi la supponenza di possederla, probabilmente sarei un perfetto pontifesso.
        Posso però formarmi un giudizio, un discernimento, lungi dall’essere completo e basato sulle informazioni disponibili.
        Quanto accaduto a Genova è una delle peggiori pagine della storia recente italiana in cui, a mio avviso, tutti da una una parte o dall’altra hanno qualcosa su cui meditare profondamente.
        Sul caso Giuliani mi sono fatto una mia idea. Mi rendo conto che non è detto che sia condivisibile da tutti, ma quando vedo questa foto:
        http://pisanotizie.it/uploads/main_image/9641855fad59b452e18e3394e16d927b.jpg
        mi chiedo perchè questo ragazzo col cappuccio ha un estintore in mano e sembra volerlo lanciare contro i carabinieri.
        Non è una difesa dei carabinieri: è la condanna di un gesto che ne ha prodotto un altro ancora più grave.
        Credo sia ragionevole pensare che siamo di fronte ad un fallimento profondo sia da parte di chi supporta l’operato delle forze dell’ordine in genere, ma anche di chi ha fatto di questo ragazzo un simbolo.
        Nella mia testa non deve esserci alcun ragazzo con un cappuccio che tira estintori: se lo facesse mio figlio lo prenderei a calci. Poi vorrei anche una pena esemplare per chi pensato di tirare fuori la pistola.
        Ma in entrambi i casi so solo che siamo fronte ad un sconfitta collettiva sulla quale qualche pensiero e qualche parola ragionevole andrebbe spesa: la presa della Bastiglia come l’avvento del fascimo si studiano nelle scuole perchè si ritiene che siano esperienze che debbano insegnare qualcosa.

        Rispondi
        1. AlbertoBAlbertoB

          Mi fa piacere che sulla questione la pensiamo tutti alla stessa maniera.
          Sicuramente una brutta pagina della nostra storia , una delle peggiori secondo me.
          Giuliani non doveva essere lì , o quantomeno doveva esserci ma senza estintore e sassi (non so se ricordate , c’è in giro un filmato in cui si vede che sul Defender piove di tutto , dai sassi alle travi di legno).
          Placanica , un ragazzino , non doveva essere lì , sempre che sia stato lui a sparare.
          Tutti i carabinieri e i poliziotti in servizio di leva non dovevano essere lì : altri ragazzini totalmente incapaci di gestire la situazione che hanno risposto alla violenza di alcuni manifestanti nell’unico modo che la mancanza di addestramento poteva portare , ovvero con la rabbia e con altra violenza.
          Tutti gli ufficiali e graduati che , saltata la linea di comando , si sono comportati da perfetti criminali , sia sulle strade che nelle caserme , dovrebbero essere dietro le sbarre.
          E infine non dovrebbero esserci state vetrine infrante , auto in fiamme , barricate di cassonetti dell’immondizia.
          Fu tutto sbagliato quel giorno , a partire dal presidente del consiglio in giù.

          Rispondi
          1. adminadmin

            Urcas come fai ad essere d’accordo con uno dei Pontilessi! Se lo viene a sapere Carletto ti banna immediatamente… 😉

            Scherzi a parte, grazie.

        2. paopao

          Davide:le mie parole sono contate, il mio vocabolario ristretto…ti assicuro che sono l ultma a detenere la veritá assoluta su questa Terra; volevo solo esprimere che
          tu forse ti fidi delle foto, delle immagini, dei giornalisti, delle testimonianze, io in queste cose sono piú lenta.
          Una vita umana che si perde cosí tragicamente é sempre un dolore, e lí di vite se ne sono perse varie (anche quella di chi ha sparato, perché, amenoché non sia uno psicopata, la sua vita non sara´piú la stessa) ..e alla fine per cosa? Per un estintore che minacciava di essere tirato da 5 metri?Difendersi daccordo, ma perche´mirare alto e non le gambe? Forse un tragico incidente, forse no..in ogni caso una tragedia!

          Rispondi
          1. Andrea Laforgia

            Io dubito che Placanica abbia “mirato”. In quei momenti di concitazione non ce ne sarebbe stato il tempo. E poi perché farlo? Nessuna persona sana di mente, e tantomeno un carabiniere, vorrebbe sparare per uccidere, quando è costretta a difendersi. Placanica è stato prosciolto per legittima difesa. Non c’è stato accanimento, per cui i giudici hanno valutato tutte le condizioni in cui è avvenuto quel fattaccio. Il ragazzo si è semplicemente difeso in una situazione di emergenza. Lo ha preso alla testa: tragica fatalità. In ogni caso, una tragedia, giusto. Carlo Giuliani è morto e va rispettato in quanto tale.

  3. affus

    Rivoluzione francese: Vandea
    “Non vi è più Vandea, cittadini repubblicani. E’ morta sotto la nostra libera spada, con le sue donne ed i suoi bambini. … Secondo gli ordini che mi avete dato: ho schiacciato i bambini sotto gli zoccoli dei cavalli e massacrato le donne, così che, almeno quelle, non partoriranno più briga…nti. Non ho un [solo] prigioniero da rimproverarmi. Ho sterminato tutto” (il gen. Westermann al Comitato di Salute Pubblica).

    Rispondi
      1. paopao

        Uffas ha bisogno di comunicare, ha carenze affettive nel mondo reale ..non ha mai imparato a crescere, in cambio domina la tecnica del copiaeincolla e la condivide con noi, vuole la nostra attenzione, magari anche provocare un po´..a parte avvinazzarsi a uno cosí che gli resta?
        Non siate troppo duri con questa animuccia piatta.

        Rispondi
    1. Caffe

      Non è colpa tua, tuo papà avrebbe dovuto farti vedere da uno in gamba quando si è accorto che, allo zoo, erano le scimmie che davano le banane a te e non il contrario.

      Rispondi
  4. Oscar Wilde

    anche io sono dell’idea che sulla faccenda, fare luce o non fare luce non cambi il fatto che si è trattato di un gesto di violenza a cui ne sono susseguiti altri. E sancire chi ha cominciato o no, faccia poca differenza.
    Tutti gesti provenienti da gente più o meno giovane e inesperta e dal grilletto facile. (parlo di grilletto in termini di tolleranza e pazienza).
    Fatto sta, che matyt secondo me vuole dare più importanza (come è giusto che sia) al fatto che come al solito i FESSI (tolgo deliberatamente il suffisso “ponti” per chiarire meglio il concetto) anche questa volta hanno perso una grande occasione per stare zitti e per dimostrare che la loro religione, piena di amore e di fratellanza, spesso e volentieri GODE nel veder morire, soffrire e vedere puniti altri esseri umani secondo non si sa bene quale legge morale (e divina) TUTTA PERSONALE.

    Secondo me non dobbiamo neppure dare tutta questa importanza alla cosa.
    Perchè questa gente non vale una cippa.
    La loro religione ( che come tutti possono vedere dai loro comportamenti NON è il cattolicesimo) non vale una cippa.
    Il loro dio (che non è quello dei cattolici come tutti possono vedere dai loro scritti) non vale una cippa.
    E il loro vomitare fiele e rosico a destra e a manca è proprio sintomo di questo fatto: mi spiego meglio, qual’è la reazione tipica di chi non viene preso sul serio (come i bambini ad esempio) e anzi ignorato da tutto e da tutti perchè sottovalutato in tutto e per tutto?
    Risposta: la rabbia e il tentativo di attirare l’attenzione con gesti platealmente esagerati, come fare dichiarazioni stupide come la “lapide” che viene menzionata in quell’articolo.

    io, a differenza di matyt se devo essere sincero, quando ho letto l’articolo ho avuto solo una scrollata di spalle con sufficienza, perchè ormai penso di aver sviluppato resistenza per le pontifesserie, mi capita spesso di chiedermi (come fanno a roma):
    -“massì ma dai, ma tanto chi se li incula questi a parte noi?”
    -“nessuno”
    -“anfatti”.

    Rispondi
      1. Oscar Wilde

        ahhh lui non lo conoscevo ancora!

        ps. cmque tra le ascelle dell’admin e i piedi di pao, qua ragazzi è peggio di una camera a gas, c’è da sballarsi per anni!
        WTB Gas Mask pl0x ! 😀 😀

        Rispondi
          1. federicoB

            Leggendo il tuo commento mi si è formata nella mente l’immagine di Grillini che scende da un’astronave con la marcia imperiale di star wars in sottofondo…
            Che abbiano ragione loro?!? 😀

          2. paopao

            sicuramente si! Hanno sempre ragione loro..ci stanno avvisando..siamo tutti gay..solo che non lo sappiamo…):D

Rispondi