La credibilita’ di Pontifex

Carlo Di Pietro, nell’articolo Pontifex.Roma e le opinioni sull’omosessualità. Risposta ad un nostro lettore che chiede spiegazioni, si lancia in una spericolata dissertazione sull’ “omosessualismo” (neologismo coniato da chi? da Volpe? da Stanzione?).

Carlo Di Pietro dovrebbe sapere che non basta scrivere il proprio delirio su una pagina web per essere preso sul serio. si deve essere credibili. Carlo Di Pietro pensa di essere credibile? e’ credibile un personaggio che va in giro in rete ad insultare persone pensando di essere coperto da un anonimato che non ha, che non trova migliore strategia che fare il troll e frignare a proposito di “siti specchio” solo perche’ della gente seria scrive opinioni invece di fare copia-incolla come fa lui?

E’ credibile un personaggio come Bruno Volpe che e’ stato smentito tante volte che ormai non si contano piu’? e’ credibile un “giornalista” che e’ stato messo alla porta dal direttore della Sala Stampa Vaticana?

sono credibili personaggi come questi?

Carlo Di Pietro afferma nel suo articolo :
Concludo la presente brevissima dissertazione circa il problema dell’omosessualità affermando senza se e senza ma che il punto di vista ufficiale della Chiesa Cattolica circa la pratica omosessuale è chiarissimo ed inequivocabile: il gay o la lesbica praticanti atti contro natura offendono il Creato, Dio ed il prossimo, danno scandalo, esempi devianti ed inducono al peccato.

Carlo Di Pietro dimentica le parole di Padre Federico Lombardi, il quale, in occasione della “solita” smentita ad un “intervista” di Bruno Volpe al Cardinale Barragan, ha affermato che Pontifex non e’ una voce ufficiale e tantomeno autorevole della Chiesa specialmente su temi complessi e delicati come l’omosessualita’. Ricordo a Carlo Di Pietro anche le dichiarazioni fatte recentemente da Mons. Claudio Maria Celli, Presidente del Pontificio Consiglio per le Comunicazioni Sociali, dichiarazioni che riassumo brevemente :

Mons. Celli rimarca la necessita’ di uno stile cristiano di presenza anche nel mondo digitale che porti a una comunicazione onesta e aperta, responsabile e rispettosa dell’altro”. Celli ha rimarcato come l’invito papale a uno stile “rispettoso e discreto” nell’annuncio del Vangelo vale anche come richiamo “per quei siti e blog cattolici aggressivi, che scomunicano e non hanno uno stile cristiano di presenza”, tanto che “bisogna vedere fino a che punto questi siti siano veramente cattolici”. Mons. Celli non ha portato esempi, ma ha annunciato che il suo dicastero sta preparando “un documento programmatico con linee di azione e di presenza cristiana sul web” (in altre parole fra un po’ ci pensera’ il Vaticano a darvi una sistemata).

e’ questa la credibilita’ di pontifex?

Carlo Di Pietro, altro che punto di vista ufficiale della Chiesa Cattolica! questo e’ solo il tuo delirio, espresso a titolo personale! tu non rappresenti nessuno se non te stesso e pontifex e’ la voce ufficiale del nulla che avete intorno. l’unica affermazione senza se e senza ma e’ che siete alla canna del gas, non sapete piu’ a che santo votarvi per restare a galla.

Carlo Di Pietro e Bruno Volpe, ci sono tanti mestieri che si possono fare nella vita. non e’ obbligatorio fare i “giornalisti”, specialmente come lo fate voi. potreste fare tante altre cose, che so, potreste coltivare ravanelli, portare pecore al pascolo, scavare carbone in miniera… almeno una volta abbiate un po’ di dignita’, cambiate mestiere.

nel frattempo ho scovato altri video, sempre a proposito di credibilita’.





Questo articolo è stato pubblicato in Non meglio categorizzati il da .

Informazioni su sandro.storri

Progettista e sviluppatore di software precario (Sandro, non il software). Tipico prodotto delle periferie della capitale (aho!, che me 'mpresti na' sigaretta?). Appassionato di cinema e letteratura, usa l'italiano come un dialetto alternativo alla sua lingua madre, il romanesco. Sostiene la battaglia per i diritti civili anche se riconosce che spesso tratta la questione con degli incivili. Ha un pessimo senso dello humor e si vede, anche in questa breve biografia.

63 pensieri su “La credibilita’ di Pontifex

  1. petrus

    Ma è arcirisaputo che pontifex non ha nessuna credibilità e che non rappresenta il pensiero della chiesa cattolica. Basta soltanto il fatto che sono alla continua ricerca di vescovi emeriti (e più rinco sono e meglio è!) per fingere un appoggio della chiesa che in realtà non c’è! 🙂

    Rispondi
  2. diegopig

    il gay o la lesbica praticanti atti contro natura offendono il Creato, Dio ed il prossimo, danno scandalo, esempi devianti ed inducono al peccato.

    Direi che l’ultimo pezzo chiarisca una volta per tutte perchè ce l’hanno tanto con i gay: perchè i gay li inducono al peccato, cosa che significa mi fanno venire voglia.

    Rispondi
    1. adminadmin

      Infatti curiosamente prima si dicono schifati dalla vista di un bacio omosessuale (anche se sui rapporti saffici Strazy è stato ambiguo, in passato). Poi con questo transfer psicologico attribuiscono ad un generico “altrui” emozioni e sensazioni tutte loro. Io davanti ad un bacio omosessuale sono perfettamente indifferente… Loro evidentemente no 😆

      Rispondi
        1. diegopig

          Aspettiamo le risposte fiammeggianti di CIDIPPINO. 😀

          CIDIPPINO, TI SCONGIURIAMO TUTTI: FAI ENTRARE IN TE L’AMORE!

          Come ci entra non è importante: ciò che conta è che c’entri! 😀

          Rispondi
  3. Ester

    Mi dispiace ma non mi sembra che Carlo Di Pietro abbia scritto castronerie.
    Io sono cattolica e mi rivedo perfettamente in quello che ha scritto.
    Scusate, una semplice domanda:
    – perchè volete dare dettami di morale se non mi sembrate tanto cattolici?
    Lo stesso Hiram Abif , autore di questo articolo , in precedenza ha dichiarato di essere massone , dunque cosa vuole?
    Tutti sanno che la massoneria è nata come organizzazione segreta volta a distruggere il papato.
    Leggo spesso il vostro sito e non vi nascondo che a volte mi faccio delle grandi e simpatiche risate.
    In questo articolo leggo che Carlo Di Pietro ha sempre insultato ed altro, facendolo in anonimato.
    A me questa sembra una falsità, in quanto leggendo anche il contenuto di “Carletto ci scrive… (194)” è evidente che in ordine cronologico, Di Pietro ha sempre cercato il dialogo e l’accondiscendenza.
    Si legge chiaramente dai suoi commenti che ha richiesto più volte in tanti mesi di non essere insultato e diffamato.
    Ha inoltre richiesto tante volte di svelare le vostre vere identità e smetterla di celarvi dietro anonimati e pseudonimi vari.
    Piacere di aver fatto la vostra conoscenza.
    Ester.
    Lettrice sia di Pontifex che di Pontilex

    Rispondi
    1. adminadmin

      Ester per favore sii seria: Di Pietro ha sempre cercato il dialogo e l’accondiscendenza
      Puoi indicare gli insulti e la diffamazione nei confronti di Carletto? Te ne saremmo grata perchè lui ha evitato accuratamente di farlo.
      Grazie.

      Il piacere è nostro.

      Rispondi
    2. Ale CrAle Cr

      “Io sono cattolica e mi rivedo perfettamente in quello che ha scritto”
      E allora non hai mai letto i veri documenti ufficiali della tua Chiesa, ma ti sei fatta indottrinare da fanatici che li hanno stravolti. (Trovi una selezione di documenti ufficiali nel mio commento qui sotto… la Chiesa Cattolica non ha MAI definito l’omosessualità come “patologia”, “malattia mentale”, “disturbo psichiatrico” ecc… se tu lo credi, non sei una vera cattolica).

      Rispondi
    3. diegopig

      Mi dispiace ma non mi sembra che Carlo Di Pietro abbia scritto castronerie.
      Io sono cattolica e mi rivedo perfettamente in quello che ha scritto.

      Quindi, secondo te, vedere due uomini che si baciano fa venire voglia di fare sesso una persona del nostro stesso sesso?
      A me non è mai capitato. A te sì?

      Oppure, sempre per il mi rivedo perfettamente in quello che ha scritto, tu vorresti che l’omosessualità diventasse/tornasse reato?

      Rispondi
    4. francesco

      Gia pure io ho cercato il dialogo chiedendo di non esser ogfeso e diffamato in quanto gay….ma guarda un po invece? Ecco che al contrario mi danno del possibile pedofilo, possibile molestatore, deviato, pervertito, malato, da curare, privo di morale, di etica, cittadino con meno diritti di un animale, un animale, una bestia, aggiungendoci poi offese ai genitori con figli gay. CAZZO CHE BEL DIALOGO CHE CERCA PONTIFEX! FOSSERO TUTTE COSÌ LE PERSONE CHE CERCANO IL DIALOGO AVREMMO AVUTO LA TERZA, LA QUARTA E LA VENTIMILLESIMA GUERRA MONDIALE! prova a leggerti le mie legtere che gli mandai o i miei articoli. Evitiamo l ipocrisia gratuita.

      Rispondi
    5. Hiram Abif Autore articolo

      Ester, prima di tutto grazie per la tua gentilezza.

      Prima di entrare nel merito dell’articolo mi permetto di farti presente che Carlo Di Pietro ha insultato, e pure pesantemente. il fatto che gli insulti non siano pubblici e’ solo dovuto ai filtri attivi su questo blog Pontilex. lasciati dire che Carlo Di Pietro non e’ il pacifista inoffensivo che dice di essere. Comunque questo non e’ oggetto di discussione ora.

      Veniamo ai contenuti dell’articolo. Onestamente pensavo fosse chiara la posizione di molti qui su Pontilex. Qui nessuno vuole impedire la libera espressione, inclusa la disapprovazione dell’omosessualita’. Se tu, come cristiana, senti di voler disapprovare l’omosessualita’ sei libera di farlo, anzi, ti invito a scrivere qui su Pontilex un articolo che spieghi le ragioni della tua disapprovazione dell’omosessualita’.

      Sarai d’accordo con me, pero’, che un conto e’ la libera espressione delle idee, inclusa la disapprovazione dell’omosessualita’, un conto sono le offese, gli insulti ed il costante, anche se non esplicito, inneggiare alla discriminazione delle persone omosessuali. tralascio per dovere di brevita’ le posizioni antisemite e razziste sempre disponibili su pontifex.

      pertanto, Ester, continua a leggere Pontilex, anzi scrivi un articolo, se vuoi, dove spieghi le tue ragioni di cattolica. sarai sempre la benvenuta se rispetterai gli altri cosi come gli altri rispettano te, concetto, questo, ancora oscuro per Carlo Di Pietro.

      Rispondi
      1. adminadmin

        Faccio mio il tuo invito.
        ti invito a scrivere qui su Pontilex

        Ester, se hai il desiderio di presentare in maniera educata (come hai fatto fino ad ora) le tue idee, sei benvenuta.

        Rispondi
    6. giuxgiux

      Ester guarda che non è vero che siamo anonimi… io mi sono anche presentato:
      qui

      Tanti altri mettono nome e cognome… siamo meno anonimi noi di Carlo di Pietro.
      Tra l’altro ci sono i link li a vari insulti scritti da Carlo.
      Giuseppe

      Rispondi
    7. adminadmin

      Ester cito le tue parole:
      Ha inoltre richiesto tante volte di svelare le vostre vere identità e smetterla di celarvi dietro anonimati e pseudonimi vari.
      Belle parole. Ma se poi tu stessa utilizzi un indirizzo email falso ed inesistente per commentare, perdi molta della tua credibilità.

      Rispondi
      1. Oscar Wilde

        Ma se poi tu stessa utilizzi un indirizzo email falso ed inesistente per commentare, perdi molta della tua credibilità

        Bella figura di merda Ester… 😀

        Rispondi
        1. Oscar Wilde

          no sul serio: stavo per iniziare a pensare di cominciare a parlare seriamente, poi leggo il post qui sopra di admin e mi sono cascate le p***e. Bella figura di merda davvero che hai fatto.
          E’ inutile, non c’è modo di avere a che fare con un pontifesso in maniera civile e adulta. Ci casco tutte le volte, tutte le volte che vedo un minimo di civiltà ed educazione non penso “vabbè forse un dialogo si può fare” e poi 5 minuti dopo ecco che il pontifesso di turno se ne esce con l’ennesima vigliaccata/ipocrisia.
          Se la vita fosse un film io sarei quello che viene sempre fregato dal cattivo che finge di essersi redento e poi invece pugnala alle spalle dimostrando di non essere cambiato affatto. 😀

          Ad ogni modo sono contento di cascarci: significa che in realtà non ho perso fiducia nel genere umano e spero sempre che la gente migliori col tempo.

          Rispondi
          1. francesco

            Una domanda se posso…ma che vuol dire usare un indirizzo e mail falso? Cioè metter un indirizzo che non esiste nello spazietto apposito? E io che pensavo non si potesse. Perche poi metterne uno finto mi chiedo..mah.

          2. OscarWilde

            i casi sono due:
            1) perchè non vuole che qualcuno dell’amministrazione le spedisca messaggi a quell’indirizzo (ma basterebbe bloccare gli indirizzi di posta da cui non vuole ricevere email o semplicemente creare un indirizzo email che tanto poi non userai MAI)
            2)perchè c’è gente che di computer non capisce veramente una mazza e CREDE, mettendo un indirizzo email fasullo, di non essere rintracciable (credetemi: mi è già successo).

            a voi l’ardua sentenza.

    8. diego

      Cara Ester, purtroppo per te e per Pontifex non siete cattolici. Il Catechismo cattolico afferma sull’omosessualità:

      La sua genesi psichica rimane in gran parte inspiegabile

      Un numero non trascurabile di uomini e di donne presenta tendenze omosessuali innate. Costoro non scelgono la loro condizione omosessuale

      Va deplorato con fermezza che le persone omosessuali siano state e siano ancora oggetto di espressioni malevoli e di azioni violente. Simili comportamenti meritano la condanna dei Pastori della Chiesa, ovunque si verifichino. Essi rivelano una mancanza di rispetto per gli altri, lesiva dei principi elementari su cui si basa una sana convivenza civile. La dignità propria di ogni persona dev’essere sempre rispettata nelle parole, nelle azioni e nelle legislazioni

      Invito a fondarvi una chiesa per conto vostro, almeno non confondete le acque.

      In quanto alla morale… lascia perdere, nè da cattolici romani nè da tradizionalisti non avete nemmeno la dignità di pronunciare la parola MORALE.

      Rispondi
      1. diego

        – perchè volete dare dettami di morale se non mi sembrate tanto cattolici?

        Questa domanda non la capisco, che significa?? da quando essere cattolici vuol dire essere anche moralmente corretti?

        Rispondi
        1. Oscar Wilde

          no è che PER LORO, se sei cattolico ALLORA puoi insegnare morale.
          Se non sei cattolico sei amorale.
          Sono i soliti schemini imparati al catechismo: buono cattivo, acqua fuoco, normale anormale, ecc i soliti dualismi cretini che ti pongono per forza in una condizione di estremismo (che non è mai una buona cosa).
          Bisogna trovare il giusto mezzo aristotelico in tutte le cose.

          Rispondi
          1. francesco

            Ringrazio il cielo che non tutti i cattolici sono così. Uno dei miei migliori amici è cattolico e di famiglia tremendamente cattolica. Ma ha imparato ad accettarmi e a comprender ciò che realmente sobo, superando (parole sue) i pregiudizi nati solo da cose che gli avevano insegnato. Conoscere me gli ha aperto gli occhi e so o molto felice di questo. E fortunatamente, checchè pontifex e i pazzi sos ragazzi dicano il contrario, la maggioranza degli italiani è abbastanza evoluta mentalmente per trarre le medesime conclusioni.

          2. diego

            a catechismo mi ricordo che insegnavano il rispetto e l’amore per il prossimo, che Gesù ha sconfitto il peccato e saremo tutti perdonati. Gli ebrei perfidi e deicidi??? solo su pontifex!!

          3. diego

            ah… il caro vecchio rogo!!! ah… le care vecchie torture!!!! Ci farei passare tutti i pontifessi!

    9. Sandro

      Cara Ester

      1) Io non sono massone, ma guarda un po’, condivido in pieno quanto scrive Hiram. Fermo restando che se ritieni che l’omosessualità sia una malattia psichica e che dovrebbe essere reato ribadisco quanto ti hanno già detto: questo NON è il pensiero cattolico. E non è nemmeno il pensiero del nostro ordinamento che vieta ogni forma di discriminazione per le proprie tendenze sessuali. Aggiungerei: ama il prossimo tuo come te stesso. Gli omosessuali non sono anche loro il nostro prossimo?

      2) Dato che nella religione cattolica è Dio il Sommo Giudice – mai sentito dire: non giudicare se non vuoi essere giudicato? – mi chiedo con quale diritto ci si permetta di giudicare una persona semplicemente perché ama ed è attratta da persone del proprio stesso sesso.

      3) L’omosessualità è presente da che esiste l’uomo ma non mi pare che ciò abbia impedito nè la diffusione del cristianesimo (che mi risulta sia la religione più diffusa al mondo con 2.1 miliardi di fedeli) nè il proliferare dell’umanità (superati abbondantemente i 6 miliardi di persone).

      4) Possibile mai che Bin Laden (BIN LADEN!!!) possa essersi pentito in punto di morte e andare direttamente in Paradiso, mentre i gay sono a prescindere tutti talmente peggiori di Bin Laden da essere spediti tra le fiamme dell’Inferno?

      Ribadisco: quando ci si dice ama il prossimo tuo come te stesso non si fanno distinzioni. Non dice solo gli etero, o solo i cattolici. Per il resto lasciate che sia Dio, per chi crede che esista, a giudicare.

      Rispondi
    10. FSMosconiFSMosconi

      – perchè volete dare dettami di morale se non mi sembrate tanto cattolici?

      Perché? Solo i cattolcici hanno la “retta” morale, anzi: LA morale? Non farmi pensare male cara: se volevi dire qualcos’altro non ci sei riuscita, ritenta… 😉

      Lo stesso Hiram Abif , autore di questo articolo , in precedenza ha dichiarato di essere massone , dunque cosa vuole?

      Sbagliato: come certo lui potrà spiegarti avanti, se non l’ha già fatto, la Massoneria nasce come una società segreta di tipo filosofico-esoterico con nessun intento distruttrice nei confronti della Chiesa Cattolica, al massimo riformatorio. Un po’ come la carboneria…

      Leggo spesso il vostro sito e non vi nascondo che a volte mi faccio delle grandi e simpatiche risate.

      Leggittmo: se non altro ridi…

      In questo articolo leggo che Carlo Di Pietro ha sempre insultato ed altro, facendolo in anonimato.
      A me questa sembra una falsità, in quanto leggendo anche il contenuto di “Carletto ci scrive… (194)” è evidente che in ordine cronologico, Di Pietro ha sempre cercato il dialogo e l’accondiscendenza.

      Che è come dire che qualcuno che ti entra in casa con una spranga di acciaio inossidabile gridando a squarciagola voleva solo vederti… sicura d’aver letto bene? 😉 😀

      Si legge chiaramente dai suoi commenti che ha richiesto più volte in tanti mesi di non essere insultato e diffamato.

      Se qualcuno mi dicesse: “Oih, tu: per te e solo per me sei uno sfigato. Senza offesa ovviamente: è che potresti fare di più in molto ecc. ecc.” Non credo che mi sentirei offeso, sempre non sia un vittimista….

      Ha inoltre richiesto tante volte di svelare le vostre vere identità e smetterla di celarvi dietro anonimati e pseudonimi vari.

      Ma con che intento? Perché? Se non voglio saranno affaracci miei… O no?

      Rispondi
  4. Ale CrAle Cr

    Tante parole e nemmeno una fonte.
    Carletto afferma che la Dottrina Ufficiale della Chiesa Cattolica Apostolica Romana dichiara l’omosessualità “patologia”, “malattia della psiche quindi curabile”, “malattia mentale”, “scelta criminosa” ecc….

    Addirittura afferma che il Catechismo della Chiesa Cattolica la definisce “disordine mentale” .. io questa definizione sul catechismo non l’ho trovata… anzi: al paragrafo 2357 il Catechismo dice: “La sua [dell’omosessualità] genesi psichica rimane in gran parte inspiegabile. (…) la Tradizione ha sempre dichiarato che “gli atti di omosessualità sono intrinsecamente disordinati (…)”.
    Dire che sono “disordinati” è ben lontano dall’affermare che sono “malati mentali”.
    Tale passo del Catechismo si rifà al documento Persona Humana, paragrafo 8, emesso dala Congregazione per la Dottrina della Fede nel 1975, che, per l’appunto, dice “gli atti di omosessualità sono intrinsecamente disordinati”: le parola “malattia” o “patologia” non compaiono [http://www.vatican.va/roman_curia/congregations/cfaith/documents/rc_con_cfaith_doc_19751229_persona-humana_it.html]
    Nemmeno la Dottrina Sociale della Chiesa usa toni simili, ma, invece, al punto 228 afferma: “La persona omosessuale deve essere pienamente rispettata nella sua dignità” (niente uso della forza, niente terapie riparative, niente galera… ), citando il documento del 1992 Alcune Considerazioni Concenrenti la Risposta alle Proposte di Legge sulla non Discriminazione delle Persone Omosessuali emesso dalla Congregazione per la Dottrina della Fede, sembre basandosi sul sopracitato documento del 1975.

    Ergo: se Carletto & volessero fornirmi documenti diversi da quelli da me citati (che ho sotto mano, in quanto fanno parte della mia biblioteca personale), che dimostrano che la Dottrina ufficiale dichiara i gay “malati di mente”, sarò ben lieta di documentarmi.
    Altrimenti consiglio loro di ripassare la propria religione, perchè ne sono spannometricamente fuori.

    Tra i tanti insulti FUORI DALLA DOTTRINA dei pontifessi:
    http://www.pontifex.roma.it/index.php/editoriale/esteri/4837-omosessualita-malattia-e-disordine-mentale
    http://www.pontifex.roma.it/index.php/opinioni/consacrati/3100-dsm-iv-ed-omosessualita-tra-patologia-setta-ed-ideologia
    http://www.pontifex.roma.it/index.php/interviste/varie/1102-lomosessualita-e-una-patologia-oltre-che-un-grave-disordine-mentale-sacerdoti-gay-dico-di-no-e-trovo-inopportuno-parlarne-su-un-giornale-cattolico

    Rispondi
  5. francesco

    Nascondersi (MALISSIMO) dietro la religione, è la loro specialità. La superficialità, ipocrisia con cui pretestuosamente crede di rispondere “senza offendere” è unica nel suo genere ed è un arrampicarsi sugli specchi continuo. No comment inoltre la lettera da pazzi scritta da sos ragazzi, che a quanto pare, si occupa evidentemente di aiutare solo ragazzi etero, perche non oso pensare cosa farebbero a dei minorenni gay viste le pazzie scritte. Ma tralasciando tutto l ambaradam privo di senso logico che contraddistingue il popolino pontifesso, commento solo un ultima frase di cdp. Perche ora dal cellulare non ho tempo di commentare tutto. Lui dice ” se vi offende la invito a non leggerci piu perche nessuno la obbliga”. Perfetto. Da oggi allora inizierò a dire che i ppntifessiani, secondo teorie psicologiche supportate dai maggiori enti psicologici mondiali, a causa del loro odio palese e manifesto. Ei confronti degli omosessuali, posson soffrire di un serio disturbo ossessivo e di odio patologico, che in determinati casi si presenta come omosessualità repressa. Dubito che sia il loro caso, anche perche senza un analisi approfondita non si può sapere. Invece ciò che si può concludere è in effetti l odio patologico in quanto ossessivo, di cui si fanno portatori, che non mettono mai in discussione, ma che anzi lo esaltano, lo difendo o e lo supportano, consci nel profondo che ledono a qualcuno ma talmente soggetti a tale ossessione da non tenerne conto. Ergo, i pontifessi sono persone che deviano dalla civiltà, dalla civile convivenza tra esseri umani. E il nostro compito è pregare o, per chi non crede, SPERARE che si convertano ed eliminino questo demone che li corrode da dentro. è chiaro che molti psicologi cobsiderano questo comportamento come una patologia peraltro dannosa non solo per se stessi ma anche per gli altri. Spero quindi in una cura pastorale o psicologi a che supporti questo loro disagio attuo a odiare e colpire chi gli sta attorno. ECCO ORA OVVIAMENTE DICO : MI SPIACE SE HO OFFESO, NON ERA CERTO MIA INTENZIONE, MA IO SEGUO CIÒ CHE I PIU RINOMATI PSICOLOGI DICONO, E SE VI SENTITE OFFESI ALLORA VI INVITO A NON LEGGERCI PIU PERCHE NESSUNO VI OBBLIGA. ecco. Ora la notate l ipocrisia di cui vi fate portatori, pontifessiani cattolicistici?

    Rispondi
  6. Sandro

    Attendo con ansia questo documento del Vaticano. Sono curioso di sapere come reagiranno e godermi lo spettacolo. Magari scomunicheranno il Papa o chi per lui, strilleranno che la vera dottrina è quella sostenuta da loro. Penso anche io che nelle posizioni di Volpe e Di Pietro ci sia molto poco di cristiano.

    Mi viene in mente la barzelletta di un signore che va contromano in autostrada, ed ascoltando l’edizione straordinaria del giornale radio sente: “Fate molta attenzione, sull’autostrada Xy nei pressi del Km tot c’è un signore che va in contromano”. Al che il signore sbotta: “Uno solo? Qua stanno venendo tutti in contromano!!!”

    p.s. mi scuso del mio errore: avevo inserito il commento in un post che penso non c’entrava granché. Riporto nuovamente qui il commento perché era pensato e scritto dopo aver letto questo post, e non il precedente.

    Rispondi
          1. diegopig

            Concordo con Hiram Abif (riporto tutti e due perchè non so qual’è il nome e quale il cognome :D).

            bruti cativi omosessualisti orgastici apostati postconciliari perfidi guidacontramanisti!

          2. adminadmin

            Dici che eventuali battutacce sulla dottrina del retto sarebbero fonte di confusione, scandalo, eresia e chissà cosa altro per gli amici Pontifessi?

          3. OscarWilde

            badate bene che e’ contro la retta dottrina!
            Sì ma non è contro la RETTO-dottrina Buuuahhauwhhaahuwhuawhuawhu 😀

  7. S_Raffaele

    a proposito del DSM vorrei ricordare che essendo un organo ufficiale, detta LEGGE! Il che significa che si possono farè tutte le opinioni del mondo ma resta il fatto che nessuna sarà legale se differente. Allo stesso modo sulla chemio possiamo avere tutte le opinioni, resta il fatto che se AIFA e FDA la riconoscono legale di fatto lo è! Sta al paziente accettarla o meno. Quindi ha scritto un’altra…

    Rispondi
  8. AlbertoBAlbertoB

    Giusto qualche pensiero : chi si sente “minacciato” dall’omosessualità è semplicemente uno sciroccato. Poi beh , se mi trovassi un omosessuale con una pistola in una mano , un randello nell’altra e un pugnale tra i denti che mi viene addosso con fare aggressivo forse mi sentirei minacciato anch’io. Ma per tutte le altre evenienze… davvero non so come e perchè una persona sana di mente dovrebbe sentirsi minacciata da chi ama e va a letto con una persona del suo stesso sesso , adulta e consenziente.
    Gli omosessuali “inducono al peccato”? Ma de che? Ma soprattutto CHI? Forse chi è incerto della propria sessualità.
    Gli omosessuali offendono il prossimo? Ci sono milioni di cose che personalmente mi offendono , ma due persone dello stesso sesso che vanno a letto insieme , se adulti e consenzienti , proprio no. Anzi , a dirla tutta me ne batto altamente la ciolla di chi va a letto con chi : a me interessa che siano persone perbene , che siano oneste e che paghino le tasse. D’altro non mi curo e ritengo che NESSUN altro si dovrebbe occupare di argomenti così personali come la sessualità. Se vissuta con serenità e in modo sano non vedo dove risieda il problema.
    Mi offende molto di più un prete pedofilo e/o spacciatore , mi offendono i clericali con le loro ossessioni pruriginose che dall’alto del loro pulpito vomitano sentenze inappellabili. Con la giustificazione che L’HA DETTO DIO.
    Io non credo in Dio , men che mai nel loro Dio. Ergo , a mio modo di vedere , dicono solo delle gran cazzate. Punto.

    Rispondi
    1. Hiram Abif Autore articolo

      Alberto, certo che si. in fondo ognuno e’ libero di sparare le cazzate che vuole. purtroppo il problema pontifex e’ un po piu’ complesso. se Carletto si limitasse a sparare le sue cazzate senza pretendere di imporle a gli altri, senza offendere ed insultare, allora saremmo tutti tranquilli. lui sparerebbe le sue cazzate in solitudine e noi staremmo a farci i fatti nostri.

      qui il problema e’ che come lui ce ne sono parecchi. pensi che uno come Giovanardi sia meglio di Carletto? qui il problema e’ che qualcuno vuole imporci queste cazzate come se fossero legge. allora e’ nostro preciso dovere di cittadini reagire e tenere il punto, dire chiaramente che :

      il diritto all’opinione e’ sacrosanto. l’insulto, la discriminazione, l’imposizione di un modello culturale unico non e’ un diritto, mai, e noi ci opponiamo con forza.

      Rispondi
    2. Ale CrAle Cr

      “Gli omosessuali “inducono al peccato”? Ma de che? Ma soprattutto CHI? Forse chi è incerto della propria sessualità.”

      Quoto!
      Io e il mio compagno abbiamo un sacco di amici gay, ma posso assicurare che l’eterosessualità della mia “dolce metà” non è mai stata messa in dubbio!
      Del resto, chi non sa nemmeno riconoscere una donna naturale da altre… insomma, ne comprendo la precaria instabilitià.

      Rispondi
  9. paopao

    Ester:Mi dispiace ma non mi sembra che Carlo Di Pietro abbia scritto castronerie.
    ah no eh?
    Allora rileggiti bene questo:
    Cannibalismo, pedofilia, necrofilia, coprofilia, adulterio, omosessualità praticata e similari ( ndp e similariii? cioé?) , rappresentano un disordine nella morale, nella psiche, nel corpo e nell’anima. ):D
    (ndp e adesso arriva la chicca…)I peccati sessuali contro natura gridano vendetta la cospetto di Dio.“

    fonte ..(uffi!)
    http://www.pontifex.roma.it/index.php/editoriale/il-fatto/7640-pontifexroma-e-le-opinioni-sullomosessualita-risposta-ad-un-nostro-lettore-che-chiede-spiegazioni
    Ester, Annalisa, Calim ehm Cidippino..insomma come ti devo chiamare…?):D

    Rispondi
    1. adminadmin

      Ester si presenta a noi dal Lazio … Non come Annalisa/CdP e tutti i suoi avvocati, che condividono un unico identico indirizzo IP 🙂

      Rispondi
      1. paopao

        beh, magari é andato a trovare il Papa…):D

        Hai mai fatto caso, admin, che sempre, dopo le sfuriate di Cidippino e dopo che giura di non leggerci mai piu´ appare qualche dolce donzella che commenta in favore del Maldestro?
        Queste compassionevoli creaturine, in genere dopo due o tre commenti….KA BUUMMM rispariscono nel Nulla Nirvanico e non tornano MAI +
        );D

        Rispondi
        1. adminadmin

          Ester è al suo primo messaggio … Diamole il tempo di accorgersi delle vostre risposte. Io ho provato ad avvisarla con una mail e mi è tornato questo messaggio:

          SMTP error from remote mail server after RCPT TO::
          host liberomx1.libero.it [212.52.84.177]: 550 #5.1.0 Address rejected [email protected]

          Rispondi
  10. Davide

    Credo che il Vaticano abbia già dato qualche randellata a Pontifex.
    Ricorderete i banner in bella vista anti GP2 prima della beatificazione: imoprovvisamente sono spariti senza una nota o altro.
    Qualche Don Santo di turno avrà ricevuto una bolla pontificia.

    Quanto a CdP, il suo profilo dice tutto (già lo conoscete di certo):
    http://www.miliziadisanmichelearcangelo.org/content/view/375/97/lang,it/

    Teocratico (!!), avrebbe già governi e aree pronte ad accoglierlo nel mondo: Iran, Arabia Saudita, ma troverebbe terreno fertile anche in Afganistan, Pakistan e Iraq.

    “E’ uomo di poche parole, riflessivo e riservato; comunica con i suoi interlocutori pervalentemente sul web.”

    E’ uno che vive attaccato al PC socializzando “prevalentemente” attraverso un monitor e della sua riservatezza e riflessività ne abbiamo prove tutti i giorni.

    I suoi punti di riferimento sono gente come Babini:
    “L’11 aprile 2010 destano scalpore alcune sue dichiarazioni antisemite e omofobiche apparse su un sito di informazione cattolica in merito alle accuse di pedofilia rivolte alla chiesa cattolica[1]. Il vescovo emerito replica con una smentita, asserendo di essere stato strumentalizzato da alcune agenzie che gli attribuiscono espressioni mai pronunciate[2]. Alla smentita ha risposto la redazione del sito ribadendo l’autenticità delle dichiarazioni espresse dal vescovo, dichiarandosi pronta a pubblicare il contenuto dei nastri su cui è incisa la registrazione dell’intervista[3].

    Il 27 luglio dello stesso anno riferendosi al caso di alcuni preti omosessuali della diocesi di Roma che avrebbero infranto il voto di castità[4], rilascia ulteriori dichiarazioni omofobe. In particolare afferma che “l’omosessualità in un prete, se tradotta in pratica depravata, è addirittura più grave della pedofilia, si tratta di uomini viziosi e perversi, che si sono abbandonati a oscene pratiche contro natura”[5]. L’attuale vescovo di Grosseto Franco Agostinelli ha risposto a questi commenti mostrandosi scioccato e asserendo che i pensieri di Babini non rispecchiano il pensiero della diocesi grossetana, ma che “sono pronunciate da una persona anziana che parla per sé” e ancora che “Babini è anziano e ha anche qualche problema di salute”[6].

    Successivamente il vescovo Babini è tornato alla ribalta della cronaca criticando la scelta di far esibire in concerto il cantante britannico Elton John nella piazza di Trani di fronte alla cattedrale: il motivo di tale critica è che il cantante è gay. “Far cantare quel signore davanti ad una chiesa è inadeguato, blasfemo e offensivo esistono luoghi acconci per queste cose”[7].”
    http://it.wikipedia.org/wiki/Giacomo_Babini

    Liquidato dalla stessa chiesa come persona un pò rincoglionita.

    Rispondi

Rispondi