Poveri… ma liberi

Brunello… non arrabbiarti!
Leggo il tuo articolo http://www.pontifex.roma.it/index.php/editoriale/il-fatto/6020-sono-dei-poveracci e già dal titolo mi deprimo…

Scrivi che  sei uno che non ha mai alzato il tiro… eppure solo in questo post leggo parole quali: poveracci, mentecatti ed imbecilli che sono tutto fuorchè complimenti…

Scrivi: …Intanto la cosa crea un pericoloso precedente…

potrei dedurre che dai alle decisioni di pontilex potere normativo: i precedenti nella legislazione americana sono vincolanti e sono sanciti dalle sentenze del giudice. Nell’ordimanento italiano si dice …la giurisprudenza… insegna per rifersi ad essi: queste decisioni non hanno valore vincolante nei processi successivi… però in genere se ne tiene conto: ti rassicuro, le decisioni o i pareri di pontilex non rientrano in nessuna delle due categorie e pertanto le successive tue domande sono inutile (anche perchè considera, brunello mio, che i pareri che sono stati espressi a riguardo dai vari articolisti sono del tutto personali, nessuno si sognerebbe mai di spacciarli per Magistero o condannerebbe qualcuno all’inferno se la pensasse diversamente – giusto per la cronaca io ho scritto un articolo in cui condanno il comportamento del medico così come condanno la tua becera e meschina strumentalizzazione. Quancun altro la pensa diversamente… ma noi siamo qui per dialogare e capire insieme…).
In ogni caso grazie per il rispetto che nutri, se non nella forma almeno nella sostanza, ai nostri articoli… ammettilo: davanti a tutti li contesti… ma nel tuo cuore… per te sono leggi!

Scrivi che siamo quattro signori… se era un ricalcare la famosa frase manzoniana… bhè grazie per il complimento… speriamo vivamente di avere un pubblico simile a quello dei Promessi Sposi.

Scrivi che bisogna dare rispetto ai vescovi emeriti in quanto successori degli apostoli… ma se voi per primi mancate di rispetto al vescovo più importante, il papa, Giovanni Paolo II nella fattispecie, dandogli dell’eretico.
Ma se voi stessi per primi date dell’eretico all’intero collegio episcopale, dando dell’eretico al Concilio Vaticano II i cui documenti furono preparati e votati da tutti i Padri del conciliari.

Qui nuovamente usi la parola perfido ebreo e non si capisce in che veste: se l’ebreo è perfido nell’accezione di malvagio perchè non ha prestato soccorso o in quella di incredulo perchè non ha riconosciuto il Signore. Ma non puoi una buona volta usare parole chiare invece di essere il solito ambiguo?

Alla faccia della chiarezza che dovrebbe contraddistinguere tutti i giornalisti…

Scrivi: ma il rispetto i gay lo vogliono dagli altri, però lo negano in modo scriteriato.

i gay… ma su brunello diciamo gli uomini (sai credo che un gay sia anche un uomo… non ho mai verificato però) vogliono tutti il rispetto: lo vogliono e lo chiedono. Poi ci sarà sicuramente qualche pecora nera che si fa beffe di tutto e di tutti ma quello esiste nel mondo etero così come in quello gay… hai mai visto su internet quanti video che alludono al nazismo di BXVI… sai non credo che quelli siano tutti gay…

Scrivi:
Dio ci liberi da questa gentaglia, e sarebbe ora di creare il reato di omosessualità, per liberarci da questo cancro.

Io direi… Dio ci liberi dall’odio che covano certi cuori nei confronti dell’altro in quanto uomo, dell’altro in quanto sempre e comunque figlio di Dio.
Io direi… Dio ci liberi dalla perfidia con la quale certa gente semina zizzania a destra e a manca solo per sue idee preconcette, false e ipocrite.
Io direi… Dio ci liberi da tutti coloro che il Vangelo lo sanno sulla carta… ma non lo vivono nella vita.

Quando hai voglia rispondi alle altre domande e chiedi a carletto a che punto sono le sue spiegazioni dei 101 motivi per cui GPII è eretico… ce le ha promesse… e non siamo tutti qui che le aspettiamo.

Simone

31 pensieri su “Poveri… ma liberi

  1. Litigi Vacui

    Perdonatemi se duplico il post. Nel caso, chiedo a Admin di cancellarne uno. Grazie!

    Nell’articolo intitolato “Sono dei poveracci…” su Pontifex, leggo questa frase:
    “Dio ci liberi da questa gentaglia, e sarebbe ora di creare il reato di omosessualità, per liberarci da questo cancro”

    E quali sarebbero le motivazioni alla base di un reato di omosessualità? Si commette un reato quando con azioni oppure omissioni si esercita un’azione socialmente pericolosa. E dove sta la pericolosità del gay? Può forse un gay maschio attentare alla virilità di un etero maschio con la sua sola presenza? Ancora nessuno mi ha spiegato come si trasmette l’omosessualità, nonostante le mie continue richieste.

    E quale sarebbe la pena giusta per il reato di omosessualità? Il carcere a vita, i lavori forzati o cosa? E pensare che proprio qualche giorno fa il sig. Di Pietro ribattè a una mia osservazione con la quale mi chiedevo se voi di Pontifex non foste per la reclusione dei gay! Nell’articolo “Viaggio del Santo Padre in Spagna: le porte degli inferi non prevarrano mai!”, al mio post il sig. Di Pietro rispose testualmente:

    “Io le dico che nessun Cattolico al modo vuole la reclusione per i gay, ma siamo impazziti?

    Ma come, sig. Volpe, ora contraddice il sig. Di Pietro? Stando alle parole del sig. Di Pietro, Lei dovrebbe essere impazzito! C’è proprio qualcosa che non mi torna in tutto questo… qualcuno sarebbe tanto gentile da illuminarmi?

    Ma ci rendiamo conto che dire ” sarebbe ora di creare il reato di omosessualità” è una vera e propria istigazione alla discriminazione? Ci rendiamo conto che sarebbe un reato assolutamente anticostituzionale?

    Perdonatemi, ma visto che il bug di Pontifex continua a cancellare inspiegabilmenet i miei messaggi (lo so, non mi censurate, ma dovreste correggere il software), ancora una volta approfitterò dell’ospitalità dei dirimpettai per pubblicare questo post.
    Grazie per l’attenzione che comunque vorrete dedicarmi, ovunque voi leggiate le mie parole.

    Rispondi
    1. simonesimone Autore articolo

      quando chiesi a brunello tempo fa sul perchè di così tante discrepanze tra il suo pensiero e quello di Cdp mi rispose che… sono persone diverse e quindi la pensano diversamente… non si capisce come da due pensieri diversi possa derivare il Magistero ufficiale… mistero della fede…

      Rispondi
      1. Litigi Vacui

        In questo caso, CDP ha parlato a nome di tutti i cattolici quando ha scritto “Io le dico che nessun Cattolico al modo vuole la reclusione per i gay, ma siamo impazziti?”. E BV dice esattamente il contrario. Quindi uno dei due ha abusato delle proprie parole!

        Rispondi
        1. simonesimone Autore articolo

          ma no… sai com’è non sapendo cosa dire si dice tutto… poi a seconda dei contesti si tira fuori l’una o l’altra frase più appropriata. Mi sono reso conto, che sebbene mi sforzi di trattarli da persone serie, in realtà sono il massimo della contraddizione e della faziosità, vano avanti a frasi fatte e quando provi a farli ragionare… vanno in confusione e ricominciano il solito disco. Se non fosse per il fatto che potrebbe esserci qualcuno che si incantare come un allocco neppure risponderei a certe affermazioni…
          Io scrivo qui sperando che qualcuno la legga la sciocchezza e venga e qua e si chiarisca le idee

          Rispondi
          1. Litigi Vacui

            C’è una incoerenza di fondo. Come dici tu tirano fuori una versione piuttosto che un’altra a seconda delle esigenze. E non è quello che pensavo di trovare su un sito di apologetica cattolica.

    2. AlbertoBAlbertoB

      Nah , quella del reato per l’omosessualità è una boutade , voleva scrivere qualche altro insulto ma ha avuto paura di esagerare e allora l’ha messa li’ per scaldare gli animi , una provocazione tutto qui.
      Brunè te l’ho già detto , non ti arrabbiare che ti sale la pressione e non metterti a cazzeggiare con le provocazioni che ti si addicono.
      Ad ogni modo meglio 1000 Brunelli incazzati che 1 Di Pietro normale.

      Rispondi
    3. adminadmin

      Qui noi non cancelliamo i post neppure quando ce lo chiedete! 😉

      L’articolo di Foxy ha generato molte reazioni. Pao, GG, Simone… Mica Previte! 😉

      Duplica, duplica. Senza problemi.

      Rispondi
  2. Gianfranco Giampietro

    Non mi importa se dio o demone, ma che davvero qualche essere davvero buono ci salvi da questa gente colma soltanto di odio (con la battuta del tumore anale oggi Volpe è sceso al livello del cattivo gusto quasi di CdP… ancor più per la proposta di reato per la condizione stessa di omosessualità)

    Oggi Bruno Volpe mi ricorda un sacco http://i161.photobucket.com/albums/t226/OHHHMATRON2006/MCDOWELL/csbg2.jpg

    Comunque non ho dubbi sul fatto che domani, dopo essersi calmato, Volpe tirerà fuori qualche complicata arrampicata sugli specchi per reinterpretare il significato di questa sua ultima sparata.

    Qualcosa tipo “ma io per reato di omosessualità intendo solo gli omosessuali che girano armati di pistola” o qualcosa di simile…

    Rispondi
    1. adminadmin

      Vedrai che correggerà il tiro riferendosi all’omosessualità praticata. Invece quella casta non deve essere sanzionata. Secondo Foxy.
      In pratica secondo Foxy i poliziotti dovranno entrare nelle camere da letto per sbirciare se le persone fanno sesso in maniera etero oppure in maniera omo. Brrr!

      Rispondi
      1. Gianfranco Giampietro

        Beh, potremmo sempre montare delle telecamere obbligatorie in tutte le case e chiamarle “l’occhio di Dio”… In fondo la dittatura non sembra più molto lontana nelle idee di Volpe e CdP.

        Comunque, seriamente, se questa cosa fosse applicata, nell’immaginario comune ben presto ogni omosessuale verrebbe automaticamente dato per scontato che sia “praticante”, allo stesso modo di come durante il nazismo ogni ebreo era dato per scontato che fosse strozzino e “perfido”.

        Quando il reato diventa nebuloso e basta solo un’accusa per definire qualcuno “colpevole”, si degenera facilmente in una “caccia alle streghe” simile a quelle dell’Inquisizione cattolica, o degli anni del Terrore di Robespierre e Stalin.

        Rispondi
  3. Litigi Vacui

    Con riferimento all’articolo “Viaggio del Santo Padre in Spagna: le porte degli inferi non prevarrano mai!” pubblicato su Pontifex, e all’affermazione del sig. Carlo Di Pietro quando dice testualmente “Io le dico che nessun Cattolico al modo vuole la reclusione per i gay, ma siamo impazziti”…

    Mi scusi, sig. Di Pietro, ma ora posso contestare prove alla mano la Sua osservazione. Nell’articolo “Sono dei poveracci…”, il sig. Volpe scrive testualmente “Dio ci liberi da questa gentaglia, e sarebbe ora di creare il reato di omosessualità, per liberarci da questo cancro.”.
    Questo è esattamente quello che intendevo dire. Immagino che proverà a darmi delle interpretazioni, ma le parole sono chiare: reato di omosessualità, ergo i gay tutti reclusi. Certo, ora mi dirà che il sig. Volpe si riferiva solo a coloro che esercitano in pubblico; ma in tal caso, si parla di oltraggio al pudore, ed è già reato, anche per gli etero.
    Nel momento in cui si comincia a parlare di “reato di omosessualità”, diventano chiare la posizione di Pontifex e la sua (sua di Pontifex, non ho usato la S maiuscola) profonda avversione verso gli omosessuali (non riferita quindi al peccato, ma alla persona). Quella avversione che in tutto il resto del mondo, al di fuori di Pontifex, viene chiamata “omofobia”. Lo so, la parola non esiste, La prego di non sommergermi con altri dieci articoli che dimostrano la non esistenza del termine; al di fuori di Pontifex ci si capisce con questo termine errato. Del resto, anche il comunissimo OK è sbagliato (è stato pubblicato un libro intero che lo dimostra), ma ci si comprende ugualmente.
    Comunque sia, il sig. Volpe contraddice le Sue parole, caro Di Pietro. Non è vero che “nessun Cattolico al mondo vuole la reclusione per i gay”. Magari mi dirà che il reato prevederebbe solo pene pecuniarie… ma in genere i reati prevedono la reclusione. Oppure mi dirà che il sig. Volpe si è espresso in maniera impulsiva; questo può accadere quando si parla, ma se si scrive si ha tutto il tempo di leggere.
    “Reato di omosessualità”, proprio come ai tempi del nazismo. E come accade nei paesi islamici. L’integralismo cattolico di Pontifex non ha nulla da invidiare all’integralismo di quei musulmani che tanto contestate. Poi vedo un’altra grave incoerenza: se l’omosessualità è una malattia, come si può punire come reato una malattia? Ma stiamo dando i numeri? O forse sotto sotto il sig. Volpe intende tornare sulle sue convinzioni e non intendere più l’omosessualità come una malattia?
    Davvero mi avete deluso… L’odio non è quello che mi aspettavo da un sito di apologetica cattolica.
    Censuri pure questo mio messaggio, sarebbe in linea con le idee di Pontifex. Mi basta che lo legga Lei. Però non Le nascondo che mi farebbe piacere capire come mai le Sue parole si contraddicono con quelle del sig. Volpe.
    Grazie mille e mi perdoni per il tempo che le ho fatto perdere con il mio sproloquio.

    Rispondi
    1. Grande Fratello

      i pontifessi fanno chiaramente riferimento allo schifoso psicoreato dell’omosessualità. Una tale bestialità non esiste, non deve esistere e sarà giustamente punita, non con la reclusione (siamo impazziti? bisogna spendere per mantenere questi delinquenti?) ma con la morte, dopo l’opportuno trattamento.

      l’ignoranza è forza, la guerra è pace, la libertà schiavitù.

      Rispondi
  4. giuxGiux

    BV è ingenuo, esprime a parole e scrive quello che buona parte degli altri cattolici pensano ma sanno di non poter dire pubblicamente.
    Almeno lui è sincero…..
    Giuseppe

    Rispondi
    1. adminadmin

      Non credo si possa affermare che “buona parte degli altri cattolici” la pensano come Foxy (isn’t sexy). Egli esprime il punto di vista di una parte abbastanza piccola dei cattolici.

      Rispondi
      1. giuxGiux

        x me ti sbagli io ne ho conosciuti tantissimi come lui, ci sono cresciuto in mezzo, anzi lui è pure tenero… si limita a parlare gli altri mettono in pratica le loro “strane” idee… o forse sono stato sfortunato io???… va beh sono stato tirato su dai ciellini… che è gente “particolare” ma sbaglio o sono centinaia di migliaia in italia???? e di presenza nelle istituzioni ne hanno un bel pò e questo lo vedo anche sul lavoro.
        Quindi proprio dire che si tratta di minoranza…. piccola… mah… se lo dici tu… mi piacerebbe che hai ragione admin!
        Giuseppe

        Rispondi
        1. adminadmin

          Giux non pretendo di avere ragione. Io ho avuto la fortuna di stare sempre molto lontano da CL. Forse sono stato fortunato io. Sicuramente le opinioni di altri utenti Pontilessi possono aiutarci a capire se sono io Gastone o tu Paperino 😉

          Rispondi
        2. Gianfranco Giampietro

          Che poi per esempio io potrei parlare bene di molti ciellini (non di tutti) che sono molto religiosi, ma non “bigotti” e intolleranti, e che al contrario sono stati per me occasione di scambio di opinioni civili e rispettose (sebbene io e loro abbiamo modi di pensare diversi).

          In realtà credo siano tutte realtà abbastanza complesse, nella quale trovano spazio eccezioni e casi particolari di ogni tipo.

          Credo che le persone civili e rispettose, come anche la frangia estremistica, si trovino all’interno di molte, se non quasi di tutte, le realtà ideologiche, politiche e religiose.

          Comunque forse sono d’accordo anche io nel non parlare più di una “minoranza”. Se sommiamo tra loro i cattotalebani, i leghisti e gli estremisti di destra, otteniamo comunque una tendenza inquietante in aumento nel nostro paese, che per esempio è stata sufficiente a mandare al governo insieme alla maggioranza un partito palesemente xenofobo e omofobico.

          Purtroppo l’occidente è in crisi, e i periodi come questi sono terreno fertile per il ritorno ai secolarismi e alle superstizioni.

          Rispondi
  5. GIANLUIGI

    Ho letto moltissimi articoli di Pontifex e se fossi stato un avvocato li avrei riempiti di querele per le affermazioni gravissime contro gli omosessuali (ma non solo) che pubblicano.
    Forse però ha ragione chi scrisse che con il loro operato non fanno altro che danno alla Chiesa.

    Rispondi

Rispondi