Brunello ci minaccia.

Riceviamo insistenti minacce di Foxy che chiede di cancellare l’articolo di Pietro Volpe, chiede chi l’ha sentito telefonicamente … Intima ed ordina. Oggi si vede che prevale l’altra faccia di Giano, quella meno piacevole.

Di seguito la nostra ultima risposta a Brunello che ci intima di togliere l’articolo fastidioso entro 3 ore pena il sequestro del nostro sito (con un magistrato pronto a firmare il decreto).

http://it.wikipedia.org/wiki/Carta_dei_doveri_del_giornalista#Rettifica_e_replica

Rileggiti bene la parte sulla verifica delle fonti.

Consentici di verificare in maniera indipendente le tue affermazioni. E noi toglieremo l’articolo del presunto Pietro.
Non ci sembra di chiedere l’impossibile. Chiediamo solo una verifica indipendente delle tue affermazioni.

Tenendo fede ai doveri di un giornalista ti abbiamo dato la possibilità di replicare (cosa che tu non hai mai fatto quando parli male di noi sul tuo adorato sito Pontifesso).

Vuoi interrompere questo magnifico dialogo in questo modo scortese?

Ti abbiamo pure fornito il documento originale (cosa che un giornalista non farebbe mai, per tutelare le sue fonti).

Perchè vuoi sapere chi è stato contattato da Pietro Volpe?

12 pensieri su “Brunello ci minaccia.

  1. adminadmin Autore articolo

    Come conseguenza delle minacce di Brunello, in attesa di poter ricevere consigli dai legali nostri amici, proteggiamo gli articoli di Bruno e Pietro Volpe in modo che non siano disponibili.

    Valuteremo come reagire e valuteremo se querelare per diffamazione il caro Bruno Volpe che associa sempre il nostro nome a termini poco edificanti, senza neppure darci il diritto di replicare.

    Rispondi
  2. Biotech

    Aaaah, ecco perchè non potevo più rileggere l’articolo…
    Certo che fare l’amministratore di questo grande sito che è Pontilex deve essere stancante, con Foxy sempre pronto a dire stupidaggini facendo il bulletto con parole di cui non conosce il significato, come “querelo” o “intimare”…bah…

    Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      Grande sito?

      Ma guarda che questo è un gioco, un divertimento.. se tu lo trovi “grande” ne prendiamo atto e ci fa piacere, ma ti assicuro che per noi è un gioco.

      Il fastidio che produce in noi l’altro lato del Giano Brunello (il lato oscuro ed astioso, poco propenso al dialogo) deriva proprio dal fatto che noi, per gioco, ci comportiamo in maniera molto più seria e professionale di quanto fatto dagli amici Pontifessi che invece dichiarano di essere giornalisti (oltre che avvocati). Imbarazzante!

      Rispondi
      1. Biotech

        Beh, è un grande sito: un sito il cui proposito è far accendere il cervello e, fra mille peripezie, CE LA FA, per me è un grande sito!! Un gioco? Forse! Ma un gioco fatto bene!!
        E non un brutto balletto straziante come la base dei pontifessi…

        Rispondi
  3. AlbertoBAlbertoB

    Effettivamente… Bruno , hai la possibilità di fare un mazzo così a chi ritieni che ti abbia diffamato. Hai in mano il documento firmato. Hai l’opzione di usare l’aggravante che questo documento è stato reso pubblico e che hai dovuto scrivere una smentita , regolarmente pubblicata.
    Forse per rendere ancora più trasparente l’opera di Pontilex si potrebbe unire i due articoli in uno solo , in modo che un lettore disattento possa avere anche la smentita subito sotto gli occhi e non dover andarla a cercare. Credo che per amor di correttezza sarebbe una buona idea.

    Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      In questo momento sono diviso tra due posizioni molto radicali: fregarmene delle beghe familiari dei due volponi (attendiamo che la persona di nostra fiducia ci aggiorni sulle ultime comunicazioni con Pietro) cancellando tutto e lasciando che si sbrighino le loro vicende in casa loro (con la piccola differenza che le opinioni di Pietro Volpe scompariranno dalla rete mentre resteranno abbondanti e copiose le sbrodolate di Brunello) oppure fare l’ennesimo sforzo e sintetizzare, come tu suggerisci, le diverse posizioni evidenziando quello che è privo di prove (e quindi pure opinioni di due persone) per differenziarlo dagli eventi che hanno prove a sostegno.

      Time will tell. Ora si prepara la pizza, si rassetta la casa, ci si mette nel clima della fine dell’anno.
      E speriamo che domani Brunello si svegli con lo stesso piede di ieri, quando scriveva in maniera amichevole.

      Rispondi
      1. giuxgiux

        ciao admin, mi spiace ti devi subire la violenza di quell’uomo solo xkè hai avuto amore per la verità.
        Anche secondo me sarebbe il caso unissi i due articoli.
        Giuseppe

        Rispondi
      2. Ale Cr

        Trovo che una buona dose di confronto possa essere non solo interessante per noi lettori, ma anche “utile” per Brunello che per una volta in “vita sua” deve render davvero conto di quello che urla e scrive… troppo comodo scrivere quello che si vuole e cancellare tutti i commenti, per esempio, che ne richiedevano fonti, precisazioni e rettifiche.

        Rispondi
  4. FSMosconiFSMosconi

    Ah, me l’aveva implicitamente chiesto anche quando ho fatto il mitico articolo su Nonci, motivazioni:…. non le ho trovate, non le ha fornite. Si sente offeso per questo articolo su Pontilex?

    1. O è vero e lo sa, perciò ha paura
    2. O è palesemente in malefede
    3. Non sa leggere le avvertenze a inizio testo. O semplicemente non sa leggere

    Rispondi
  5. Ale Cr

    Certo che ne ha di tempo da perdere… ma lavora?!
    Comunque, mi chiedo se tutte queste vane minacce siano lecite o meno… minaccia a destra, minaccia a sinistra… sempre tentando di intimidare… ma non è un crimine?
    Visto che gli “piace” avere a che fare con la giustizia, potrebbe farsi un bell’esame di coscenza e ripassare i tomi che avrebbe dovuto studiare per diventare “avvocato” (titolatura che ancora non trovo in nessun albo degli avvocati… mha..).

    Rispondi
  6. adminadmin Autore articolo

    Uh … che peso … Uno si ferma un attimo per fare le pizze e si trova una serie di pizze nella mailbox …

    Una serie di mail di Brunello che prima ci ricorda che il tempo è scaduto e chiarisce che la querela non è contro di noi ma è “oggettivamente” contro di noi a meno che non togliamo le pagine (che abbiamo già tolto)… Poi una mail in cui si torna a chiedere chi ha parlato con Pietro … Ah quanta pazienza serve con la famiglia Volpe…
    Nel frattempo la nostra persona di fiducia non è riuscita a contattare Pietro, che ora si nega (e fa dire al telefono che non può parlare di questo argomento per il prossimo mese) … Ma uno sano, si trova?

    Rispondi

Rispondi