oppsalá, Beppe Grillo!

 

Cari lettori, care lettrici,

vi avverto, ad alcuni di voi cio´che sto per scrivere, non piacerá per niente!

Ieri mi sono presa la briga di entrare nel blog di Beppe Grillo ed ho fatto male perché ho letto

„Kabobo d´Italia,,  a prima vista un articolo come  se ne leggono tanti ultimamente… purtroppo!

Robaccia all´insegna del „Dagli all´immigrato!“ perché quando c´é la crisi

non sono le banche, le multi o i politici inciuciati, no,  i colpevoli sono gli stranieri!

562601_346520058726992_210831911_n

E non é questione di destra o sinistra (eppoi tanto..quale sinistra?) perché  a mio giudizio, quando sei contro l´ingiustizia, non puoi schierarti, sei contro l´ingiustizia, fullstop e basta!

Ma torniamo all´articolo che vi accennavo.

fonte: http://www.beppegrillo.it/2013/05/kabobo_ditalia.html#commenti?s=n2013-05-16

Quanti sono i Kabobo d’Italia? Centinaia? Migliaia? Dove vivono? Non lo sa nessuno.

A chi ti riferisci,  Beppe? Ai malati mentali in generale di ogni colore e nazione, oppure a quelliche non hanno un visto, che vivono come cani sciolti, senza diritti,  invisibili finché un giorno, in preda ad un raptus, non aggrediscono qualche passante a caso o  peggio, lo uccidono?

Proseguiamo..(ma occhio ai dettagli ed allo stile, ricordano  CSI-N.Y. o without a trace, o la pubblicitá della lacca!)

Via Melzo, Milano, un cittadino portoghese

ma bene, portoghese! Devo essermi sbagliata…un immigrato di serie A, uno che non deve vegetare mesi in condizioni disumane nei *CIE o CPT per aver cercato una via d´uscita da guerre, violenze o solo dalla disoccupazione e dalla miseria, uno che lascia tutto, la sua casa, il suo Paese, gli affetti, per andare a lavorare nella ricca EU! Non ha scuse!

* http://www.meltingpot.org/Rapporto-sui-CPT-in-Italia-curato-da-Medici-Senza-Frontiere.html#.UZXvNoLjG1M)

Ma subito dopo segue:

originario dell’Angola, occavolo! Quindi nero

stacca a un passante un orecchio a morsi. Prosegue poi per Porta Venezia dove picchia una persona all’uscita dalla metropolitana. Sale su un convoglio e alla fermata di Palestro aggredisce a testate, calci e pugni un ragazzo. Risalito in superficie, raccoglie un mattone e lo tira in faccia a un sessantenne che portava a spasso il cane. Gli spacca il setto nasale e gli procura un vasto ematoma all’occhio.

Io non so a voi,  ma a me pare che una persona cosí a prescindere dal movente, non sia troppo lucida ed equilibrata,  o no?

Viene arrestato e dopo un mese rilasciato in libertà.

Evidentemente in questo Paese qualcosa non funziona! Gli avranno fatto una perizia psichiatrica? Oppure siamo giá arrivati alla conclusione che nero=delinquente sempre e comunque?

Il pensionato lo ha rivisto nel suo quartiere e si è rifugiato in macchina.

Reazione comprensibile se sei stato vittima di una aggressione!

Il cane si è dato alla fuga.

Ecco, questo  probabilmente succede solo se il tuo aggressore é nero, come dire „i neri fanno scappare anche i cani“ oppure „ persino i cani hanno paura dei neri“

O cosa significa questa frase?Altre interpretazioni?

Verrebbe voglia di filosofeggiare sulla razza del cane, perché c´é  differenza tra unchihuaua , un pechinese, un bassotto ..ed  un mastino napoletano o dobermann!
Niguarda, Milano, un cittadino ghanese

(e qui proprio non si salva! Sicuramente nero, e questa volta non ha  nemmeno la cittadinanza europea!)

già identificato per atti violenti, tra i quali l’aggressione alla Polizia a Bari-Palese insieme ad altri immigrati,

..non conosciamo la sua storia, ma, hmm, interessante,  Bari-Palese.. mi dice qualcosa!I campi di pomodoro non sono lontani, la Sacra Corona Unita con i suoi caporali non sono lontani, i pregiudizi, la schiavitu´,  la prostituzione, il degrado non sono  lontani…

http://www.baritoday.it/cronaca/caporalato-raccolta-pomodori-puglia-immigrati.html

e per questo incarcerato per sei mesi,

…per aggressione alla Polizia! Aggressione, come? Si é alzato una mattina e coi suoi compagni hanno deciso di punto in bianco di aggredire la Polizia?

Non ci é dato di saperlo, Beppe Grillo s´e´dimenticato di raccontarcelo, e perché?

Beh, ma é logico, perché non serve farcelo sapere, e´immigrato e nero , e questo ci basti!

uccide a picconate tre persone e ne ferisce altre tre.

Un fatto di cronaca tragico, efferato..vi sia ben chiaro che  non sto difendendo Kabobo, quello che ha fatto non ha nome!

Torniamo all´articolo..

Kabobo, senza dimora, senza un lavoro, gira da tempo per l’Italia indisturbato.

Indisturbato, giá….suona quasi ad una vita stupenda, libera, spensierata ..specie se sei nero e in Italia, il Paese in cui  imperversano il Vaticano e la sua “morale”, la caritá cristiana, l´amore al prossimo , dove la domenica sfilano numerosi fedelissimi nelle „marce per la Vita“…

67fd8677dcb345cdf595ecec86534c55

mica kothike… Kothechini!

096b3727b9eb0909939d5c559280a0dc

oppsalá,  si Kothechini! EVVIVAAA!azionekotechin

Ah, giá, ma quelle vengono organizzate solo per tutelare gli embrioni, gli embrioni „bianchi“, o almeno, non é specificato, ma suppongo che siano dedicate solo a quegli embrioni che non si sognano di lasciare il loro Paese, quelli che „se ne stanno a casa loro“.
L´Italia, il Belpaese! Un Paese civile, dove la legge ti „tutela“..o almeno   dovrebbe!

Ma se non tutela i suoi cittadini, figuriamoci uno cosí che non ha nemmeno il visto!Appello-della-Caritas.-In-strada-13mila-rifugiati

asilo_politico

http://viedifuga.org/?p=622

rifugiatihttp://ilmalpaese.wordpress.com/2011/02/09/rifugiati-in-italia-solo-stenti-e-poca-dignita/

 

Kabobo aveva chiesto asilo politico dopo essere sbarcato a Lampedusa, nel 2011, status che gli era

stato negato.

Viene dal Ghana, uno dei Paesi modello-africani….e chiede asilo politico?

http://rapportoannuale.amnesty.it/sites/default/files/Ghana.pdf 377328_437254556320208_450848283_n

 

Ed ho scoperto che non é il primo, e nemmeno l´unico:

http://www.studiobarberio.org/tribunale-di-roma-sentenza-n-19-v-g-del-2013-riconoscimento-status-di-rifugiato-politico-a-cittadino-ghanese/

No,  aspettate, mi sorge un dubbio atroce..che motivo puó avere un ghanese di chiedere asilo politico? Non sará mica „anche gay“, per caso?

http://www.everyonegroup.com/it/EveryOne/MainPage/Entries/2011/7/23_Ghana,_ministro_ordina_persecuzione_dei_gay._Appello_EveryOne_a_Onu_e_Ue.html

Oppsala´, nero, „illegale“..e gay..cavolo, se nasci con un destino cosí,  la vita  proprio non ti ama!

Alzino la mano coloro che farebbero cambio! (Nel remoto caso in cui qualcuno alzasse la mano, é pregato di specificarne i motivi nella sezione commenti!)

Credo che la ciliegina sulla torta in Italia come in altri Paesi del cosidetto mondo civile  sia essere  nero, gay,  immigrato senza visto (nessun essere umano é „illegale“!) e ..malato!

In Italia, se un immigrato senza visto si ammala, rischia pure di essere denunciato dal medico che dovrebbe curarlo..almeno, una volta era cosí

Vedo scemare il numero delle manine alzate!

Tanti cari saluti ai diritti umani!549571_462435337135463_1234092970_n

Ma l’immigrato aveva presentato ricorso sul quale i giudici non si sono ancora pronunciati e pur irregolare non poteva essere espulso.

direi che Kabobo gli ha facilitato la decisione.

Kabobo ha trascorso la notte prima dei delitti nei ruderi di villa Trotti,un’area abbandonata al centro del quartiere Niguarda.

Un´informazione preziosa  ed utile! Italiani, state lontani dai ruderi delle ville abbandonate, pullulano d´immigrati neri pronti a prendervi a picconate!

Era stato identificato il 16 aprile dai Carabinieri.

Cari Carabinieri, tenetelo presente la prossima volta! Anche se mi sa che non c´e´bisogno di ricordarvelo, si sono giá adoperati i leghisti, i fascisti di Casapound, gli Sturmtruppen, i Kotechinen e…Beppe Grillo!
Castagneto Carducci, un senegalese (ndp:e quindi nero! Sigh!) , Ablaye Ndoye, spacciatore, è arrestato per l’omicidio di Ilaria, una ragazza di diciannove anni, picchiata durante un tentativo di stupro con tale violenza da farla soffocare dal sangue delle ferite al setto nasale.

Un  caso di femminicidio, come ne succedono tanti in Italia, ma in questi casi il colore della pelle, e a volte,  la mancanza di un timbro nel passaporto)  sono un´aggravante!

 

Ablaye era irregolare con provvedimento di espulsione.

Anche  fra gli immigrati esistono le brave persone, ma purtroppo anche i delinquenti…

Forse dipende dal fatto che anche gli immigrati sono esseri umani, anzi, lo sono persino pure prima di essere immigrati e a prescindere dal colore della pelle o la nazionalitá, vediamo di non dimenticarlo!
Tre casi diversi. Un comunitario portoghese che doveva (deve) stare in carcere, qui o al suo Paese, e comunque va reimpatriato. Un ghanese che doveva essere considerato sorvegliato speciale per la sua violenza. Un senegalese il cui decreto di espulsione non è mai stato applicato.

Che dimostrano cosa, Beppe? Che tutti gli immigrati sono delinquenti?

Ma a questi episodi di violenza, quanti episodi „made in Italy“ riempiono quotidianamente le cronache  dei giornali?

Come scrivi tu:

 „Centinaia? Migliaia? Dove vivono? Non lo sa nessuno.“ (cit. Beppe Grillo, vedi in alto )


Chi è responsabile? Non la Polizia che più che arrestarli a rischio della vita non può fare.

Non la magistratura che è soggetta alle leggi.

Non il Parlamento, che ha fatto della sicurezza un voto di scambio elettorale tra destra e sinistra e ha creato le premesse per la nascita del razzismo in Italia.

Non il Parlamento??? Come „non il Parlamento”??

Nessuno è colpevole, forse neppure Kabobo.

Oppsalá, colpo di scena!

Ti capisco, Beppe, sai?

Capisco che non hai voglia di cercar responsabili. In genere quelli che accusano, che trovano i „colpevoli“, quelli che lottano contro le ingiustizie ed hanno una dignitá, fanno una finaccia!

http://www.youtube.com/watch?v=urOd7wHgLL0

(fra l´altro una volta questo video l´avevi pubblicato anche tu, si vede che non ti serve piú)

Se gli danno l’infermità mentale presto sarà di nuovo un uomo libero.

Se gli dessero le cure di cui pare aver urgente bisogno, non costituirebbe piú un pericolo per la societá.

Mi sorprendo di te Beppe Grillo, che ti presti per gettare  olio sul fuoco..fossi un pontimoSStro, fossi Bruno Volpe capirei anche ..

Anzi no, a pensarci bene non mi sorprendi molto…  e perció, al tuo articolo  “KABOBO D´ITALIA ” rispondo con un liberatorio VAFFANCULO!

Vergognati di usare i pregiudizi ed il razzismo  per profilarti!

A voi lettori e lettrici che mi perdonate sempre  l´italiano scalcagnato e la punteggiatura interstellare, una riflessione:
Se un giorno dovesse succedere, per una ragione od un´altra (basta poco eh`?Una catastrofe, una carestia, un´epidemia..)

578652_456085367800797_1964769504_n

http://www.medicisenzafrontiere.it/msfinforma/galleria/giornata_mondiale_migranti_2009/index.html

che saremo costretti a lasciare  l´Eden europeo per scappare in Africa..per esempio, in Angola, o Ghana, o Senegal,che dite, come ci accoglieranno? Come saranno i CIE africani?? Li dichiareranno anche loro ” zona militare”. E quando dopo mesi di detenzione usciremo..come ci tratteranno?
Spero NON come noi europei trattiamo loro!

 

ALL REFUGEES ARE FIGHTERS!

Ciao Pao

NOTA PER LEGHISTI, STURMTRUPPEN & AFFINI: la domanda „perché non li ospiti a casa tua? „ é perfettamente inutile.

Giá fatto!  ;)

PS: le foto le ho “prese in prestito” a PRO ASYL e www.vice com

 

31 pensieri su “oppsalá, Beppe Grillo!

  1. Gabriele

    unica cosa su cui non concordo è la frase demagogica su dx e sx son la stessa cosa. Scusa ma schierarsi contro le ingiustizie ( sociali, sindacali, politiche e di classe) è la base prioritaria della sinistra. la stessa destra liberale, che pur non è concorde con il pregiudizio sui migranti, vede in ottica di sfruttamento economico i lavoratori esteri, magari da aiutare con paternalismo di facciata. Il qualunquismo dx e sx son uguali, aiuta solo l’imbarbarimento. ( ovviamente mi riferisco ai valori in campo, non ha chi si autoproclama a rappresentare la sx dal punto di vista elettorale).

    Replica
    1. Caffe

      Gabriele, non è demagogia affermare che destra e sinistra, sul tema immigrazione, pari sono: questo tema, specialmente in tempi di crisi profonda e generalizzata, è decisamente impopolare, non procaccia voti, cioé, per cui: la sinistra”progressista”si limita prudentemente ad “auspicare” che il nostro stato adotti politiche meno barbariche rispetto a quelle vigenti attualmente, che sono il prodotto degenere della ferocia nazileghista che la sinistra ha semplicemente avallato, con la sua inerzia impotente, nonostante la sua forza parlamentare. I soli che effettivamente si sbattono per denunciare lo stato miserabile dell’intero comparto della giustizia italiana, la casta dei magistrati, più infallibili del papa e ben più intoccabili del medesimo, i processi lumaca che favoriscono, alla faccia della giustizia, non chi ha ragione, ma solo chi può permettersi un’avvocato decente, le carceri disumane e la vergogna dei lager CIE, pluricondannati da tutte le organizzazioni umanitarie internazionali, lo sanno tutti, sono solo quei quattro fessi dei radicali, che infatti, ad ogni elezione, raccolgono in cambio di questo impegno, preferenze da prefisso telefonico, la sinistra ufficiale e vociante invece, con i loro centinaia di parlamentari, da sempre, dei diritti umani ama tanto riempirsi la bocca, marcando così una differenza con la destra che, di fatto, esiste solo sulla carta, non dando luogo a comportamenti e politiche conseguenti, ovvero i vostri onorevoli “progressisti” berciano molto, ma si quardano bene( a parte pochissime, lodevolissime eccezioni) dallo sporcarsi le mani con questioni che loro vedono come inversamente proporzionali al consenso elettorale, come dimostra, ad esempio, l’appecoramento servile, se non aperta adesione, dei parlamentari cosiddetti di sinistra, alle pretese clericali che ci hanno portato in dono obrobri come la mai troppo vituperata legge quaranta: fosse per costoro, insomma, in Italia saremmo ancora alle prese col delitto d’onore. Adesso voi scoprite che anche i grillini amano grattare la pancia alla parte più barbara, becera e cinica del popolo italiano, eppure, date certe premesse, non ci voleva un genio per scoprire un po prima di che pasta fosse fatta questa strana tribù di ebeti telecomandati. Comincio a pensare che, in realtà, i politici (quasi tutti) non facciano altro, tenendo d’occhio i sondaggi, che assecondare le pulsioni paranoidi di buona parte del popolo italiano, il quale, rassegniamoci, non ha una bella faccia: non ci credete? Provate nella vostra cerchia di conoscenze progressiste: buttate lì una frase del tipo “ a quel ghanese, il picconatore, voi che gli fareste? Ho paura che la risposta più frequente sarebbe proprio quella peggiore, quella che dovrebbe far tremare i polsi dallo sdegno a qualsiasi persona civile, ovvero: PENA DI MORTE.

      Replica
      1. paopao Autore articolo

        Non l´ho fatto!
        Non ho mai affermato ” che destra e sinistra, sul tema immigrazione, pari sono.”

        http://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_unsure.gif

        Mi sono solo chiesta ..quale sinistra? Perché al momento mi riesce difficile identificarne una..

        Replica
          1. paopao Autore articolo

            o attentissimo Red Bat,che vegli su di noi, miseri pontilexi, dalla gola della Bat caverna, a te nulla sfugge!
            In realtá, dopo la fase pontifeSSa avevo deciso di riprendere le mie sembianze femminili, ok, accetto la fraterna correzione… ma per ora, possiamo lasciar correre sotto la voce “italiano scalcagnato”? http://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_whistle3.gif

      2. Priapus

        @ Caffe
        Hai ragione su quasi tutto, ma anche tu hai la memoria corta, non ricordi che furono
        proprio le giunte rosse, di Firenze ed altre città tosco-emiliane ad aprire la caccia
        ai lavavetri, che si, romperanno anche le scatole, ma non sono un pericolo pubblico.

        Replica
        1. Priapus

          Proprio quei quattro fessi vorrebbero riportare gli Italiani al rispetto delle
          regole, in quanto ulltimi eredi del Partito d’ Azione e della Liberaldemocra
          zia, ma le regole, non sempre osservate già prima, vennero totalmente
          cancellate dalla grande alleanza cattofascista e dal successivo inciucio
          Balena Bianca/Bandiera Rossa, alleanza fra tutti i fideisti dogmatici per
          l’ammasso dei cervelli, cui partecipava anche il MSI, non invitato ufficial
          mente, ma tollerato volentieri, per affinità elettive.
          Coi miei compagni di liceo era guerra aperta, mi dicevano,”ma che vuoi,
          siete solo quattro gatti” ed io rispondevo; ” meglio quattro gatti come noi
          che cento sorci come voi”.
          La legge Bossi Fini è stato un tentativo per vedere se il paese avrebbe toll
          lerato qualcosa di simile alle Leggi Razziali del ’37 e che ha portato al “Por
          cellum”, dopo la trionfale accoglienza dei leghisti, dei mafiosi e di tutti gli
          agrcoltori della Padania e del Sud che preferivano affidare i lavoratori ai
          caporali anzichè dotarli di libretto di lavoro.

          Replica
        2. Caffe

          Scusami Priapus ma sono confuso, non riesco a capire il senso del tuo commento: nel mio modesto intervento non ho di certo elogiato la sinistra storica italiana per una sua particolare attenzione ed impegno riguardo i temi relativi ai diritti civili in generale, e di quelli degli immigrati in particolare: sarò lieto di risponderti appena avrai chiarito il tuo pensiero, intanto completo il mio, nel caso non mi fossi spiegato bene. E’ dai tempi della battaglia sul divorzio che la sinistra italiana, allora praticamente rappresentata, dai soli comunisti, è sempre stata “tiepida” riguardo ai temi delle libertà civili, ritenendoli valori “borghesi” non riguardanti il proletariato, il quale ha ben altro a cui pensare. Passando gli anni, i nostri “progressisti” ufficiali, si sono liberati dall’ingombrante caratterizzazione comunista, imbarcando cattolici superstiti dal naufragio democristiano, come Binetti, Franceschini, Bindi: con questo dando così addio ad ogni velleità di trasformazione della nostra bigotta nazione di obbedienza vaticana in un paese decentemente civile, legge quaranta docet. Tolti di mezzo i valori non negoziabili, alla sinistra rimarrebbero comunque praterie da esplorare, essendo il nostro disgraziatissimo paese, drammaticamente indietro, rispetto i nostri vicini europei, in tutti i campi: dalla giustizia alle infrastrutture, dalle politiche energetiche, a quelle dei trasporti e dell’istruzione. Tanto da fare, insomma, ma, inspiegabilmente, la sinistra, a tutti i livelli, comincia ad assumere tutti i vizi che essa attribuiva alla destra: inizia col chiudere gli occhi agli intrallazzi altrui finendo ben presto col parteciparvi, per questo posso permettermi di affermare che, per me, destra e sinistra pari sono, le differenze morali tanto sbandierate dai progressisti nostrani, vengono meno quando, sottobanco, si spartiscono con i loro nemici destrorsi fior di prebende, appalti e poltrone di consigli di amministrazione (vedere la storia recente delle regioni Lazio e Lombardia, per credere); belle prese di posizione, discorsi vibranti di indignazione contro i compagni di merenda di destra e poi più niente, fatevene una ragione, compagni, la sinistra, in Italia, è ridotta solo a questo. La bandiera dei diritti civili passa così all’estrema sinistra, ai verdi e a tutta una galassia variopinta che però esercita questa missione un po a senso unico; vale a dire, l’ideologia antiamericana e un certo pregiudizio antisemita( latente, ad esser buoni, ma spesso è esplicitamente dichiarato), congenito in questa sinistra più radicale produce a getto continuo manifestazioni nelle quali si protesta, si marcia e si bruciano bandiere israeliane ed americane, gli stessi militonti, che poi, ostentano un assordante silenzio, quando, ad esempio, ritirati gli americani dal Vietnam, questo inguaiatissimo paese, vede instaurarsi una delle più sanguinarie dittature comuniste mai viste. Lo stesso discorso vale per l’eterna lotta di Israele per la sua sopravvivenza, circondato com’è da decine di paesi arabi(tutt’altro che modelli di democrazia, detto per inciso), decisi a cancellare fisicamente Israele e tutti i suoi abitanti dalla faccia della Terra; e da noi cosa fanno, senza se e senza ma, i sedicenti generosi protettori dei diritti civili e umani? Tutti in piazza, ovviamente adornati di splendide kefiah, a sputare il loro odio contro i biechi sionisti, infischiandosene allegramente, nei veementi discorsi di protesta, di tutti i morti israeliani vittime del terrorismo palestinese. A proposito di silenzio, avete mai sentito in un comizio, in una manifestazione o letto sull’Unità o sul Manifesto, un articolo che descrivesse le effettive condizioni di vita dei cubani, delle minoranze etnico religiose in Cina, gli Uiguri e i Tibetani, questi ultimi annessi alla Cina con la forza( anche lo stesso popolo cinese, mi sembra che non se la passi molto bene), per non parlare della Corea del nord e di tutti quei paesi che hanno già assaggiato e tutt’ora stanno gustando le delizie cucinate dal “socialismo reale”. Ascoltare questi progressisti rivoluzionari nostrani è uno strazio, per lo più analfabeti di ritorno, i reduci del sei politico (e si vede), che si esprimono solo a slogan, oppure, come Vendola, apparentemente più istruiti, usi ad infiocchettare il nulla con iperboli retoriche e mirabolanti. Questi rivoluzionari all’acqua di rose, notatelo, hanno qualcosa in comune con i dirimpettai fascisti, ed adesso, ai grillini: Ferme restando le idee, decisamente agli antipodi, su tutto, le conclusioni alle quali giungono questi geni della politica sono, quarda caso, le stesse, cioé che, in soldoni, se noi (popolo) siamo nella merda è tutta colpa di un complotto ordito dai soliti noti, le lobby affaristiche, possibilmente sioniste, le banche, le multinazionali e i governi demo giudo ecc. Non sono un ingenuo, c’è del vero in questa interpretazione, mischiato però ad enormi stronzate e mistificazioni paranoidi; quello che non tollero è la cecità assoluta, l’insensibilità ed inerzia suprema riservata da questi progressisti alla amatriciana ai sopprusi perpetrati in tante nazioni nel mondo, compresa la nostra, salvo selezionare quelli che, in qualche modo, sono funzionali al proprio miserabile tornaconto politico, negando, rimuovendo dalla coscienza o ritenendoli invenzioni dei sordidi maiali capitalisti tutti gli altri.

          Replica
  2. paopao Autore articolo

    No, non scusarti Gabriele, ma non ho scritto che dx e sx sono la stessa cosa…
    È una protesta! Ti é mai capitato?
    Quando dici qualcosa che non piace ti rinfacciano che sei di dx, o di sx ..(ammetto che pochi mi hanno mai rinfacciato tendenze di dx, che io ricordi ):D ) Ma é il concetto che é sbagliato. L´ingiustizia non é monopolio di una dx o di una sx.

    Replica
  3. stefano

    Possiamo solo ringraziare la bellissima legge che regolamenta l’immigrazione in Italia.

    Chi vuole entrare legalmente in Italia si scontra con difficoltà quasi insormontabili (basti ad esempio il vincolo di avere già un posto di lavoro prima di poter mettere piede sul patrio suolo).
    Il reato di immigrazione clandestina poi è un vero capolavoro: visto che tanto la pressione del flusso immigratorio è indipendente dalle nostre leggi, rendere gli immigrati clandestini dei criminali scoraggia poi gli immigrati dal cercare un lavoro serio. In pratica gli immigrati irregolari (che sono automaticamente criminali) non sono altro che manodopera gratuita per la malavita.

    Invece di incentivare l’ingresso di persone valide, queste leggi sembrano fatte apposta per agevolare le operazioni della malavita.

    Replica
  4. paopao Autore articolo

    concordo pienamente, Stefano.
    Ma non solo, questi sono tempi duri e gli immigrati rischiano di fare da capro espiatorio .

    Replica
    1. Priapus

      La manovra di Grillo e quella di incolpare di tutto gli altri partiti, convinto che gli Ita
      liani siano tanto gonzi da assolverlo dalle sue responsabilità e dargli la maggioranza asso
      luta alle prossime elezioni.
      In tal caso che sorte ci attende, la Corea del Nord od un circo più nevrotico e
      inconcludente di quello di Papi Chiagnolo?

      Replica
      1. paopao Autore articolo

        Priapus:”La manovra di Grillo e quella di incolpare di tutto gli altri partiti, convinto che gli Italiani siano tanto gonzi da assolverlo dalle sue responsabilità e dargli la maggioranza asso
        luta alle prossime elezioni.”….

        Priapus, stai parlando degli italiani che da anni votano e rivotano e rivotano e rivotano e rivotano (uff ho perso il conto!) un Mandrillo in calore, Mafioso e Pedofilo … quegli italiani?
        http://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cry.gif

        Replica
  5. paopao Autore articolo

    Non ne faccio una questione di partito o movimento. Personalmente condivido molti punti del M5S anche se non mi faccio troppe illusioni.
    Un articolo come quello di Grillo é semplicemente spregevole perché, nel complesso, alimenta subdolamente le fobie della gente verso gli immigrati di pelle nera e suggerisce che tutti siano pericolosi.
    Occhio ai dettagli e impariamo a differenziare!

    Replica
    1. Priapus

      @ Pao
      Esattamente quegli stessi Italiani che votano e rivotano Chiagnolo, che hanno votato
      Grillo al buio, senza un programma ma solo insulti per tutti, gli stessi che hanno votato
      Bossi e Di Pietro; come vedi apprezzano il populismo ed i partiti personali ed autoritari,
      sembra proprio che dal disastro fascista abbiano imparato ben poco.
      @ Caffe
      Credevo di essermi spiegato, ma, dato che non mi sembri tonto, sono io che non sono
      stato chiaro, per cui provo a spiegarmi meglio.
      Sono nato in una famiglia di tradizioni massoniche, di fede liberale con venature mazzi
      niane, anticlericale ma deista; crescendo, leggendo e riflettendo, sono diventato agno
      stico e poi ateo ed ho perso l’ammirazione che avevo da ragazzino per la destra stori
      ca, ho deciso che è stata azione criminale affamare i più poveri con la tassa sul macina
      to; anche se era usuale in tutti gli stati italiani, però reazionari, non era lecito per chi si
      definiva liberale. Con queste premesse, mi sono evoluto verso il liberalismo democrati
      co e, da ultimo, verso i radicali.
      Il socialismo italiano è nato da radici bacate, tanto è vero che Mussolini usciva da quelle
      fila di allievi di George Sorel, dalle sue “reflection on violence” e dal dogma del sindacali
      smo rivoluzionario. Della incomiuta evoluzione democratica sono responsabili la destra
      e la sinistra storica che hanno aspettato Giolitti per dare una decisa sterzata verso demo
      crazia e modernita, ma sopratutto Santa Madre Chiesa che col “non expedit” che vietava
      ai cattolici la partecipazione alla vita politica, ha ingessato il paese, impedendo un con
      fronto non conflittuale che avrebbe aiutato l’evoluzione democratica del paese.
      Ma questo non era l’interesse della chiesa che faceva resistenza passiva, covando la ven
      detta, ostacolando i tentativi di formare un governo stabile dopo la crisi successiva alla
      grande guerra, soffiando sul fuoco nella guerra civile fra fascisti e comunisti e dando
      fattivo aiuto ai fascisti, come dimostra il coinvolgimento di Padre Pio ed altri preti negli
      scontri

      Replica
  6. Flo

    La Boss-Fini, non ha avuto successo, è servita a creare clandestini, e su questo non ci piove. Ma non si può neanche permettere che tutti usufruiscano di tutto, quando a chi vive da anni in Italia, o a chi è italiano, spesso vengono negate le cose più elementari come il diritto alla casa e al lavoro, ma in cambio i doveri restano tutti, infatti aumentano i suicidi di chi non riesce più a pagare i propri debiti, è chiaro che non c’è ne per tutti. In quanto se dovessimo andare in alcuni Paesi stranieri, dubito che vengano rispettate le nostre idee, o, per chi lo è, la religione. Lo sò di attirarmi le ire di qualche lettore, ma non riesco ad essere così ipocrita da invocare accoglienza per tutti, tolleranza per tutti, quando oramai, complice un disinteresse delle istituzione, la creanza e legalità, và a farsi benedire, insomma, a me pare che quando un italiano uccise 3 extracomunitari, giustamente si grida al razzismo, ma quando avviene il contrario, si grida al razzismo comunque? C’è qualcosa che non torna…

    Replica
    1. paopao Autore articolo

      Flo: È vero, c´é qualcosa che non torna!Che cosa significa che “non si puó permettere che tutti usufruiscano di tutto”? Acosa ti riferisci? Perrché non mi pare proprio che gli immigrati in Italia usufruiscano di tutto, e soprattutto i “clandestini” non mi pare che facciano la bella vita!
      Il diritto alla casa é un diritto umano, il diritto al lavoro é un diritto umano ..il rispetto della dignitá della persona é un diritto umano…o almeno, dovrebbero e dovrebbero valere per tutti. Che tu sia nat@ in Italia o in un altro Paese non dovrebbe contare!
      Anche quel tuo “In quanto se dovessimo andare in alcuni Paesi stranieri, dubito che vengano rispettate le nostre idee, o, per chi lo è, la religione.”
      E quindi? Che facciamo? Ci adattiamo noi a quei Paesi? Ok, promesso ..se mi capita sottomano un Nordcoreano lo metto subito in un lager, ..e un arabo saudita lo prendo a frustate…un musulmano poi lo impicco ad una gru..farebbero lo stesso con me! Capisci che qualcosa non funziona nel tuo modo di ragionare?
      Quando una persona ammazza tre persone, non vado a guardare il suo passaporto..non guardo il colore della sua pelle, …lo chiamo assassino e basta!
      http://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_unsure.gif

      Replica
      1. Flo

        Pao, converrai con me, che per lo meno, chi viene da noi, deve rispettare le nostre leggi, e mi incaz*o quando si cerca di giustificare questa mancanza, col “poverinoi” e “contesto in cui si nasce”, se fai del male, ne sei consapevole, sia che nasci in un attico od in una capanna, e comunque meriti una pensa certa. Poi, non devi dire a me, per chi ha diritto a determinati servizi, devi dirlo alla Politica che continua a parlarci delle risorse che mancano, infatti vogliono creare una previdenza integrativa modello americano, è logico che quando le risorse si restringono bisogna fare determinate scelte, dillo ai politici.

        Replica
        1. paopao Autore articolo

          Flo, la legge? Va rispettata da tutti, non solo da chi “viene da noi”..poi dipende dalle leggi, se le leggi tipo Fini-Bossi o Turco-Napolitano sono una vergogna ed offendono la dignitá umana, capisci che non posso essere rispettate.
          Il resto é tutto un delirio che non capisco, cosa precisamente ti rode? Dove hai letto che ho mai giustificato un delitto, che ho scritto “poverino” ho ho dato delle attenuanti per il “luogo di nascita?
          ****** ho cancellato perché voglio ancora una possibilitá di comunicazione con te, Flo, e cio´che avevo scritto non era affatto carino, ma per favore, non ci riprovare con discorsi da bar..ok? E soprattutto leggi quello che scrivo prima di rispondermi.Non ho pazienza..

          Replica
          1. Flo

            Ovvio che non ho addebitato a te, le frasi sul “poverino” o quelle sul contesto, la pazienza, vedi, in un frangente tale, è merce rara per tutti, mi auguro di poter interagire, e che, nonostante sugli argomenti, non si è sempre d’accordo, non si trascenda (a me pare di non farlo) agli insulti, che lasciano il tempo che tovano. Vero è, che ci sono situazioni di sfruttamento vergognoso, che vanno debellate (vedi il caporalato), ci sono situazioni dove, per esempio, io sono stata offesa, perchè donna e lavoratrice (è successo anche alle mie colleghe), da parte di chi, per religione o arretratezza, scegli tu, ritiene che non dobbiamo stare a lavorare, ma a casa (questa non è discriminazione?), infatti la cosa mi rode. Inoltre, mi è rimasto impresso il discorso sugli omosessuali, da parte di un ragazzo magrebino, lui riteneva che andassero ammazzatti, in quanto il loro comportamento era non conforme alla religione musulmana, lo diceva come fosse la cosa piiù naturale del mondo. Poi, ti dirò, che un altro ragazzo senegalese, per me, era ed è un gran signore, per come si comporta, se il mio ti sembra un discorso da bar, o da leghista sfegatata, mi dispiace, perchè non è mia intenzione.

  7. alessandra piccinini

    Sull’argomento vorrei fare solo una consideraione molto marginale e banale. Conosco superficialmente la Germania per averci passato qualche mese e tornarci regolarmente d’estate. Il numero di immigrati in quel paese non mi sembra sia proporzionalmente inferiore al nostro, anzi. Tuttavia non ho mai avuto occasione di imbattermi in situazioni come quelle che noi italiani consideriamo la normalità. Ad esempio, non ho mai visto in Germania i venditori ambulanti abusivi che stendono sui marciapiedi la loro mercanzia taroccata nè tanto meno tedeschi che si comprano la borsa finta Prada da loro. Nè mi risulta che in Germania ci sia il fenomeno del caporalato per l’assoldamento della manodopera a nero nelle campagne. Suppongo che anche in Germania esistano atteggiamenti razzisti verso gli stranieri perchè sembra che egoismo e razzismo siamo insiti nell’animo umano, ma se in alcuni paesi la situazione è più gestibile che da noi credo che ciò dipenda dal fatto che è più facile pretendere e ottenere il rispetto delle regole e della legalità dagli stranieri se anche i nativi le rispettano. Questo però non sembra essere il nostro caso….

    Replica
    1. paopao Autore articolo

      Flo: complimenti, questa mi sembra una buona base per ripartire .
      Dunque, per me non era ovvio che non addebitassi a me la frase „poverino“, quindi ho reagito.
      Non giustifico un atto come quello di Kabobo, non dico che siccome uno é „immigrato“ si puo´permettere di andare in giro ad ammazzare la gente (comunque l´avevo specificato, forse ti é sfuggito).
      Solo contesto l´infelice articolo di Beppe Grillo e tutti coloro che, generalizzando, criminalizzano a priori un „immigrato„ , „un clandestino“, un „nero“, un „musulmano“ , „un magrebino“uno „zingaro“ , „ un rumeno“, un „rom“….ecc. Semplicemente perché é ingiusto e questo modo di pensare ha reso possibile guerre, lager e lo sterminio di milioni di innocenti.
      Tu scrivi:
      „mi è rimasto impresso il discorso sugli omosessuali, da parte di un ragazzo magrebino, lui riteneva che andassero ammazzatti, in quanto il loro comportamento era non conforme alla religione musulmana, lo diceva come fosse la cosa piiù naturale del mondo“
      Giá, e senza andare troppo lontano basta guardare i nostri cari omofobi nostrani, che non é che siano molto meglio. Voglio dire, gli idioti li trovi dappertutto.
      Poi peró mi fai subito l´esempio positivo del „senegalese“ che é una brava persona, nonostante un altro „senegalese“ abbia appena violentato ed ucciso una ragazza…
      Ma allora stiamo affermando la stessa cosa!
      Essere „senegalese“ non é un delitto come non e ´una garanzia..del resto nemmeno essere italian@.
      La mia proposta, cerchiamo di vedere la persona dietro le apparenze, dietro la nazionalitá, dietro il colore della pelle, dietro la religione..

      Replica
  8. Caffe

    Voglio aggiungere qualche riflessione riguardo il problema dell’ immigrazione, partendo dall’ovvio: anche se sembra che ce lo dimentichiamo spesso, gli stranieri, esattamente come tutti gli altri esseri umani, hanno dei diritti inviolabili che spesso e volentieri qui vengono calpestati, crisi o non crisi, anche per coloro che rispettano diligentemente i tanti doveri che il vivere in Italia comporta. Fin qui i regolari, figuriamoci i clandestini, spesso in fuga da disperate e disperanti condizioni di vita nella loro patria: l’infame legge Bossi-Fini ha stabilito che, caso unico nel mondo civile, in italia lo status di clandestinità venga equiparata a quella di criminale, automaticamente, ciecamente, con tutte le conseguenze che abbiamo sotto gli occhi, dai lager dei CIE alla facile presa della criminalità organizzata presso questi senza patria. Italiani brava gente? Forse una volta, quando stavamo peggio ed emigravamo anche noi: attualmente, qui pretendiamo che lo straniero anche “regolare” svolga i lavori più umili e malpagati, subisca i nostri sopprusi e che stia pure zitto, non disturbi, insomma, confinandosi in punta di piedi, dopo il servizio, nella sua tana. Che gli stranieri contribuiscano tangibilmente al nostro PIL e a pagare le nostre pensioni è un fatto, non sono chiacchiere, però l’idea che in cambio di ciò, essi siano costantemente discriminati dai nativi italiani non costituisce motivo di turbamento persino per gli ambienti presumibilmente progressisti, come ho constatato leggendo su questo sito qualcuno che tira ballo luoghi comuni come il presunto aumento di suicidi dovuti alla crisi, un dato che non ha riscontro nelle statistiche ufficiali del Ministero degli Interni (controllare please..), ma solo dai resoconti di un informazione cronicamente malata all’inseguimento delle suggestioni paranoidi di leghisti e grillini. Nella struttura presso la quale sono ricoverato per la riabilitazione post trauma agli arti inferiori, la metà del personale infermieristico è straniero, gentile, preparato e malpagato. Dappertutto in Italia è così, basta pensare a quante badanti impieghiamo per accudire i nostri cari, eppure ci aspettiamo, senza battere ciglio, che questa gente sia sempre disposta a sopportare le nostre angherie per i due soldi che gli diamo. Inevitabile che un paese come il nostro, sgovernato da decenni e del tutto privo di politiche serie in materia di immigrazione, si verifichino situazioni drammatiche, guerre tra poveri con morti e feriti; quasi tutti i paesi europei, compresa la Turchia, da anni ospitano milioni di rifugiati delle mille guerre che affliggono il pianeta; ciò ovviamente costituisce un problema, per chiunque, ma gli altri Paesi hanno capito che esiste uno scotto da pagare per fronteggiare le responsabilità che ogni grande Nazione si deve assumere ed agiscono di conseguenza, per un bene più generale; ma noi, un grande Paese, non lo siamo mai stati, e, temo, non lo saremo mai; invece di frignare, dovremmo cominciare a vergognarci, almeno un po.

    Replica
  9. Priapus

    L’accordo risultò chiaramente appena Mussolini consolidò il potere e si sbarazzò di Matte
    otti e di ogni residua opposizione: cominciò a restituire il favore alla chiesa e agli industria
    li ed agrari che lo avevano finanziato; Agnelli ebbe La Stampa a prezzo stracciato, gli altri
    i giornali minori che divennero i difensori degli interessi dei nuovi padroni, d’altronde a
    Mussolini la staqmpa libera dava non poco fastidio, e la Fiat e le altre principali industrie
    presero ad essere sovvenzionate dal regime, rallentarono la ricerca e scordarono la con
    correnza. La chiesa divenne un pilastro del regime, che ufficialmente era una diarchia, re
    e duce, di fatto era un triumvirato e, attraverso il Concordato, la chiesa riottenne tutti i pri
    vilegi che aveva perso, danaro, potere, influenza sulle masse più ignoranti che, contempo
    raneamente venivano indottrinate dall’altra religione, contrapposta al “dio, patria e fami
    glia” quella dell’ Internazionale Comunista, tanto che il socialismo divenne minoritario e
    vassallo del più potente alleato, mentre Mussolini, diventato vassallo di Hitler, riduceva
    l’Italia a vassalla del “Terzo Reich”. La corruzione che era episodica nello stato liberale,
    divenne endemica nello stato clerico fascista, senza libertà di stampa e dove i giudici giu
    ravano fedeltà al duce e, dopo la guerra e la caduta della monarchia, divenne l’anima del
    la Balena Bianca che la elesse a sistema di governo, mentre la lega socialcomunista, gui
    data dal Migliore, si attribuiva un ipotetico “primato morale” leggenda imposta via indot
    trinamento alla sua parte di popolo bue, plagiato nelle sezioni di partito come le pecorel
    le in chiesa.
    Sin dalla Costituente, i rapporti fra DC e PCI si avviavano verso lo schema “guerra totale
    con inciucio”; infatti, il Migliore aiutò la DC ad inserire il Concordato in Costituzione, in
    cambio ebbe via libera nell’inserirvi l’obbligatorietà dell’azione penale, l’equiparazione
    del giudice al p, m. ed un inopportuno strapotere del CSM, tutte mine inserite nell’orga
    nizzazione dello stato per impedirne il funzionamento, secondo la strategia del “tanto
    peggio tanto meglio”. Questo non funzionamento della giustizia ha fatto comodo al
    Chiagnolo che se lo è ulteriormente aggiustato attraverso leggi ad personam e modi
    fiche della prescrizione penale, tanto da meritare il titolo di Sua Prescrizione.
    La guerra totale, dopo il tentativo di Fronte Popolare e la svolta di Palazzo Barberini, si
    trasformò nell’inciucio delle due dighe contrapposte che servivano solo a compattare
    i due fronti e garantire al partito maggiore l’egemonia sugli alleati, tanto che, quando
    Craxi successe a De Martino nella segreteria del PSI e si rese autonomo dal PCI, met
    tendolo all’angolo, divenne l’uomo più odiato dai comunisti che trasformarono in osses
    sione la loro vocazione al bipartitismo che portò alla “gioiosa macchina da querra” di
    Ochetto, nonostante tutti i tentativi di Pannella di convincerlo ad una alleanza socialde
    mocratica, alla innaturale fusione con le sinistre democristiane ed alle goffe maovre
    di Veltroni e Bersani che rischiano di portare alla dissoluzione del Pd e riconsegnare il
    paese nelle ingorde e funeste mani di Chiagnolo.

    Replica
  10. Priapus

    Le mai abbastanza aborrite leggi proposte da Fini in combutta con Bossi e Giovanardi e
    la cosidetta ex Cirielli sono dello stesso periodo e fanno parte dello stesso disegno poli
    tico, volto ad ottenere il consenso dei benpensanti impauriti da una martellante propa
    ganda sulla sicurezza che dipenderebbe solo dalla presenza di immigrati e zingari e di
    ragazzi che fumano canapa, ma mai dalla inefficienza della magistratura o dal sovrap
    porsi di ben sette strabordanti corpi di polizia, più spesso in competizione che ben coor
    dinati fra di loro, o dalla mancanza di controlli su chi inquina o distrugge l’ambiente e
    dalle mafie mai combattute coi sistemi più efficaci ed anzi aiutate da molti politici e dal
    la chiesa, loro origine e loro protettrice.

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_bye.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_good.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_negative.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_scratch.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wacko.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yahoo.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cool.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_heart.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_rose.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_smile.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_whistle3.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yes.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cry.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_mail.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_sad.gif 
https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_unsure.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wink.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/skull-400.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/trident.gif  https://pontilex.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/beer.gif