L’emulo di Foxy rivela le sue fonti.

Abbiamo riportato in passato notizie che sembrano indicare una diffusa e ripetuta abitudine da parte del nostro caro Brunello. Pare infatti che in molti casi le affermazioni che egli riporta nelle sue “interviste” non provengano direttamente dai diretti interessati. Attendiamo ancora con impazienza l’audio dell’intervista che Babini avrebbe rilasciato a Foxy e che poi ha ritrattato. Abbiamo letto la diffida che per conto di Pontifex l’avvocato Pepe di Bari (specializzata in diritto civile, lavoro, penale minorile, infortunistica, recupero crediti) ha spedito ad un paio di persone.

Lo ammettiamo: ci ha colpito questa Marianna Pepe. Ci ha colpito per la giovane età (infatti è nata il 1 settembre 1976) e per il fatto che ha iniziato a svolgere la sua professione nel 2006, quindi davvero da pochissimo tempo. Curiosamente gli avvocati a cui si rivolgono gli amici Pontifessi, insieme a quelli che s’offrono volontariamente a difesa dei Pontifessi, come il mitico Almerigo Pantalone, quasi coevo della Pepe, sembrano molto giovani e principalmente alle prime armi. Infatti la Pepe si occupa di infortunistica (assicurazioni), di recupero crediti, di civile (magari di separazioni: probabilmente in questo ambito ha conosciuto il buon Brunello). Tutte cose che a detta di un nostro legale fanno parte della “gavetta”. Poi con il tempo, la pratica e l’esperienza, si passa alle cose serie: il penale (quello degli adulti). Visto che gli amici Pontifessi non hanno più dato spazio alle diffide intentate verso altri, ipotizziamo che l’unico modo per sapere che cosa è stato delle minacciose intenzioni annunciate da Brunello nei suoi due articoli sia di contattare direttamente l’avvocato Pepe.

http://www.avvocati-italia.com/detail/2342/avv-marianna-pepe.html

Potete leggere di seguito le parole usate da Brunello nel minacciare azioni legali.

Torneromo sul tema quando avremo maggior spazio. Per il momento annunciamo come da letere che seguono che non per il male della Chiesa, ma solo per affermare principi di verità, Pontifex ha inviato formali diffide legali al vescovo Babini e al Priore Enzo Bianchi, precisando che le interviste sono state regolarmente effettuate e come pubblicate da Pontifex che non tollera ulteriori campagne denigratorie ed offensive nei suoi riguardi. Ora basta con il tiro al bersaglio. Il sito Pontifex.Roma ha dato incarico all’ Avv. Marianna Pepe del Foro di Bari al fine di intraprendere tutte le opportune azioni legali, ove necessarie, nei riguardi di Sua Eccellenza Mons. Giacomo Babini ed il Priore Enzo Bianchi a seguito di loro dichiarazioni rese a mezzo stampa

http://www.pontifex.roma.it/index.php/editoriale/il-fatto/4011-pontifex-dice-basta-e-qdiffidaq-mons-babini-e-don-bianchi (articolo del 14 aprile 2010 dove potete anche scaricare i due PDF con il testo delle due diffide)

Brunello torna in seguito (lunedì 19 aprile, 6 giorni dopo le lettere di diffida e 5 giorni dopo averne parlato sul suo Pontifex) sull’argomento con un intero edittoriale dedicato ad un misterioso “bambino prodigio”. E scrive:

Per quanto riguarda le interviste, il vescovo Pieronek inviò a Pontifex una lettera di scuse confermando la intervista, ma il bambino prodigio ha ignorato la cosa. In quanto a Babini, ha omesso di riprendere un comunicato di Pontifex e le relative diffide giudiziarie. Pontifex ricorda che giovedì depositerà, avendo diffidato senza alcuna risposta Babini, regolare querela e le relative cassette, estendendo detta querela contro tutti coloro i quali avranno ripreso la smentita, senza dar atto delle precisazioni di Pontifex.

http://www.pontifex.roma.it/index.php/editoriale/il-fatto/4073-il-bambino-prodigio-il-suo-direttore-e-le-calunnie

Siamo in trepidante attesa… Che fine hanno fatto le azioni legali (querela) minacciate da Foxy? L’articolo affronta anche un diverso tema, assolutamente affascinante. Si parla infatti dell’intervista a mons Pieronek che ha prodotto quello che possiamo considerare il “picco” di visibilità mediatica mai raggiunta da Pontifex. Grazie infatti alle parole di Pieronek (ed alla successiva babele di smentite controsmentite e ritrattazioni) si è parlato di Pontifex in ogni parte del mondo. Il seguente link rende vagamente idea del delirio che si è scatenato. Devo premettere che parte delle opinioni espresse nel seguente articolo possono disturbare gli animi sensibili. Citiamo l’articolo solo per dare una vaga impressione della proporzione del miasma prodotto da Foxy con la sua intervista a Pieronek.

http://criticadelcattolicesimo.blogspot.com/2010/01/teologia-politica-84-tadeusz-pieronek.html

L’argomento del contendere? Si parla dell’Olocausto, si discute della sua dimensione, della sua esistenza. Tralasciamo ogni considerazione in merito. Riportiamo solo due link: l’originale intervista di Pieronek a Foxy, e l’ultimo un comunicato riportato da Pontifex in cui Pieronek si assume la paternità del contenuto dell’intervista. Non abbiamo la capacità di tradurre il comunicato stampa in polacco diramato da Pieronek, quindi ci limitiamo a prendere per buona la traduzione offerta da Foxy. Aggiungiamo semplicemente un breve pensiero. Che le dichiarazioni sulla Shoa provenissero dalle parole di Pieronek o dalla fantasia di Foxy poco importa. Sono una brutta testimonianza del profondo antisemitismo che circola nella Chiesa Cattolica!

http://www.pontifex.roma.it/index.php/interviste/religiosi/3531-pacifici-racconta-barzellette-la-polonia-non-e-antisemita-gli-israeliani-non-rispettano-i-diritti-umani-dei-palestinesi-la-shoa-non-e-solo-ebraica-ma-riguarda-cattolici-e-polacchi-israele-gode-di-buona-stampa-il-potere-economico (intervista originale)

http://www.pontifex.roma.it/index.php/news/29-news/3573-pieronek-chiede-scusa-a-pontifex-ora-la-chiedano-altri (il comunicato stampa di Pieronek)

L’articolo su “critica del cattolicesimo” ci ricorda un diverso episodio, comunque interessante. Il riferimento è ad un episodio “del passato” (cioè di quando Brunello scriveva ancora per papanews.it). Leggiamo cosa dice il diretto interessato del nostro caro Brunello.

http://webcache.googleusercontent.com/search?q=cache:http://www.unavoce-ve.it/11-07-60.htm

http://www.unavocetoronto.com/documents/Leo%20Darroch%20replies.htm

Ed ora leggiamo (indirettamente) le parole di Brunello.

http://musicasacra.forumfree.it/?t=22326704

http://freeforumzone.leonardo.it/lofi/Quei-vescovi-che-boicottano-la-messa-in-latino/D6765696-3.html

Quindi pare proprio che in qualche caso Brunello abbia proprio toppato (come con Leo Darroch), in altri casi si sia limitato a grandi minacce (come con l’ormai scomparso Babini) ed in certi contesti invece ha avuto ragione nella sua caparbia ostinazione nel riportare opinioni fastidiose che però non derivavano dalla sua interpretazione quanto proprio dalle parole dell’emerito intervistato.

Questo modo di operare mi ha ricordato molto l’opera di quel giornalista divenuto famoso perchè ha inventato di sana pianta una ottantina di interviste a personaggi famosi ed influenti, riuscendo pure a venderle a diversi giornali (ed anche alle fanzine di hARdCORE). Parlo ovviamente di Tommaso Debenedetti.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2010/11/07/debenedetti-linventore-di-interviste-non-ho-piu-nulla-da-perdere-e-continuo-a-disturbare/75403/

Parliamo di questo personaggio perchè apprendiamo dall’articolo appena citato che il geniale ha deciso di pubblicare sul suo blog i numeri di telefono di noti artisti, giornalisti e personaggi pubblici (oltre che di alcuni emeriti sconosciuti).

Speriamo allora che anche Foxy si decida e compia il grande passo, rivelando il numero di telefono dei suoi emeriti di fiducia (oltre che degli ultimi arrivati) per consentirci di verificare le sue fonti. 🙂

11 pensieri su “L’emulo di Foxy rivela le sue fonti.

    1. adminadmin Autore articolo

      No no .. come ho scritto a Pao “dall’altra parte” credo che l’unica cosa che abbia preso possesso del Babini sia una dose più forte di Lexotan. 😉

      Rispondi
  1. Ale Cr

    Non so se avete notato l’ultimo articolo di Carletto (http://www.pontifex.roma.it/index.php/editoriale/il-fatto/5950-chi-vive-di-orgoglio-omosessuale-non-avra-mai-pace-perche-e-vessato-da-satana-alla-stupidita-non-ce-limite-ignoti-che-saranno-querelati-continuano-a-denigrare-pubblicamente-pontifexroma 9
    .. poverino… ormai non ce la fa più.
    Scrive: “Per non parlare, poi, dei milioni di gay adescatori di minori e che, con i loro modi di fare buonisti, li introducono al dramma della malattia omosessuale.”… milioni e migliaia di gay che passano, nel suo cervelletto psicotico, il tempo ad adescare milioni e migliaia di minorenni, milioni e migliaia di criminali impuniti (evidentemente) che convincono i giovani a diventare gay… ma, mi chiedo io, non era una malattia mentale?! O una vessazione demoniaca?! Ora è pure contagiosa?!?! Ma come va Carletto a convinceri ogni mattina a uscire di casa, dove questi milioni di gay sono appostati per passargli il mormo gay?!?! Sarà terrorizzato ormai!!!
    Oltretutto, centinaia di mail, mandate proprio proprio a lui (a che pro?! Solo “dio” lo sa), lo informano di centinaia di genitori terrorizzati dalle tendenze gay di centinaia di figli (“Le centinaia di email di disperazione che ci pervengono da parte di genitori di figli gay, sono preoccupanti”) ed ora, colmo del terrore, addirittura un “frate o sacerdote gay “, sicuramente psicopatico e con il solito utero impazzito (lo ha riconosciuto dalla punteggiatura?! dal lessico?! gliel’ha detto lo “spirito santo?!?!) ha creato una pagina contro il suo santo-sacro-sicuramente-eterosessuale sito su Nonciclopedia, istigato dal “diavolo” in persona.

    E’ talmente confuso che ormai la grammatica l’ha dimenticata… mette le maiuscole dove non vanno (“però non dobbiamo e non siamo autorizzati a giustificarli; Il compito affidatoci dal Signore è quello di”), confonde i verbi con gli avverbi (“Maggiore, ma sono quando vi sono”); plurali e singolari si confondono nella sua mente creando frasi senza senso (“Non può esserci dialogo con persone (…). Noi,(…), abbiamo bussato ripetutamente alla sua porta (…)”)….

    Non gli resta che mandare le solite, vane e patetiche minacce di querele varie (che a nonciclopedia fanno solo ridere, ma non diciamoglielo, altrimenti scoppia a piangere, ormai devastato dalla situazione).

    Non possiamo fare qualcosa per aiutarlo?! Mandargli uno di quei bei trans femminili che lo fanno sempre innamorare?!

    Rispondi
  2. MARIANNA PEPE

    CHI SCRIVE E’ LA GIOVANISSIMA AVV. MARIANNA PEPE.
    MI PERMETTO DI INTERVENIRE POICHE’ CITATA, MIO MALGRADO, IN QUESTE BEGHE DA SOTTOSCALA.
    SCREDITARE IL CONTENUTO DI UNA DIFFIDA PUNTANDO SULLA GIOVANE ETA’ DEL LEGALE SCRIVENTE E’ STATA UN’OFFENSIVA CHE HO TROVATO ALQUANTO RIDICOLA, OLTRE CHE PATETICA.
    RICORDO, INOLTRE, AL VS. LEGALE, CHE UN ATTO DI DIFFIDA E’, IN ASSOLUTO, IL PRIMO ATTO CHE TI INSEGNANO A REDIGERE NEL CORSO DELLA PRATICA FORENSE. SE, AL CONTRARIO, PER LUI, QUESTO SARA’ IL PUNTO D’ARRIVO DI UNA LUNGA E SOFFERTA CARRIERA DA PENALISTA, COLGO L’OCCASIONE PER FARGLI I MIEI PIU’ SENTITI AUGURI.
    AVV. MARIANNA PEPE

    Rispondi
    1. adminadmin Autore articolo

      “Marianna Pepe” mi può evidenziare in quale parte si cerca di screditare il contenuto della diffida puntando sulla giovane età del legale scrivente ?!
      Qui si è fatta ben altra affermazione: cioè che gli amici Pontifessi sono soliti rivolgersi ad avvocati alle prime armi. Mi pare un rilievo rivolto al suo cliente Brunello piuttosto che a lei.
      Visto che ci legge, ci vuole fornire il suo punto di vista sull’accaduto? Quali sono stati i passi seguenti intrapresi da Brunello, dopo gli esposti, esposti in bella vista sul sitarello Pontifesso?

      Per quanto riguarda il nostro amico legale, visto che si occupa di penale al Tribunale di Brescia credo possa avere molti interessanti aneddoti da raccontarle. Se lo ritiene opportuno fornirò al nostro amico il link ai suoi dati così se vorrà (e se avrà tempo) la contatterà e potrete discutere privatamente di come si sviluppa la crescita professionale di un Avvocato.

      Pepe mi consenta: la netiquette (circa la quale lei è profondamente ingorante, apparentemente) suggerisce di non scrivere tutto maiuscolo. Almeno in questo possiamo insegnarle noi qualcosa, sempre che non si senta realizzata sbraitando tutto in maiuscolo.

      Colgo l’occasione per fare qualche considerazione anche sul font tipografico scelto per redigere certi documenti pubblicati da Foxy: non pretendo il LaTex, ma almeno un font ordinato e leggibile sarebbe d’uopo visto il contenuto dei documenti che redige. Spero che qualcuno le abbia suggerito almeno di usare un font privo di grazie!

      Avvocato, mi saluti la costa di Vieste. Gran bei posti!

      Rispondi
    2. adminadmin Autore articolo

      Salutiamo l’avvocato Marianna Pepe che ci legge proprio in questo momento, a giudicare da quanto riportano i nostri strumenti di monitoraggio…

      Pare ci abbia “stanato” con una banale ricerca tramite google. Ha cercato il suo nome e … puff è atterrata sulle nostre pagine.
      Ci faccia sapere se il nostro piccolo Pontilex viene visualizzato correttamente anche dagli utenti Mac che usano Safari … Noi con Windows e Chrome ci troviamo bene.

      Rispondi
    3. AlbertoBAlbertoB

      Colgo anch’io l’occasione per eviscerare ulteriormente , rivolgendomi all’avvocato Pepe , l’argomento già sinteticamente tirato in ballo dall’ amministratore.
      Vede avvocato , lei cerca di evitare le “beghe di condominio” : ne ha ben donde , immagino quindi che sappia quanti mal di pancia evita e quanto tempo possa in questo modo giustamente dedicare a faccende assai più rilevanti.
      Vorrei però fare chiarezza su un fatto : gli amici di Pontifex sono stati usi “minacciare” sia la nostra piccola combriccola di senzadio sia altri siti e persone di adire a vie legali , tirando in ballo avvocati dai nomi altisonanti e famosi nel circo mediatico. Il tutto nel tentativo di far tremare le ginocchia , a noi e ad altre persone , tirando in ballo il classico “lei non sa chi sono io”.
      Poi che succede? Salta fuori che alcune delle questioni legali più importanti vengono trattate da un “comune” avvocato. Non legga nulla di negativo nell’aggettivo “comune” , io stesso , tra l’altro suo coetaneo , nel mio campo sono un “comune” professionista : l’essere “uno tra i tanti” non mette in dubbio le capacità , l’onestà , l’ambizione e la professionalità.
      Chi invece la professionalità dell’avvocato Pepe l’ha messa in dubbio è stato colui che , minacciando il ricorso legale , non ha usato il nome appunto dell’avvocato Pepe , bensì , mi ripeto , quello di ben altri nomi , nell’intento di spaventare i poveri di spirito.
      Quindi avvocato lei può ben vedere che la questione è tutta qui : capisco che il vedersi tirare in ballo in un contesto da lite di condominio e poco lusinghiero le abbia fatto perdere la voglia di approfondire la questione , spero quindi di aver fatto un po’ di chiarezza.

      Rispondi

Rispondi