Facebook!

In passato, quando è stata avazata l’ipotesi di aprire una pagina su Facebook per Pontilex, abbiamo risposto con chiarezza che visti i precedenti preferiamo non mescolare ancora le nostre sorti con quelle di Facebook. Ma nelle ultime ore qualcosa ha fatto vacillare questa nostra granitica certezza. L’evento che ha scalfito le nostre certezze è legato proprio a Facebook.

Ieri sera il Maldestro (almeno la sua incarnazione che invia mail attraverso Google, quindi l’incarnazione farlocca e fasulla viste le sue precedenti comunicazioni) ci ha inviato un messaggio intimidatorio del tutto simile a quello che ha inviato (forse negli stessi minuti) anche a Mazzetta. Visto che il nostro sito non lo guarda, ha pensato bene di andare a fare un poco di confusione tra i commenti del profilo di Mazzetta. Vi invito a leggere i messaggi lasciati da CdP sulla bacheca di Mazzetta. 😆

39 pensieri su “Facebook!

  1. Davide

    Se non ho capito male in un unico messaggio (non per vana gloria, per la gloria di Dio), Carletto espone:
    – che esce con questo coso insieme a due preti(http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/c/c1/Fiat_900_T_2.JPG/250px-Fiat_900_T_2.JPG) e va a salvare le prostitute. Ma è sicuro che vogliono essere salvate? E se volessero essere salvate, ma proprio da lui? E come fa a salvarle se parla come scrive?

    – che sullo stesso furgoncino sono presenti sia prostitue, ma anche cani randagi (per fare numero di essere viventi salvati)
    – che lui è un cattolico dei fatti (fatti…nel senso di quelli che si sono calati qualcosa)

    – che vuole essere chiamato e ricevere scuse, ma mai per vana gloria, a lui, le prostitutte e i cana randagi.

    – che pulisce il sedere agli anziani, sempre per gloria di Dio.

    – che se proprio devi chiamarlo per chiedergli scusa, non farlo con utenze anonime tramite le quali è oggi il soggetto più sbeffeggiato dello stivale.

    – che accoglie tartarughe maltrattate (??!!). Cerco di farmi una immagine di una tartaruga maltrattata, ma mi viene in mente solo il pontifesso.

    Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      Faccio mia una riflessione letta su Facebook: ma anche stanti tutte le opere pie di Carletto, queste non sono da considerare come dei crediti che possono essere spesi sotto forma di insulti agli omosessuali, agli ebrei ed a tutte le altre persone che gli stanno poco simpatiche.

      Rispondi
    2. AlbertoBAlbertoB

      Quella delle tartarughe è comunque un’iniziativa lodevole. Mi verrebbe da chiedermi cosa ci fanno legioni e legioni di tartarughe in giro da quelle parti , ma è una cattiveria gratuita e mi limito a sorriderne tra me.
      Sorrido anche pensando a quanti scugnizzi e quanti malavitosi chiamino Di Pietro da utenze anonime , e sorrido soprattutto nel domandarmi il perchè lo fanno.
      Sorrido ancora pensando a stormi interi di prostitute da salvare ogni sera. Ma sono sempre le stesse oppure ogni volta sono diverse? Della serie le salvano , danno loro vitto e alloggio e poi loro tornano a fare il loro mestiere come se niente fosse? Oppure c’è un canale diretto con l’Europa dell’est e con il Nordafrica e ne portano di nuove ogni sera con dei C130? Anzi no , magari con un vecchio Antonov russo.

      Rispondi
  2. Gianfranco Giampietro

    Le iniziative di Carletto, a seconda dei gusti, si possono considerare anche degne di lode…

    Rimane però quel problema… non importa che sottolinei di non dirlo per vanto… il fatto di dirlo non è di buon gusto.

    Una donna bellissima che si vanta dicendo “io sono bellissima, non come quella lì che ha la cellulite!” diventa improvvisamente meno bella. MOLTO MENO BELLA.

    Comunque, sinceramente l’elenco delle iniziative di Carlo per dimostrare quanto è buon e pio, ha davvero del grottesco e quasi del patatico…

    “abbiamo appena inaugurato il terrario per dare accoglienza a tartarughe di terra (solo di terra) se dovesse aver notizia di tartarughe in cerca di adozione o maltrattate, ce lo faccia sapere

    E bravo Carletto che si prende cura anche delle centinaia di tartarughe che ogni giorno vengono puntualmente maltrattate…

    Rispondi
    1. FSMosconiFSMosconi

      Le iniziative di Carletto, a seconda dei gusti, si possono considerare anche degne di lode…

      Ovviamente non considerando il metodo PontifeSSo (vd. il mio intervento sotto)… 😉

      Rispondi
  3. FSMosconiFSMosconi

    Ciddippìnen contro i Baroni dell’Università? 😆
    Lui che, testo sotto mano ( http://pontilex.org/wp-content/uploads/2011/07/testuali-parole.jpg ), accomuna Ciellini e carismatici come fossero sinonimi!
    I casi sono due:

    O Il Maldestro è allo scuro dell’azione colonizzatrice dei seguaci di Giussani perpetrata da anni in ospedali e scuole a sfavore di altri alunni non CLini ma sicuramente più meritevoli di altri CLini….

    O Kalimeren mente sapendo di mentire coprendosi gli occhi col prosciutto. Spesso aggiungo. 🙄

    Rispondi
  4. Carlo Di Pietro (Pontifex.Roma)

    Penso che ci sia poco da ridere o da scherzare.

    Si cerca di fare il possibile, nei limite delle nostre possibilità fisiche ed economiche (di noi “pontifessi” come dite voi).

    I cani randagi li prende sempre in custodia la signora Raffaella (mia concittadina e “pontifessa” come dite voi) dato che io non ho più posto.

    I gatti randagi li prendo sempre io o la signora Pina (mia concittadina e “pontifessa” come dite voi).

    L’osai di San Michele non è la Caritas (magari), tuttavia non si nega mai un pasto od una colazione a chi ha voglia di parlare di Dio, di pregare e di avvicinarsi alla Fede (penso che ognuno di voi all’uopo farebbe lo stesso).

    In merito alle denunce, si cerca di aiutare persone che sono intimorite e che si sentono sfruttare, usate, maltrattate, escluse ingiustamente. Me ne occupo io personalmente o il sig. Donato (mio concittadino e “pontifesso” come dite voi).

    In merito agli anziani se ne occupa il sig. Giuseppe (mio concittadino e “pontifesso” come dite voi) e si partecipa attivamente al volontariato presso l’hospice di Potenza (per chi non lo sapesse è il luogo dove vanno i malati terminali a trascorrere gli ultimi giorni di vita).

    In merito alle tartarughe, ho già risposto nell’articolo appositamente dedicato.

    In merito al vantarsi pubblicamente di certe buone azioni, quando mai in 1 anno che mi assillate, avevo mai propagandato certe attività?

    Il gruppo, grazie a Dio si ingrandisce, dunque si cerca di fare sempre di più e si accettano volontari (se volete partecipare siete ben accetti).

    Il nostro comune denominatore è Pontifex.Roma – che è associazione ben diversa e distinta dalla Milizia di San Michele Arcangelo (che si occupa di diffusione del retto culto Cattolico agli Angeli e di tante altre attività – leggasi sito).

    Cari saluti
    Carlo

    Rispondi
    1. giuxgiux

      quindi se uno è povero e ateo può morire di fame…. bella la vostra “carità” cristiana! Ma fatti / fammi un piacere nasconditi un metro sotto terra! .. anzi due!

      Rispondi
    2. adminadmin Autore articolo

      Carletto, tu scrivi:
      In merito al vantarsi pubblicamente di certe buone azioni, quando mai in 1 anno che mi assillate, avevo mai propagandato certe attività?
      Tu forse non hai ancora capito perchè esiste questo sito. Tu (oppure il tuo alter-ego) ci hai accusato in passato di “non avere una linea editoriale”… In realtà noi non abbiamo una linea editoriale perchè non ne abbiamo bisogno. Noi ci limitiamo a criticare le affermazioni omofobe e xenofobe (etc etc) che si leggono sul tuo bel sito. Questo non significa che TUTTO il tuo sito Pontifesso sia omofobo e xenofobo. E non significa che tutti i tuoi collaboratori sono xenofobi ed omofobi etc etc. Significa che ogni tanto (molto spesso in certi periodi) tu ed i tuoi amici Pontifessi scrivete affermazioni omofobe e xenofobe (etc etc). E noi prendiamo quelle affermazioni e replichiamo con buonsenso. Tutto qui.
      La tua organizzazione fa anche tante belle cose? Bene: ma ti prego di osservare un paio di dettagli.
      1) lo scopo di questo sito non è quello di ribattere ad ogni attività degli autoproclamati militari di San Michele o del tuo sito Pontifesso. Lo scopo di questo sito è ben definito e determinato. Ergo delle tue tartarughe o dei tuoi cani non ci frega più di tanto.
      2) le buone azioni non sono come crediti che puoi spendere in pessime azioni… Se fai due buone azioni ed una cattiva, verrai condannato per la cattiva azione, indipendentemente dal numero di buone azioni che hai fatto. Plain and straight.

      Rispondi
    3. AlbertoBAlbertoB

      Caro Carlo , io sono sempre stato piuttosto buono con te , per dirla con parole tue mi sono sempre espresso “con spirito di correzione fraterna”.
      Ma nel momento in cui TU hai augurato a ME (e a tutti noi) di crepare per impiccagione nascondendoti dietro il solito dito del “è scritto nella Bibbia” le cose sono cambiate.
      Il sottoscritto , ateo miscredente e notoriamente figlio di puttana senza dio , non ha mai augurato la morte a nessuno.
      Tu , che sei un sant’uomo , che rispetti tutti e 27 i comandamenti (10 originali più quelli che vi siete inventato voialtri scriteriati cristomaniaci) , che raccogli gli animali sperduti per strada , che vai a pulire il culo ai veccchi , hai espresso la speranza che io muoia non già di morte da naturale ma per mezzo di un cappio al collo.
      Non si capisce bene se speri che io mi suicidi con un filo elettrico legato ad un lampadario oppure se speri che arrivi la polizia che mi appenda ad una gru come accade in qualche paese del Medioriente.
      Questo la dice lunga sulla cattiveria sommersa che alberga nel tuo animo da finto pio e falso santo.
      Onde per cui , per quanto mi riguarda , ve ne potete andare in mona tu , le tue precisazioni , i tuoi amici immaginari , il Fiat 900 , le puttane , i vecchi e pure le tartarughe.

      Rispondi
      1. giuxgiux

        ohh ma pensa a quelli cui non solo ha augurato la morte… ma addirittura.. ha sempre detto che sarebbe meglio non fossero mai nati!
        Te la prendi per poco 🙂
        Alla fine secondo lui a te si poteva cmq almeno lasciarti nascere!

        Rispondi
  5. Carlo Di Pietro (Pontifex.Roma)

    Dimenticavo:
    ci tengo a precisare (perché è giusto dirlo) al vostro “admin”, il quale mi definisce maldestro, che mi sono permesso per la prima volta di scrivere su una altrui bacheca (di un mio non amico Facebook) per 2 motivi:

    1) La bachecha di Mazzetta è pubblica;

    2) Perché un “pontifesso” (come dite voi e non ne comprendo i motivi) mi ha avvisato che il sig. Mazzetta aveva pubblicato il testo di una mia privata email, con tanto di dati riservati, email a lui esclusivamente destinata.

    L’email non era per niente intimidatoria, come sostiene il vostro “admin” (leggetela è li) ma voleva solo educatamente esprimere una mia richiesta.

    Chiedevo al sig. Mazzetta, molto civilemente, di rimuovere degli articoli da lui pubblicati che, a mio avviso, contengono delle inesattezze e delle falsità.

    La civiltà vuole che, prima di denunciare qualcuno, è educazione e dovere del buon cristiano cercare un accomodamento pacifico.

    Cari saluti
    Carlo

    NB: non vorrei esprimere un giudizio temerario, ma mi sa tanto che il “maldestro” non sono io.

    Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      Non è la civiltà che impone di cercare un accomodamento pacifico. Sono i commenti che hai letto altrove (anche qui) e che spiegano quanto sia rischioso (dal punto di vista giuridico) querelare qualcuno per quello che ha detto senza neppure provare a richiedere una rettifica. Non è la civiltà, quanto piuttosto la paura della legge.

      Rispondi
    2. adminadmin Autore articolo

      Visto che il contenuto della mail che hai inviato a Mazzetta era praticamente identico a quella che è stata inviata da noi da qualcuno che, spacciandosi per te, ha utilizzato il tuo indirizzo [at] gmail [dot] com, vuoi chiarirci dunque la reale paternità di quel messaggio (che io ho trovato intimidatorio) ??

      Ti ho scritto ad entrambe le email (gmail ed alice). E tu hai letto la mia mail (sia sul blackberry che su di un PC Asus, probabilmente). Ma non hai avuto la cortesia di rispondere. Puoi mostrare qui, pubblicamente, il contenuto della mail che ci hai inviato (se l’hai inviata tu) oppure chiarire cosa intendi fare per tutelare la tua identità (se altri mandano mail a nome tuo)?

      Rispondi
  6. Carlo Di Pietro (Pontifex.Roma)

    Avevo dimenticato una cosa, su Facebook ho scritto che ” …. denunciamo in terra di camorra … ” facendo riferimento alla M.S.M.A. , è bene precisare, onde evitare che poi l’admin del vostro sito dica che io sono un “maldestro”, che:

    – a seguire le richieste di denunce (che poi vanno accertate, valutate, ecc…) sono io (membro della M.S.M.A. e di Pontifex) ma questa attività esula dallo statuto della M.S.M.A. , diciamo che è un extra (per usare un termine semplice) che curo io personalmente e con grande piacere;

    – il sig. Donato (ho appena verificato nei database delle 2 differenti associazioni) è membro di Pontifex, ma non della M.S.M.A.

    Quindi preciso che 1 membro della M.S.M.A. e di Pontifex + 1 membro solo di Pontifex, si occupano anche di questo.

    Con il vostro admin, che è un preciso, è bene mettere i “puntini sulle i” , altrimenti poi dice che sono “maldestro” e la cosa fa male solo a lui e non a me, perché è lui che mi giudica in maniera arbitraria e temeraria (quindi dovrà renderne conto a Dio).

    Saluti
    Carlo

    nb: insomma, era da almeno 10 giorni che non facevo un giro da queste parti ed ho trovato molte inesattezze nei vostri articoli. Mi avete fatto impiegare 4 ore per leggere tutto … … … … fa parte del gioco anche questo …

    Rispondi
      1. adminadmin Autore articolo

        Temo abbia ricominciato con la strategia del “gli faccio scoppiare il database dei commenti così li porto alla rovina”… 😉

        Rispondi
      2. paopao

        Davide: soffre d´insonnia!

        Comunque godiamocelo, é la sua fase piu´bella..quella in cui ostenta una personalitá gradevole, aperta al dialogo, quasi civile, fraterna..come dire:”eccomi a voi,sono qui, vi tendo la mano piccole creaturine abominevoli ed infernali..per accompagnarvi al rogo!” ):D

        Insomma, vatti a fidá!
        “scaltro come un piccione, candido come una …mamba nera!”

        Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      Tranquillo, Carlo, ti chiamiamo Maldestro (nota la maiuscola) per millemila ragioni. Indipendentemente dalle tue precisazioni presenti.

      Rispondi
  7. paolo

    Carletto il geniale maldestro webmaster di pontifex.roma, cavaliere della tartaruga errante dice:
    “Con il vostro admin, che è un preciso, è bene mettere i “puntini sulle i” , altrimenti poi dice che sono “maldestro” e la cosa fa male solo a lui e non a me, perché è lui che mi giudica in maniera arbitraria e temeraria (quindi dovrà renderne conto a Dio).”

    Ma tu veramente pensi che, qualora esista un dio, stia lì a vedere quanti sgarbi ti fa l’admin per poi chiedergliene conto?
    Il tuo dio è veramente come l’amico bulletto di cui dire “se mi tocchi ti faccio picchiare”?
    Guarda che, se ci fosse un dio, nella sua infinita saggezza e nel suo infinito discernimento, si farebbe delle infinite risate sulle infinite corbellerie che scrivi.
    Ti abbraccio

    Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      Curioso poi che ci si scaldi tanto per un “Maldestro” (rigorosamente maiuscolo, quando scrivo io, dato che si tratta di nome proprio di persona)… Manco l’avessi chiamato “stronzo” o “figlio di puttana”… Certe prese di posizione sono veramente incomprensibili…

      Rispondi
  8. Davide

    Le attività che cita Carletto sono quelle che sono svolte in qualunque oratorio: il volontariato è tipico di qualunque parrocchia.
    Pontifex si trasforma da “blog tradizionalista non secolarizzato” in una sorta di associazione di volontariato non ben definita e scalata sulle attitudini personali delle persone: dal cristiano supporto ai malati terminali (e so cosa significa) alla raccolta dei gatti randagi tipico delle zitelle, di quelle che fanno incavolare il condominio perchè lasciano piatti di avanzi davanti al portone.

    Rispondi

Rispondi