Il funambolo.

Questa mattina il sole splende sereno in cielo. E Carletto si esibisce nel suo numero preferito. No, lui non si arrampica sui pali della luce (ma solo quelli blu). Lui è un funambolo. Un vero funambolo come si evince facilmente leggendo le ultime Pontifesserie.

Facciamo ovviamente riferimento al “chiarimento” con il lettore Domenico. Articolo interessante ma ancora più interessanti i commenti da cui deriva il “chiarimento”. Andiamo con ordine ed affrontiamo la genesi. No, non il libro dell’Antico Testamento: la genesi dell’articolo Pontifesso. Tutto scaturisce da un commento di tale “Leo”.

http://www.pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/opinioni/laici/8310-se-dici-ad-un-gay-che-la-sodomia-e-contro-natura-ti-attacchera-dicendo-che-anche-la-castita-e-contro-natura-ecco-come-rispondere-alleretico-di-turno#commentID23975

Leo chiede agli amici Pontifessi un chiarimento. Ecco la sua domanda “escludete oppure no l’esistenza dell’amore in una coppia Gay?”. Ed ecco la risposta di Carletto:

A mio avviso si. Non può esistere amore omosessuale. Non si offenda, ma è il punto di vista del Magistero della Fede, dunque mi attengo drasticamente, senza se e senza ma. Il mio articolo è espressione pratica dell’inesistenz a dell’amore omosessuale, in quanto è amore vizioso e non virtuoso.

La risposta (abbastanza indelicata a nostro avviso) scatena dunque il buon Domenico, che risponde con franchezza: “Lei non conosce un rapporto tra gay, non può conoscerlo perché non lo è, crede davvero che non ci possa essere amore?”. La replica del Maldestro non si fa attendere.

Salve sig. Domenico, mi dispiace sentitamente per la sua dichiarata situazione di peccato mortale. Leggendoci potrà trovare occasione di chiedere la grazia della Conversione a Dio. Io, nel mio piccolo, il mio dovere di buon Cattolico lo ho appena fatto dicendole Verità di Fede, surrogate da 2000 anni di Magistero. Chi le predica il contrario o non è Cattolico o è un eretico. Non posso obbligarla a CREDERE.

Segue ovviamente sbrodolata di citazioni buone per tutte le occasioni sulla conversione.

Il delicatissimo elefante nella cristalleria prende la sua agenda nera ed affibbia subito a Domenico il Giudizio della divinità Pontifessa: peccato mortale! Probabilmente Carletto è intimamente amico di Domenico e si intrufola nella sua camera da letto, conoscendo per filo e per segno gli atti impuri praticati dai due amanti tra le coperte. Perchè altrimenti non si spiega come Carletto possa determinare il tipo di peccato di Domenico. La cui risposta, molto pacata è anche implacabile e feroce: “Voi dovreste condannare tutti i tipi di violenza, comincio a pensare che se la violenza è a danni di chi voi ritenete peccatore, vi vada bene. Mi aspetto una risposta decente e non qualche passo della Bibbia o del Vangelo.”

Ovviamente Carletto annaspa un poco e sente l’acqua alla gola. Forse si accorge di aver commesso almeno un paio di peccati (li avrà confessati oppure anch’egli si è macchiato di peccato mortale? boh!) e prontamente tenta di mettere una pezza. Ma come si è soliti dire, la toppa è peggio del buco… 😆

In passato abbiamo sempre pubblicato articoli di protesta contro le aggressioni agli omosessuali. Mi sono arrivate molte segnalazioni in questi giorni e non ho materialmente il tempo per scrivere troppi articoli.

Ma sinceramente noi non ricordiamo tutti questi articoli contro i pestaggi agli omosessuali. Leggiamo cosa scrive il sito Pontifesso dell’aggressione subita recentemente da Paola Concia.

Gli insulti vanno biasimati, ma Concia come altri gay, con il loro turpe esibizionismo, la loro abominevole esistenza contraria alle decenza e alla morale, questi insulti se li vanno a cercare perché provocano e istigano.

Nella sensibilità umana vedere due uomini che si abbracciano o due donne, può causare ribellione e disgusto.

E allora vogliono capovolgere l’etica normale con quella degerenetata?

(testuale dal sito Pontifesso, compreso il “degerenetata”) http://www.pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/editoriale/il-fatto/7341-dandini-vergognati-utenti-cattolici-reagite-concia-non-e-una-vittima

E non ci pare di ricordare una ferma condanna da parte degli amici Pontifessi nei confronti degli estremisti nazifascisti che a Belgrado hanno malmenato i partecipanti del secondo Gay Pride in territorio serbo (lo scorso 10 ottobre, ci pare di ricordare).

Ad ulteriore dimostrazione di quanto eterea sia la denuncia delle aggressioni agli omosessuali dei nostri amici dirimpettai ci pensa poi Carletto stesso che sceglie di replicare a Domenico con un intero articolo, evitando accuratamente di citare tutta questa clamorosa azione di denuncia delle violenze subite dagli omosessuali. Incapace di sottrarsi al suo destino poi il Maldestro reitera errori e sciocchezze già lette e corrette in passato e ne introduce pure di nuove.

Tra tutti i passaggi, citiamo quelli più esilaranti.

Un tempo se volevi offendere qualcuno e rovinargli la reputazione dovevi dire che era un ladro (perché rubava) o che era un assassino (perché uccideva) oggi, invece, lo devi chiamare “omofobo” (solo perché è contrario alla sodomia)

Qualcuno (ma uno bravo) provi a chiarire a Carletto le variegate possibilità offerte dalla sessualità umana. Qualcuno provi a spiegargli che “sodomia” non è sinonimo di omosessualità. E che anzi molti uomini normalissimi (solo meno bigotti di lui) apprezzano questo tipo di rapporti con la loro fidanzata, con la loro moglie, con la loro amante, con la loro compagna o con qualche prostituta occasionale (quando nessuna delle precedenti opzioni è disponibile). Possiamo intavolare discussioni eterne su questa pratica, sul fatto che essendo un atto non volto alla procreazione ovviamente non piace alla Chiesa, sul fatto che frequentare prostitute sia censurabile… Ma non possiamo confondere due termini con tanta superficialità come fa invece il Maldestro.

Quindi non intendevo assolutamente negare la dimensione affettiva, anche se questa va purificata.

Apprezziamo il chiarimento, ma le parole (riportate sopra) sembrano andare in direzione esattamente ortogonale. Nel suo primo intervento Carletto ha esplicitamente scritto che l’amore (amore, non sesso, amore!) omosessuale è un peccato mortale e non può esistere. Questa seconda versione ci pare molto più in linea con quanto sostenuto da tutte le persone dotate di buon senso che criticano gli scritti del sito Pontifesso. Non confondere l’omosessualità con gli atti sessuali tra omosessuali. Un amore omosessuale casto non è contrario alla religione Cattolica. Esattamente quello che ha sempre ripetuto e ribadito Simone, dalle nostre pagine.

Allora serve a qualcosa Pontilex! 😆

Lo sproloquio, qui: http://www.pontifex.roma.it.nyud.net/index.php/opinioni/laici/8353-amore-omosessuale-chiedo-scusa-al-lettore-domenico-forse-sono-stato-un-po-crudo

Ah Carletto, più che “crudo” direi immaturo…

22 pensieri su “Il funambolo.

  1. Biotech

    “Un amore omosessuale casto non è contrario alla religione. Esattamente quello che ha sempre ripetuto e ribadito Simone, dalle nostre pagine.”

    Sì, ma è contrario all’intelligenza umana… se due persone si amano, sentono il bisogno di unirsi in un atto sessuale volto a darsi piacere e toccare quei tasti che solo in quell’occasione possono essere toccati. Quindi… FANCULO alla Religione (scusate il francesismo!).
    Che poi… Religione… specifichiamo, religione cattolica!! esistono MOLTI altri tipi di spiritualità che non hanno nessun problema nè con i gay nè con la sessualità in generale!

    Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      Biotech si discuteva della posizione della Chiesa. Non della libera scelta di un libero cittadino. Per quanto mi riguarda il sesso è una componente fondamentale della vita affettiva. Quindi proibire la sessualità all’interno della coppia (di qualsiasi orientamento essa sia) equivale ad una castrazione. Qui però si parlava della posizione della Chiesa Cattolica, ben chiarita nei suoi interventi da Simone.
      Faccio mie le tue puntualizzazioni e modifico lievemente l’articolo. Grazie.

      Rispondi
      1. Biotech

        Certo, ma non era OVVIAMENTE una critica a voi, anzi. era proprio solo per puntualizzare che questa idea è davvero PERVERSA e nasce solo ed esclusivamente nel genere umano. Non esiste nessun’altra specie vivente che abbia creato una forma mentale che ne limiti le capacità di fare sesso (omo od eterosessuale che sia). Ma per fortuna, come ho detto, esistono altre spiritualità molto più fedeli ed aderenti alla natura che non precludono questo genere di piaceri all’essere umano, anzi lo esaltano!

        Rispondi
        1. adminadmin Autore articolo

          Virginia, l’invito alla castità ed alla purezza non comprende anche il talamo matrimoniale? Allora niente più bimbi.
          Questa è ipocrisia bella e buona.

          Rispondi
        2. Francesco t

          Beh in parte è vero.il cattolicesimo come lo intende la chiesa di Roma vuole che il sesso sia solo per far figli. Ergo UNA coppia etero puó copulare solo se vuole un figlio. Dopo se non ne vuole altri il sesso nom si fa più. E questo è il loro punto di vista. Peccato che il 99% della popolazione mondiale non segua tale punto di vista , nemmeno i cattolici. Il sesso fatto senza amore ovviamente lo ritengo sbagliato.. Non mi piace l idea della scopata per svuotarsi. Ma il sesso con la persona che si ama è molto più del sesso . E vale sia per gli etero che per i gay . Poi lasciamo perdere il povero cdp .. Che afferma che l’amore tra gay non esiste aggrappandosi alla falsissima scusa che lo dice il magistero quando NON è vero. E nemmeno la Bibbia lo dice , pensa. Ipocrita , falso , meschino , omofobo ed irrispettoso.

          Rispondi
        3. Biotech

          Ecchissenefrega, cara Virginia!!! Io non sono cattolico e me ne strasbatto delle regole antinaturali che si sono inventati per mantenere potere sul mondo e instillare nell’uomo la paura dell’universo demoniaco…

          Rispondi
  2. FSMosconiFSMosconi

    Nulla da aggiungere, a parte due cosette:

    nel mio piccolo, il mio dovere di buon Cattolico lo ho appena fatto dicendole Verità di Fede, surrogate da 2000 anni di Magistero.

    Ma basta con ‘ste fallace logiche! 🙄
    Anche un idiota saprebbe riconoscere in questa frase un surrogato dell’Ad Auctoritatem (di cui adesso purtroppo mi sfugge il nome)! Mi chiedo, retoricamente, perché Ciddipìnen non si sia corretto… 🙂 😉

    In passato abbiamo sempre pubblicato articoli di protesta contro le aggressioni agli omosessuali.

    Petitio Principii palese palese?

    Quindi non intendevo assolutamente negare la dimensione affettiva, anche se questa va purificata.

    Ecco: mi ci mancava anche una contraddizione. 🙄

    Rispondi
  3. Ale CrAle Cr

    “Non può esistere amore omosessuale. Non si offenda, ma è il punto di vista del Magistero della Fede”… Carletto ha la protestante abitudine di interpretare a proprio piacimento quello che il Magistero dice, senza, tra l’altro, riportare MAI la fonte.

    Rispondi
  4. Davide

    Oggi sono in vena di aforismi:

    Il Consulente è come uno che sa tutto sul sesso, ma non è mai stato a letto con una donna.

    L’astinenza si vendica sempre. Nell’uno produce pustole, nell’altro leggi sul sesso. Karl Kraus

    Ormai per sicurezza pratico solo il sesso orale. Ne parlo e basta (Andreas Schon)

    Aver il sesso nel cervello è un posto molto scomodo, ed anche inutile, dove averlo. (Mae West)

    Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto per il sesso. (Anatole France, Il giardino di Epicuro, 1894).

    Tutte le religioni hanno lo stesso scopo: andare in paradiso. Tutte hanno il loro modo per arrivarci. Credo che in qualche modo si possa risolvere la questione. Cioè se sei cattolico e vuoi andare in paradiso, non devi fare del sesso, a meno che tu non sia sposato. Se sei ebreo e vuoi andare in paradiso, non devi mangiare carne di maiale. E allora, se proprio devi fare una scelta.. (Bob Dubac)

    Quando fate sesso seguite il ritmo della colonna sonora di Rocky. (Rocco Siffredi)

    L’ultimo autore è il più attendibile.

    Rispondi
  5. Oscar Wilde

    A mio avviso si. Non può esistere amore omosessuale.
    A mio avviso e ad avviso di TANTISSIME altre persone ciò che è di tuo avviso non conta un cazzo.

    Non si offenda, ma è il punto di vista del Magistero della Fede, dunque mi attengo drasticamente
    Rispondo come si fa coi ragazzini: quindi se il magistero ti dice di buttarti in un fosso, tu lo fai senza questionare?

    Il mio articolo è espressione pratica dell’inesistenz a dell’amore omosessuale, in quanto è amore vizioso e non virtuoso.
    Sempre secondo la tua opinione basata su nessun fatto. Quindi, in finale… aria fritta. O anche Gas Intestinale. Ho altre versioni se queste non bastano…

    Un tempo se volevi offendere qualcuno e rovinargli la reputazione dovevi dire che era un ladro (perché rubava) o che era un assassino (perché uccideva) oggi, invece, lo devi chiamare “omofobo” (solo perché è contrario alla sodomia)
    Ma pensa! E io che invece leggendo i vostri commenti pontifessi, per insultare qualcuno, lo definite “frocio” o “culattone”.
    Evidentemente ognuno ha il suo modo di insultare il prossimo.
    Forse che il magistero insegni ai pontifeSSi qualcosa anche dell’ Ars Insultandi ? 😀

    Rispondi
    1. paopao

      Oscar:” quindi se il magistero ti dice di buttarti in un fosso, tu lo fai senza questionare?”

      ach…devo trovare a tutti i costi quel canone!

      Rispondi
      1. Oscar Wilde

        l’ho già guardato due volte!
        non c’è 🙁

        però vistoche ci passi, prova a infilare due righe senza farti vadere!
        magari riusciamo a farglielo credere!! muhuhuhuawuhuahwuhauwhauhwuhauh

        Rispondi
        1. paopao

          Oscar: ma c´e´, l´ ho trovato in “menti nostrae” di Pio XII (che dovrebbe piacergli) dice piú o meno cosí …
          “Immolazione della volontà (ndp. specialitá di cidippinen)
          Lo spirito di umiltà, illuminato dalla fede, dispone l’anima alla immolazione della volontà attraverso l’obbedienza. Cristo stesso, nella società da lui fondata, ha stabilito un’autorità legittima, che è una continuazione della sua. Perciò, chi obbedisce ai Superiori, obbedisce allo stesso Redentore, soprattutto se si butta in un fosso. Quanto piú profondo il fosso tanto piú grande il sacrificio e dunque la ricompensa nell´ Aldilá.” ..piú o meno! ):D

          Rispondi
  6. Leo

    Grazie admin per l’ottimo articolo. Purtroppo è sostanzialmente impossibile dialogare con Carlo : avevo risposto al suo commento, ma il mio commento non è riuscito a sfuggire all’impietosa censura (senza alcun motivo).

    Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      Figurati. Ottimi sono i vostri tentativi di dialogare con i muri. Ottimi sono gli articoli di Simone. Ottimi sono i costanti tentativi di far ragionare chi sragiona e scrive emerite vaccate sul sito Pontifesso. Ottimi non sono certo i miei articoli. 🙂

      Rispondi

Rispondi