Morire di aborto clandestino: in India succede dodici volte al giorno.

Ogni due ore una donna indiana muore a causa di un aborto praticato in condizioni non sicure: queste sono le allarmanti cifre pubblicate dal Time che riprende i dati della World Health Organization.
Circa 20 milioni sarebbero le donne che ogni anno rischiano la vita per interruzioni di gravidanza condotte in condizioni antigieniche da operatori non qualificati o professionisti che ricorrono a mezzi tradizionali e rudimentali.
Secondo la dottoressa Gilda Sedgh del Guttmacher Institute, un centro per la salute delle donne, circa la metà degli aborti praticati in tutto il mondo sono realizzati in condizioni non sicure.
Le cifre ufficiali registrano 620.472 aborti praticati nel 2012 in India ma secondo alcuni esperti il vero numero potrebbe arrivare addirittura a sette milioni, due terzi dei quali realizzati in strutture sanitarie non autorizzate. Molti di questi aborti sono eseguiti su donne sposate che non sono in grado di accedere alla contraccezione e non possono recarsi in un ospedale autorizzato.
Il Time sottolinea come l’alto numero di donne morte per aborti non sicuri potrebbe sorprendere ma lo stupore diminuisce non appena si entra negli ospedali delle aree rurali che spesso non sono altro che «strutture scheletriche in mattoni con tetti di lamiera e sporadica fornitura di energia elettrica» in cui le donne «si trovano su vecchie barelle o letti se sono disponibili ed altrettanto spesso si coricano per terra in stanze scure su pavimenti sporchi di fango e sangue». Meno del 20 per cento di questi centri forniscono servizi di aborto costringendo molte donne delle aree rurali a cercare alternative. Lo stesso governo non s’impegna molto per migliorare la situazione sanitaria e l’India spende ogni anno solo il 3,9 per cento del suo Pil per la spesa sanitaria al pari di Stati come il Gabon e la Repubblica Centrafricana.
A restringere l’accesso all’aborto non è la legislazione che permette in molti casi l’aborto ma – oltre alle strutture sanitarie carenti – anche una cultura che nega aiuto alle donne in stato di gravidanza fuori dal matrimonio. Spesso i medici rifiutano di praticare l’aborto a donne sole (come nel caso di una ventiduenne violentata) nonostante la legge lo consenta e le stesse ragazze possono essere allontanate dalle loro famiglie in caso la maternità sia indesiderata. Per questo motivo sempre più adolescenti ricorrono agli ospedali clandestini dopo essere state rifiutate da quelli pubblici in cui viene chiesto loro di tornare con i genitori.
Gli esperti di salute pubblica promuovono la contraccezione come antidoto alle gravidanze indesiderate ma i contraccettivi non sono facilmente disponibili nelle aree rurali. La situazione non è migliore nelle città perché, nonostante siano disponibili, i giovani indiani sono in imbarazzo a chiedere contraccettivi o non sanno bene che cosa chiedere. A causa della mancanza di educazione sessuale la maggioranza dei ragazzi indiani non usa protezioni durante il loro primo rapporto sessuale.
A livello mondiale cresce il numero delle donne che necessita di contraccettivi e – come riporta il Time – ad averne bisogno entro il 2015 saranno circa 962 milioni contro i 900 milioni di tre anni fa: un aumento dovuto soprattutto ai Paesi in via di sviluppo. Secondo gli studi l’82 per cento delle gravidanze si verifica tra donne che hanno un bisogno insoddisfatto di contraccezione moderna. Il Time riporta che in base ad una ricerca dello scorso anno 272mila morti materne in tutto il mondo sono state evitate grazie all’uso di contraccettivi ed un terzo di queste morti evitate riguarda proprio l’India che però rimane la patria delle morti materne nel mondo.
Sempre il settimanale americano riporta come ogni anno ci siano circa 16 milioni di gravidanze che riguardano le ragazze sotto i 18 anni di età ed un quarto di queste avviene propria in India: questo crea un significativo rischio per la salute della madre e del bambino perché i corpi delle adolescenti non sono abbastanza maturi per avere figli ed i tassi di mortalità materna sono più alti.
Sino ad ora il governo non ha mai avuto un piano ben efficace per quanto riguarda l’educazione sessuale e solo nel 1999 ha tentato di promuovere un programma di educazione sessuale, l’Adolescent Education Program (AEP). Tale programma è sempre stato visto con paura dai politici che temevano che i contenuti avrebbero potuto offendere le inibizioni presenti nella società e si focalizzava principalmente sull’astinenza dal sesso e sulla monogamia come metodo per contrastare le malattie sessualmente trasmissibili. Nel 2007 alcune Stati dell’India – Gujarat, Madhya Pradesh, Maharashtra, Karnataka, Rajasthan, Kerala, Chhattisgarh e Goa – hanno vietato l’educazione sessuale nelle scuole ricevendo il supporto del governo federale. Addirittura un’inchiesta di un comitato governativo era arrivato alla conclusione che «non ci dovrebbe essere educazione sessuale nelle scuole» e che i precedenti tentativi erano stati «abbastanza riprovevoli considerato il nostro ethos socio-culturale». Ai giovani indiani veniva consigliata la medicina tradizionale e lo yoga per raffreddare i bollenti spiriti. Questo nonostante innumerevoli studi accademici rivelino che l’educazione basata sull’astinenza non cambia il comportamento sessuale degli adolescenti e non ritarda l’età in cui iniziano ad avere rapporti sessuali. Al contrario programmi di educazione sessuale aiutano i giovani a ritardare le pratiche sessuali e li informano su come usare i contraccettivi quando inizieranno ad avere i primi rapporti.
Considerando la drammatica situazione delle donne che ogni giorno muoiono per aborti non sicuri in India, il Time sottolinea come l’educazione sessuale, la contraccezione ed una maggiore spesa sanitaria non sono semplicemente auspicabili ma sono dei veri e propri «imperativi morali».

www.contecagliostro.com
https://twitter.com/Cagliostro1743
http://www.facebook.com/CagliostroBlog

3 pensieri su “Morire di aborto clandestino: in India succede dodici volte al giorno.

  1. Flo

    Pensare che su un certo sitarello sostengono esattamente il contrario: che la salute delle donne è tutelata dove è meno possibile riuscire ad abortire e che dove c’è più educazione sessuale ci sono più gravidanze indesiderate…indovinate il sito…

    Replica
    1. webtraveller

      Dall’ inserto di un disco 7 pollici contenenti brani delle band Statement e Dim Mak aderenti all’ ideologia Straight Edge Pro Life (Surround Records 1998):
      “Contrariamente a quanto enunciato dalla morale cristiana e cattolica, una parte significativa del movimento pro-life ritiene che l’educazione sessuale e l’informazione su prevenzione e contraccettivi sia di assoluta, immensa importanza e che sia l’unica vera e fondamentale risorsa da far propria e, appunto, diffondere il più possibile -soprattutto tra i più giovani- perché si eviti di trovarsi a prendere in considerazione tragiche scelte, ma ovviamente anche per scongiurare il contagio da HIV ed altre malattie sessualmente trasmesse.”
      Sull’ aborto, come ho già detto, ho un pensiero indeciso, comunque credo che potrebbe interessarti – anche qualora tu non fossi d’accordo – l’ opinione dell’ ateo e comunista indiano Lenin Raghavarshi, favorevole alla moratoria sull’ aborto per motivazioni non religiose. La notizia non l’ ho trovata su siti cattolici, quindi penso sia affidabile. Parla anche della mortalità.

      Replica
      1. Compagno ZCompagno Z

        Uuuhhh, gli Hardliners, esponenti di una subcultura pseudo-punk e devoti osservanti di qualsiasi minchiata ascientifica vegana, mamma mia che fonte autorevole!!! E chissa’ come mai, nonostante siano cosi aperti di mente, le uniche cose che il movimento pro-life statunitense ha saputo produrre sono iniziative troglodite e imbarazzanti tipo il putity ring od i purity ball con adolescenti costretti a “fidanzarsi” con i padri e la promessa di “don’t give it away” (credo che non ci sia bisogno della traduzione letterale) fino al matrimonio, una sagra del trash.

        Quanto a Raghavarshi, non si oppone all’aborto tout court ma alla sua pratica indiscriminata sui feti femminili secondo le logiche di casta ed un welfare di sostegno alla maternita’ fallimentare…

        Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_bye.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_good.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_negative.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_scratch.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wacko.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yahoo.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cool.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_heart.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_rose.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_smile.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_whistle3.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yes.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cry.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_mail.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_sad.gif 
https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_unsure.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wink.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/skull-400.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/trident.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/beer.gif